→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: NO FILTRO (BD NON AUTORIZZATA)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Pagina da Preview Biblioteca Digitale--Pagina de «Calendario del Popolo-Serie unica-ed unica - numero di periodico»--Id 1641127353.

Videoguida per la navigazione in KosmosDOC.org

Il brano seguente è un frammento di trascrizione automatica (OCR) della pagina richiesta. Questo sistema di indicizzazione della Biblioteca digitale non liberamente visualizzabile mostra parzialmente ciascuna Entità Multimediale suddividendola in piccoli segmenti separati da «[...]» (medesimo periodo o primo periodo successivo) e da « /// [...] /// » (periodo successivo non adiacente). Per riscontrare nella pagina i termini ricercati suggeriamo l'uso di ctrl+F o analoghi, ove il proprio browser lo consenta.

In copertina: « Fucilazione [...] di Renato Guttuso, uno dei quadri esposti [...] Mostra «Arte e Resistenza in Europa ». ///
[...] ///
CANZIO: Storia [...] moderna: Da Caporetto al [...] -Storia [...] della Rivoluzione francese. CANZIO: Le due guerre [...] Nascono [...] Soviet degli Operai e dei soldati. Vita con Di Vittorio. ///
[...] ///
HIKMET: «Paesaggi umani ». DE MICHELE: [...] e la Resistenza in Europa. CASIRAGHI: Un americano racconta [...] cinema sovietico. VICINELLI: Volo spaziale e [...]. [...] Le scale mobili: sono [...] con passeggeri sempre in transito. [...] Piccola storia della tecnica (VI). VICINELLI: Così apparve la [...] Terra (XI). DI STEFANO: Vecchie e [...] la rivista TV. Direttore responsabile GIULIO TREVISANI Redattore [...] PAOLO PESCETTI [...]. Tribunale di Milano n. Enzo Sabato -rotocalco e [...] -Milano, [...] Teocrito 47, tel. [...] COMPAGNONI 10, [...] COMELICO 3, MILANO Telefono [...] Postale [...] racconto tratto dal libro di Ermanno [...] «Ragazzi della [...] e gli altri giunsero due [...] dopo in Val [...] ed entrarono nella 41. Furono assegnati a distaccamenti [...] Guerrino, i primi giorni, rimase un poco deluso. Gli accadde infatti quello [...] non gli era mai capitato: i partigiani [...] piccolo ed esile, seppero che aveva solo [...] come un ragazzo. Avrebbe voluto combattere [...] invece gli fecero fare [...] sarebbe piaciuto un nome da vero partigiano, [...] Fulmine » o « Lupo » e invece [...] aveva chiamato « Balilla». Ma, in fondo, fu [...]. Lassù non era come [...] quegli uomini si respirava [...] della libertà, della dignità, [...]. I doveri erano giusti [...] tutti, i diritti di ognuno erano rispettati; [...] perfetta uguaglianza, e nessuno, nemmeno il comandante, [...]. Soltanto i ragazzi più [...] lontani, fin quando era possibile, dai pericoli. Era stato deciso di [...] di Sant'Ambrogio, in Val di Susa. I [...] erano già pronti, bisognava aspettare [...] facesse buio. Quando fu sicuro che [...] Guerrino, il moschetto a tracolla, salì su [...] e si sedette in un angolo, vicino [...] guida. Passarono più di due [...] quando [...] fu completa, gli uomini [...]. Al ragazzo fu facile [...] a loro. Cosa fai, [...] Balilla? ». Gli uomini risero, ma [...]. [...] che dovevano compiere, Guerrino [...] discorsi dei compagni, non era molto [...] in venti, sorprendere e [...] di fascisti che presidiavano la stazione ferroviaria [...] Sant'Ambrogio. Scesero a qualche centinaio [...] stazione, raggiunsero i binari e ne seguirono [...] lungo la massicciata. Giunti in vicinanza [...] cominciarono ad avanzare adagio, procedendo [...]. [...] di guardia otto uomini; [...] gruppo, accanto ai binari. Bisognava [...] prima che riuscissero a dare [...]. I partigiani si divisero [...] pi, poi attesero che le séntinelle si [...] possibile dal presidio. Un gruppo le attaccò [...] alle spalle, [...] intimando loro di gettare [...] fascisti si affrettarono ad ubbidire. Mentre alcuni rimasero per [...] gli altri, tra i quali [...] essere -a tutti i [...] cautamente [...]. Entrarono in silenzio, poi [...] le armi spianate. ///
[...] ///
