→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Grecia è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 513Analitici, di cui in selezione 22 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Analitici)


da Tullio Vecchietti, Da Cipro a Atene in KBD-Periodici: Rinascita 1974 - 7 - 26 - numero 30

Brano: Da Cipro a Atene
di Tullio Vecchietti
Il regime dei colonnelli è entrato in una crisi profonda, che potrebbe diventare anche mortale; questa è l'improvvisa e sensazionale notizia che sposta l'epicentro degli avvenimenti da Cipro ad Atene ed apre comunque una nuova situazione della quale tuttavia, oggi come oggi, è difficile prevedere quali saranno gli sviluppi. Certo la condizione prima per il ristabilimento della democrazia in Grecia è che vengano ripristinate tutte le libertà e tutti i diritti cancellati in questi anni di oppressione: devono uscire dalle carceri i comunisti e i democratici imprigionati, devono tornare dall'esilio i fuorusciti politici. L'invito rivolto all'esule Karamanlis a tornare in patria per costituire un governo di unità nazionale, al momento in cui scriviamo, significa mettere nelle mani del vecchio leader di destra, stretta mente legato all'Inghilterra e a Costantino, le sorti della Grecia com promessa da una grave crisi interna, che si era allargata anche alle forze armate, e dal madornale error[...]

[...]e libertà e tutti i diritti cancellati in questi anni di oppressione: devono uscire dalle carceri i comunisti e i democratici imprigionati, devono tornare dall'esilio i fuorusciti politici. L'invito rivolto all'esule Karamanlis a tornare in patria per costituire un governo di unità nazionale, al momento in cui scriviamo, significa mettere nelle mani del vecchio leader di destra, stretta mente legato all'Inghilterra e a Costantino, le sorti della Grecia com promessa da una grave crisi interna, che si era allargata anche alle forze armate, e dal madornale errore compiuto dai colonnelli che avevano cercato di riacquistare il prestigio interno e internazionale che avevano perduto proprio col golpe a Cipro, che ha finito invece per diventare la trappola nella quale oggi sono caduti, e senza possibilità di uscirne.
Se è difficile prevedere oggi i tempi e gli sviluppi della situazione, tuttavia essa segna una svolta, e i colonnelli greci, anche se cercheranno di mettere la loro pesante ipoteca sul governo, difficilmente potranno capovolgere o con[...]

[...]inito invece per diventare la trappola nella quale oggi sono caduti, e senza possibilità di uscirne.
Se è difficile prevedere oggi i tempi e gli sviluppi della situazione, tuttavia essa segna una svolta, e i colonnelli greci, anche se cercheranno di mettere la loro pesante ipoteca sul governo, difficilmente potranno capovolgere o congelare il nuovo processo che si è aperto, col fallimento della loro politica. Fatte le debite differenze, oggi la Grecia potrebbe avere il suo venticinque luglio 1943, quando il fascismo italiano crollò nello spazio di poche ore, nonostante che Vittorio Emanuele avesse congedato Mussolini e chiamato Badoglio per far sortire l'Italia dall'ormai certa catastrofe bellica, salvando quanto agli occhi del re il fascismo aveva rappresentato di positivo.
Anche se l'occasione della caduta del governo fascista di Atene è stato un avvenimento esterno, cioè la situazione nuova che si era creata a Cipro con l'intervento militare turco, non prevista né voluta dal governo dei colonnelli, tuttavia si tratta di un detonatore c[...]

[...]o la vittima preordinata della Realpolitik: era una patata bollente che il governo inglese era stato tentato in quei giorni di consegnare nelle mani della Nato, della Cee, del Consiglio di sicurezza, ma soprattutto degli Stati Uniti.
Tanto più che questi ultimi non avevano tentennamenti. Si erano subito mossi ad Atene e ad Ankara, nel Consiglio di sicurezza e nella Nato per impedire che la crisi di Cipro si allargasse e portasse alla guerra fra Grecia e Turchia e per dare al golpe dei colonnelli greci il valore di un affare interno cipriota, che non poteva quindi mettere in moto i meccanismi d'intervento dei trattati di Londra. Lo stesso Kissinger si era affrettato a sposare la politica del non intervento, sulla quale hanno sempre contato i regimi fascisti per compiere i loro crimini e, anche questa volta, il gioco sembrava fatto se non ci fosse stato l'intervento turco.
Ma possiamo giudicare l'atteggiamento americano e delle democrazie occidentali dettato soltanto da cinico realismo o da pavido pacifismo? C'è anche tutto ciò, ma ci sono [...]

[...]i « occidentali », si sarebbe risolta fra Atene e Washington e non c'era ragione di supporre che gli Stati Uniti, che avevano avallato nel 1967, per ragioni di politica internazionale, il golpe di Atene, non avrebbero avallato oggi, per le stesse ragioni, ariche il golpe di Cipro. Il governo americano, infatti, non era stato mai paladino dell'indipendenza di Cipro: anzi, nel 1964, Johnson aveva sposato ufficialmente la tesi della spartizione fra Grecia e Turchia. Per Kissinger, inoltre, Makarios era diventato il Castro del Mediterra neo orientale, e, come lui, ingombrante e fastidioso. La crisi era precipitata a Cipro perché l'obiettivo principale era quello di liquidare Makarios e con lui la sua politica diretta a difendere la democrazia cipriota con una politica d'indipendenza dalla Grecia fascista, e l'indipendenza di Cipro con una politica di pace e di non allineamento e soprattutto di autonomia dagli Stati Uniti che volevano, e nulla lascia supporre che oggi vi rinuncino, fare dell'isola una portaerei nella zona strategica più importante del mondo.
Makarios, con le sue simpatie per Papandreu e con il suo regime democratico, con la sua politica che non rifiuta il sostegno attivo delle forti sinistre cipriote, era un punto di riferimento in opposizione a quello dei fascisti di Atene per tutti i greci sparsi nel mondo, ma con la sua politica di non allineamento era anche una s[...]

[...] mondo.
Makarios, con le sue simpatie per Papandreu e con il suo regime democratico, con la sua politica che non rifiuta il sostegno attivo delle forti sinistre cipriote, era un punto di riferimento in opposizione a quello dei fascisti di Atene per tutti i greci sparsi nel mondo, ma con la sua politica di non allineamento era anche una spina nel fianco dei militaristi americani.
Il rischio, quindi, che incombe sulle trattative di Ginevra è che Grecia e Turchia si mettano d'accordo su una piattaforma che renderebbe l'indipendenza di Cipro sempre più fittizia e l'unità dell'isola sempre più formale.
Che cosa rimanga oggi in piedi di questo disegno dei colonnelli è difficile dirlo per la nuova situazione che si è creata ad Atene. Tuttavia c'è un rischio che incombeva già sulle trattative di Ginevra, prima della caduta del governo fascista, e non è detto che oggi sia stato rimosso. Cipro, dopo l'intervento turco, non poteva essere più controllata solo dalla Grecia. L'ipotesi di trasformarla in un condominio grecoturco, coperto per di più da [...]

[...] l'indipendenza di Cipro sempre più fittizia e l'unità dell'isola sempre più formale.
Che cosa rimanga oggi in piedi di questo disegno dei colonnelli è difficile dirlo per la nuova situazione che si è creata ad Atene. Tuttavia c'è un rischio che incombeva già sulle trattative di Ginevra, prima della caduta del governo fascista, e non è detto che oggi sia stato rimosso. Cipro, dopo l'intervento turco, non poteva essere più controllata solo dalla Grecia. L'ipotesi di trasformarla in un condominio grecoturco, coperto per di più da Londra, stava già prendendo corpo prima della caduta dei colonnelli greci, e appare ancor oggi una soluzione realistica e accettabile non solo dalla Grecia e dalla Turchia, ma an
che dagli Stati Uniti. Già il primo ministro turco Ecevit ha dichiarato che la Turchia andrà a Ginevra non per fare rinunce, ma per ottenere il riconoscimento delle posizioni ac quisite con lo sbarco onéll'isola, e fare della minoranza turca uno Stato nello Stato, con una revisione degli accordi di Londra.
Questa spartizione di fatto imposta dall'esterno e quindi antidemocratica sarebbe un nuovo grave attentato alla sicurezza del Mediterraneo e dei paesi rivieraschi.
Il Mediterraneo non sarà mai quel mare di pace necessario ai fini stessi della distensione internazi[...]

[...] solo riflettere sulla funzione eversiva che hanno assolto i colonnelli greci col golpe a Cipro, in coerenza con la logica del loro regime fascista, che da tempo era presente nel gioco internazionale delle « trame nere » anche in Europa e in particolar modo in Italia.
Emerge a questo punto, in tutto il suo valore, ai fini anche della pace e della sicurezza nel Mediterraneo, il crollo del regime dei colonnelli, se porterà a un vero ritorno della Grecia alla democrazia. Nella nuova situazione, infatti, il sacrificio di Makarios sull'altare del compromesso con la Grecia per dare una soluzione politica alla crisi di Cipro, non avrebbe più senso. Non salverebbe la pace nel Mediterraneo orientale, ma la renderebbe ancor più precaria nel futuro. Sarebbe comunque un premio alla violenza e all'aggressione di un regime fascista, oggi caduto, che creerebbe le condizioni di nuovi e più gravi conflitti. La Iotta per la libertà e l'indipendenza di Cipro vedrebbe iI terzo mondo
e i paesi socialisti schierati dietro le posizioni che sono oggi impersonate da Makarios e soltanto da lui, come ha detto Bumedien nella sua duplice veste di capo dell'Algeria
e di presidente d[...]

[...]parte dell'opinione e delle forze democratiche d'Europa
e degli stessi Stati Uniti. Ma non va dimenticato che c'è anche una Cee che sino a ieri ha auspicato soltanto il ritorno alla libertà democratica di Cipro, senza esercitare il peso potenziale che ha, paralizzata dal vuoto politico che è oggi l'Europa occidentale. C'è anche una Nato che si è battuta per qualsiasi soluzione della crisi, purché si sanasse il conflitto fra due paesi atlantici, Grecia
e Turchia. Ci sono, inoltre, gli Stati Uniti che alle preoccupazioni della Nato hanno aggiunto quella di liberarsi di Makarios, salvando solo la faccia. In questa nuova e complessa situazione, la tregua e la conferenza di Ginevra dovrebbero almeno essere l'occasione per il governo italiano di assumere una funzione attiva, di premere e d'intervenire politicamente per tutelare la sicurezza dell'Italia.
Si tratta di fare quella politica che oggi diviene possibile per la caduta. del fascismo in Portogallo, per il rapido logoramento del regime franchista in Spagna e per il crollo dei. colonnelli[...]

