→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Spagna è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 387Analitici, di cui in selezione 15 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Analitici)


da Alan Lomax, Nuova ipotesi sul canto folcloristico italiano nel quadro della musica popolare mondiale in KBD-Periodici: Nuovi Argomenti 1955 - 11 - 1 - numero 17

Brano: [...]
Formulati questi avvertimenti non mi resta che presentare il. mio sistema di classificazione, fornendo in ogni caso, ad illustra zione della mia tesi, almeno un esempio registrato.
Ecco dunque la lista preliminare dei principali stili musicali in quelle regioni del mondo di cui sono riuscito ad avere registrazioni.
1) Eurasatico (Eurasiatico).
Quest'area comprende l'Irlanda, parte delle Isole Britanniche e della Francia, i Paesi Bassi,.. la Spagna (a sud dei Pirenei), l'Italia
NUOVA IPOTESI SUL CANTO FOLCLORISTICO ITALIANO 115
(a sud dell'Emilia), l'Egitto, parte della Jugoslavia, l'Ungheria, la Romania, la Grecia meridionale, l'Africa Araba, il Medio Oriente, l'India, l'Indonesia, la Cina e il vicino Giappone (escluso l'Ainu). Incapsulamenti di musiche di tribù e primitive in questa vasta zona si dimostreranno in molti casi estranei a questa famiglia eurasiatica che comprende la musica folcloristica e colta del mondo classico e dei grandi imperi del passato.
La musica di questa vasta area è caratterizzata dalla monodia, dall'unison[...]

[...]i, come la Cina, praticamente non esisteva al livello del popolo. Tutta quest'area ha una lunga tradizione di schiavismo, servitù della gleba, sfruttamento da parte di implacabili aristocrazie. La condizione della donna, ancorché essa sia spesso idealizzata, non è mai di eguaglianza, anzi, specialmente in oriente, equivale alla schiavitù.
2) Eurasatico Antico.
Quest'area comprende le Ebridi, il Galles, la Cornovaglia, regioni della Francia, la Spagna (a nord dei Pirenei), l'Italia (a:. nord degli Appennini), le Alpi, la Germania (?), la Cecoslovac
116 ALAN LVMAA
chia, parte della Bulgaria e della Romania, la Russia meridionale ed il Caucaso, tribù primitive dell'India, parte del massiccio dell'Himalaya. Essa si estende anche più ad oriente; certamente anche nella Scandinavia e in Siberia ma non ho potuto ottenere materiale relativo a queste regioni.
In tutta questa zona il canto e la danza sono fondamentalmente corali. La voce viene emessa con la gola rilassata mentre la espressione del volto è vivace e mobile. Le melodie sono relativa[...]

[...]munale. La condizione della donna é di eguaglianza nel proprio campo e l'atteggiamento di fronte ai problemi del sesso é più liberale.
3) Americano Coloniale.
Oltre alle tribù indiane e alla popolazione afroamericana già descritta, quest'area comprende tutti i territori coloniali. Gli stati musicali in queste colonie corrispondono nell'insieme a quelli delle culture europee. In generale l'area ha carattere eurasiatico dato che l'influsso della Spagna e della Gran Bretagna vi predominano. In queste descrizioni bisogna sempre ricordare l'esistenza di svariate zone di frontiera e di speciali casi di assimilazione.
NUOVA IPOTESI SUL CANTO FOLCLORISTICO ITALIANO 117
4) Pigmoide.
Piccoli gruppi di tribù nell'Africa Centrale e sudoccidentale, nell'India centrale, nella regione centrale di Formosa e indubbiamente in altre aree di cui manca la documentazione.
Il concetto di cooperazione raggiunge qui la sua estrema espressione. Non solo il canto é concepito come attività di gruppo ma le melodie sono di frequente spezzettate in brevi frasi, ogn[...]

[...]CANTO FOLCLORISTICO ITALIANO 121
laddove in Africa Orientale esso ha grandemente aumentato le preesistenti tendenze polifoniche. Gli strumenti melodici eurasiatici, come il violino, la lira, ecc. in Africa servono soltanto a scopi ritmici. Sembra che la cornamusa tenda a stimolare gli esperimenti di polifonia vocale in regioni dove essa esisteva già, come ad esempio in Iugoslavia e tra le comunità slave dell'Italia meridionale, mentre invece in Spagna e nelle Isole Britanniche, essa ha accentuato lo stile vocale monodico.
Gli strumenti sono parte della tecnologia della musica e possono diffondersi senza modificare in profondità lo stile musicale delle aree da essa invase. Lo stesso si può dire per quanto riguarda le melodie, la poesia, i sistemi di armonia e i ritmi. L'africano moderno ha adottato in anni recenti tutti questi elementi dall'Europa, ma ad onta di ciò, il carattere della sua musica rimane africano. Tale tesi sarà rafforzata quando saranno possibili più approfondite ricerche sugli incroci di culture musicali.
Veniamo quindi [...]

[...]o dedicati ad una rassegna della musica folcloristica spagnola e furono integrate da osservazioni fatte nel corso delle registrazioni su nastro, in ogni parte del paese, dei diversi stili musicali. Cinquantacinque ore di registrazione e un anno di svariate indagini hanno contribuito a perfezionare le mie conclusioni. Ed é appunto un sommario delle mie nuove esperienze che, dopo un lungo ma essenziale preambolo, intendo presentarvi ora.
PARTE I SPAGNA
Lasciando da parte le isole Baleari che presentano speciali problemi, la Spagna si può dividere in tre principali aree stilistiche: il sud, il centro e il nord. Il sud comprendente l'Andalusia, la Murcia, Valencia e parte della Castiglia è Eurasiaticomonodico con voci stridule ed acute emesse da un'ugola tesa, con espressione facciale tormentata. Le melodie sono lunghe, zeppe di motivi ornamentali e il loro umore varia dal tragico al nostalgico; le danze sono improvvisazioni a solo o a due, vibranti, appassionate o di una allegria irresistibile. Sia le danze che il canto sono manifestazioni altamente artistiche e virtuosistiche, come nel mondo arabo. La Spagna Meridional[...]

[...]a e parte della Castiglia è Eurasiaticomonodico con voci stridule ed acute emesse da un'ugola tesa, con espressione facciale tormentata. Le melodie sono lunghe, zeppe di motivi ornamentali e il loro umore varia dal tragico al nostalgico; le danze sono improvvisazioni a solo o a due, vibranti, appassionate o di una allegria irresistibile. Sia le danze che il canto sono manifestazioni altamente artistiche e virtuosistiche, come nel mondo arabo. La Spagna Meridionale era parte del mondo mediterraneo nell'epoca classica e successivamente veniva profondamente permeata dalla civiltà araba latrice di nuovi influssi orientali.
Questa regione è stata per lungo tempo suddivisa in grandi proprietà terriere e vi si incontrano estremi di povertà e di ricchezza. Il lavoro era eseguito una volta da schiavi e oggi da contadini che praticamente sono rimasti servi della gleba. Le donne sono vincolate alla casa, come nel mondo arabo, il corteggiamento è difficile, il contatto fra i sessi strettamente sorvegliato, i matrimoni combinati. Il piacere sessuale è [...]

