→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: NO FILTRO (BD NON AUTORIZZATA)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Pagina da Preview Biblioteca Digitale--Pagina de «l'Unità-Nuova Serie(PCI)-Nazionale del 1984»--Id 1642482016.

Videoguida per la navigazione in KosmosDOC.org

Il brano seguente è un frammento di trascrizione automatica (OCR) della pagina richiesta. Questo sistema di indicizzazione della Biblioteca digitale non liberamente visualizzabile mostra parzialmente ciascuna Entità Multimediale suddividendola in piccoli segmenti separati da «[...]» (medesimo periodo o primo periodo successivo) e da « /// [...] /// » (periodo successivo non adiacente). Per riscontrare nella pagina i termini ricercati suggeriamo l'uso di ctrl+F o analoghi, ove il proprio browser lo consenta.

Salita [...] rampa che dal portone [...] spazi geometrici in vista di Firenze, ti [...] gran sole di agosto e come sotto [...] raggi che dardeggiano dalle [...] polite e specchianti dì [...] In forme di cilindri, sfere, piramidi. [...] tecnologico è fortissimo, emozionante, [...] regia [...] delle sculture di Arnaldo Pomodoro [...] 1955 e il 1984, curato da Pierluigi Cerri [...] Vittorio [...] che hanno capito quale [...] sia il forte su Firenze con tutti [...] il cotto, la pietra serena, i marmi [...]. Pare davvero che sia [...] di guerre stellari Por via del sole [...] fenditure che percorrono i volumi geometrici le [...]. Sul due angoli acuti [...] Forte stanno, a destra, la triade in [...] sinistra, «Colpo [...] un bronzo immane del [...]. Piramide infranta che si [...] grande superficie alare e, reggendosi miracolosamente su [...] leggera quasi da spiccare il volo su Firenze, [...] laser di sole tutt'intorno. Non saprei dire esattamente [...] dare e [...] tra il film tecnologico [...] la letteratura e [...] surrealista e informale. Certo è che alcuni grandi [...] e artisti attuali si servono [...] molto tecnologica e surrealista per [...] a una sorta di archeologia [...] e della [...] storia oppure per rinverdire [...] e del [...] che sta al primordio del [...] scritto o figurato di tutte le civiltà. Ricordate il film [...] Odissea nello spazio» di Stanley Kubrick, [...] di infiniti spazi stellari [...] suono di un valzer di Strauss, alla [...] uomo vecchio, stanco, malato? Ebbene, anche nelle [...] Arnaldo Pomodoro [...] un lungo viaggio nella [...] del tempo e dello spazio. Se vinci lo stupefacente [...] forme e ti avvicini, le tocchi, ci [...] frughi con lo sguardo dentro tutti i [...] da cui sono percorse, ti accorgi che [...] e compatto e geometrico chiude nelle forme [...] segni formicolanti di un linguaggio umano del [...] perduto il codice di lettura ma che [...] una storia che proprio I segni rivelano [...]. Si prova uno stupore [...] pari intensità davanti ai rocchi di colonne [...] Paestum fatti di calcare corallino pulsante di [...]. Se le forme geometriche [...] considerate le forme del dominio umano: colonna, [...] è mangiato da una [...] segnato da impronte come uno strato fossile [...] e migliaia di tavolette di [...] o, se si preferisce, [...] silicio per la memoria elettronica. [...] non è vecchio [...] dice Arnaldo Pomodoro -è antico. Il bronzo è la [...] Arnaldo: nel molto piccolo e nel molto [...]. Si sa quel che [...] ricerca e nel suo [...] con le sue preparazioni [...] distruggere per essere scultori veri e attuali, [...] e materico, Fontana col suo tagliare la [...] luce e spazio in una dimensione altra. Io aggiungerei anche la [...] di alcuni surrealisti e [...] suggestione che viene dal [...] tecnologia che fa già parlare di una [...]. Guardo le sculture [...] del grande viaggio [...] di Arnaldo Pomodoro: le piccole [...] ancora pittoriche che sembrano tasselli di strati fossili vegetali, [...] del viaggiatore», «Radar n. Nel paese dove lo [...] mai fatto presa, e dove la semiotica, [...] un filosofo americano, Charles Sanders Peirce, In [...] è riuscita ad imporsi come moda culturale, [...] curioso fenomeno al vertice del successo della [...]