[...] In questa nuova e complessa situazione, la tregua e la conferenza di Ginevra dovrebbero almeno essere l'occasione per il governo italiano di assumere una funzione attiva, di premere e d'intervenire politicamente per tutelare la sicurezza dell'Italia.
Si tratta di fare quella politica che oggi diviene possibile per la caduta. del fascismo in Portogallo, per il rapido logoramento del regime franchista in Spagna e per il crollo dei. colonnelli in Grecia. Per la prima volta cioè, dopo lunghi e pesanti decenni di esperienze catastrofiche f asciste, il Mediterraneo può diventare nuovo punto di incontro di ben diverse esperienze che vanno da quelle socialiste in Europa a quelle progressiste del mondo arabo, destinate a un pacifico confronto con gli stessi nuovi regimi democratici in via di costituzione in Portogallo, in Grecia
e domani nella stessa Spagna e che potrebbero guardare all'Italia come punto di riferimento e d'elaborazione nella nuova politica mediterranea di pace, sulla quale possano convergere tutti i paesi rivieraschi.
E' in questa prospettiva che il nostro saluto e la nostra riconoscenza ai democratici e ai compagni greci vanno oltre la necessaria solidarietà per assumere un valore più precisamente politico. Per loro come per tutti i democratici dei paesi mediterranei europei, si apre per la prima volta in questo dopoguerra la strada per fare della democrazia, della distensione e della pace un insi[...]



da Luciana Castellina, Scacco al re e ai colonnelli [sopratitolo: La crisi di Cipro] [sottotitolo: La diplomazia americana deve registrare il fallimento del piano di trasformare Cipro in una base NATO ma l'influenza di Washington sul governo greco lascia aperte le prospettive più negative per la sicurezza nel Mediterraneo] in KBD-Periodici: Rinascita 1967 - 12 - 8 - numero 48

Brano: [...]una situazione in cui il governo sa di non poter contare sul proprio fronte interno.
La Turchia ha tratto profitto della debolezza del suo antagonista ed è riuscita a strappare quanto non avrebbe ottenuto in altre circostanze e cioè la riaffermazione, sia pure ancora precaria, degli accordi di Zurigo che nel 1960 avevano conferito alla minoranza turcocipriota una serie di diritti. Il successo della Turchia corrisponde non solo allo scacco della Grecia ma, in una certa misura almeno anche allo scacco degli Stati Uniti i quali, fin dal 1964, avevano sostenuto una soluzione della crisi cipriota nei quadro della NATO. Si tratta del famoso Piano Acheson che prevedeva la riunificazione di Cipro alla Grecia in cambio della cessione alla Turchia da parte di questo paese dell'isola di Castellorizo e dei diritti di sovranità su una vasta base militare a Cipro. In sostanza si trattava di una soluzione che avrebbe consentito agli Stati Uniti di superare la ferma opposizione dell'arcivescovo Makarios nei confronti dell'installazione di basi NATO nella piccola repubblica: una volta spartita fra Grecia e Turchia, ambedue fedeli pedine atlantiche, Cipro sarebbe stata infatti facilmente trasformata in una portaerei a disposizione del Pentagono.
Il Piano Acheson non potè allora essere attuato perchè il governo di Nicosia, forte dell'appoggio dell'Unione Sovietica protestò la propria indipendenza ribadendo la sua volontà di mantenersi su posizioni neutraliste. Ma il piano non fallì solo per questo: il governo Papandreu rifiutò infatti di piegarsi alla volontà della NATO e fu anzi proprio da questo rifiuto che prese le mosse l'operazione che doveva portare, un anno più tardi, alla destituzione [...]

[...]sorto fra Papandreu e il suo ministro della Difesa Garuf alias, che (come del resto tutti i suoi predecessori alla testa del delicato dicastero della Difesa) era stato scelto dal mo narca in persona fra i fedelissimi al Pentagono e alla Corona. Il contra
sto era nato proprio in merito alla questione cipriota poiché Garuf alias voleva accettare il piano Acheson e vedeva nell'opinione dei primo ministro i sintomi di una pericolosa autonomia della Grecia rispetto alla volontà americana. Anche lo « scandalo Andreas Papandreu » e l'affare Aspida, denunciati dalla destra in quell'occasione, avevano la medesima origine: il figlio del primo ministro era stato infatti accusato di un complotto che puntava ad ottenere l' indipendenza del KYP (i servizi segreti greci) dalla CIA che fino ad allora aveva rigidamente controllato non solo ogni mossa del governo di Atene ma che aveva anche cercato di sabotare le iniziative (( indipendenti » del governo di Nicosia.
Con il governo Stefanopulos, imposto da re Costantino in seguito alla destituzione di Papand[...]

[...]he puntava ad ottenere l' indipendenza del KYP (i servizi segreti greci) dalla CIA che fino ad allora aveva rigidamente controllato non solo ogni mossa del governo di Atene ma che aveva anche cercato di sabotare le iniziative (( indipendenti » del governo di Nicosia.
Con il governo Stefanopulos, imposto da re Costantino in seguito alla destituzione di Papandreu, gli USA riprendono in mano la situazione. E' questo — infatti il periodo in cui la Grecia accetta di partecipare nuovamente alle esercitazioni militari NATO accanto alla Turchia. E « il carattere delle spettacolari manovre atlantiche che si svolgono nel Mediterraneo sud orientale nel settembre del '65 scrive Jan Maynaud, professore di scienze politiche all'Università di Montreal e autore di un documentato rapporto " Sull'abolizione della democrazia in Grecia " — è tale da far facilmente comprendere lo accanimento degli americani nel perseguire l'integrazione di Cipro nell'Alleanza atlantica ». Impegno per il quale gli Stati Uniti si servono anche del governo italiano che — scrive sempre Maynaud — invia ad Atene il proprio ministro della Difesa, Tremelloni, con il compito di rafforzare la collaborazione militare fra Italia, Turchia e Grecia. « Ci si orientava così — riferisce ancora Maynaud — verso una situazione in cui, nel quadro di un globale vassallaggio atlantico, la Grecia sarebbe stata posta in una sorta di sottovassallaggio militare rispetto all'Italia e alla Turchia.
E tuttavia la piena reintegrazione della Grecia fra i satelliti degli Stati Uniti non è sufficiente a portare in porto il piano Acheson tenuto conto della resistenza che continua ad opporre l'arcivescovo Makarios ad ogni soluzione che veda Cipro inserita nella strategia NATO. Di qui la minaccia che sempre più apertamente il comandante delle truppe greche nell'isola, Grivas, fa pendere sull'indipendenza della piccola repubblica e, infine il colpo di Stato militare del 21 aprile che fra i suoi obiettivi non secondari avrebbe dovuto avere anche quello di consentire una rapida soluzione del problema cipriota, e se possibile, estendendo il regi[...]

[...]n sono fatti da rassicurare sulle prospettive di una reale indipendenza di Cipro. Gli americani hanno dovuto per ora rinunciare al loro piano perchè incapaci di sanare le contraddizioni che suscitava fra i suoi stessi alleati, di cui uno, la Turchia, ha mostrato di non esser più disposto ad accettare pienamente il diktat di Washington. Ma — scriveva giustamente l'ultimo numero del Sunday Times — non bisogna dimenticare che in questi vent'anni la Grecia ha ottenuto 1.719 milioni di dollari di aiuto economico dagli Stati Uniti e la Turchia 2.100. Nella riunione dell'OCED che si terrà all'inizio del prossimo anno si dovrà discutere della situazione debitoria della Turchia nonchè della prossima fase di attuazione del piano di aiuti degli Stati Uniti.
« Ovviamente la voce più autorevole in tale riunione sarà quella degli americani, il che spiega parzialmente perchè Cyrus Vance ha potuto parlare nel corso della crisi cipriota con maggiore autorevolezza di quanto non abbiano potuto fare il segretario della NATO Manlio Brosio e il rappresentante d[...]



da Giancarlo Lannuti, Cipro: dai complotti allo sbarco turco [sopratitolo: L'ostinata volontà americana di liquidare Makarios ha messo in moto e alimentato la nuova crisi] [sottotitolo: Il conflitto fra le due comunità non basta da solo a spiegare come si è giunti alla fine dell'indipendenza dell'isola. Una lunga storia di interferenze imperialiste. Il ruolo della NATO e dei servizi segreti. L'internazionalizzazione nella proposta dell'URSS accettata dalla Grecia] in KBD-Periodici: Rinascita 1974 - 8 - 30 - numero 34

Brano: L'ostinata volontà americana di liquidare Makarios
ha messo in moto e alimentato la nuova crisi
Cipro: dai complotti
allo sbarco turco
Il conflitto fra le due comunità non basta da solo a spiegare come si è giunti alla fine dell'indipendenza dell'isola. Una lunga storia di interferenze imperialiste. Il ruolo della Nato e dei servizi segreti. L'internazionalizzazione nella proposta dell'Urss accettata dalla Grecia
(dall'Express di Parigi)
di Giancarlo Lannuti
« Il segretario di Stato Kissinger è contrario ad una partecipazione sovietica al negoziato per Cipro... Gli Stati Uniti non terranno conto della decisione greca di accettare la proposta sovietica per una conferenza internazionale e continueranno a sostenere gli sforzi diplomatici della Gran Bretagna per la ripresa del negoziato tripartito a Ginevra ». In questa cinica dichiarazione rilasciata da un portavoce dei Dipartimento di Stato sabato 24 agosto, sono 'efficacemente sintetizzate la genesi e le implicazioni della crisi cipriota, non solo n[...]

[...]Stato sabato 24 agosto, sono 'efficacemente sintetizzate la genesi e le implicazioni della crisi cipriota, non solo negli ultimi due mesi ma dai tempi della dominazione inglese fino ad oggi.
Invano si cercherebbe infatti di comprendere quanto è avvenuto e sta avvenendo a Cípro e di formulare ipotesi attendibili sulle prospettive future se ci si limitasse a prendere in considerazione il conflitto fra le due comunità dell'isola e il contrasto fra Grecia e Turchia, ignorando quello che è stato il vero detonatore di tutte le ricorrenti crisi, vale a dire l'ostinata determinazione degli Stati Uniti di liquidare, in un modo o nell'altro, l'indipendenza di Cipro e di fare dell'isola una « portaerei inaffondabile » a disposizione della Nato.
Basta dare un'occhiata alla carta geografica per comprendere quale sia la po sta in gioco. Situata nel cuore di quel Mare di Levante che costituisce il bacino orientale del Mediterraneo, a poca distanza dalla Turchia e di fronte alla co sta sirolibanese, Cipro non è soltanto il « crocevia di tre continenti »,[...]