[...]atmosfera è caratterizzata da una gaiezza superficiale che vela una intima malinconia, da un senso di violenza e da terribili manifestazioni di gelosia e trova perfetta espressione nell'arte musicale
NUOVA IPOTESI SUL CANTO FOLCLORISTICO ITALIANO 123
orientale in cui canti e danze sono inestricabilménte fusi. Gli strumenti sono il flauto, il tamburello, la chitarra, il tamburo arabo a sfregamento, le castagnette ed altri strumenti ritmici.
La Spagna Centrale, che comprende l'Estremadura, la Castiglia, il Leon e l'Aragona ha carattere eurasiatico con tracce Eurasiatico Antico, é stata profondamente influenzata dalla cultura del Medioevo.
Area monodica con qualche manifestazione di unisono eterogeneo. La voce castigliense è più aperta di quella meridionale, ma rimane tuttavia aspra, acuta e stridula. Essa viene emessa con la gola tesa mentre il corpo é rigidamente controllato e la faccia una maschera impassibile. Le melodie sono distese ma non prolungate come in Andalusia e relativamente scevre da motivi. ornamentali. Questa è per eccelle[...]

[...]di quella meridionale, ma rimane tuttavia aspra, acuta e stridula. Essa viene emessa con la gola tesa mentre il corpo é rigidamente controllato e la faccia una maschera impassibile. Le melodie sono distese ma non prolungate come in Andalusia e relativamente scevre da motivi. ornamentali. Questa è per eccellenza l'area delle ballate, in Europa, e le parole hanno spesso maggiore importanza della musica. I canti di lavoro sono simili a quelli della Spagna Meridionale, lunghi e acuti lamenti di disperazione. Strumenti: la chitarra usata come strumento ritmico, il flauto, il tamburello, un semplice oboe, le castagnette, un primitivo violino e vari strumenti ritmici. Danze sia a due che a gruppi.
Dominata dai romani e conquistata dagli arabi questa è una regione povera, ma ci sono oltre a numerosi latifondi molte piccole fattorie e la povertà é meno grave che nel Sud.
Le donne sono ancora relegate in casa e gelosamente custodite. Il normale contatto tra i sessi è difficile ma non come a Su'd. I bambini godono di una maggiore indipendenza e sono[...]

[...] castighi fisici.
11 Nord, che comprende le regioni a Nord dei Pirenei oltre alla Catalonia é Eurasiatico Antico, con tracce eurasiatiche. Il quadro é ulteriormente complicato dai vincoli celtici della Galizia e dal mistero dei Baschi. Benché ci siano molti tipi di canti assolo, alcuni, come ad esempio l'Asturianada, in un fiorito stile eurasiatico, la maggior parte dei canti e delle danze é corale. Le voci sono più aperte e più gravi che nella Spagna Centrale, più lim pide e occasionalmente squillanti. Molte ottime voci di basso.
Ci sono scarsi segni di tensione vocale; il corpo é rilassato,
124 ALAN LOMAX
l'ugola distesa ma senza sforzo, l'espressione del volto studiata e vivace e, quantunque non particolarmente mobile, né malinconica né fissa. Le voci si fondono facilmente e il canto è spontaneo. Le antiche forme polifoniche sono rare, ma la tendenza alla polifonia è dimostrata dalla facilità con cui i settentrionali hanno adatta,o la moderna armonia alla melodia delle loro regioni. Le melodie sono brevi, disadorne. Breve è anche la [...]

[...]zoni liriche, tenere e leggermente ironiche. Lo stato d'animo espresso è tenero, gaio, ironico, a volte decisamente allegro.
Questa è un'area di piccole proprietà sparse fra le montagne, di villaggetti di pastori e proprietari indipendenti, di città industriali, di miniere e di forti organizzazioni sindacali.
Sfiorata soltanto dalla colonizzazione romana e appena toccata dagli arabi, questa regione fu la base per la riconquista cristiana della Spagna. Ma sotto la superficie cristiana vi sono, molti segni di un passato pagano e di una società comunale, preromana, specialmente fra i Baschi. La condizione della donna è abbastanza indipendente, il corteggiamento è facile e il contatto tra i sessi abbastanza libero. Malgrado i secoli di propaganda ecclesiastica il ritmo delle nascite illegittime in una parte di Gallicia è quasi del 40 per cento e la popolazione non sembra eccessivamente preoccupata del fatto. I bambini sono trattati con grande tenerezza ed acquistano presto una forte indipendenza.
Al momento di lasciare la Spagna avevo accett[...]

[...] i Baschi. La condizione della donna è abbastanza indipendente, il corteggiamento è facile e il contatto tra i sessi abbastanza libero. Malgrado i secoli di propaganda ecclesiastica il ritmo delle nascite illegittime in una parte di Gallicia è quasi del 40 per cento e la popolazione non sembra eccessivamente preoccupata del fatto. I bambini sono trattati con grande tenerezza ed acquistano presto una forte indipendenza.
Al momento di lasciare la Spagna avevo accettato l'ipotesi che potesse esistere una correlazione tra lo stile musicale da un lato e certi fattori sociali, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il grado di libertà nei rapporti sessuali e il trattamento riservato ai bambini. Avevo anche incominciato a scorgere l'importanza della storia politica e culturale, ma quest'elemento sembrava ancora di second'ordine in rapporto ai fattori più fondamentali della struttura sociale e del comportamento sessuale. Mi accinsi quindi a saggiare queste mie provvisorie ipotesi in Italia. Affermare che lo stridente falsetto d[...]

[...]li domande che rivolsi a me stesso nel corso della mia indagine italiana erano le seguenti:
1) Che ruolo ha svolto la storia nella formazione dello stile musicale. 2) Quali sono i processi sociali e psicologici che conducono all'adozione di un certo stile musicale da parte di tutti gli individui di una stessa regione?
PARTE II — ITALIA
L'Italia, ad eccezione della Sardegna, é suddivisa in regioni musicali geograficamente simili a quelle della Spagna, in Nord. Centro e Sud, con il Nord Eurasiatico Antico, il Sud e il Centro eurasiatico con antiche tracce Eurasiatiche antiche. La Sardegna è EA al centro, eurasiatica alla periferia. Anche qui, come in Spagna, il Nord é una regione di voci aperte, di animata espressione, di canti e danze corali e di polifonia in diverse forme antiche e moderne; è anche una zona di proprietari terrieri indipendenti, più prosperi che a Sud, più tolleranti nei riguardi dell'amore verso le proprie donne le quali godono di una condizione di maggiore indipendenza e infine nettamente più tenera nel trattamento riservato ai bambini. A Sud della Via Emilia e all'interno della barriera Appenninica, da Oriente ad Occidente, si entra drammaticamente in una regione di canti assolo e di voci aspre e stridenti. Le donne sono gel[...]