. Gli americani lo chiamano [...] e non c'è luogo istituzionale [...] critica stessa [...] al lavoro militante, dalle riviste [...] giornalismo [...] in cui la decostruzione non [...] legge, a cominciare [...] di Yale, dove, con gli [...] la moda è forse cominciata. E tuttavia, come peraltro [...] nel paese di Washington, la decostruzione non [...]. Negli Usa, essa proviene [...] riletture di filosofi europei: Jacques [...] in primo luogo, [...] e [...] a più debita distanza, [...] dalla filosofia alla critica letteraria, e condito [...] ideologica come un [...] anarchismo e radicalismo, oppure [...] autoctona tradizione, come lo sperimentalismo o il [...] degli anni Sessanta (non corrispondente se non [...] ciò che col termine si intende oggi [...]. Su questa base si [...] il paradosso: il [...] tutto sommato non [...] accetto in Europa negli [...] del 1970, rientra sulle ali della notorietà [...] nomi di Ha-rold Bloom, di Geoffrey Hartman, [...] Paul De Man (recentemente scomparso), di Jacob Hassan, di [...] Miller, di Richard [...] e così vìa. E, quel che più [...] filosofo, ritorna come filosofo per la letteratura. Ma che cosa è [...] Poiché, come si vedrà, [...] non è per nulla [...] In [...] gli stessi dee ostruzionisti rifiutano delle definizioni [...] qualche caratteristica a partire da alcune iniziative [...] scorcio di estate hanno avuto luogo anche [...] Italia [...] accompagnare la penetrazione. In particolare, si tratta [...] convegno svoltosi a Urbino dal 23 al [...] titolo [...] teorie e pratiche»; di [...] poco uscito per Bompiani, [...] e [...] a cura di Peter Cara [...] Paolo [...] e di un libro [...] apparizione, «La svolta [...] di Maurizio Ferraris, per [...]. Il convegno urbinate, curato [...] Ferraris, da Stefano Rosso e da Pino [...] nel quadro delle attività [...] Centro Internazionale di Semiotica e Linguistica, diretto da [...] da [...] voleva non solo fare [...] decostruzione, ma anche [...] le differenze interne, i [...] consolidate (filosofia, critica letteraria), le diversità ed [...] altre [...] soprattutto la semiotica. È finito, invece, in [...] di Jacques [...] padre spesso tradito della [...] diretto confronto fra lui e gli epìgoni [...]. Le prime due giornate, [...] un po' state il suo trionfo. Ha svolto due relazioni: una [...] cui interpretava il monologo di Molly alla fine [...] di Joyce, e in particolare [...] suo «si» conclusivo; una in cui, col pretesto della [...] in giapponese del famoso libro [...] la [...] in cui il termine [...] prende avvio, tentava alcune definizioni [...] negativo del termine stesso. In tutto, almeno [...] ore di palcoscenico, sempre [...] con spirito, con intelligenza. I vari Rodolphe Ga. Gli italiani (Guido [...] Marina [...] Maurizio Ferraris, Piero Pucci, [...] Peter [...]. L'opera, che risulta incompiuta, [...]. [...] e secondo la studiosa [...] curatrice [...] pur non essendo uno [...] dello scrit-tore britannico, costituisce un indispensabile [...] di riferimento per tutti [...] interessati alla biografia di l. [...] è infatti un libro autobiografico, [...] se romanzato, che inizia dove termina il racconto di [...] and [...] («figli e amanti») e in [...] ripercorrere le vicende che portarono [...] al matrimonio con Frida von [...] e al loro lungo peregrinare [...] Italia. Iniziata nel 1919 la [...] venne portata a termine soltanto nel 1921, [...] I. Nel 1931 una parte di [...] venne pubblicata nella raccolta dei [...] lavori brevi di I. Cilindri, sfere, piramidi: sono [...] bronzo realizzate fra il [...] e [...] che si vedono al Forte Belvedere [...] Firenze Dietro [...] tecnologico si nasconde un [...] del mondo [...] dice lo scultore, non [...] ora sta [...] del nostro giornale. E già archeologica, e [...] cosa servisse questa macchina misteriosa e quanta [...] quanto lavoro umano siano appena passati nel [...] di piombo e nel suol tasti di [...]