→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
CERCA

Modal. in atto: NO FILTRO (BD NON AUTORIZZATA)disattiva filtro SMOG

Legenda
Nodo superiore Corpus autorizzato

ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Pagina da Preview Biblioteca Digitale--Pagina de «l'Unità-Giornale fondato da Antonio Gramsci-Nazionale del 1991»--Id 460874041.

Videoguida per la navigazione in KosmosDOC.org

Il brano seguente è un frammento di trascrizione automatica (OCR) della pagina richiesta. Questo sistema di indicizzazione della Biblioteca digitale non liberamente visualizzabile mostra parzialmente ciascuna Entità Multimediale suddividendola in piccoli segmenti separati da «[...]» (medesimo periodo o primo periodo successivo) e da « /// [...] /// » (periodo successivo non adiacente). Per riscontrare nella pagina i termini ricercati suggeriamo l'uso di ctrl+F o analoghi, ove il proprio browser lo consenta.

Urss, Polonia, Germania, Ungheria. Piccolo reportage tra libri [...] un paese dimentica-to, dove non succede rulla, [...] Bulgaria Parlano i suoi intellettuali: Petrov, [...]. Le lezioni di una [...] «Capitalismo Natura Società» e un articolo di Laura Conti. La politica dei sapori FOLCO PORTI N A RIA prima vista [...] e il fenomeno che lo [...] può [...] o volga-re, culturalmente non attinente. Poi ci si riflette [...] si rende conto che questo atteggiamento 6 [...] aprioristico. Ci si accorge di [...] al di la della presenza ossessiva del [...] (non a caso, però): che il cibo [...] con le sue regole, con la [...] retorica, in un [...] di comunicazione collaudato e [...] che [...] . Chi ne ha percepito [...] è stato, in tempi recenti, il cinema. Non mi riferisco agli [...]. Per esempio, un po' [...] Bunuel [...] Viridiana, oppure la Grandi [...] o la [...] Olmi, o il Pranzo [...] Babette, [...] citare alcuni classici con valenze diverse. Non e che il [...] Inosservato anche in letteratura. Per [...] ai giorni nostri penso [...] di Gadda o al recentissimo e bel [...] Clara Sereni, [...]. Si di il caso, [...] da noi le traduzioni di due romanzi [...] tra loro, uno cinese e uno [...] no, nei quali il [...] gastronomia (il momento [...] cioè), ricoprono una funzione [...] nei titoli. I due romanzi in [...] Vita e passione di un gastronomo cinese, di Lu [...] e Dolce come il [...] Laura Esquivel: titoli stravolti dagli editori rispetto agli [...]. [...] reso più didascalico (è, infatti, [...] semplicemente li gastronomo), il messicano violentato dal Como agita [...] (che per altro ricorre nel [...] mezzo del libro a [...] significato). Siamo di fronte, ci [...] di romanzi, a due metafore del cibo, [...] segno dà soluzioni diverse, miche per la [...] delle due situazioni storiche. Il Gastronomo cinese, infatti, [...] che va dal 1948 e dal [...] agli anni Ottanta, con [...] Cento fiori e Rivoluzione culturale, nel quale si [...] nel protagonista comunista. In prima lettura, dunque, [...] offre come una grossa allegoria satirica, in [...] si risolve nei diversi destini che la [...] due antagonisti [...] pessimo per [...] compagno [...] ottimo per Il capitalista [...]. La novità sta forse [...] si fa del cibo, mentre è abbastanza [...] funzione di referente della società, tra promozione [...]. Il gioco [...] e. Ha un senso cancellare I [...] Ha un senso il livellamento verso II basso? [...] Ha [...] senso [...] della memoria [...] II gioco vale la [...] Sono [...] o meno queste le domande, penino banali, [...] pone con la mediazione degli «spaghetti di [...] di una «zuppa di polmone di barbo». Piatti che rappresentano, comunque, [...] cinese consacrata. D'altronde la moralistica cancellazione [...] religione [...] e della mortificazione [...] antichissima) quanto ripaga [...] Ma basterà cambiare la [...] quella politica e lo svelamento sarà chiaro, [...]. Questa, perù, ho detto che [...] la prima lettura. Se si penetra poi [...] vede come [...] cambi [...]