[...]e la gelosia sessuale e la relegazione delle donne in casa, ti
126 ALAN LOMAX
pica degli arabi, diventavano più accentuate, fino al momento in cui, in Sicilia, divenne impossibile registrare il canto delle donne senza l'espressa autorizzazione del marito. Viaggiare nel Sud é un tormento per una persona sensibile tanto è brutale in certe manifestazioni il modo di trattare i bambini in questo mondo ispanoarabico.
In Italia, come, si direbbe, in Spagna, la storia e i sistemi sodali sembrano procedere di pari passo. Per più di 2000 anni il Sud é stato dominato dalla cultura classica e sfruttato da governi imperialistici. I principali invasori, dopo i Romani, provenivano tutti da aree musicali eurasiatiche: i Greci, i Bizantini, i Saraceni, i Normanni, gli Spagnuoli.
Il Centro, tra Roma e Firenze, era occupato dagli Etruschi, un popolo orientale di alta cultura che, a quanta sembra, portò seco il saltarello dall'Oriente. Più tardi la fioritura poetica rinascimentale rafforzò il Centro nel suo attaccamento per la poesia lirica assolo e per le[...]

[...]i. Anche le lagune di Venezia sono caratterizzate da un cantare stridente e dall'assoluta incapacità della gente di cantare polifonicamente o di fondere le loro voci. L'esistenza di queste isole musicali eurasiatiche a Nord si spiega con l'isolamento di comunità che non furono mai invase dai barbari settentrionali e quindi guardavano ad Oriente verso i centri del commercio orientale della regione del Mediterraneo.
L'infanzia nell'Italia e nella Spagna meridionali stabilisce il suo primo contatto con la musica attraverso la madre e la paren
tela femminile. Queste voci, che lo cullano per farlo addormen
tare e girano per la casa mentre le donne sono intente al lavoro, accompagnano il bimbo nella veglia e nel sonno. E ciò che ode
é una voce acuta, una melodia gemebonda, espressione della tragedia del vivere nell'Italia Meridionale, della sua povertà, delle sue tradizioni sessuali, fonte di insoddisfazione e di amarezza. Le
NUOVA IPOTESI SUL CANTO BOLCLORISTICO ITALIANO 129
ninnananne chiedono ai Santi di proteggere il piccino nato in un [...]

[...]e, favorì questo sistema monodico resistendo anzi con tutte le sue forze, per secoli, agli influssi polifonici venuti dal Nord. Nelle montagne della Sardegna abbiamo forse una indicazione del genere di vita e di musica esistente in Europa prima dell'arrivo dell'alta cultura dell'Oriente.
Non so che risultati questa tecnica potrà dare in altre regioni del mondo. A me sembra che essa getti malta luce sulle regioni di cui so qualche cosa : Italia, Spagna e Stati Uniti, e che fornisca indicazioni promettenti quando sia applicata ad altre aree. Pub darsi che il conflitto sessuale non risulti essere quell'area emotiva simboleggiata nella musica di molti popoli primitivi, ma sono convinto che lungo le direttive tracciate in questo studio troveremo una risposta ai più importanti interrogativi che l'etnologia musicale moderna è chiamata ad affrontare.
1) Come spiegare il fatto che gli stili musicali resistono per secoli e millenni mentre ogni altra arte si trasforma?
2) Come comprendere altrimenti le metamorfosi e le strane
sintesi nate dagli in[...]



da Franco Cagnetta, Inchiesta su Orgosolo. Parte prima: Orgosolo antica [e appunti di Ernesto De Martino sul pianto rituale sardo] in KBD-Periodici: Nuovi Argomenti 1954 - 9 - 1 - numero 10

Brano: [...]he, dalla più tenera età, sono costrette a subire.

Nel modo di vestire di ogni giorno le donne orgolesi non si differenziano più da tutte le pastore di Sardegna, ma le distingue sempre ima cura maggiore nel vestito, una dignità di sé scomparsa ormai tra uguali categorie del continente; un portamento severo, un’andatura maestosa. Portano, di solito, una gonna scura marrone

o nera che a diecine di pieghe discende sino ai piedi, come è uso in Spagna; una camicia più chiara abbottonata al collo e ai polsi; larghi mantelli in lana grezza di color marrone o nero, oppur scure mantiglie a larghe frangie, come è uso in Spagna; piedi scalzi, quasi sempre, o sandali; e un fazzoletto che copre sempre il capo e, discendendo per il viso, viene rigirato sotto il naso come tra le donne africane, a ricoprire il labbro e il mento. Il modo di saper restare immobili, pur stando in movimento; il modo di guardare, con impassibile dignità; il modo di camminare sènza gesti scomposti, con classicità, sciolte, eleganti eppur solenni, le fa sembrare quasi statue viventi, monumenti di un antico mondo.

Se vi capita di vedere una donna di Orgosolo nell’antico, ora poco usato, costume del paese, troneggiante al sommo di una scala,
[...]

[...] nel neolitico tra i primi pastori delle steppe dell’Asia centrale, diffusasi per millenni tra quasi tutti i popoli Indoeuropei e Semiticamiti; si può ritrovare oggi, con forme quasi lineari, solo nelle zone montuose più isolate e ad economia unilateralmente pastorizia della Russia (Ciukci, Tungusi, Samojedi, Tartari, Mongoli, Calmucchi, Ostiachi, Kirghisi), della Turchia, della penisola balcanica (Slavi zadruga, Albanesi) e, parzialmente, della Spagna.

Lo studio della organizzazione particolare che ha la famiglia in Orgosolo (e così, seppure con forme più contaminate, in quasi tutti i paesi della Barbagia), costituisce la chiave di volta per una larga comprensione di quasi tutta la locale società. Questa, infatti, si può dire che, per quella propria organizzazione, sia arrestata, o quasi, soltanto alla famiglia: le forme sociali più sviluppate e superiori, che costituiscono invece la nostra società, lo Stato, sono quasi estranee o, solo adesso, iniziano ad intaccarla.

In tutte le terre in cui il suolo si sfrutta in modo primitivo,30[...]

[...]ania occidentale fin dal 1600, più tardi l’Irlanda che arriva sino alle soglie dell’800 ; la Francia sembra averlo perduto nelle regioni più arretrate durante il secolo scorso, e così pure l’Italia settentrionale e centrale; il lamento persiste ancora nelle cosiddette aree depresse, cioè in quelle che non sono pie72

FRANCO CAGNETTA

namente entrate nel processo di industrializzazione, come l’Europa balcanica e danubiana, qualche zona della Spagna, e — per l’Italia

— la Puglia, la Lucania, la Calabria, qualche settore anche abbastanza a nord della catena appenninica (come la Sabina) e, infine, la Sardegna. Nella sua forma generale il lamento funebre è un sistema organico tradizionale e rituale di espressioni foniche (verbali e musicali) e mimiche, sistema che si inserisce nel cerimoniale funerario in momenti critici particolari, e che per il suo interno meccanismo deve essere interpretato come un modo di difesa dall’eccesso parossistico (o addirittura autolesionistico) che l’evento luttuoso scatena nei sopravvissuti, soprattutto le [...]

[...]it. Mon. It. Cart.