[...]Bretagna, e nulla abbia lasciato di intentato dal 1959 (anno dell'indipendenza) per colmare quello che agli occhi degli strateghi del Pentagono appariva come l'« anello mancante » nella cosiddetta « fascia difensiva meridionale » della Nato. La presenza a Cipro di due grandi basi militari britan niche — residuo dell'era coloniale imposto alla nuova Repubblica nel corso dei colloqui del 1959 a Zurigo dai tre « garanti » (atlantici) Gran Bretagna, Grecia e Turchia — non è infatti sufficiente a soddisfare le « esigenze imperiali » di Washington, che non ha mai rinunciato alla prospettiva di assumere direttamen te il controllo dell'isola.
E' qui che entra in gioco il contrasto grecoturco. La contrapposizione fra le due comunità cipriote, e di riflesso fra Ankara ed Atene, risale a molti secoli indietro: fu nel 1571 — esattamente quattrocento anni fa — che l'Impero ottomano si impadronì dell' isola, dopo avere sbaragliato a Famagosta l'esercito veneziano di Marcantonio Bragadin (che fini scuoiato vivo dopo la cattura). Da quel momento Cipro, ab[...]

[...]ocento anni fa — che l'Impero ottomano si impadronì dell' isola, dopo avere sbaragliato a Famagosta l'esercito veneziano di Marcantonio Bragadin (che fini scuoiato vivo dopo la cattura). Da quel momento Cipro, abitata in grande maggioranza da greci, fu soggetta alla immigrazione turca, e le sue sorti si intrecciarono con quelle della lotta dei popoli balcanici, e segnatamente del popolo greco, contro la dominazione ottomana. L'indipendenza della Grecia nel 1830, il crollo dell'Impero ottomano con la prima guerra mondiale (che trasformò Cipro in colonia britannica), il drammatico scambio di popolazione fra la Grecia e la Turchia di Kemal Ataturk sono gli eventi che più di ogni altro hanno alimentato la ostilità e il risentimento fra i due popoli e, di riflesso, fra le due comunità cipriote.
Favorevoli fin dagli inizi degli anni cinquanta alla spartizione dell'isola, che sottoponendola a Grecia e Turchia la avrebbe automaticamente inclusa nella Nato, ma costretti (dalle circostanze o biettive della lotta di indipendenza cipriRta e dal margine di autonoma mano vra di cui ancora disponeva l'imperialismo britannico) a riconoscere la nuova repubblica, gli Stati Uniti hanno costantemente giocato sul contrasto grecoturco sia per legare sempre di più a sè ciascuno dei due alleati, sia per minare alle fondamenta il potere indipendente dell'arcivescovo Makarios.
La repubblica cipriota si è trovata così al centro di una rete di intrighi e di complotti praticamente senza fine, per tessere i q[...]

[...]i indipendenza e poi schieratosi apertamente contro il neutralismo di Makaríos) ed anche dei servizi segreti israeliani, il cui ruolo nelle vicende cipriote è ancora tutto da scoprire.
Il colpo di Stato del 15 luglio scorso è stato l'ultimo anello di questa oscura catena; secondo i suoi autori (i fascisti di Atene) ed i suoi istigatori (i capi della Cia e i generali del Pentagono) esso avrebbe dovuto sfociare rispettivamente nella enosis con la Grecia o, come soluzione di ripiego, nella spartizione fra Grecia e Turchia con la mediazione di Washington. In entrambi i casi l'isola sarebbe finita dritta dritta nelle braccia della Nato, e gli Stati Uniti avrebbero riaffermato la loro funzione di arbitri dell'area mediterranea, compensando al tempo stesso con il « recupero » di Cipro l'indebolimento determinato nel « bastione israeliano » dalla guerra mediorientale dello scorso ottobre.
Sul ruolo di Washington nel vergognoso golpe di Nicosia (come già sette anni prima nel golpe di Atene) non ci sono ormai più dubbi. Sarebbe bastato già l'atteggiamento equivoco e dilatorio mantenuto dalla diplomazia ame[...]

[...] colpo di mano che avrebbe dovuto trasformare Cipro in una portaerei atlantica, liquidare il « Castro del Mediterraneo » (come a Washington si definiva l'arcivescovo Makarios) e riaffermare drasticamente il predominio americano nell'area ha finito col mettere in moto un meccanismo a catena che ha via via portato alla liquidazione dei colonnelli greci (i « fedelissimi » del Pentagono), alla caduta del regime golpi sta di Nicosia, all'uscita della Grecia dalle strutture militari della Nato e alla obiettiva internazionalizzazione delle conseguenze della questione cipriota. Sotto questo aspetto, è estremamente istruttivo seguire passo a passo, sia pure per grandi linee, l'evolvere degli avvenimenti dopo il drammatico putsch del 15 luglio.
Il golpe, in verità, comincia male, per i suoi autori: la resistenza dei fedeli di Makarios si rivela più aspra del previsto e soprattutto fallisce l'obiettivo di « liquidare » anche fisicamente l'arcivescovo: Makarios si salva fortunosamente (con lo aiuto britannico, il che dimostra come le contraddizioni in[...]



da Voce Enciclopedica redazionale, Turchia in Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice)

Brano: Turchia
Repubblica parlamentare dell'Asia Minore (ma con una propaggine europea), confinante con la Grecia, la Bulgaria, l'U.R.S.S., l'Iran, l'Iraq e la Siria, la Turchia ha una superficie di 779.452 kmq e una popolazione di 51.420.000 abitanti. II suo territorio è costituito dalla grande penisola anatolica bagnata dal Mediterraneo, nonché dai mari Egeo, Nero e di Marmara; gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli la separano dalla Tracia turca (23.764 kmq), ultimo residuo dei possedimenti che l'impero ottomano aveva in Europa. Nella parte sudorientale della penisola anatolica si trovano l'Armenia e il Kurdistan (ampia regione geografica ripartita fra Turchia, Siria, Iran e Iraq).
La capitale della[...]

[...]uì con il fratello Mehmed V ritenuto più fidato. Mehmed V serviva solo da facciata e il potere era completamente nelle mani dei militari.
Alcune potenze europee cercarono di approfittare della temporanea instabilità politica turca per impadronirsi dell'Impero ottomano: nell'ottobre 1908 l'imperatore austroungarico Francesco Giuseppe si annetté la Bosnia e l'Erzegovina, la Bulgaria si proclamò indipendente e l'isola di Creta decise di unirsi alla Grecia, senza che la Turchia potesse impedirlo. Anche il governo italiano decise di sfruttare la favorevole congiuntura: nel settembre 1911 dichiarò guerra alla Turchia, inviò un corpo di spedizione che occupò la Libia (v.) e, nel corso del conflitto seguitone, si annetté anche le isole del Dodecaneso (v.). Dimostratasi tanto palese la debolezza turca, alcuni Stati balcanici appoggiati dalla Russia zarista si unirono (nel marzo 1912 la Bulgaria si alleò alla Serbia, poi alla Grecia e al Montenegro) per dichiarare guerra alla Turchia (18.10.1912). Sconfitti militarmente in Macedonia e in Tracia, i tu[...]

[...]otesse impedirlo. Anche il governo italiano decise di sfruttare la favorevole congiuntura: nel settembre 1911 dichiarò guerra alla Turchia, inviò un corpo di spedizione che occupò la Libia (v.) e, nel corso del conflitto seguitone, si annetté anche le isole del Dodecaneso (v.). Dimostratasi tanto palese la debolezza turca, alcuni Stati balcanici appoggiati dalla Russia zarista si unirono (nel marzo 1912 la Bulgaria si alleò alla Serbia, poi alla Grecia e al Montenegro) per dichiarare guerra alla Turchia (18.10.1912). Sconfitti militarmente in Macedonia e in Tracia, i turchi poterono conservare in territorio europeo soltanto una piccola parte della Tracia Orientale (Trattato di Londra del 30.5.1913). Questa serie di tracolli innescò nuovi mutamenti politici interni: il governo che si trovava al potere dal luglio 1912 fu rovesciato nel gennaio 1913 da un colpo di stato capeggiato dal giovane ufficiale Enver Bey (18791922), esponente dell'ala più autoritaria dei Giovani Turchi. I contrasti sorti fra gli Stati balcanici vincitori per spartirsi [...]

[...]perfino il loro nome che venne ufficialmente cambiato in quello di "turchi della montagna".
Quanto alla politica estera, KemalAtaturk fu molto realistico: ben comprendendo l'impossibilità di coltivare una qualsiasi nostalgia "imperiale", si accontentò di tutelare I confini riconosciuti dalle grandi potenze alla Turchia, stringendo accordi di amicizia e collaborazione con i paesi limitrofi: Unione Sovietica (1925), Italia (1928), Bulgaria (1929), Grecia (1933), Romania, Jugoslavia. Nel 1936 la convenzione di Montreux riconosceva il controllo integrale turco sugli Stretti. Nel 1937 la Turchia concludeva un patto di non aggressione con l'Iran, l'Iraq e l'Afghanistan. Nel 1939, grazie a un patto di non aggressione con la Francia, che esercitava il mandato sulla Siria, veniva riconosciuta la sovranità turca sulla provincia siriana di Hatay. Non ebbero invece successo le rivendicazioni turche su Mossul, ricca area petrolifera curda inglobata nell'Iraq e passata sotto protettorato britannico. Alla morte di KemalAtaturk (10.11. 1938) e in mancanza [...]

[...]igere gli affari economici, mentre il Consiglio presidenziale diretto da Evren e comprendente il capo di stato maggiore generale, nonché i comandanti delle forze armate di terra, mare e aria, si riservava in prima persona i ministeri di politica estera, difesa, sicurezza interna e istruzione pubblica. Continuava di fatto, sotto vesti "democratiche", la dittatura militare.

La questione di Cipro
Fin dal 1954, nonostante l'accordo esistente con la Grecia, i militari turchi avevano rivendicato la spartizione di Cipro (v.) con il pretesto di voler tutelare la minoranza turca dell'isola. La questione era stata formalmente risolta nel 1960, con il riconoscimento dell'indipendenza di Cipro, ma erano rimaste forti tensioni, sfociate nel 1974 con l'occupazione militare turca (20.000 soldati) della parte settentrionale dell'isola e la proclamazione unilaterale dello Stato Federale Turco di Cipro. Non riconosciuta dall'O.N.U. e duramente osteggiata dalla Grecia, che da parte sua rivendica la piena indipendenza dell'isola con una gestione comune dello [...]