. Lu [...] innanzitutto uno scrittore e [...] culinaria può [...] bene, meglio che con la [...] con la poesia e con la letteratura. La trasposizione non [...] complessa: i mani-caretti sono [...] la gastronomia [...] la retorica, gusto e [...] sono [...] e il piacere della [...] I [...] «bello» che la Rivoluzione culturale non ha [...]. A me pare che [...] la preoccupazione e il significato sotterraneo e [...] per somiglianza e corrispondenza di segni, di [...] Gastronomo. Un problema senza fine [...] si direbbe) [...] testimoniato in una delle [...] sospese e irrisolte della storia del mondo. Quei che in questo discorso [...] dì sicuro e di non casuale [...] la scelta del cibo come [...] di una [...] quanto cruciale questione. Per [...] e per dimensione semantica. [...] la cosa medesima che accade [...] romanzo. Nel quale [...] molto meno evidenziata [...] mimetizzata dietro una coinvolgente cortina [...] romanzesco, di intrigo, di peripezie. Perù la struttura quella [...] per dodici mesi, e ciascun mese con [...] un piatto tipico messicano, con ingredienti, dosi [...] preparazione. CIO si giustifica, ma [...] fatto che [...] sia una grandissima cuoca. Gran cuoca (risultato di [...] una scuola) o soprannaturale Investitura, divinamente posseduta? Se [...] i termini del problema, vuole dire che [...] assume proprio valenze simboliche pur mantenendo la [...] culinaria. C'è [...] dose di magia nella [...] sorprese, cioè) trama, [...] di avventure, con un [...] banditi, di [...] di [...] di rivoluzionari al seguito [...] Pancho Villa, di crudeltà e di miracoli. [...] la dimensione, [...] di [...] alla quale ci ha abituato [...] narrativa [...] dove la realtà rischia sempre [...] perdersi nella dismisura degli spazi liberi. Rosa, Mar-quez, Amado, Rullo. Pur restando un libro [...] del titolista italiano), disperato, fatale, senza happy [...] tanti. Storia di [...] spesse, ribollente (infatti [...] Ti [...] «si sentiva [...] ribollire di rabbia "come [...] qua per la cioccolata"») e [...] tempo stesso scandita da peperoncini [...] da cacao [...] mole, [...] e molto aglio, molto peperoncino. SI, la protagonista, Tita, [...] maga assieme, i suoi cibi sono alchemici, [...] Incidono sui destini. In un contesto [...] gioioso, poetico perciò. E la metafora, [...] il senso della gastronomia? Beh, [...] scoperta, ancorché mimetizzata. C'è una nostalgia, la nostalgia [...] e il cibo è ciò [...] lega a una tradizione, che tiene in piedi una [...] e una memoria (mica dissimile, poi, dal gastronomo cinese) [...] ne è il segno di riconoscimento: «Gertrudis fece una [...] in silenzio, a occhi chiusi, chiedendo che [...] vivesse a lungo per cucinare [...] ricette di famiglia. Nè lei né Rosaura [...] quindi II giorno in cui Tita fosse [...] sarebbe morto il passato della [...] Reazionario, messaggio conservatore? Può [...] del musei o della [...]. Lu [...] e passione di un [...] Guanda, [...]. Sono Mary McCarthy con «Una [...] (11 Mulino, [...]. ///
[...] ///
Il primo, della McCarthy, [...] Intellettuale tra [...] Wright [...] il [...] College di New York. Il secondo, di Nelson Algren, [...] del bassifondi di Chicago, dove la vita [...] uno spietato incontro di pugilato. A proposito di «storie [...] Garzanti ha appena ripubblicato in edizione economica «A [...]. [...] autobiografia è un [...] genere letterario equivoco. Esige necessariamente una dimensione [...] «postuma» che complica il rapporto [...] narratore e cosa narrata. Se la «stanca man» [...] memoria estremamente affollata, Il risultato che essa [...] nello spazio tracciato [...] «storico» dello scrivente, varia [...] a quella documentaria, [...] posta sulla dimensione agonistica [...] a quella che ne accenta la componente [...]. Nel primo caso partecipiamo [...] illuminazione romanzesca, nel secondo inquadriamo un segmento [...] punto di vista privilegiato. Se chi si racconti è [...] scrittore (o comunque un artista) ci attendiamo (sia [...] che [...] caso), una testimonianza di stile, [...] visita guidata alle officine, al laboratorio interiore. Si direbbe che Mary McCarthy [...] grande capitolo della [...] autobiografia (interrotta dalla morte [...]. [...] americana abbia [...] per la prima ipotesi ma [...] un taglio più consono alla seconda. Il tìtolo originale [...] (Come sono cresciuta) è, [...] più pertinente: [...] Indeterminativo e [...] del titolo Italiano presumono [...] la scrittrice non ha cercato, né -pare [...] di offrire. È probabile che [...] monumentale [...] copre solo i primi [...] -avrebbe finito, inevitabilmente, col creare un grande [...] americana, in particolare quella società intellettuale» della [...] Vita stregata è stata una dei membri [...]. Si è Indotti a [...] in base [...] considerazione del fitto e [...] scrittrice (dalla sfera del romanzo in cui [...] come II gruppo. ///