Pure al Magini si attiene Vincenzo Coronelli nel suo celebre: Ìsolario descrittivo geografico histonco sacro profano antico moderno politico naturale e pratico ecc. Tomo II delVAtlante veneto, opera e studio del P. Maestro Vincenzo Coronelli, Min. Conv. Cosmografo della Serenissima Repubblica di Venezia e Principe dei Geografi. A spese dell’Autore M.DC.LXXXX.VI. Nella carta:

6) Isola e Regno di Sardegna soggetta al Re di Spagna ecc. Alle pp. 102103.

7) Le Royaume de Sardaigne dressé sur Ics cartes manu scripte s levées dans le Payt par les ingégnieurs piemontois a Paris. (A Messieurs de TAcademie Royale des Sciences). Colloca Orgosolo nell’cc Incontrada di Orani » a confine con il « Judicato di Ulliastro ».

8) Nuova Carta dell’isola e Regno di Sardegna. Opera del R. P. Tommaso Napoli delle Scuole pie colleggiate dell’Università di Cagliari e del cav. Rizzi Zannoni del Buro topografo della guerra presso S. M. il Re delle Due Sicilie.

9) Carta/ dell’isola e Regno / di Sardegna f dedicata f alla Maestà del Re [...]

[...]iu Marrosu era scomparso, e non si sapeva proprio dove. Era andato, forse, a Nuoro per postulare la pensione. Quando stavo per iniziarne le ricerche in tutti i paesi vicini ad Orgosolo era ricomparso all’improvviso facendomi un inchino e, con vivacità persino accresciuta, aveva ripreso il filo interrotto del racconto dall’ultima parola. Io mi auguro che, visti i suoi meriti e riconosciuta la sua grande fantasia, qualche Cavaliere di Sardegna, di Spagna e d’Italia, come egli dice, si convinca che, in qualche modo, si può coronare il suo sogno.

Il secondo vecchio, ziu Carlo Floris o ziu Anzelu Zudeu, è invece un uomo diverso da ziu Marrosu, un calmo, un riflessivo patriarca. Tutto il giorno stava solitario in campagna, sotto una quercia, e con voce grave, con gesti misurati. Se circondato dai figli, dai nipoti, dai pronipoti, lentamente raccontava. La sua piccola mania di andare a caccia di tesori è un quadro serio della grande miseria del paese. Nel suo parlare vi era, di tanto in tanto, un alito di antica poesia quando ricordava i suoi m[...]



da Orlando P. [attribuzione Orlando Parizzi, curato da Danilo Montaldi], Vita di Orlando P. scritta da lui stesso (continuazione del numero precedente) in KBD-Periodici: Nuovi Argomenti 1955 - 11 - 1 - numero 17

Brano: [...]iacchere e si racconta un pò di barzelette e comandiamo un'altro litro sempre noi tre là ve ne sono degI'altri ma a noi non interessano anzi sono io che con la coda degl'occhi guardo uno ad un tavolo che scrive sempre ogni termine delle nostre barzelette e noi si ride perché sono parole scerzevoli e dette al vento tanto per ingannare il tempo e fra queste chiacchere il mio amico fabro mi dice: te che ai fatto la guerra mondiale perché non vai in Spagna a cornbatere ti pagano bene sai — e ride a queste parole cambio i colori della faccia e gli dico : lo so che tu scherzi non potresti andarci te che ai la camicia nera in dosso? E poi a me i spagnoli non mi anno fatto niente anzi lottano per una causa giusta ai letto tu qualche cosa della Spagna? — io no — e allora perché parli così non vedi quello Ià che continua a scrivere
e a me mi da ai nervi perché io lo conosco e lui finge da non conoscermi
e continua a scrivere é meglio piantarla con queste parole beviamo un altro litro e andiamo via di qui prima che succeda qualche baruffa ed infatti tronchiamo le chiacchere e guardiamo quel cliente là — si chiamo l'oste si paga e le domando: viene sempre quell'uomo là a bere? — Io non lb mai visto — grazie, avete visto che io non mi sbaglio andiamo in fondo alla via vi è un'altra osteria forse là staremo in pace — e se ne andiamo e mentre [...]

[...]apo di questi manigoldi ed dico : ma mi ai mandato a chiamare te? Cosa vuoi di me? Io non ó niente da fare con voialtri — dovresti fare solo una firma cosa mi vuoi mandare militare? Io lb già fatto dillo a questo che era con me — e segno Cometti che era il suo Segretario e lui sorride perché mi conosce di vecchia data e di quello che feci a Pesaro. Allora estrae un foglio e si mette a leggere e filo per filo é descritto il famoso discorso della Spagna della camicia nera dell'insulto e della baruffa e poi mi fa: è vero tutto questo? — Sarà ma io non mi ricordo e poi si tratta di una bevuta e parole per iscerzo — non conosci nessuno di questi? — Te ti conosco Cometti — guardili bene tutti quello là nell'angolo é quello di lunedì "— ascoltami Lombardi quello lo conosco per un barbiere ma che
DESCRIZIONE DELLA MIA VITA 181
fosse aI tuo servizio non sapevo — all'ora si avanza quella brutta faccia e mi sferra un pugno che io lo paro allora all'altro fianco ve ne è un altro anche questo cerca da colpirmi nel viso ma io avendo un pò di scuola de[...]

[...] frate entra e il capo scorta le fa noto che è riservato lui invece si siede e offre una sigaretta ai Carabinieri e ne porge una anche a me che io lo ringrazio ma non l'accetto al'ora il frate dice: si vede che ,questo signore è politica e cerca ogni modo per farmi parlare, io vedendo la
184 ORLANDO P.
sua insistenza scoppio con due parole e le dico: padre da bambino in cinema ó visto la rivoluzione spagnola di adulto ò letto l'inquisizione di Spagna scritta da Pietro Arbues credo che un uomo come lei m'abbia compreso — invece il frate insiste da prendere da fumare e io ribatto : vi piace vedermi alle torture voi a fumare liberamente colle vostre mani e giestico lando e me con questi gingilli vi pare che sia una bella cosa infine io non ò ammazzato nessuno e nemmeno rubato — a queste parole dice al capo scorta perché non gli levate i ferri durante il viaggio quando dovrete scendere a 10 chilometri prima della vostra fermata glie li mettete di nuovo, dove è diretto questo signore? — A Palermo col treno e la responsabilità — suggiunge il ca[...]