. Ecco, credo proprio che [...] visione delle sculture di Arnaldo Pomodoro, come [...] del suo modo di dare forma, sia [...] dialettica, scorrente nel tempo come la forma [...] si stende a occupare lo spazio. Abbiamo ritrovato il codice [...] segni sulle tavolette di argilla [...] di [...]. Non troveremo mai il [...] dei segni e delle Impronte di Arnaldo [...] forma più tecnologica e avveniristica, inserisce il [...] tempo e della morte. Lo scultore lavora in Italia [...] Stati Uniti spinto da sollecitazioni assai diverse, [...] e storico al molto grande e alla [...] farsi, stratificarsi. Credo che sostanzialmente la [...] grande gli venga dagli spazi e dalle [...]. [...] davanti a Firenze, le [...] poliestere della «Triade» per la sede centrale [...] New York della Pepsi Co [...]. Più ossessivamente manierata appare, [...] di poliestere, la combinazione tra [...] liscio e [...] scavato e misterioso. Forse, a New York, [...] sia la forma funzioneranno meglio. Voglio con questo dire [...] di seriale, di ripetitivo, di manierato nella [...] Arnaldo Pomodoro, non ha lo stesso valore [...] funzione nella situazione della storicità urbana delle [...] Europa e in Italia e [...] progettuale tecnologica della situazione [...]. Ci può essere, insomma, anche [...] doppia «lettura» e contrastante. In questa mostra, [...] grande, commovente e [...] di una scultura profondamente [...] proprio nelle sue radici che toccano il [...] luogo natale pesarese, è la complessa, complessa [...] per la memoria, per i sentimenti, scultura [...] si Intitola a Pietrarubbia: un castello rovinato [...] solitario in quel di Pesaro. Dopo tanto viaggiare nel [...] spazio, è un ritorno. Incorpora un verso di Montale: «Lo [...] debbo [...] e non posso». È una scultura di [...] materiali e che si può [...] come il ricordo infranto di una casa: la casa [...] che il viaggiatore non potrà mal avere. Francesco Leonetti, nel 1976, [...] assai belli per questo [...] di Arnaldo: «Dunque alla [...] Arnaldo / ti affidi o riferisci o rifai, [...] è. Il passato ben sbrecciato. La tecnologia meravigliosa ma [...]. Una melanconia profonda che [...] grande dei progetti. I cardini non hanno [...] porte fatali. Boccioni e [...] corrosi dalla melanconia di Giorgio De Chirico. La morte dentro il [...] a sondare gli spazi stellari. Ecco perché Arnaldo Pomodoro [...] concretizzare in una visione [...] quei suo sublime progetto [...] cimitero di Urbino [...] la terra della collina [...] come una [...] sfera e cela i [...] percorribile dal vivi come un canalone aperto [...] che sarebbe stata la [...] cultura più bella, più [...] in fondo più rinascimentale e che la [...] ha bocciato. Per visitare la mostra, [...] ottobre, c'è un buon catalogo dove il [...] di Arnaldo è ordinato, anche troppo, e [...] di Italo Mussa, che ha curato la [...] Jacqueline [...] di Mark [...] e da interviste di Sani Hunter [...] Francesco Leonetti. Si sarebbe desiderato un [...] e più esteso di Arnaldo Pomodoro scenografo [...] «Semiramide» e di [...] e [...] a Gibellina terremotata. [...] hanno parlato [...]. Louis Marin, francese, teorico [...] concluso il convegno, peraltro con molto successo, [...] diverso pianeta. Il dibattito, insomma, non [...]. E questo proprio per [...] da [...] al convegno. Ogni volta che una definizione [...] veniva tentata, si trattava [...] di impossibilità dì [...]. La decostruzione è apparsa, insomma, [...] una filosofia [...] molto discendente dalla [...] e [...] ma che considera [...] praticamente impossibile. O meglio: considera impossibile [...] che cosa un testo significa una volta [...]. Se si vuol restare [...] testo e non ricorrere a meto-di di [...] testo non hanno alcunché a che fare [...] un rapporto fra arte e società, una [...] così via), allora non si potrà che [...] testo, ed associare ad esso letture che [...] ma sono semplicemente altri [...]