[...] ///
Cannibali e missionari, a quella [...] saggio letterario La scritta sul muro, del libello politico, Vietnam, [...] di viaggio, Le pietre di Firenze e le acque di Venezia, fino [...] giornalistica sul caso [...] ma anche per il [...] come si è detto, privilegia [...] autobiografico ma [...] con filologica determinazione [...] la [...] rispetto [...]. Una giovinezza americana è per [...] una prova di impassibilità sentimentale. [...] suor a addirittura come [...] intenti «Sono [...] alla vita della mente [...] mia nascita fisica risaliva al 1912». Le vicende [...] a morte prematura dei genitori, [...] condotta con [...] rigidità dagli [...] ai quali è stata affidata [...] frammenti di esistenza che sembrano fluire al di là [...] (come del resto accadeva, ma in un ambito decisamente [...] in Ricordi di [...] invece i ricordi di letture, [...] sequenza di titoli estranea a quella che si potrebbe [...] una precoce formazione, una sorta di meticolosa ricostruzione [...] che del resto tende a [...] sui luoghi [...] sulle modalità di lettura piuttosto [...] sulla fisionomia degli autori. I luoghi hanno un [...] Una giovinezza americana [...] di [...] il [...] College di New York: [...] la scrittrice ci parla di [...] con lo stesso rigore [...] viaggio («Rispetto a San Francisco, [...] non era un centro [...] offre fondali [...] che assorbono lo stesso [...] («Entrambe [...] negozi eleganti. Mia nonna, benestante pur [...] possedeva sei pellicce»). Su questi fondali si [...] raramente hanno licenza di assumere dignità di [...] hanno già fornito materia di reinvenzione la McCarthy [...] a segnalare in quali romanzi sono entrate. Ne consegue un clima [...] dove solo qualche figura -soprattutto femminile si [...]. [...] di nomi è direttamente proporzionale [...] diradarsi [...] «creativa». Piuttosto che di una [...] McCarthy ci parla di una personalità -la [...] bisogno di capire; e perciò rilegge taccuini, [...] lettere che ha spedito ad altri, confronta [...] lasciato dei vuoti, fa [...] una sopravvissuta sensazione del passato e la [...] esistenziali che l'han no inverata (nitida quella [...] sulla scena teatrale per un gesto in [...] condizione» [...]. Maturata a segno di [...] sofferta, incompatibilità con la professione). È singolare come la McCarthy [...] sulle proprie [...] giovanili, sul proprio «non [...] o vere ottusità soprattutto [...] come se si potesse postulare una successiva [...] facoltà razionali. In questo emerge [...] il «tipo» di intellettuale [...] McCarthy ha rappresentato: egoistico, fiero, [...] laico, tanto certo della [...] in termini «mentali» da destare sospetti di [...]. È noto come durante una [...] con la scrittrice cattolica [...] Mary McCarthy si ostinasse a [...] il valore simbolico dello Spirito Santo e la prima, [...] una violenza che solo la febbre della [...] ortodossia non fa suonare blasfema, [...] concluso: «Se dev'essere un simbolo è meglio che vada [...]. Mary MacCarthy [...] addestrata [...] che può finire col confondete. Guardandosi [...] del Gruppo [...] la seriosità: quella che [...] copertina chiamano la [...] ironia» è, per molti [...]. Contemplando [...] «antica» dalla quale ha [...] suo spirito critico, Mary MacCarthy sembra rinunciare [...] guardarsi con affetto, gioca fra disincanto del [...] e acribia introspettiva, sorride (e talora vorrebbe [...] la ferocia che esercita su di sé) [...]