[...]o e anche per la trasferta recarsi in caserma anche per il controllo e se ne vanno e per me la solita celletta pulita e alla sveglia mi aprono e sono di nuovo con loro vi è il solito vitturino e andiamo alla stazione Sud. Là vi sono tanti soldati io mi stupisco di tutti quei militari e dico al capo scorta : cosa fanno un'altra guerra li vedo equippaggiati con zaino` affardelati mi risponde che aspettano per imbarcarsi quelli sono diretti per la Spagna in aiuto al Generale Franco perché là cié la guerra ma noi invece andiamo giù col treno e loro si arrangeranno io non ne voglio sapere di guerra preferisco questi braccialetti e si monta sul treno e dico ai reali questo viaggio lo faccio quasi per colpa sua se io non avessi detto
188 ORLANDO P.
che fanno bene a ribellarsi gli Spagnoli forsi questo viaggio non l'avrei fatto ecco perché voi mi accompagnate fino a Ustica questo è il motivo della mia condanna ora lo sapete il perché perciò non abbiate paura che scappa e alla seconda stazione cioè a Salerno uno va a prendere il vino e poi si inc[...]



da (Nove domande sullo stalinismo) Palmiro Togliatti in KBD-Periodici: Nuovi Argomenti 1956 - 5 - 1 - numero 20

Brano: [...]nci a domandare se, date quelle critiche a Stalin, e dato che fu Stalin il principale esponente della politica comunista per un intiero periodo, non sia oggi da mettere in dubbio la giustezza di tutti i principali momenti di quella politica, a partire, poniamo, dalla opposizione decisa ai piani dell'imperialismo in questo dopoguerra, risalendo su su, attraverso Yalta e Teheran, al patto di non aggressione con la Germania del 1939, alla guerra di Spagna, ecc. ecc. ecc. e, in altro campo, alle direttive per la costruzione economica socialista e alla lotta contro chi la ostacolava e infine, una volta preso l'avvio — perché no? — sino agli atti decisivi della
PALMIRO TOGLIATTI 111
Rivoluzione d'ottobre, che furono la presa del potere da parte dei Soviet degli operai, contadini e soldati, lo scioglimento dell'Assemblea costituente e la creazione di una nuova struttura politica della società. A coloro che in buona fede accennassero a intender le cose in questo modo, dovremmo dire che sbagliano. Naturalmente, su tutti gli atti attraverso i quali[...]

[...]ne della volontà popolare, e si può quindi aprire un varco sempre più ampio alla manifestazione di questa volontà. Per questo ci muoviamo sul terreno democratico e senza uscire da questo terreno riteniamo possibili sempre nuovi sviluppi. Ciò non vuol dire, però, che non vediamo le cose come sono e che del modo come si svolge la vita democratica nel mondo occidentale (guai, poi, a spingersi un po' troppo in là, in questo mondo, sino a trovarvi la Spagna, o la Turchia, o il Sud America, o il Portogallo, o il sistema elettorale discriminato degli Stati Uniti
116 9 DOMANDE SULLO STALINISMO
d'America, ecc. ecc.!) noi ci dobbiamo fare un feticcio, il modello universale e assoluto della democrazia! Anzi, noi continuiamo a' pensare che la democrazia di tipo occidentale è una democrazia limitata, imperfetta, per molte cose falsa, che richiede di essere sviluppata e perfezionata, attraverso una serie di riforme economiche e politiche. Anche se, dunque, giungeremo alla conclusione che il XX Congresso apre un nuovo processo di sviluppo democratico ne[...]

[...]tro la guerra che si preparava, per tentar di salvare la Repubblica spagnuola, per l'unità del movimento operaio e democratico, ecc. Si stavano creando quelle condizioni che consigliarono poi, nel corso della guerra, lo scioglimento dell'Internazionale comunista.
I processi cui la domanda si riferisce credo si collochino (spiegherò poi il valore di questa limitazione) in questo periodo, mentre si combatteva in Francia per il fronte popolare, in Spagna con le armi, e la politica internazionale dell'Unione sovietica si suol geva con grande efficacia nella difesa della democrazia e della pace. I dirigenti comunisti non avevano nessun elemento che consentisse loro di dubitare della legalità dei giudizi, soprattutto perché sapevano che, sconfitti politicamente e tra le masse, i dirigenti dei vecchi gruppi di opposizione (trotzkisti e di destra) non erano alieni dal proseguire la lotta con mezzi terroristici e questo avveniva anche fuori dell'Unione sovietica. (A Parigi, nel 1934, uno dei migliori nostri militanti, Camillo Montanari, di Reggio E[...]

[...]e era il contrario. All'epoca del VII Congresso (1935), i partiti che si erano rafforzati, che erano uniti e diretti bene, già sentivano che un centro internazionale non poteva fare altro che elaborare giudizi generali sulla situazione e sui compiti del nostro movimento, ma la attuazione politica pratica doveva essere opera dei singoli partiti, affidata pienamente alla loro iniziativa e responsabilità. In questo modo ci si mosse, in Francia e in Spagna, soprattutto, nel periodo delle grandi lotte tra il 1934 e il 1939, durante la guerra e ancora più dopo di essa. Se i comunisti avanzarono nella grande scia della politica internazionale dell'Unione sovietica é perché erano convinti che quella politica fosse giusta, e tale essa era, in realtà.
L'Ufficio di informazione, costituito nel 1947 con compiti ben diversi da quelli che aveva avuto l'Internazionale, fece, essenzialmente, due cose, la prima buona, la seconda cattiva. La prima fu di giustamente orientare tutto il movimento operaio nella resistenza e lotta contro i piani di guerra dell'i[...]



da Franco Fortini, Che cosa è stato il Politecnico in KBD-Periodici: Nuovi Argomenti 1953 - 3 - 1 - numero 1

Brano: [...]ertezze). Si chiedeva una cultura che «prendesse il potere ». E in forma volutamente ingenua si esprimeva così quella certa unione di pragmatismo e marxismo che sarebbe stato i? tratto più appariscente del secondo Politecnico, quello in forma di rivista. Ma, al tempo stesso, c'era, dichiarata subito, l'assunzione d'una «cultura» genericamente antifascista come possibile punto di partenza: di qui il richiamo, fin dal primo numero, della guerra di Spagna, per il suo grande patetico di rivoluzione tradita dov'era confluito tutto l'antifascismo mondiale. Il romanza di Hemingway sulla guerra di Spagna cominciava ad esser pubblicato a puntate fra le sbarre rosse e nere, come una bandiera di anarchici, del settimanale; però i tagli operati allora nel testo del romanzo, se non valsero a scagionare Vittorini di fronte ai suoi dirigenti di partito dall'accusa di eccessiva amore per quel « decadente » scrittore americano, stanno a dimostrare come non si volesse guardar troppo da vicino a quella guerra di Spagna, che, pur era stata la drammatica prova dell'Intelligenza di sinistra.
Ma subito, al secondo numero, una citazione di Lenin sconsigliava i politici dal distrarre uno specialista culturale con immediati compiti politici; come se il giornale avvertisse subito il pericolo di essere impiegato come bruto strumento di propaganda. La si vide, in redazione, alle proteste violente suscitate da una assai infelice interpretazione classista dell'opera del Manzoni, pubblicata anonima, (e dovuta, si disse, a E. Sereni). Si discuteva molto, in redazione; Vittorini, poco amante delle dispute e temperamento [...]