Era [...] i prigionieri, le armi, [...] le masserizie sul camion, i partigiani presero [...] ritorno. Guerrino si sentì allegro, [...] scherzare. Non va mica sempre [...]. La voce del ragazzo [...] seria. [...] capitato anche che non torni [...] nessuno». Guerrino ripensò alle fasi [...] tutto facile, ma [...] avrebbe potuto anche essere [...]. Se le sentinelle avessero [...] Se i cinquanta del [...] e si fossero appostati [...] niente era facile, per i partigiani, egli [...]. E si convinse ancor [...] sarebbe stato ingiusto non condividere con i [...] uguaglianza, tutti i rischi della lotta. Il resto del mese [...] senza che la [...] Brigata mettesse in atto [...] gli attacchi compiuti come di consueto da [...] primi giorni di maggio invece, cominciarono ad [...] in campo nemico si preparava qualcosa. [...] del dieci maggio, infatti, la Val [...] fu investita da un [...] rastrellamento, condotto da due divisioni [...] e da numerosi reparti fascisti. Le linee di difesa [...] armi più efficaci di cui [...] i patrioti, mitragliatrici, mortai [...] in posizione; non appena le avanguardie nemiche [...] si aprì il fuoco, si [...] per parecchi minuti a [...]. Resistere ad oltranza in [...] contro cento, armi leggere contro cannoni e [...] avrebbe significato farsi massacrare inutilmente. Era molto più propizio, [...] lo compresero fin dai primi mesi di [...] agili e imprevedibili alle [...] manovre degli avversari; ripiegare [...] raggiunta una posizione favorevole, reagire con fulminei [...] nuovo e riaprire il fuoco al momento [...]. Giunti al culmine della [...] passavano in [...] zona oppure si disperdevano, [...] giorno. Era una tattica [...] ortodossa, che usciva dagli schemi [...] della guerra. I tedeschi ne restavano [...] subivano, durante i rastrellamenti, forti perdite, non [...] a raggiungere lo scopo che si erano [...]. Durante i rastrellamenti in Val [...] che si ripeterono per [...] Guerrino fece la staffetta, portando in tutti i [...] movimenti nemici; divenne chiaro, in breve, che [...] rigidamente le operazioni senza allontanarsi dai sentieri [...] che erano stati loro assegnati. [...] naturalmente, ne [...]. Per sottrarsi non occorreva [...] ma era sufficiente allontanarsi di poco dai [...] nascondersi nelle pietraie o sui fianchi boscosi [...]. Eseguita questa manovra, non [...] altro che ingannare la noia [...] gli uomini si raccoglievano [...] sassi e, in silenzio, mentre i tedeschi [...] distanza, giocavano a carte. Era Come combattere ron orna [...] feroce e pericolosa, ma stupida. [...] giugno, dopo [...] giorni di inutile rastrellamento, i [...] si ritirarono e la Val [...] fu di nuovo libera. [...] non persero tempo. La sera stessa il [...] suoi uomini decisero di scendere in pianura [...] il presidio di Or-bassano, alle porte di Torino. [...] seguente partirono in venti, su [...] camion. Guerrino [...] tanto che, alla fine, lo [...] e lo presero con loro. Mezzogiorno e mezzo: il [...] il posto di bloccò di Orbassano. Rallentò quando fu vicino [...]. Si accese una sparatoria [...] a distanza ravvicinata. I partigiani circondarono [...] ne tempestarono le finestre [...] i fascisti risposero lanciando bombe a mano [...] cieca i caricatori delle loro armi. Guerrino si alzò in [...] avanzare percorrendo rapidamente un breve tratto scoperto. In [...] una bomba a mano gli [...] vicino, si sentì trafiggere da mille lame sottili e [...]. Si abbattè dietro un [...] e stette immobile per qualche istante, poi [...] petto, il braccio, le gambe; non gli [...] ma quando guardò la mano vide che [...] sangue. La battaglia continuò ancora [...]. Quando [...] che non sparavano più, [...] alzò a fatica e vide che i [...] casa con le mani in alto. Si trovava nel piccolo [...] di Coazze già da nove giorni. Aveva ancora parecchie schegge [...] le ferite, specialmente alla gamba e al [...] male, tuttavia, a mano [...] sentiva [...] le forze, diventava sempre [...] tornare con i compagni. ///
[...] ///
Aveva ancora parecchie schegge [...] le ferite, specialmente alla gamba e al [...] male, tuttavia, a mano [...] sentiva [...] le forze, diventava sempre [...] tornare con i compagni.