. Una giovinezza americana è [...] che prende le distanze [...] emotiva mente distanti. Chicago dei dannati Allo [...] guerra mondiale esisteva negli Stati Uniti un [...] manipolo di scrittori impegnati politicamente e ancora [...] naturalismo. Se [...] si faceva cantore della [...] delle zone agricole e se le opere [...] Thomas Wolfe, prematuramente morto nel [...] mescolavano le emozioni di [...] e la polifonica visione di New York, [...] della tradizione naturalistica poteva ancora collocarsi a Chicago, [...] nuova per eccellenza, il cui intreccio di [...] finanziari, passioni private era stato più volte [...] di [...] Dreiser, ancora attivo [...] degli Anni 40. A Chicago agiva anche Nelson Algren, non Immemore della lezione [...] ma anche alterno al [...] secco, più ironico, di Hemingway. Nel 1940, a [...] anni, Algren pubblica Mai [...] che esplora una Chicago fatta di bassifondi, [...] è quasi assente, e vivono la loro [...] al margini della legge negri e polacchi, [...]. In questo universo di [...] proprio quartiere simile a un ghetto, a [...] da mura invisibili, si muove una generazione [...] perduta, senza [...] mai potuto brillare dello [...] emana dai malinconici intellettuali degli anni 20. Metaforicamente e concretamente, [...] dei personaggi di Algren [...] quadrato di un ring, si configura come [...] di pugilato, dove emergere vuole dire massacrare [...] scalena [...] razziale innescato [...] degli spettatori, dove II [...] o di singoli boss, o di una [...] qualsiasi speranza di [...] a chi vorrebbe ingenuamente [...] «sogno americano». In Mai venga II [...] pugile di estrazione polacca Bruno [...]. La voce narrante esplora [...] ironico ora polemico lo sfilacciarsi dei sogni [...] dei giovani protagonisti [...] di un [...]. E questa condizione di [...] dalla nascita, in cui si annida -a [...] dolorosa la loro storia -un indistinto desiderio [...] Bruno [...] viene detto, «allevato nella [...] e della fame, gli era rimasta una [...] tepore e della sicurezza del grembo materno; II [...] freddo»), trova uno sfondo appropriato nel paesaggio [...] illuminata da alcun lampo di bellezza architettonica [...] piuttosto intuita negli spazi chiusi e ostili [...] e di una prigione, di un losco [...] e di una scalcinata palestra di pugilato. In questo senso, la [...] Mai venga il mattino, greve di voci maschili, [...] di strade squallide, si offriva come modello [...] di un certo cinema metropolitano, che avrebbe [...] del naturalismo e del documentario sociologico. In seguito Algren, che [...] di notorietà [...] dopoguerra an-che per la [...] Simone De Beauvoir, rivisitò la materia amara della [...] racconti de Le notti di Chicago, (1947) [...] romanzi. Da uno di essi, [...] dal braccio d'oro (1949), Otto [...] trasse un film famoso, [...] significato con un lieto fine non condiviso [...]. È quindi da commendare [...] di riproporre al pubblico italiano le opere [...] Algren. La presente edizione di Mai [...] mattino è arricchita da una affettuosa «Presentazione» [...] Kurt Vonnegut, che rievoca gli ultimi anni di vita [...] Algren [...] nel 1981, e da una esauriente «Nota [...]. Le uniche riserve riguardano [...] po' legnosa e in qualche tratto discutibile [...] cos'è una «mezza giacca?» E la ferrovia [...] , essa abbisognava di [...]. Se il nemico cerca di [...] cosa succedo nella testa di [...] palestinese che, dopo vent'anni di [...] esilio, toma ci visitare la [...]. [...] è forse l'autore pili [...] che vieni: chiamata la «letteratura della resistenza [...] cui in Italia non si conosce ancora [...]