. [...] nel senso positivista della [...] esiste: al limite, [...] interpretazione vera è la [...] stesso. Quel che il [...] dunque fa è soltanto [...] delle sue individuali conoscenze, credenze, psicologie nel [...] di fronte. Ne risulta, come è [...] dinanzi [...] a Joyce, [...] di deriva interpretante, che [...] suono delle parole alla riflessione sul senso [...] dalla [...] di un viaggio in Giappone [...] associazioni [...] a pensieri sulle cartoline [...]. Il tutto in una [...] enorme fascino, ma anche di notevole preoccupazione. Quella di [...] somiglia infatti [...] di un grande [...] nel senso di [...] ma [...] (o [...] come la chiama Ferraris nel [...] libro alla ricerca delle origini e delle tendenze della [...] che diventa metodo, perché imitata dagli epìgoni, produce risultati [...] che fanno talora rimpiangere [...] crociano che esasperava il valore [...] e non del metodo, [...] critica. Egli epigoni li ritroviamo Libri [...] riprendono una moda nata in Europa come [...] Stati Uniti come interpretazione della letteratura. Il rifiuto di ogni [...] in Jacques [...] il suo miglior sostenitore [...] Come ti [...] nel volume di [...] e [...] che annuncia in copertina [...] fornire un quadro di insieme del «postmoderno» [...] ma che nella gran parte è invece [...] decostruzione e sulle sue già [...] tendenze interne, divisioni, incomprensioni, [...]. Dentro la medesima voce [...] dentro la stessa etichetta [...] si celano dunque correnti [...] diverse, come ad esempio il [...] rappresentato da Paul A. Bove e da William [...] che predicano, come dice [...] lo smontaggio del testo a scopo interpretativo, [...] dissoluzione. Ferraris analizza molto bene [...] dei [...] e mentre da un Iato [...] loro connettore il fatto di localizzare [...] nel testo (donde lo [...] testuale»), [...] vede le differenti matrici [...] ermeneutica, che dopo [...] tenta soluzioni al problema [...] il [...] alla [...] e alla [...] le scienze etnografiche ed [...] capire il perché e il come [...] della tradizione del pensiero [...] convinte [...] di [...]. Come si diceva poc'anzi, [...] una moda di secondo grado che sta [...] in Italia. Con quali conseguenze, è [...]. Si può intanto sottolineare [...] della decostruzione, [...] è stato, abbastanza amato [...] ma non ha poi prodotto cattivo [...]. Il [...] americanizzato, invece, proprio a [...] dalla filosofia alla letteratura, e proprio a [...] interna (non proporre metodi e modelli, e [...] solo selvaggiamente) può costituire una moda nel [...] termine. Nel [...] anche da noi abbiamo [...] le parole scomposte dalle barrette, anche noi [...] culturalmente movimentista, ma si trattava di un [...] uno spostamento in direzione radicale di tutto [...] pensiero. La seconda ondata [...] non è tutto questo. È piuttosto accademica nella [...] nella sperimentazione artistica. In entrambi i casi, [...] fatta di aforismi e di vago sperimentalismo, [...] fra critica e espressività, perché non esistono [...] di divisione fra le due: poetica ormai [...] ormai la seconda. Con un gioco di [...] Hassan [...] chiama [...] cioè permanenza indeterminata. E infatti negli ultimi [...] fra [...] e linguisti, sociologi, critici [...] sono state violente. [...] ha polemizzato con Searle, [...] della teoria degli atti linguistici. Poi ha polemizzato con [...] Schapìro, storico [...] e semiologo. Jur-gen [...] sociologo marxista della cultura, [...] il conseguimento del premio Adorno in Germania, [...] scagliato contro [...] e [...] (e. È anche [...] però, che [...] del [...] (la quale non significa [...] metodi, ma solo che non si vogliono [...] ha un possibile contenuto radicale al proprio Interno: [...] principio di scardinamento del sistema delle conoscenze [...] analisi degli oggetti culturali, [...] medesima, col suoi paradossi, col suo intuizionismo, [...] di parole. ///
[...] ///
È anche [...] però, che [...] del [...] (la quale non significa [...] metodi, ma solo che non si vogliono [...] ha un possibile contenuto radicale al proprio Interno: [...] principio di scardinamento del sistema delle conoscenze [...] analisi degli oggetti culturali, [...] medesima, col suoi paradossi, col suo intuizionismo, [...] di parole.