[...]ne di Cipro (v.) con il pretesto di voler tutelare la minoranza turca dell'isola. La questione era stata formalmente risolta nel 1960, con il riconoscimento dell'indipendenza di Cipro, ma erano rimaste forti tensioni, sfociate nel 1974 con l'occupazione militare turca (20.000 soldati) della parte settentrionale dell'isola e la proclamazione unilaterale dello Stato Federale Turco di Cipro. Non riconosciuta dall'O.N.U. e duramente osteggiata dalla Grecia, che da parte sua rivendica la piena indipendenza dell'isola con una gestione comune dello Stato assicurata da entrambi i ceppi etnici (grecocipriota e turcocipriota), la soluzione di forza imposta dai turchi rimane come uno dei problemi più inquietanti nel Mediterraneo. Va notato infine che tanto la Grecia che la Turchia sono membri della N.A.T.O., una collocazione che, lungi dal rendere conciliabili i loro problemi, li perpetua.



da senza firma, Un "golpe" per Cipro in KBD-Periodici: Rinascita 1967 - 6 - 30 - numero 26

Brano: [...] in vista dei ogni eventuale nuova manifestazione di crisi nell'area del Medio Oriente. Con una spregiudicatezza che ha da far meditare gli alleati atlantici degli Stati Uniti, il Dipartimento di Stato e la CIA sono passati negli ultimi tre anni dai ben noti, per quanto sotterranei, tentativi di arrivare a una spartizione dell'isola (per «venire incontro » all'alleato turco: che fino a qualche tempo addietro era, com'è noto, « più vicino » della Grecia al cuore di Washington) alla serie attuale di prese di posizione in favore dell'annessione di Cipro alla Grecia. (Ed è altrettanto noto che ara l'alleato atlantico « più caro all'America » è il governo di Atene, non soltanto perché con il colpo di Stato del 21 aprile la Grecia e diventata uno Stato fascista; ma anche perché la Turchia ha, a1 contrario, cercato di distinguersi dagli Stati Uniti nella valutazione della crisi del Medio Oriente e ha recentemente impegnato con Washington un'aspra polemica per la revisione degli status che regolano la vita amministrativa e giuridica delle numerose basi statunitensi in territorio turco. La polemica antiUSA della Turehia e addirittura esplosa questo mercoledì, quando it presidente Sunay, ospite di De Gaulle, ha convenuto con il generale che nel Vietnam come altrove ogni popolo dovrebbe disporre di se stesso).
Così ara, di[...]

[...]ington un'aspra polemica per la revisione degli status che regolano la vita amministrativa e giuridica delle numerose basi statunitensi in territorio turco. La polemica antiUSA della Turehia e addirittura esplosa questo mercoledì, quando it presidente Sunay, ospite di De Gaulle, ha convenuto con il generale che nel Vietnam come altrove ogni popolo dovrebbe disporre di se stesso).
Così ara, dicevamo, i piani contro Cipro sono « in favore » della Grecia e vengono elaborati in Grecia. Questi piani sono stati rivelati, appena qualche giorno fa, da fonti dell'opposizione clandestina greca. Ovviamente le rivelazioni non mostrano Washington in primo piano, ma — come sempre — dietro le quinte. E' pero provato che, come furono gli americani all'origine del colpo di Stato in Grecia due mesi e mezzo fa, così essi tirano ora i fili dei preparativi del golpe, che — secondo i loro piani — dovrebbe rovesciare Makarios, portare all'annessione pura e semplice dell'isola alla Grecia e quindi alla totale integrazione della « portaerei naturale » del Medio Oriente nell'Alleanza atlantica.
Si conosce anche id nome del piano: esso si chiama « Astrapi » (cioè fulmine). E' stato messo a punto dal generale Grivas e dal colonnello Papadopulos. Una serie di disordini dovrebbero essere fomentati nell'isola ad opera delle truppe greche che stazionano in diversi villaggi e città; il pretesto sarebbe che do schieramento democratico e di sinistra dell'isola minaccia le istituzioni cipriote. Per questo, il piano e Fulmine » prevede l'arresto non solo di quasi tutti i membri del govern[...]



da Luca Toschi, Varietà e documenti. Un romanzo sconosciuto nella Toscana neoclassicista in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - novembre - 30 - numero 6

Brano: [...]resterà tale: colui che ne possedeva la chiave nel frattempo sarà morto.
Potrebbe trattarsi dell'intreccio di una moderna opera dell'assurdo; è invece l'esile trama attorno a cui è stato costruito il Viaggio di tre giorni, pubblicato anonimo nel 1832 (Firenze, Stamperia Granducale all'Insegna di Pallade). L'autore si può identificare con certezza in Luigi Ciampolini, uno sconosciuto per la critica, o quasi: napoleonico prima, liberale poi, è in Grecia durante la guerra d'Indipendenza contro i Turchi; neoclassicista, che non disdegna però una professionale collaborazione con l'« Antologia », è ai suoi tempi scrittore pressoché ignorato. Eppure conosce Leopardi, Giovan Battista Niccolini, il tragediografo e carbonaro Francesco Benedetti, Giovanni Rosini, il Giordani, Filippo Pananti, ed è noto al Foscolo; anzi, l'incontro con quest'ultimo, come ci confessa in una sua breve autobiografia finora inedita, si rivelò per lui molto importante: « `Io vi conosco', mi disse egli il Foscolo, venendomi incontro e stendendomi cortesemente la mano, e mi [...]

[...]r sempre addio; / Ché il facil plettro mio / "Solo risponde Amor" ». Si è, infatti, innamorato di una giovane donna inglese che lo spinge a lasciare Firenze e ad iniziare viaggi che lo porteranno con maggior frequenza a Roma. Pubblica, intanto, nel '17 gli Idilli (Firenze, all'Insegna dell'Ancora) e continua a comporne dei nuovi che vedono la luce nel '22 (sempre Firenze, Stamperia Granducale), quando decide di lasciare l'Italia e partire per la Grecia, abbandonando l'amministrazione della « Libreria all'insegna di Pallade » e rinunciando per il momento ad approfondire i legami con la nascente « Antologia ».
Del suo esilio volontario si sa poco; non partecipa in prima persona alla guerra d'Indipendenza, se ne sta a Corfú, rifiutando comunque — e di lavorare aveva bisogno! — la cattedra che a Zante il governo, nella persona di Lord Guilford, gli aveva proposto; preferisce mettere su, con Vincenzo Nannucci e Scipione Casali, un « negozio di vendita di libri, carte e altri generi ». Va intanto raccogliendo materiale sulla guerra tra i Greci e[...]

[...]zo di quell'opera che, tornato in patria, pubblicherà col titolo Le guerre dei Sulliotti contro Ali Bascià di Janina: Commentario (Firenze, Ronchi, 1827).
Sempre nel 1827 incomincia a collaborare assiduamente all'« Antologia » e le recensioni scritte per il periodico fiorentino si rivelano molto interessanti per misurare l'evoluzione determinatasi in lui durante la parentesi greca. Qui è sufficiente ricordare il commento ai Canti popolari della Grecia moderna raccolti e pubblicati da C. Fauriel, tomi 2 in 8°, Parigi 1824 (aprile 1827), in cui si preoccupa di sottolineare come tale raccolta, contrariamente ai « canti selvaggi venutici dalle foreste della Germania e dalle montagne della Scozia », non rappresenti « ingegnose e bizzarre fantasie dei Greci », bensí possa costituire prezioso « materiale per la storia delle loro miserie, delle loro prodezze, per lo spazio di quasi quattro secoli »; mentre, in seguito, soffermandosi sul Cours de littérature Grecque moderne par Jacovaki Rizo Nerulos etc., Genève 1828, 8° (agosto 1931), si rivela at[...]

[...]se e poesie (Firenze, S. Ricordi, G. Piatti), in cui inserisce una lettura del XIII canto del Purgatorio. Eletto, nel maggio del 1835, a fare parte dell'Accademia della Crusca, si impegna perché si acceleri la pubblicazione del vocabolario (riceverà l'incarico di scrivere la lettera dedicatoria premessa alla prima parte); ma piú di ogni altra cosa, in questo momento di sbandamento generale, sembra essere preso dalla Storia del Risorgimento della Grecia, iniziata nel '34 ed edita, postuma, nel '46. Il governo greco, nel frattempo, gli ha dato incarico diraccogliere in tutta Europa libri ed opere per formare la nuova biblioteca d'Atene. « Or crescono gli anni e che mi resta? il vanto / Non di fama perenne od il sorriso / De' figli o estremo della sposa il pianto / Morbi, dubbi, terrori in folto stuolo / S'avventan contro me da me diviso / Pellegrin sulla terra infermo e solo ». Muore il 30 aprile 1846.
Altre opere del Ciampolini: Sessione del Parlamento d'Otaiti, « Antologia », aprile 1832; Frammento del dialogo: Il Leopardi, Firenze, s. t.,[...]

[...]i Ciampolini. Firenze, per G. Piatti, 1838, « Giornale arcadico di scienze, lettere ed arti », gennaiomarzo 1839, pp. 5963; G[IUSEPPE] A[JAzzI], Luigi Ciampolini, « Archivio Storico Italiano », 1846, app. t. III, pp. 7725; PIETRO CONTRUCCI, Cenni sulla vita e sugli scritti del cavaliere Luigi Ciampolini letti nell'I. e R. Accademia Pistoiese di Scienze, Lettere ed Arti il 26 luglio 1846, premessi a LUIGI CIAMPOLINI, Storia del Risorgimento della Grecia, cit., pp. xIxxIV; GIUSEPPE ARCANGELI, Biografia di Luigi Ciampolini, « Rivista di Firenze », 10 febbraio 1847 (poi in Poesie e prose, vol. II, Firenze, Barbéra, Bianche e Comp., 1857, pp. 54353); LUCIANO SCARABELLI, Storia del Risorgimento della Grecia del cavaliere dott. Luigi Ciampolini, Firenze, Piatti, 1846, « Archivio Storico Italiano », 1847, app. t. iv, pp. 99108; GIOVAN BATTISTA PRUNAJ, Luigi Ciampolini e la Storia del Risorgimento della Grecia (appunti di un pronipote), « La Rassegna Nazionale », 1 agosto 1897, pp. 40513; RAFFAELE CIAMPINI, Pagine inedite per una vita del Foscolo, in Studi e ricerche su Niccolò Tommaseo, Roma, Ed. di « Storia e Letteratura », 1944, pp. 253255; LUCA TOSCHI, Foscolo lettore di Sterne ed altri « sentimental travellers », comunicazione tenuta il 6 maggio 1979 al Convegno « Ugo Foscolo fiorentino ed europeo » i cui Atti sono in corso di stampa presso Le Monnier.
Per un'ampia panoramica sul romanzo italiano di primo Ottocento, dr. il fondamentale SERGIO ROMAGNOLI, Narratori e prosatori del Romanticismo,[...]



da Andrea Binazzi, Raffaele Pettazzoni in KBD-Periodici: Belfagor 1984 - 3 - 31 - numero 2

Brano: [...]ciava un profilo del Pettazzoni che riprenderà poi, più ampiamente, nel necrologio apparso nel 1960 sulla « Nuova Rivista Storica »: « Nel secondo saggio della presente raccolta, il Pettazzoni ci offre una novità molto interessante, che metteremmo volentieri, per importanza intrinseca e per il momento che segna nello svolgimento intellettuale di questo nostro grande studioso, accanto alla introduzione alla nuova edizione... di La religione nella Grecia antica. Si tratta di una serie di capitoletti intitolata Momenti della storia religiosa d'Italia »6. L’analisi del Cantimori, rapida, ma ricca di sfumature, tende soprattutto a valorizzare, al contrario di quella di De Martino, la quantità di stimoli e di suggestioni che scaturisce dalle pagine di questi capitoli, mette in guardia dal considerarle, lasciandosi magari trarre in inganno dalla semplicità espositiva, schematiche e superficiali. Coglie infine un carattere essenziale del Pettazzoni quando osserva che « la storia delle religioni, rampollante da una vena che ha percorso meandri e str[...]