[...]lettuali e il Partito Comunista fing ndo di dimenticare che quel problema aveva dei precedenti storici e che quei precedenti si chiamavano non solo teoria del partito secondo Lenin ma storia del pensiero rivoluzionario marxista e non marxista fino a Lenin, e non leninista fino al 1924, e non stalinista dopo il 1924, storia insomma dei rapporti fra gli intellettuali e i partiti operai, in tutto il mondo, nell'ultimo mezzo secolo; che la guerra di Spagna aveva pur avuto, in questo senso, una sua storia; che la storia degli intellettuali comunisti e non comunisti in Unione sovietica, in Germania, in Cina, aveva pur qualcosa da insegnare. Gli uni e gli altri paiono invece preoccupatissimi di non estendere la discussione là dove solo avrebbe un senso, cioè sul terreno storicopolitico. E poi sembra impossibile che Vittorini, nelle righe più appassionate della sua Lettera a Togliatti ((pando discorre della rivoluzione che ha come fine l'individuo, quando dice di sperare in una rivoluzione straordinaria, o parla dell'occhio vitreo del Partito, o ri[...]



da Tullio Vecchietti, Da Cipro a Atene in KBD-Periodici: Rinascita 1974 - 7 - 26 - numero 30

Brano: [...]ella distensione internazionale e della sicurezza del mondo e quindi anche degli stessi paesi socialisti, con l'Urss alla testa, se non si realizza una situazione nuova, anche con l'attuazione dello stretto rapporto d'interdipendenza che c'è fra sicurezza e democrazia. E' un rapporto valido in ogni parte del mondo, ma che ha un valore particolare nel Mediterraneo. Non c'è bisogno di tornare indietro, al Mare nostrum di Mussolini e alla guerra di Spagna per dimostrarlo: basta solo riflettere sulla funzione eversiva che hanno assolto i colonnelli greci col golpe a Cipro, in coerenza con la logica del loro regime fascista, che da tempo era presente nel gioco internazionale delle « trame nere » anche in Europa e in particolar modo in Italia.
Emerge a questo punto, in tutto il suo valore, ai fini anche della pace e della sicurezza nel Mediterraneo, il crollo del regime dei colonnelli, se porterà a un vero ritorno della Grecia alla democrazia. Nella nuova situazione, infatti, il sacrificio di Makarios sull'altare del compromesso con la Grecia pe[...]

[...]arsi di Makarios, salvando solo la faccia. In questa nuova e complessa situazione, la tregua e la conferenza di Ginevra dovrebbero almeno essere l'occasione per il governo italiano di assumere una funzione attiva, di premere e d'intervenire politicamente per tutelare la sicurezza dell'Italia.
Si tratta di fare quella politica che oggi diviene possibile per la caduta. del fascismo in Portogallo, per il rapido logoramento del regime franchista in Spagna e per il crollo dei. colonnelli in Grecia. Per la prima volta cioè, dopo lunghi e pesanti decenni di esperienze catastrofiche f asciste, il Mediterraneo può diventare nuovo punto di incontro di ben diverse esperienze che vanno da quelle socialiste in Europa a quelle progressiste del mondo arabo, destinate a un pacifico confronto con gli stessi nuovi regimi democratici in via di costituzione in Portogallo, in Grecia
e domani nella stessa Spagna e che potrebbero guardare all'Italia come punto di riferimento e d'elaborazione nella nuova politica mediterranea di pace, sulla quale possano convergere tutti i paesi rivieraschi.
E' in questa prospettiva che il nostro saluto e la nostra riconoscenza ai democratici e ai compagni greci vanno oltre la necessaria solidarietà per assumere un valore più precisamente politico. Per loro come per tutti i democratici dei paesi mediterranei europei, si apre per la prima volta in questo dopoguerra la strada per fare della democrazia, della distensione e della pace un insieme indissolubile in modo che [...]



da Ercoli [Palmiro Togliatti], Classe operaia e partecipazione al governo in KBD-Periodici: Rinascita - Mensile ('44/'62) 1944 - numero 1 - giugno

Brano: [...]r la indipendensa degli Stati nazionali gli operai in Francia, in Germania, in Italia, appoggiarono i gruppi progressivi della, borghesia di ogni paese, Ma nel periodo storico attuale le caste capitalistiche più reazionarie hanno tradito l' interesse della nazione, sia, come in Italia, rinnegando tutte le tradizioni nazionali e portando il paese alla catastrofe per realizzare imprese di rapina nel loro esclusivo interesse egoistico, sia, come in Spagna o in Francia, schierandosi dalla parte di un invasore straniero al quale le univa, contro la nazione, una solidarietà reazionaria criminosa. Mussolini, come sempre, ha voluto avere anche in questo campo un primato. Prima ha gettato l' Italia nell'abisso, e poi l'ha vilmente tradita, mettendosi al servizio diretto dei suoi aggressori.
II fatto che non soltanto nelle regioni occupate del nostro paese, ma in Francia, in Jugoslavia e negli altri paesi invasi e soggiogati da Hitler, sono i lavoratori, gli operai, e in prima linea gli operai d'avanguardia, che combattono in prima fila per la difes[...]

[...] fascismo, non solo c dal basso s, dal di fuori, ma anche c dall' alto s, dal seno del governo. Ciò che noi facciamo è, nelle condizioni di guerra, di catastrofe nazionale e di pericolo di rinascita fascista, un' applicazione originale e nostra di quella proposta di creare dei governi di un fronte nazionale antifascista che venne avanzata nelle file del movimento comunista sin dal 1935 e che trovò la prima realizzazione nel corso della guerra di Spagna, dove servì ad assicurare, in condizioni difficilissime, l' eroica resistenza dçl popolo spagnuolo per quasi tre anni al tentativo fascista di distruggere la sua libertà.
Mentre il vecchio riformismo socialdemocratico
e sciovinista andava al potere oppure chiedeva di andarvi per servire l' imperialismo e preparare o condurre guerre di espansione e rapina, contrarie agli interessi del popolo, noi partecipiamo al governo, dopo il crollo dell' imperialismo italiano, per condurre una guerra giusta e santa, nell'interesse vitale del popolo e di tutto il paese.
Mentre la partecipazione al poter[...]



da Osvaldo Bayer, Il cimitero dei generali prussiani in KBD-Periodici: Belfagor 1984 - 3 - 31 - numero 2

Brano: [...] le ha vinte contro il suo stesso popolo e le sue inquietudini.

La filosofia del maresciallo di campo prussiano conte Colmar von der Goltz è ancora presente nella classe militare argentina. Chi è questo « filosofo »? Egli presenta se stesso, a figura intera, nel libro Impressioni del mio viaggio in Argentina (Berlino 1911). Vi descrive la sua visita a quelle terre invitato, nel 1910 ai festeggiamenti per il centenario della liberazione dalla Spagna. Erano già trascorsi nove anni dall’adozione del servizio militare obbligatorio auspicato da Riccheri. Von der Goltz scrive:

Tutti i festeggiamenti argentini hanno avuto un carattere serio e solenne (...). In questo senso il potere armato ha avuto un ruolo di protagonista con i suoi picchetti e con le sue guardie d’onore, le scorte, le bande di musica, ecc. Battaglioni di scolari hanno sfilato per le strade dando espressione — e vorrei proprio descriverla così al militarismo, che in Argentina è molto latente,IL CIMITERO DEI GENERALI PRUSSIANI

129

poiché nello straordinario progress[...]