. Nato ad Acri, in Palestina, [...] abbandonò I suo paese nel 1948 al [...] della [...] famiglia esiliata prima in Libano [...] poi in Siria Dopo essere stato diversi anni in Kuwait, tomO in Libano, dove [...] letteraria affianco luella giornalistica e [...] fingendo tra [...] ufficiale del [...] popolare per la liberazione della Palestina -dal 1969 al 1972, anno in cui, a soli [...] anni, peri in un [...] attribuito ai servizi segreti Israeliani. Nelle opere di [...] si ritrovano tutte le [...] speranze del [...] palestinese costretto ad affrontare [...] Tematiche che sono presenti [...] Ritorno a Haifa, [...] nel quale II vecchio Said, [...] moglie. La donna comprende che [...] e la [...] tranquillità sono causa di [...] sente pesare dentro di sè la contraddizione [...] come [...] cerca allora il dialogo [...] Said, [...] scopre cosi il volto umano del nemico, [...] volta non gli punta addosso il fucile [...] a sedersi e parlare. Parlare però è per [...] che [...] ha sofferto non serve [...] propria sete di giustizia e non si [...] problemi sapendo che anche [...] ne ha. Come dice il vecchio [...] sommato ad un altro errore non dà [...] eppure non è inutile provare a [...] e a capirsi, dato [...] si potrà un giorno conquistare pace e [...]. È questo che vuol [...]. Ed è nel [...] di sentimenti e ragionamenti [...] il lascino di questo libro, che cerca [...] facili schematismi e dalle [...] abituali, invitandoci a riflettere [...] guardando con coraggio il volto [...] senza per questo rinunciare [...] e alle proprie speranze. [...] a Haifa», ed. ///
[...] ///
Rivoluzioni e federazioni GIULIANO [...] provveduto di poche camerette al [...] di [...]. Nove centesimi al [...] per sapere [...] deli [...] che cosa fanno e dicono [...] politica e negli [...] gli uomini di questa e [...] altri parti del mondo e quindi non sembrare un [...] se incappo in buona compagnia». Cosi, in una celebre testimonianza [...] Carlo Cattaneo, una delle test? forti del periodo a [...] dei nostro «Risorgimento». Nate a Milano nel 1801, [...] e poligrafo, Cattaneo seppi costringersi, se necessario, [...] e [...] politica. Per a fermezza del [...] lucidità della mente, oltre che per a [...] 1848 si trovò infatti ad essere il [...] Consiglio di guerra nel corso delie [...] giornate di Milano» -deluso [...] dagli orientamenti sempre più qualunquistici e [...] dei suoi colleghi. Rientrati gli Austriaci [...] Mil ì-no e nelle altre [...] lombarde, si rifugiò a Castagnola, presso Lugano, e 11 [...] per il [...] o della [...] vita, eccezion [...] a per brevi puntate a Parigi, Mil i-no e Napoli. Poco prima che morisse, [...] ad [...] a Castagnola il Mazzini. Parrebbe una storia con testimonianza [...] e conclusione alla De Amici. Già dal 1844, il [...] aveva organizzato, redi)t:o e [...] primo di due volumi sulla civiltà e [...]. La prelazione a Notizie [...] su la Lombardia è uno dei [...] dello storiografo. De l [...] un saggio, [...] dal governo inglese: Intorno ad [...] istituzioni agrarie [...] Italia applicabili a sollievo [...] mentre è del [...] relazione [...] sviluppo del pubblico insegnamento in Lombardia. Sempre a proposito della Lombardia, [...] lo più in opere brevi, sintetiche, informate [...] per [...] della [...] vita lo studioso continuò [...] di [...] che vanno da questioni naturali [...] problema della ristrutturazione di piazza del Duomo, [...] industrie e alla morale pubblica. C'è un punto che [...] anche gli illuministi settecenteschi, che vedevano in [...] del passato una semplice premessa [...] dei lumi», il nostro Cattaneo [...] estranea mai dai problemi della società italiana [...] perenne mutazione. Egli pertanto rifiuta costantemente [...] qualsiasi tessuto o sistema logico che non [...] nella realtà dei fatti. Ne nascono deduzioni folgoranti, coinè [...] osserva che anche le rivoluzioni più violente e traumatiche, [...] solo, al [...] contribuire a [...] la società dal suo [...] mai [...] tratto. I sistemi, infatti sono [...] e costretti a compatirsi», anche se «pare [...] giungere a cosi parziale innovazione, tutto il [...] sofferto cosi dolorose angosce». Inevitabile, tenendo conto della [...] studioso alla varietà e diversità dei costumi, [...] finisse col dominare i suoi pensieri: nel [...] suo vedere, un governo federale, come quello [...] statunitense, non sarebbe stato in grado di [...] istituzioni e amministrazioni locali. Opinioni discutibili, si capisce, [...] non sottovalutate con troppa leggerezza, se non [...] di quanto si è visto sinora in Italia. Cario Cattaneo« Scritti su Milano [...] Lombardia», [...]. ///
[...] ///
Cario Cattaneo« Scritti su Milano [...] Lombardia», [...].