[...]tà moderna », in (1931), p. 806.

25 Va tenuto presente che già nel 1912 il Pettazzoni aveva sentito il bisogno di recarsi a Leida per partecipare al iv Congresso internazionale di storia delle religioni.184

ANDREA BINAZZI

Per lui il compito principale è quello di ricostruire le religioni, o alcuni aspetti di esse, tenendole dentro la civiltà di cui non sono altro che una forma. Nella prefazione alla prima edizione della Religione nella Grecia antica, si era limitato a segnalare che il suo interesse andava a quei particolari momenti di crisi che avrebbero potuto dare luogo a « un rinnovamento originale della religione », com’era stato quello caratterizzato dal manifestarsi della religiosità dionisiaca26. Trent’anni dopo, nell’introduzione all’edizione del 1953 della stessa opera, il Pettazzoni precisa invece che una delle idee generali che gli si sono venute chiarendo nel tempo è che la religione è « una forma della civiltà, e storicamente non s’intende se non nel quadro di quella particolare civiltà di cui fa parte, e in organica [...]

[...] le quali egli cerca di individuare le forme specifiche in cui una religione si connette con la civiltà alla quale appartiene e non dimenticando quel presupposto dal quale egli si fece sempre guidare

nella polemica con lo Schmidt come in quella con il van der Leeuw che cioè l’indagine sui diversi aspetti della vita religiosa di un popolo deve sempre preoccuparsi di organizzare i dati empirici perché essi possano dire

26 La religione nella Grecia antica fino ad Alessandro, Bologna 1921, p. vii.

27 Gli ultimi appunti, ora in Religione e società, cit., p. 125.RAFFAELE PETTAZZONI

185

qualcosa sulle concezioni che vi si riflettono e deve rinunciare a pensare che essi debbano essere piegati a supporto di teorie generali.

Significativo, da questo punto di vista, è il saggio sulla lapidazione, da considerarsi lavoro preparatorio della Confessione dei peccati, dove è in questione il rapporto tra « legge sacrale » e « legge morale ». È pericoloso, secondo il Pettazzoni, lasciarsi guidare nella ricostruzione di una pratica di quest[...]

[...] dimostrare che essa « è tutta catarsi, cioè liberazione, allontanamento, religiosità negativa... ». Ne è un esempio quanto accadeva in tempi più lontani in Arcadia.

Era costume degli Arcadi che chi volontariamente avesse varcato il recinto inviolabile di Zeus Lykàios fosse lapidato, e chi inavvertitamente vi avesse messo piede fosse bandito... Costume, evidentemente, sacrale: legge sacrale, non legge morale: certo non quella legge per cui in Grecia si lapidarono traditori e parricidi e simili, e nemmeno quella onde altrove si lapidarono eretici e scomunicati; e tuttavia legge, e legge religiosa, per cui non l’entrare in un santuario in genere è colpa, eppure è colpa gravissima entrare in quel dato santuario, in quel dato luogo che è l’unico ed eccezionale, che in base a certe esperienze (quali che esse siano) è sentito come sacro, che è come dire carico impregnato traversato da energie possenti e pericolose, che si trasmettono per contatto; [chi vi entra] dev’essere allontanato, sia col bando sia con la lapidazione: che son mezzi divers[...]

[...]vaggina (Boscimani), che gliela spinge dentro alle trappole (Algonkini settentrionali), che gli apre gli occhi per vederla (Damara), che lo fa mirar dritto per colpirla (Pigmei), questo è il suo Essere supremo, perché da lui dipende giorno per giorno la sua esistenza, perché egli ha in mano la sua vita e la sua morte (L’onniscienza cit., p. 648).

« Zeus », scrive il Pettazzoni nell’introduzione alla nuova edizione (1953) della Religione nella Grecia antica, « porta scritto in fronte il suo trasparente indoeuropeismo. Ma Zeus non è più per noi, come era per la ‘ mitologia comparata soltanto la forma greca dell’essere supremo celeste comune a molti popoli nomadi ed allevatori » (p. 15). Ma in questa introduzione il discorso va oltre, e il quadro d’insieme dell’interpretazione delle divinità greche viene riplasmato, anche se il Pettazzoni sembra preoccupato di presentarlo come uno sviluppo di temi già presenti nell’edizione del 1921. Qui aveva «accennato» (ivi, p. 17) alla connessione delle divinità rivali, Demetra e Dioniso, con la vita ma[...]

[...]], xiv (1983), pp. 5458. A questo appassionato studioso del Pettazzoni va il mio ringraziamento per il molto materiale che mi ha generosamente fornito e che ha agevolato il mio lavoro.

Per la bibliografia, ci si deve riferire anche a quella che completa il libro di Ugo Casalegno citato nel testo.

La religione primitiva in Sardegna, Piacenza 1912; La religione di Zarathustra nella storia religiosa dell'Iran, Bologna 1920; La religione nella Grecia antica fino ad Alessandro, Bologna 1921 (n ed., Torino 1953); Dio: formazione e sviluppo del monoteismo nella storia delle religioni, voi. i: L’essere celeste nelle credenze dei popoli primitivi, Roma 1922; I misteri: saggi di una teoria storicoreligiosa, Bologna 1924; Svolgimento e carattere della storia delle religioni, Bari 1924; La confessione dei peccati, Bologna 192936; Religione e politica religiosa nel Giappone moderno, Roma 1934; Saggi di storia delle religioni e di mitologia, Roma 1946; Divinità del paganesimo degli antichi popoli europei. Le scritture sacre, Roma 194546; hliti e le[...]



da senza firma, Il futuro di Cipro in KBD-Periodici: Rinascita 1964 - 5 - 16 - numero 20

Brano: [...]della NATO, tra cui il senatore Fulbright, il comandante in capo della forze NATO del Mediterraneo ammiraglio John Hamilton della marina inglese, i] segretario della NATO Stikker. Grande parte della stampa greca ha sottolineato con inquietudine tale viavai: il 7 maggio il giornale filo governativo Athinaciki scriveva che s il popolo greco ha tutte le ragioni di preoccuparsi dinanzi a simile epidemia d'arrivi di personalità americane o inglesi in Grecia u.
In effetti, fonti ufficiose hanno informato che i rappresentanti atlantici sarebbero giunti, nei colloqui con Papandreu, a proporre la spartizione dell'isola di Cipro tra le due comunità, oppure lo scambio di popolazioni con la cessione alla Turchia da parte della Grecia dell'isola di Rodi. Le proposte sarebbero state avanzate in forma conciliativa, in vista cioè di soddisfare, almeno parzialmente, le esigenze turche. Sta di fatto che proprio simile atteggiamento delle maggiori potenze atlantiche alimenta l'irrigidimento del governo di Ankara che fomenta nell'isola le provocazioni degli estremisti turchi, respinge le proposte di pacificazione del presidente Makarios, rialza incessantemente il prezzo della soluzione della crisi. Dinanzi all'acuirsi del contrasto e al pericolo di un cedimento del governo greco alle pressioni atlantiche, l'EDA ha riaffermato vig[...]

[...]l prezzo della soluzione della crisi. Dinanzi all'acuirsi del contrasto e al pericolo di un cedimento del governo greco alle pressioni atlantiche, l'EDA ha riaffermato vigorosamente la propria posizione per la completa salvaguardia dei diritti della Repubblica cipriota sottolineando che il popolo greco non potrebbe mai accettare una soluzione che in nome dell'alleanza atlantica pregiudichi la sovranità della Repubblica cipriota e i diritti della Grecia.
Non vi è dubbio che il perdurare della crisi, l'oltranzismo del governo di Ankara, sordo ad ogni voce di ragionevolezza nella sua rivendicazione del taksim (spartizione dell'isola), il sangue che corre a Cipro, scavano un fossato sempre piia profondo fra greci e turchi. Sia a Nicosia che ad Atene parole d'ordine quali enosis (unificazione di Cipro con la Grecia) o autodeterminazione per la popolazione grecocipriota acquistano una diffusione sempre pau larga minacciando di portare la crisi laddove vuole l'imperialismo che l'ha scatenata: ad un grado di irriducibile esasperazione che giustifichi l'occupazione dell'isola da parte delle forze NATO, una volta che l'ONU si fosse mostrato impotente nell'assolvere il suo compito. E' per questo che l'Akel (partito dei lavoratori di Cipro) ha rinnovato l'impegno di tutti i lavoratori ciprioti a unirsi e a lottare tenacemente per la salvaguardia dell'indipendenza del loro paese.



da Antonio Bronda, Viene da lontano l'attacco a Cipro [sopratitolo: Lo schieramento internazionale e la guerra fra Atene e Ankara] [sottotitolo: Dietro al «conflitto locale» e alla «contraddizione fra due alleati NATO» emerge la natura della contesa: una strategia di distensione o di non allineamento, quella di Makarios, da una parte, e il disegno di trasformare l'isola in una «portaerei nel Mediterraneo» dall'altra] in KBD-Periodici: Rinascita 1974 - 7 - 26 - numero 30

Brano: [...]llineamento e imparzialità nel conflitto araboisraeliano, buoni rapporti con Stati socialisti.
Fra la scure greca e l'incudine turca, è proprio la sovranità di Cipro a rischiare adesso di rimanere compra messa. Le migliaia di ciprioti immigrati in Inghilterra, che la settimana scorsa hanno ripetutamente dimostrato davanti alle ambasciate greca, turca, americana e al numero 10 di Downing Street sono stati molto espliciti in proposito: « Fuori la Grecia e ,a Turchia. Basta con l'interferenza straniera ». Sono in gioco, più che mai, la libertà e l'autonomia di un popolo che, di fronte alle rinnovate provocazioni, torna a porre sul tavolo della trattativa internazionale il proprio diritto alla autodeterminazione.
Reagendo alle prime notizie del colpo di Stato con una di quelle illuminazioni inconscie, che tradiscono la cattiva coscienza e rivelano verità più profonde, la stampa inglese aveva giustificato il rifiuto ufficiale di intervenire nella situazione, con questo ammonimento: « E' un'altra Ulster ». Un rapido sguardo al passato aiuta a c[...]