[...]a nel 1976 di un prigioniero politico argentino: il professor Roberto Bergalli, specialista inIL CIMITERO DEI GENERALI PRUSSIANI

141

criminologia, arrestato per ordine di Harguindeguy. Il crimine del professor Bergalli consisteva nell’aver difeso con coerenza i diritti umani. Dopo il suo arresto fu sottoposto a brutali castighi nel carcere de La Piata. L’ultima volta che fu picchiato ne usci in grave stato. Sia in Germania federale che in Spagna che in Italia, il professor Bergalli è conosciuto negli ambienti universitari dove ha tenuto delle lezioni della sua disciplina. L’Università di Colonia incaricò la professoressa Kaufmann di andare in Argentina e di chiedere li, a Videla e ad Harguindeguy, di concedere il visto di uscita al detenuto. L’Università di Colonia aveva deciso di designarlo come cattedratico nel suo claustro. A Buenos Aires la professoressa parlò con Harguindeguy. Costui promise che « si sarebbe occupato del caso ». Dopo circa sei mesi senza ulteriori notizie, la professoressa Kaufmann scrisse al generale argentino [...]



da Libri ricevuti in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - novembre - 30 - numero 6

Brano: [...], Bruxelles, Complexe, 1979, pp. 424. I saggi raccolti in questo volume da Helbo e affidati a studiosi anche di prestigio internazionale (Sebeok, Segre, Arrivé ecc.) vogliono garantire un bilancio delle aree di ricerca e delle tendenze attuali della semiotica in tutti i paesi in cui questa scienza si è sviluppata. I paesi rappresentati sono: Belgio, Brasile, Canada, Cecoslovacchia, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Romania, Spagna, Stati Uniti, Svizzera, Turchia, Unione Sovietica.
Il saggio introduttivo di Sebeok traccia una cronistoria generale della semiotica considerata nelle sue varie componenti, ma sembra peccare di capanilismo statunitense per lo spazio riservato a questo paese e la maniera piuttosto frettolosa di affontare la rassegna degli studi europei. Abbastanza approfondito e chiaro l'intervento di Helbo a proposito del Belgio, mentre piuttosto deboli sembrano i resoconti della situazione in Brasile, Danimarca, Polonia, Cecoslovacchia e Turchia: forse si sarebbe potuto dire qualcosa in più almeno per la Da[...]

[...]re piuttosto deboli sembrano i resoconti della situazione in Brasile, Danimarca, Polonia, Cecoslovacchia e Turchia: forse si sarebbe potuto dire qualcosa in più almeno per la Danimarca e il Brasile. Brodeur e Pavel curano la presentazione del Canada che si trova al centro di spinte diverse: la semiotica di ascendenza filosofica (Peirce e Morris) da un lato e di ascendenza linguistica (Saussure) dall'altro. Lo scarso sviluppo di questa scienza in Spagna è giustamente attribuito da A. Yllera all'isolamento politico e culturale di questo paese durante il franchismo. Non è chiaro poi perché i lavori francesi sono presentati da due autori (Coquet e Arrivé) in due intterventi distinti che non presentano alcuna interdipendenza cronologica né omogeneità. Segre cura il panorama italiano: l'autore è estremamente puntuale nel delineare la situazione prestrutturalista, ma diventa inspiegabilmente frettoloso nell'ultima sezione pro prio quando entra nello specifico degli studi di semiotica. Molto lucido il bilancio tracciato dalla Lhoest, per l'Unione S[...]



da Giuseppe Bevilacqua, Varietà e documenti. Dalla valle di Giosafat: Elias Canetti in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - maggio - 31 - numero 3

Brano: [...] vi si insediarono stabilmente nel corso del Cinque e Seicento, essendo riusciti a trovare un pacifico accordo con i dominatori ottomani, al fine di controllare soprattutto il traffico delle granaglie provenienti dalle fertili zone della Valacchia rumena.
Ma Canetti non appartiene a nessuna delle numerose nazionalità che il nome di Rustciúk ci ha già permesso di elencare, la sua gente veniva da piú lontano: aveva lasciato alcuni secoli prima la Spagna per non diventare marrana, per non tradire la fede millenaria che si manifesta anche nel nome biblico di Elia portato da Canetti con tanto orgoglio. In altre parole, Canetti è originariamente un ebreo sefardita.
Venuto alla luce sulle rive del Danubio orientale, la sola lingua della sua prima infanzia fu lo `spaniolo', ossia lo spagnolo arcaico degli israeliti balcanici di origine iberica. Ma i genitori, che si erano conosciuti studenti a Vienna, parlavano pure un'altra lingua, che esercitava, proprio per essere la lingua dei piú segreti conciliaboli dei genitori, un enorme fascino sul picco[...]