(0)
(0)


Nota sulla tutela della privacy. e Nota sulla tutela del copyright.

Nonostante i continui tagli che il settore culturale è costretto a subire - biblioteche storico/letterarie ed Archivi storici in particolare -, nell'epoca del Web 2.0 non termovalorizziamoci!La funzione di servizio pubblico sia essa offerta da un Ente pubblico o privato ha un costo; affinché il progetto possa mantenersi e continuare ad essere sviluppato sarebbe necessario un sostanzioso finanziamento pubblico, ma in sua assenza? Sareste disposti ad "adottare" una pagina e renderla fruibile a tutti in una rigorosa logica senza scopo di lucro?
Visualizza: adotta una pagina della Biblioteca digitale KosmosDOC

Consultazione gratuita del cartaceo in sede: .

Biblioteca Digitale


Perché è necessario essere utente di una biblioteca abilitata al sistema KosmosDOC per visualizzare la descrizione catalografica, le istanze materiali nei singoli inventari, la trascrizione completa e l'oggetto digitalizzato?
Il progetto è senza scopo di lucro, ma purtroppo le spese sono ingenti. Da alcuni anni IdMiS - Istituto della Memoria in Scena (ONLUS) -, anche grazie al Comitato promotore Fondazione Giovanni Frediani ed all'Associazione Culturale Controtempo, ha investito molte risorse sia monetarie che umane nella progettazione del sistema, nella traduzione digitale del proprio patrimonio archivistico, bibliografico - specialmente dell'emeroteca -, biblioteconomico, e museale; in assenza di un contributo pubblico minimamente adeguato ci vediamo costretti a chiedere alle biblioteche che vorranno aderirvi ed indirettamente agli utenti la condivisione dei costi e/o la partecipazione attiva all'elaborazione delle unità bibliografiche che ciascun ente vorrà inserire per il prestito digitale interbibliotecario.
Il sistema condivide già oltre settecentomila Entità Multimediali, di cui gran parte afferenti alla Biblioteca digitale.

(42)
(1)


Ultimo post:

inserito da il 22/09/2016 05.52.58


La digitalizzazione/elaborazione dal cartaceo alla Biblioteca Digitale, relativamente all'emeroteca riguarda (in parentesi quadra consistenza detenuta ed altre annotazioni; * ove lavorazione tuttora in corso):

Periodicità non quotidiana

Belfagor. Rassegna di varia umanità [1946-1961 direttore Luigi Russo; 1961-1998 direttore Carlo Ferdinando Russo]

(58)


(24)

Cinema Nuovo [serie quindicinale diretta da Guido Aristarco 1952-1958]

(19)

Città & Regione [1975-1976*]

(17)


(21)

Interstampa [1981-1984*]

(18)

Marxismo Oggi [1988-1991*]

(19)

Nuovi Argomenti [1953-1965]

(28)

L'Orto [1937]

(15)

Paragone. Arte [le serie dirette da Roberto Longhi, 1950-1970]

(27)


(17)


(18)

Rinascita [1944-1962 mensile, 1962-1989* settimanale, marzo 1989 numero 0 direttore Franco Ottolenghi, 1990-1991* Nuova serie direttore Asor Rosa]

(43)

Teatro in Europa [1987-1997*]

(17)

Vita cecoslovacca [1978-1984*]


(17)

Quotidiani

Avanti! Quotidiano del Partito Socialista Italiano [1943-1990* edizioni di Milano e Roma]

(51)

Brescia Libera [1943-1945]

(18)

Granma. Organo oficial del Comite Central del Partido Comunista de Cuba [1965-1971*, 1966-1992 riduzione del Resumen Semanal]

(28)


(32)

Ordine Nuovo [1919-1925]

(22)

Corriere della Sera [1948* annata completa «Nuovo Corriere della Sera»]

(24)

Umanità Nova [1919-1945]

(20)



(57)


Eventuali segnalazioni dei propri interessi potranno influire sulle priorità di lavorazione. Per un elenco di tipologie differenti (monografie, enciclopedie, materiale discografico e non book material) o delle consistenze minori, oppure per informazioni sul prestito bibliotecario/interbibliotecario: .





Filtro S.M.O.G+ disabilitato. Indici dal corpus autorizzato

visualizza mappa Entità, Analitici e Records di catalogo del corpus selezionato/autorizzato (+MAP)