[...]a una crudele discriminante religiosoculturale.
La Gran Bretagna si impadronì di Cipro strappandola alla Turchia alla fine del secolo scorso, e l'aveva amministrata poi come colonia, per oltre un sessantennio. Il progresso verso la emancipazione e il movimento anti inglese crebbero nel dopoguerra e — come è noto — sfociarono, attorno al '54, nella guerriglia dell'Eoka, di cui il nazionalista Grivas rappresentò l'ala favorevole all'unione con la Grecia, nia a cui parteciparono anche numerosi esponenti di sinistra che combattevano per un'effettiva liberazione da ogni interferenza straniera. Con la vecchia arma imperialista del divide et impera, Londra si difese esacerbando la rivalità fra turchi e greci: l'effettivo aiuto prestato alla comunità islamica sull'isola è ben documentato, fino al punto di riconoscere la creazione di una vera e propria « quinta colonna » in funzione proInghilterra. Quattro anni di dura lotta costrinsero l'Inghilterra a cedere, e gli accordi tripartiti di Zurigo e di Londra, firmati nel febbraio del '59 dai paesi ga[...]

[...]sta del divide et impera, Londra si difese esacerbando la rivalità fra turchi e greci: l'effettivo aiuto prestato alla comunità islamica sull'isola è ben documentato, fino al punto di riconoscere la creazione di una vera e propria « quinta colonna » in funzione proInghilterra. Quattro anni di dura lotta costrinsero l'Inghilterra a cedere, e gli accordi tripartiti di Zurigo e di Londra, firmati nel febbraio del '59 dai paesi garanti (Regno Unito, Grecia e Turchia) ribadirono un equilibrio incerto fra ciprioti delle due nazionalità, di cui l'unico beneficial o fu il Comando militare inglese che ottenne il riconoscimento della « sovranità territoriale » delle basi di Dekella (centro logistico), Akrotiri (aeroporto) ed Episkopi (quartier generale): ottomila soldati, avieri e paras, bombardieri atomici Vulcan e mezzi motocorazzati. « La nostra Costituzione garantita l'indipendenza ma — si disse — Cipro è uno Stato senza poter essere una nazione ».
Dopo l'esilio di un anno nelle isole Seychelles, l'arcivescovo Makarios rientrava trionfalmente a [...]

[...]nno nelle isole Seychelles, l'arcivescovo Makarios rientrava trionfalmente a Nicosia nel '60, per essere insediato alla presidenza. Membro del Commonwealth, Cipro entrava a far parte delle Nazioni Unite. Il compito che si presentò davanti a Makarios era la riunificazione del paese; e questo comportava un possente lavoro di riavvicinamento nei confronti dell'Inghilterra e di un progressivo allontanamento dal traguardo dell'enosis (l'unione con la Grecia), che ha sempre costituito l'unico orizzonte della destra cipriota. Il cammino verso una terza via, effettivamente autonoma e libera, era faticoso e incerto. Nel dicembre del 63, scoppiavano altri e gravi disordini fra la comunità turca e quella greca; l'Onu in terveniva inviando un contingente di pace (2.300 caschi blu) e stabilendo una linea di demarcazione fra i due settori. Nicosia è una città divisa casa per casa, allo stesso modo in cui Belfast è oggi spaccata in due e dilarnata dagli attentati, dalle esecuzioni sommarie e dalle ritorsioni. Anche Limassol e Famagosta sono spartite. Sott[...]



da Giovanni Testo, Ritratti critici di contemporanei. Lalla Romano in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - novembre - 30 - numero 6

Brano: [...]rio allora veniva investigando, con prudenza, sul neorealismo all'apice.
Abbiamo detto per inciso della formula a cui si è fatto ricorso per Pavese e per l'altro variare la formula auerbachiana, ai casi della Romano proponendo per lei le formule forse più quiete di « realismo allusivo » o di « realismo memoriale » o ancora di « realismo analogico » (« Trasformazione e analogia sono l'essenza dell'arte » [ Le parole cit., p. 52]. E nel Diario di Grecia: « È una di Alberobello, dal gran corpo a uovo con una piccola testa in cima; per cui alla mia immaginazione fertile di analogie essa appare come un'incarnazione del monumento tipico del suo paese »1). Con ciò intendiamo per un verso prendere le distanze dall'accanita officina di Pavese e per l'altro variare la formula auerbachiana, ai casi della Romano sorprendentemente adattabile, di realismo « figurale » (dr. Mimesis, Torino, Einaudi, 19562, ii, pp. 339343).
Lasciamo pur da parte Le metamorfosi, che sono anch'esse, a ben vedere, una prova estrema di raffigurazione, e pensiamo al felicissi[...]

[...]ontanissimi, in verità, dal suggerire formule a impiego corrente » (p. 6). Era un esplicito invito ad uscire dalle formule di comodo e a individuare nella Romano i tratti di una poetica e di un linguaggio peculiari.
2 Citiamo dal romanzo L'archiamore (Milano, Guanda, 1980) dell'esordiente OSVALDO GUERRIERI.
LALLA ROMANO 675
Prima della Penombra erano stati pubblicati Tetto murato (1957), L'uomo che parlava solo (1961) e, a parte, il Diario di Grecia (da Rebellato, nel '59). Dopo la Penombra sono poi venuti, trascurando le ristampe, che pure non sono mai senza revisioni, Le parole tra noi leggère (1969), L'ospite (1973), Una giovinezza inventata (1979) e tra L'ospite e Una giovinezza inventata due libri coevi, uno di racconti, La villeggiante, e l'altro di fotografie commentate, Lettura di un'immagine (1975). Senza dimenticare l'esercizio della poesia, che ha dato nel '74 Giovane è il tempo, frutto di una scelta riveduta delle due raccolte precedenti (Fiore prima, e poi L'autunno, 1955) e di molte poesie nuove. Si tratta di un percorso se[...]

[...]ria è un vaglio che decanta la passione e la restituisce lucida e precisa. (La memoria come passione è a sua volta controllata dallo stile). Proprio a proposito di Delacroix, il cui Diario la Romano ha a suo tempo antologizzato e tradotto, Baudelaire sosteneva: « Passionnément épris de la passion et froidement déterminé à chercher les moyens de l'exprimer » Il problema dello stile, di cui non v'è luogo a soffermarci, è tutto qui.
6 In Diario di Grecia, cit., p. 49. Su Peano si veda la testimonianza che la scrittrice ha pubblicato in « Spirali », Iii, giugno 1980, n. 6, pp. 56, intitolata Lo spirito creativo è leggero. Si veda poi naturalmente Una giovinezza inventata.
7 Cit. da F. FLORA, Il decadentismo, in Questioni e correnti di storia letteraria, Milano, Marzorati, 1965, p. 781.
LALLA ROMANO 679
La memoria dunque non è idillio, non rifugio, non nasconde le ferite e non gioca a rimpiattino. Il rapporto con le cose della Romano è sempre schietto e sa correre i suoi rischi. Lo stesso ritratto frammentario che la scrittrice fa di sé nell[...]

[...]; Giovane è il tempo, Torino, Einaudi, 1974. Poesie di Lalla Romano sono apparse in Prima antologia di poeti nuovi, Milano, Edizioni della Meridiana, s.d. [ma 1950]
Prosa: Le metamorfosi, Torino, Einaudi, 1951 (poi, riveduta e ampliata, nei « Coralli », 1967); Maria, ivi, 1953 (poi nei « Coralli », 1965; nelle « Letture per la scuola media », 1973; nei « Nuovi Coralli », 1975); Tetto murato, ivi, 1957 (poi nei « Supercoralli », 1972); Diario di Grecia, Padova, Rebellato, 1959 (poi, con qualche variante, presso Einaudi, nei « Nuovi Coralli », 1974); L'uomo che parlava solo, Torino, Einaudi, 1961; La penombra che abbiamo attraversato, Torino, Einaudi, 1964 (poi negli « Struzzi », 1977); Le parole tra noi leggère, ivi, 1969 (poi negli « Struzzi », 1972); L'ospite, ivi, 1973 (poi nelle « Letture per la scuola media », 1978); Lettura di un'immagine, ivi, 1975; La villeggiante, ivi, 1975; Pralève, ivi, 1978 (ma già compreso ne La villeggiante); Una giovinezza inventata, ivi, 1979.
Traduzioni: G. Flaubert, Tre racconti, Torino, Einaudi, 1944 (e [...]