(0)
(0)


Nota sulla tutela della privacy. e Nota sulla tutela del copyright.

Nonostante i continui tagli che il settore culturale è costretto a subire - biblioteche storico/letterarie ed Archivi storici in particolare -, nell'epoca del Web 2.0 non termovalorizziamoci!La funzione di servizio pubblico sia essa offerta da un Ente pubblico o privato ha un costo; affinché il progetto possa mantenersi e continuare ad essere sviluppato sarebbe necessario un sostanzioso finanziamento pubblico, ma in sua assenza? Sareste disposti ad "adottare" una pagina e renderla fruibile a tutti in una rigorosa logica senza scopo di lucro?
Visualizza: adotta una pagina della Biblioteca digitale KosmosDOC

Consultazione gratuita del cartaceo in sede: .

Biblioteca Digitale


Perché è necessario essere utente di una biblioteca abilitata al sistema KosmosDOC per visualizzare la descrizione catalografica, le istanze materiali nei singoli inventari, la trascrizione completa e l'oggetto digitalizzato?
Il progetto è senza scopo di lucro, ma purtroppo le spese sono ingenti. Da alcuni anni IdMiS - Istituto della Memoria in Scena (ONLUS) -, anche grazie al Comitato promotore Fondazione Giovanni Frediani ed all'Associazione Culturale Controtempo, ha investito molte risorse sia monetarie che umane nella progettazione del sistema, nella traduzione digitale del proprio patrimonio archivistico, bibliografico - specialmente dell'emeroteca -, biblioteconomico, e museale; in assenza di un contributo pubblico minimamente adeguato ci vediamo costretti a chiedere alle biblioteche che vorranno aderirvi ed indirettamente agli utenti la condivisione dei costi e/o la partecipazione attiva all'elaborazione delle unità bibliografiche che ciascun ente vorrà inserire per il prestito digitale interbibliotecario.
Il sistema condivide già oltre settecentomila Entità Multimediali, di cui gran parte afferenti alla Biblioteca digitale.

(42)
(1)


Ultimo post:

inserito da il 22/09/2016 05.52.58


La digitalizzazione/elaborazione dal cartaceo alla Biblioteca Digitale, relativamente all'emeroteca riguarda (in parentesi quadra consistenza detenuta ed altre annotazioni; * ove lavorazione tuttora in corso):

Periodicità non quotidiana

Belfagor. Rassegna di varia umanità [1946-1961 direttore Luigi Russo; 1961-1998 direttore Carlo Ferdinando Russo]

(58)


(24)

Cinema Nuovo [serie quindicinale diretta da Guido Aristarco 1952-1958]

(19)

Città & Regione [1975-1976*]

(17)


(21)

Interstampa [1981-1984*]

(18)

Marxismo Oggi [1988-1991*]

(19)

Nuovi Argomenti [1953-1965]

(28)

L'Orto [1937]

(15)

Paragone. Arte [le serie dirette da Roberto Longhi, 1950-1970]

(27)


(17)


(18)

Rinascita [1944-1962 mensile, 1962-1989* settimanale, marzo 1989 numero 0 direttore Franco Ottolenghi, 1990-1991* Nuova serie direttore Asor Rosa]

(43)

Teatro in Europa [1987-1997*]

(17)

Vita cecoslovacca [1978-1984*]


(17)

Quotidiani

Avanti! Quotidiano del Partito Socialista Italiano [1943-1990* edizioni di Milano e Roma]

(51)

Brescia Libera [1943-1945]

(18)

Granma. Organo oficial del Comite Central del Partido Comunista de Cuba [1965-1971*, 1966-1992 riduzione del Resumen Semanal]

(28)


(32)

Ordine Nuovo [1919-1925]

(22)

Corriere della Sera [1948* annata completa «Nuovo Corriere della Sera»]

(24)

Umanità Nova [1919-1945]

(20)



(57)


Eventuali segnalazioni dei propri interessi potranno influire sulle priorità di lavorazione. Per un elenco di tipologie differenti (monografie, enciclopedie, materiale discografico e non book material) o delle consistenze minori, oppure per informazioni sul prestito bibliotecario/interbibliotecario: .





Filtro S.M.O.G+ disabilitato. Indici dal corpus autorizzato

visualizza mappa Entità, Analitici e Records di catalogo del corpus selezionato/autorizzato (+MAP)