(0)
(0)


Nota sulla tutela della privacy. e Nota sulla tutela del copyright.

Nonostante i continui tagli che il settore culturale è costretto a subire - biblioteche storico/letterarie ed Archivi storici in particolare -, nell'epoca del Web 2.0 non termovalorizziamoci!La funzione di servizio pubblico sia essa offerta da un Ente pubblico o privato ha un costo; affinché il progetto possa mantenersi e continuare ad essere sviluppato sarebbe necessario un sostanzioso finanziamento pubblico, ma in sua assenza? Sareste disposti ad "adottare" una pagina e renderla fruibile a tutti in una rigorosa logica senza scopo di lucro?
Visualizza: adotta una pagina della Biblioteca digitale KosmosDOC

Consultazione gratuita del cartaceo in sede: .

Biblioteca Digitale


Perché è necessario essere utente di una biblioteca abilitata al sistema KosmosDOC per visualizzare la descrizione catalografica, le istanze materiali nei singoli inventari, la trascrizione completa e l'oggetto digitalizzato?
Il progetto è senza scopo di lucro, ma purtroppo le spese sono ingenti. Da alcuni anni IdMiS - Istituto della Memoria in Scena (ONLUS) -, anche grazie al Comitato promotore Fondazione Giovanni Frediani ed all'Associazione Culturale Controtempo, ha investito molte risorse sia monetarie che umane nella progettazione del sistema, nella traduzione digitale del proprio patrimonio archivistico, bibliografico - specialmente dell'emeroteca -, biblioteconomico, e museale; in assenza di un contributo pubblico minimamente adeguato ci vediamo costretti a chiedere alle biblioteche che vorranno aderirvi ed indirettamente agli utenti la condivisione dei costi e/o la partecipazione attiva all'elaborazione delle unità bibliografiche che ciascun ente vorrà inserire per il prestito digitale interbibliotecario.
Il sistema condivide già oltre settecentomila Entità Multimediali, di cui gran parte afferenti alla Biblioteca digitale.

(232)
(1)



La digitalizzazione/elaborazione dal cartaceo alla Biblioteca Digitale, relativamente all'emeroteca riguarda (in parentesi quadra consistenza detenuta ed altre annotazioni; * ove lavorazione tuttora in corso):

Periodicità non quotidiana


(208)


(113)

Cinema Nuovo [serie quindicinale 1952-1958]

(185)

Città & Regione [1975-1976*]

(184)

Civiltà cattolica [1850-2000*]

(139)


(192)

Interstampa [1981-1984*]

(193)

Marxismo Oggi [1988-1991*]

(192)

Nuovi Argomenti [1953-1965]

(178)

L'Orto [1937]

(156)

Paragone. Arte [le serie dirette da Roberto Longhi, 1950-1970]

(185)


(179)


(198)

Rinascita [1944-1962 mensile, 1962-1989* settimanale, marzo 1989 numero 0 direttore Franco Ottolenghi, 1990-1991* Nuova serie direttore Asor Rosa]

(82)

Teatro in Europa [1987-1997*]

(198)

Vita cecoslovacca [1978-1984*]


(198)

Quotidiani

Avanti! Quotidiano del Partito Socialista Italiano [1943-1990* edizioni di Milano e Roma]

(197)

Brescia Libera [1943-1945]

(154)

Granma. Organo oficial del Comite Central del Partido Comunista de Cuba [1965-1971*, 1966-1992 riduzione del Resumen Semanal]

(186)


(200)

Ordine Nuovo [1919-1925]

(59)

Corriere della Sera [1948* annata completa «Nuovo Corriere della Sera»]

(190)

Umanità Nova [1919-1945]

(163)



(94)


Eventuali segnalazioni dei propri interessi potranno influire sulle priorità di lavorazione. Per un elenco di tipologie differenti (monografie, enciclopedie, materiale discografico e non book material) o delle consistenze minori, oppure per informazioni sul prestito bibliotecario/interbibliotecario: .





Filtro S.M.O.G+ disabilitato. Indici dal corpus autorizzato

visualizza mappa Entità, Analitici e Records di catalogo del corpus selezionato/autorizzato (+MAP)




Interfaccia kSQL

passa a modalità Interfaccia kSQL