successivi
Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Grecia, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---Cipro <---Stato <---italiano <---NATO <---Storia <---fascista <---Diritto <---Turchia <---Medio Oriente <---comunista <---italiana <---siano <---Ankara <---Makarios <---fascismo <---imperialismo <---italiani <---Del resto <---Ecco <---Logica <--- <---Partito <---Russia <---USA <---Zurigo <---abbiano <---comunisti <---d'Italia <---nazionalismo <---Ciò <---Grivas <---La Turchia <---Linguistica <---Perché <---Pratica <---Scienze <---Suleiman Demirel <---dell'Europa <---dell'Impero <---dell'Iran <---fascisti <---ideologico <---progressista <---realismo <---socialisti <---Ataturk <---Basta <---Belfagor <---Bibliografia <---Bulgaria <---CIA <---Canale di Suez <---Caucaso <---Cosa <---Dialettica <---Dipartimento di Stato <---Famagosta <---Filosofia <---Francia <---Giappone <---Hayri Urguplu <---Il Mondo <---Il lavoro <---Inghilterra <---Ismet Inonu <---Karamanlis <---Kizildere <---Luciana Castellina <---Nicosia <---Noi <---Oltre <---Papadopulos <---Però <---Più <---Poetica <---Psicologia <---Retorica <---Sardegna <---Spagna <---Stilistica <---Suat Hayri <---Suez <---Sunay <---Torino <---antropologica <---chista <---comunismo <---cristiana <---dell'Eoka <---dell'Esercito <---dell'Inghilterra <---dell'Italia <---estremismo <---etnologia <---filologico <---ideologia <---illuminismo <---imperialista <---indiano <---israeliani <---israeliano <---kemalista <---mitologia <---moderatismo <---nazionalista <---nell'Alleanza <---nell'Italia <---neutralismo <---psicologia <---psicologici <---realista <---riconquista <---socialismo <---socialiste <---stiano <---testimoniano <---umorismo <---veneziano <---vogliano <---zarista <---ABC <---Abdul Hamid <---Accademia Pistoiese <---Acromicrotelodiplodiforocaloidroisomatico <---Adman Menderes <---Adrianopoli <---Africa Orientale <---Agli <---Agraria <---Akel <---Akrotiri <---Albanesi <---Alberobello <---Ali Bascià <---All Bascià <---Alpi <---Altezza Imperiale <---Altoviti <---Americano Coloniale <---Amerindias <---Amici del Mondo <---Amman <---Andalusia <---Andrea Binazzi <---Andrea Costa <---Andrea Zanzotto <---Andreas Papandreu <---Ankara Y <---Antiquarj <---Antologia <---Antonio Banfi <---Antonio Bronda <---Antonio Canova <---Anzi <---Appena <---Appenninica <---Appunto <---Archivio Storico Italiano <---Area <---Arnim <---Arti <---Arturo Carlo Jemolo <---Ascolti <---Aspida <---Astrapi <---Athinaciki <---Atossa <---Atridi <---Attilio Pratella <---Aulos <---Australiano <---Aut <---Aut Aut <---Averno <---Aversa <---Avogadro <---Azimonti <---Azra Erhat <---Bacchiadi <---Baccolo <---Balcani <---Baleari <---Banfi <---Bantù <---Barbéra <---Baroncini <---Barricata <---Bartolucci <---Baschi <---Battista Niccolini <---Battistini <---Bayar-Menderes <---Becattini <---Belfast <---Benedetti <---Benedetto Croce <---Bertone I <---Bezzola <---Biblioteca <---Biblioteca Italiana <---Biblioteca Nazionale <---Biografia di Luigi Ciampolini <---Biografie degli Italiani <---Biovi <---Bissolati <---Bologna <---Bolzoni <---Borgo Sottano <---Borlenghi <---Boschetto <---Bosforo <---Bosnia <---Bramanti <---Brest-Litovsk <---Briand in Francia <---Bulent <---Bulent Ecevit <---Bulent Ulusu <---Bumedien <---Buongoverno Segreto <---Cabrini <---Cacciaguerra <---Caglayangil <---Calais <---Caliscopio <---Camerino <---Canti <---Capii <---Capitano <---Capitolo <---Capitolo dei Capitoli <---Caprile <---Cara Lalla <---Carlo Levi <---Carlo Marx <---Caro Turati <---Carte Ernesto <---Casa Bianca <---Casciaro <---Casorati <---Castellorizo <---Castiglia <---Castro del Mediterraneo <---Catalonia <---Catalucci <---Cee <---Celal Bayar <---Cemal <---Cemal Gursel <---Cemal Pascià <---Cenni <---Centopagine <---Centrale di Firenze <---Centro <---Che ha combattuto nella guerra santa contro gli infedeli <---Chiantore <---Chimica <---Chiswick <---Cia <---Ciampolini <---Cinquantacinque <---Circondario di Firenze <---Ciropedia <---Citiamo <---Civiltà <---Claude Lorrain <---Clinica <---Codignola <---Collana <---Colletta <---Comando <---Combray <---Commonwealth <---Comune di Parigi <---Comunità <---Con Pettazzoni <---Confederazione Generale del Lavoro <---Congresso di Bologna <---Coro <---Corriere <---Corriere del Giorno <---Corriere del Ticino <---Corriere della Sera <---Cosi in Maria <---Costantino a Johnson <---Costantinopoli <---Costituzione <---Costituzione Evren <---Così <---Courbet <---Creta <---Crimea <---Crizia <---Croazia <---Cronologia <---Cumhu <---Cumhuriyet <---Cuneo <---Cuneo Provincia Grande <---D'Alcide <---D'Azeglio <---Damocle <---Dardanelli <---De Lorenzi <---De Maistre <---De Martino <---De Nittis <---Dei <---Dekella <---Del Fibreno <---Del Gandini <---Delacroix <---Demetra <---Demonte <---Denis Diderot <---Di Cagno <---Didimo Chierico <---Didot <---Die <---Dietro Makarios <---Difesa Garuf <---Dimensione Democratica <---Dimostratasi <---Dinamica <---Dio <---Diodati <---Diodoro Siculo <---Diplomatica <---Direzione del Partito <---Divisa <---Dodecaneso <---Domenico Morelli <---Donna Livia <---Douglas-Home <---Downing Street <---Duclere <---Dylan Thomas <---E Carlo Marx <---Ebridi <---Ecevit <---Edmondo De Amicis <---Egloge del Sannazzaro <---Eliade <---Elmo Zumwalt <---Emilio Cecchi <---Emilio Martini <---Empoli <---Enciclopedia Italiana <---Engels <---Enver Bey <---Eoka <---Epicuro <---Episkopi <---Erdal Inonu <---Eregli <---Ermeneutica <---Ernesto De Martino <---Erodoto <---Estetica <---Etica <---Etnografia <---Etnologia <---Ettore Fieramosca <---Eubulo <---Eurasatico <---Eurasatico Antico <---Eurasiatico Antico <---Europa-Stati <---Evren <---Expédition <---Ezekias Pa <---Fama <---Federale Turco <---Fenomenologia <---Ferdinando III <---Ferdinando di Pisa <---Fergola <---Fiera Letteraria <---Filippo Pananti <---Filippo Turati <---Filologia <---Filosofia politica <---Finley <---Fisica <---Foot Moore <---Forli <---Formosa <---Forteguerriana di Pistoia <---Forze <---Fra Cristoforo <---Franca Gazzarri <---Francesco Benedetti <---Francesco Contarini <---Francesco Ferrucci <---Francesco Giuseppe <---Franco Bertone <---Frassinelli di Torino <---Frazer <---Fulbright <---Fuori <---Gabinetto <---Gaetano Gigante <---Galles <---Gallicia <---Gallipoli <---Gazzetta del Mezzogiorno <---Gazzetta del Sud <---Gentile a Ernesto Codignola <---George Thomson <---Geschichte <---Gev Donc <---Gheftera <---Giacinto Gigante <---Giancarlo Lannuti <---Gianfranco Contini <---Giannessi <---Giansiro Ferrata <---Gigante <---Giordanengo <---Giordania <---Giornale del Mattino <---Giornale di Sicilia <---Giornalisti <---Giovan Battista <---Giovani Turchi <---Giovanni Gentile <---Giovanni Rosini <---Giovanni in Persiceto <---Girolamo Vasari <---Giugno <---Giulio Andreotti <---Giuseppe Ajazzi <---Giuseppe Peano <---Gizikis <---Già nella Penombra <---Glafkos Clerides <---Gli <---Gli Stati Uniti <---Golfo Persico <---Goti <---Gramsci <---Grande <---Grande Guerra <---Grande Selva <---Greci <---Greci Bucolici <---Grecla <---Grillandi <---Gromiko <---Grosso <---Guarda Turati <---Guerra Enver <---Gumbrecht <---Gursel <---Haarlem <---Hatay <---Hesse <---Iambulo <---Iconografia <---Il Bimestre <---Il Contemporaneo <---Il Corriere <---Il Galateo in Bosco <---Il Gazzettino <---Il Giornale <---Il Giornale Nuovo <---Il Giornale del Mattino <---Il Giorno <---Il Leopardi <---Il Messaggero <---Il Nostro Tempo <---Il Nuovo <---Il Piccolo <---Il Popolo Nuovo <---Il Punto <---Il Resto del Carlino <---Il Secolo <---Il Tempo <---Il castoro <---Il segretario di Stato <---Ilhknmata <---In Italia <---In Turchia <---Incom Illustrata <---Inonu <---Interni Serit <---Interni Talat <---Ippia <---Iran <---Isik <---Ismet Pascià <---Isnardi Parente <---Isole Britanniche <---Istanbul <---Italia Meridionale <---Italia che scrive <---Iugoslavia <---Jacovaki Rizo Nerulos <---James Callaghan <---Jan May <---Jean Daniel <---John Hamilton <---John Middleton <---Johnson Cyrus Vance <---Johnston <---Journey Through <---Kechan <---Kefauver <---Kemal Ataturk <---Kemal-Ataturk <---Kenan Evren <---Kienthal <---Kissinger <---Kokkina <---Kolias <---Krilenko <---Krusciov <---Kurdistan <---Kyp <---Kyrenia <---La Chiesa Cattolica <---La Civiltà Moderna <---La Critica <---La Domenica del Cor <---La Federazione <---La Fiera Letteraria <---La Fleur <---La Gazzetta del Popolo <---La Gran Bretagna <---La Iotta <---La Notte <---La Nuova Italia <---La Penombra <---La Rassegna <---La Rassegna Nazionale <---La Repubblica <---La Rocca <---La Russia <---La Sardegna <---La Spagna <---La Spagna Centrale <---La Spagna Meridionale <---La Spezia <---La Stampa <---La Terza <---La Torino <---La Venere Italica <---La guerra <---La lotta <---La sera <---Labour Party <---Lalla Romano <---Lamarra <---Lapith <---Laudati <---Laurence Sterne <---Le Monnier <---Leeuw <---Lefka <---Lelkoniko <---Lenin <---Lettere <---Lhote <---Libano <---Libreria <---Libri <---Liguria <---Limassol <---Lionello Venturi <---Lira <---Lisiani <---Loescher <---Londra <---Longobardi <---Lord Guilford <---Lorenzo Borsini <---Lospinoso <---Ludovico Ariosto <---Luigi Bassi <---Luigi Ciampolini <---Lupi grigi <---Lxiv <---Léon Morin <---Lévy <---Lévy-Bruhl <---Ma Johnson <---Ma Tetto <---Ma Zeus <---Machiavelli <---Madama Susanna <---Madrid <---Magdalena Rufer <---Maina <---Mandarino <---Manifesto dei comunisti <---Manlio Brosio <---Mansfield <---Mansura <---Maometto <---Mar Rosso <---Marabini <---Marcantonio Bragadin <---Marchese <---Marchese Alfonso <---Marchiaro <---Mare <---Mare di Levante <---Margherita Isnardi Parente <---Maria di Moulins <---Marmara <---Marocco <---Marzorati <---Massimo Robersi <---Max Miiller <---Max S <---Max S Johnson <---Maynaud <---Meditatela <---Meditatele <---Megara <---Mehmed <---Mehmed V <---Mehmed VI <---Mergellina <---Meridiana <---Mesdames <---Mesopotamia <---Messaggero Veneto <---Michele Cammarano <---Middleton Murry <---Milano Sera <---Milano-Sera <---Milliyet <---Miola <---Missolungi <---Miti <---Momento Sera <---Mondadori <---Monotheismus <---Montreal <---Montreux <---Monumenti del Giardino Puccini <---Moreniana <---Morgari <---Morphou <---Mosca <---Mossul <---Moulins <---Murcia <---Mursia <---Musicologia <---Mussolini <---Mustafa Kemal <---N.A.T.O. <---Natalino Sapegno <---Nationalreligion <---Nato di Franco Bertone <---Nazionale Centrale <---Nazioni <---Neues Deutschland <---Niccolò <---Niccolò Puccini <---Niccolò Tommaseo <---Nicola Barbato <---Nicolai Podgorni <---Nicos Sampson <---Nihat Erim <---Nihat Erum <---Noi in Italia <---Nord <---Nord Eurasiatico Antico <---Nordafrica <---Normanni <---Nostro Tempo <---Notarbartolo <---Nuova Guinea <---Nuova Italia <---Nuova Rivista Storica <---Nuovasocietà <---Nuovi Argomenti <---Nuovi Coralli <---Nuovo Corriere <---Nuovo Mondo <---Né Millerand <---Occhio <---Ordine Nuovo <---Orsucci <---Orsucci-Dini <---Ottica <---Ovest <---Paesaggio di Gaetano Gigante <---Paese Sera <---Paesi Bassi <---Paffenhoffengelter <---Pagnini <---Palagi <---Palestra Ginnastica <---Palizzi <---Panno <---Panoptico <---Panorama <---Paoluzi <---Papandreou <---Papandreu <---Paride Zajotti <---Parlamento di Atene <---Particolo <---Partiti in Europa <---Partito del Millet <---Passionnément <---Pavese <---Peano <---Peloponneso <---Persiani di Eschilo <---Persiceto <---Personé <---Pesenti <---Pestratto <---Petite <---Petruolo <---Pettazzoni <---Pettazzoni a Ernesto Codignola <---Piacenza <---Piano Acheson <---Piatti <---Piazza Nuova <---Pie Fiorentine <---Pietro Aretino <---Pietrogrado <---Pigmoide <---Pignotti <---Pigorini di Roma <---Pincarico <---Pirenei <---Pireo <---Pistoia <---Pitloo <---Podrecca <---Polaris <---Polinesia <---Polls <---Ponente <---Ponte Stura <---Poriginaria <---Posillipo <---Postiglione <---Pralève <---Preoc <---Presso <---Procaspio <---Proletari di tutti i paesi unitevi <---Prosa <---Protagora <---Provincie Unite <---Puglia <---Pullini <---Pure <---Purg <---Purgatorio <---Pvm Convegno Volta <---Quale <---Raccolta <---Raffaele Pettazzoni <---Rauf Denktash <---Reale Ferdinando <---Rebellato <---Reggio Emilia <---Religion in Geschichte <---Religione nella Grecia <---Renato Cartesio <---Renoir <---Richelmy <---Rigoroso <---Rinascita <---Rivista di Firenze <---Rivoluzione Francese <---Rizokarpaso <---Roma-Bari <---Roma-Napoli <---Romanistentag <---Roncisvalle <---Rotosei <---Saint Pierre <---Salonic <---Salvatorelli <---Samotracia <---Samsun <---San Francisco <---Sansoni <---Santoli <---Sanvitale <---Saraceni <---Scheidemann <---Schlieben <---Schlieben-Lange <---Schmidt <---Schopenauer <---Scienze naturali <---Scienze politiche <---Scipione Casali <---Scuola di Posillipo <---Scuole <---Seassaro <---Seassaro di Milano <---Secolo XIX <---Senato <---Sentimental Journey <---Serbia <---Sereni <---Serit Ku <---Serit Kubat <---Sestini <---Settimana Incom <---Settimo Giorno <---Seychelles <---Sezione di Milano <---Sia a Nicosia <---Siberia <---Sicilia <---Sicilia Centrale <---Sicilia del Popolo <---Signor Gottardo <---Sir Gualtero Scott <---Sistematica <---Smirne <---Società <---Sociologia <---Sociologia politica <---Solo risponde Amor <---Solo risponde amor <---Solone <---Spagnuoli <---Spitzberg <---Stampa <---Stampa Sera <---Stamperia <---Stamperia Granducale <---Stato Acheson <---Stato Federale <---Stato Kissinger <---Stato di Firenze <---Stato nello Stato <---Statò <---Stefanopulos <---Sterne <---Storia del Risorgimento <---Storia religiosa <---Storiografia <---Studi <---Studi Etruschi <---Sua Altezza <---Sud <---Sud America <---Sud dell'Alleanza Atlantica <---Sulla <---Sulliotti <---Sunday Times <---Supercoralli <---Surdich <---Sèvres <---Ta Nea <---Talat Pascià <---Taylan Ozgur <---Tecnologia <---Teognide <---Teologia <---Terzo Reich <---Testi <---Tetto <---Theorien <---Thomas Edward Lawrence <---Through France <---Timpaldo <---Tommaseo <---Tracia Orientale <---Trattato di Losanna <---Tremelloni <---Trimiklini <---Tristram Shandy <---Trois <---Trotzki <---Tucidide <---Tullio Vecchietti <---Tuomioja <---Turchia di Kemal Ataturk <---Turehia <---Turgut Ozal <---Tuttolibri <---U.S.A. <---URSS <---Ugo Casalegno <---Ugo Foscolo <---Ugo Mariani <---Ulster <---Umberto Cosmo <---Uniti <---Urbanistica <---Urguplu <---Urmono <---Urmonotheismus <---Urss <---Usa nel Mediterraneo <---Vediamoli <---Venere Italica <---Venizelos <---Verrà <---Via Emilia <---Vianelli <---Vie Nuove <---Viene <---Vieusseux <---Vincenti <---Vincenzo Irolli <---Vincenzo Nannucci <---Visani <---Viso <---Volpini <---Westinghouse <---World Report <---Xavier de Maistre <---Xeros <---Yaschar Kemal <---Yiolou <---Ylediterraneo <---Yltalia <---Zakunine <---Zante <---Zarathustra <---Zeus <---Zeus Lykàios <---Zigdis <---Zimmerwald <---Zulù <---allarmismo <---americanismo <---amerindiana <---anarchismo <---animismo <---antagonista <---anticomunismo <---anticonformismo <---antifascisti <---antifoscoliane <---antikemalista <---antikemaliste <---antitirannismo <---appoggiano <---araboisraeliano <---archeologica <---archeologico <---aristocratismo <---astensionismo <---asturiane <---atavismo <---atlantismo <---attivisti <---auerbachiana <---australiano <---bifrontismo <---cambiano <---capitalismo <---capitalista <---cardiana <---centrista <---centristi <---cialisti <---ciampoliniana <---ciampoliniano <---clericalismo <---collaborazionista <---colonialiste <---cominciano <---comparativismo <---comuniste <---concentrazionisti <---confessionalismo <---conservatorismo <---consigliano <---coristi <---corporativismo <---cosmopolitismo <---costituzionalismo <---cristiane <---cristiani <---cristiano <---crociani <---d'Andalusia <---d'Europa <---d'Indipendenza <---d'Informazione <---d'Otaiti <---decadentismo <---delficismo <---dell'Accademia <---dell'Aeronautica <---dell'Akbaba <---dell'Algeria <---dell'Alleanza <---dell'America <---dell'Anatolia <---dell'Ancora <---dell'Asia <---dell'Assemblea <---dell'Austria <---dell'Edipo <---dell'Egitto <---dell'Ellenismo <---dell'Emilia <---dell'Enosis <---dell'India <---dell'Internazionale <---dell'Io <---dell'Occidente <---dell'Onu <---dell'Ordine <---dell'Ufficio <---dell'Unione <---dell'Università <---dell'Urss <---denunciano <---differentismo <---dinamismo <---eclettismo <---economisti <---egiziana <---egoista <---egualitarismo <---einaudiana <---einaudiane <---ellenismo <---ermetismo <---eroismo <---esclusivismo <---esotismo <---espansionismo <---estremismi <---estremisti <---etimologia <---etnologica <---etnologici <---evoluzionismo <---fanatismo <---fenomenologia <---fenomenologica <---filologia <---futuriste <---ghiana <---giganteggiano <---golpismo <---golpista <---gregoriano <---ideologica <---ideologiche <---ideologie <---illuminista <---imperialiste <---impressionismo <---indiana <---indiane <---individualismo <---indoeuropeismo <---integralismo <---interviste <---iraniana <---islamismo <---israeliana <---italiane <---kemalismo <---kemaliste <---kemalisti <---laconismo <---laicista <---latifondista <---liani <---liberalismo <---licenziano <---lismo <---lista <---maneggiano <---manzoniano <---marxismo <---metodologia <---metodologica <---metodologiche <---metodologico <---militarismo <---militaristi <---mitologiche <---modista <---monoteismo <---moralismo <---morfologismo <---munista <---musicologia <---narcisismo <---nazionalismi <---nazionaliste <---nell'Abbazia <---nell'Africa <---nell'Altopiano <---nell'Anatolia <---nell'Avvertenza <---nell'India <---nell'Iraq <---nell'àmbito <---neoclassicismo <---neoclassicista <---neoclassicisti <---neocolonialismo <---neoidealismo <---neoidealisti <---neorealismo <---neutraliste <---oltranzismo <---oltranzista <---oltranzisti <---opportunismo <---opportunisti <---ottimismo <---pacifismo <---pacifista <---paganesimo <---panellenismo <---parossismo <---particolarismo <---patriottismo <---persiana <---persiani <---pettazzoniani <---pluralismo <---polinesiana <---politeismo <---pompeiana <---pragmatiste <---professionisti <---progressiste <---progressisti <---pronunciano <---proselitismo <---proustiano <---psicologica <---psicologico <---puritanesimo <---putchista <---rassomigliano <---relativismo <---relliano <---revisionisti <---riano <---riformismo <---riformista <---riformisti <---rinviano <---rispecchiano <---romanisti <---schiavismo <---schiavista <---sciste <---semplicismo <---sentimentalismo <---servilismo <---siana <---siciliano <---sindacalismo <---sindacalisti <---siriana <---socialista <---socialpacifisti <---sociologia <---sociologiche <---sofista <---sperimentalismo <---sterniani <---stiani <---storicista <---sull'Avanti <---tacciano <---tecnologia <---tecnologiche <---teologia <---terrorismo <---terrorista <---tipologico <---tismo <---totalitarismo <---universalismo <---variano <---vedutismo <---vedutisti <---verdiano <---volontaristi <---zariste