successivi
Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Spagna, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---italiano <---Storia <---Pratica <---italiani <---siano <---Ciò <---Ecco <---fascismo <---italiana <---comunisti <---marxista <---socialisti <---Così <---Diritto <---Filosofia <---Francia <---d'Italia <---fascista <---italiane <---marxismo <---Dialettica <---comunista <---fascisti <---ideologia <---mangiano <---socialismo <---socialista <---Gli <---Hitler <---Il lavoro <---La guerra <---Logica <---Mussolini <---Perché <---Poetica <---Repubblica <---Sardegna <---Stato <---Storiografia <---Tecnologia <---Viene <---Voglio <---cristiani <---d'Europa <---dell'Italia <---ideologica <---ideologico <---individualismo <---lasciano <---realismo <---tecnologia <---Albanesi <---Baleari <---Basta <---Calabria <---Castiglia <---De Gasperi <---Dei <---Dio <---Filologia <---Fundales <---Gangas <---Gramsci <---Grande Guerra <---Grecia <---Kafka <---Lanusei <---Lenin <---Linguistica <---Meccanica <---Medio Oriente <---Mi pare <---Nota <---Nuoro <--- <---Ohi <---Oliena <---Oltre <---Orani <---Orgosolo <---P.C.I. <---Papa <---Partito <---Pii <---Più <---Presto <---Puglia <---Pure <---Quale <---Scienze <---Sicilia <---Siniscola <---Sociologia <---Statistica <---Sud America <---Sulla <---Supramonte <---Togliatti <---Tortoli <---Trovo <---Urzulei <---abbiano <---antifascismo <---antifascista <---antifascisti <---artigiano <---cambiano <---capitalismo <---cattolicesimo <---cominciano <---comunismo <---cristiana <---dell'Europa <---denunciano <---etnologia <---filologia <---formalismo <---hitleriano <---idealista <---ideologiche <---ideologici <---imperialismo <---leninismo <---marxisti <---metodologia <---militarismo <---mitologica <---nell'Italia <---opportunismo <---ostracismo <---ottimismo <---pacifismo <---psicologica <---reumatismi <---socialiste <---sociologia <---stiani <---stiano <---storicismo <---terrorismo <---viaggiano <---A Buenos Aires <---Abbiamo <---Abissinia <---Abita <---Accademia Nazionale <---Ademprivio <---Africa Orientale <---Africa del Sud <---Agraria <---Agricoltura <---Agustinu <---Aiutante <---Aiutante-Generale <---Aiutate <---Alasennora <---Albano Harguinde <---Alberto Goddi <---Alberto Lorenzo Padilla <---Alessandra Riccio <---Alexander Mitscherlich <---Allocutiones <---Alpi <---Altolaguirre <---Altri <---Amadeus Mozart <---Amburgo <---Americano Coloniale <---Amerindias <---Amsterdam <---Ana Maria <---Ana Rosa Frigerio <---Andalusia <---Andat <---Andate <---Andiamo <---André Gide <---Angius <---Anna Seghers <---Anno V <---Annuale <---Antico Testamento <---Anton Mayer <---Antonello Trombadori <---Antonio Maria <---Antonio Marrosu <---Anzelu <---Aovara <---Aporti <---Aporti N <---Appenninica <---Aragona <---Arborea <---Archivio di Stato <---Arcocho <---Area <---Argentinien <---Armi <---Arnim <---Arnoul <---Arnpos <---Arrivé <---Artiglieria <---Arzana <---Aspetti <---Asti <---Astiz <---Attraversandola <---Aucun <---Auden <---August Wilhelm <---Augustae <---Augusto Cesare <---Aulos <---Australia <---Australiano <---Auto <---Auxerre <---Avendole <---Avete <---B.V. <---Babilonia <---Badu <---Bahia Bianca <---Baita <---Balbo <---Balcarce <---Bannedda <---Bantù <---Baonei <---Barbagia <---Barbaira <---Baronia <---Baschi <---Base <---Base Navale di Mar del Piata <---Bassu <---Battonia <---Baudissin <---Bauhaus <---Baunei <---Bayer <---Bayer La <---Beduini <---Benché <---Benedette <---Benedetto Croce <---Benedicti <---Benetutti <---Berceto <---Beria <---Berlino <---Bernabè <---Bertolt Brecht <---Bertulli <---Besta <---Bethoven <---Bibliografia <---Bibliopolis <---Biblioteca Adelphi <---Bicyman <---Biduni <---Bismarck <---Bitti <---Bocada <---Boccasavia <---Bodusò <---Boghe <---Bogislaw <---Bologna <---Bonafini <---Boos <---Borutin <---Bovini <---Bracchetto <---Breda <---Brema <---Bresciani <---Bresciani-Borsa <---Brigata S A P <---Britz <---Brodeur <---Bruhl <---Bruke <---Bruno Schacherl <---Buenos Aires <---Bukharin <---Bumedien <---Buongiorno <---Burnham <---Buro <---Busch <---Bynmana <---C.L.N. <---Cacciaguerra <---Cagliari <---Cagliari-Arbatax <---Calendario del Popolo <---Calmucchi <---Camillo Montanari <---Campidano <---Canada <---Cananei <---Canetti <---Cantoni <---Cantu <---Capitolari <---Capoversi su Kafka <---Cappelline <---Cappellino <---Capriotti di Roma <---Carabinieri <---Carlo Clausen <---Carlo Levi <---Carlo Salinari <---Carta <---Carta de Logu <---Cartographica <---Casalis <---Casalmaggiore <---Cassa Malattie <---Catalonia <---Catgiu <---Caucaso <---Cavalleggeri <---Cecoslovacchia <---Cee <---Centenario <---Centro <---Centro Sociale Protestante <---Centro Studi <---Centro di Ricerca <---Cercherò <---Cetti <---Cevolo <---Chagall <---Che Dio <---Che Rosa <---Chez <---Chianti <---Chiesi <---Chirio <---Christu <---Cile <---Cimitero del Parco <---Cinema Roi Solei <---Cinquantacinque <---Cipro <---Clarìn <---Classe <---Clementis <---Codex <---Codice <---Colletta <---Colloca <---Colmar <---Colmar Graf <---Colonia <---Come <---Cometti <---Comitati di Liberazione <---Commandant <---Commissione <---Commissione Interamericana dei Diritti <---Compito <---Complexe <---Comunali <---Concilio di Trento <---Conclusosi <---Cono Sud <---Constitutiones <---Contessi Frigerio Antonieta <---Cordova <---Cornine <---Corno <---Coronelli <---Corraine <---Corraine Nicolò <---Corrias <---Corridore <---Corsi <---Cosa <---Costituzione <---Cova <---Crapoledda <---Creare <---Cremona <---Crepuscolo degli dei <---Creò <---Criminologia <---Crinvellas <---Croazia <---Cugini <---Cultura Popular <---Curatoria <---Danimarca <---Dans <---Dante da Nesio <---De Candia <---Dedurrò <---Del Boca <---Del resto <---Delàcana <---Denkwiirdigkei <---Der Mord <---Desbruissons <---Devilla <---Dewey <---Di Giovanni <---Dichiarazione Americana dei Diritti <---Dico <---Die Geàchteten <---Die Truppe <---Diecine <---Diego Carpitella <---Diego Rivera <---Dietro Makarios <---Difesa <---Dinamica <---Diritti Umani <---Diritto agrario <---Diritto privato <---Ditta <---Diversi <---Domenichino <---Domus <---Donianìcaru <---Donori <---Dorgali <---Dorè <---Dottore Fieschi <---Dovilinò <---Due Sicilie <---Duli <---Dzerginski <---ELIAS CANETTI <---Eam <---Eberhard Schmit <---Eberstein <---Ebrei <---Ebridi <---Ecri <---Egitto <---Egnazio <---Egon Erwin Kisch <---Ehrenfragen <---Eleonora Giudichessa di Arborea <---Elias Canetti <---Elkin <---Eluard <---Engagé <---Entro <---Epistolas <---Epp <---Erich Miihsam <---Erich Muhsam <---Erich Werner <---Ernesto De Martino <---Ernesto Ragionieri <---Ernst Junger <---Ernst Jùnger <---Erzberger <---Esecutivo Nazionale <---Esteban Echeverrìa <---Estetica <---Etica <---Etnologia <---Eufrosine <---Eurasatico <---Eurasatico Antico <---Eurasiatico Antico <---Exilio <---F.O.B.B. <---FIAT <---Fabbrica Argentina di Scarpe <---Falken <---Falkenstein <---Fallait <---Far-West <---Farris <---Federico Barbarossa in Legnano <---Felice Bauer <---Felix Uriburu <---Femmine <---Ferrabot <---Ferrata <---Ferrerò <---Filihaì <---Filippo IY <---Filosofici di Napoli <---Finita <---Finitela <---Firenze N <---Firmò <---Fisica <---Fitti <---Floris Carlo <---Folklore <---Fonni <---Formosa <---Forni <---Forze <---Forze Navali <---Forze di Sicurezza <---Fossas <---Frade <---Francke <---Franco Cagnetta <---Frangieri <---Franz Kafka <---Franz Ritter <---Frate <---Fratelli <---Freikorps <---Freud <---Friederich Freksa <---Frigerio Rosa <---Frutta Fresca <---Ftihrer <---Fuher <---Funtana <---Funtana Bona <---Furio Jesi <---Félix Uriburu <---G.L. <---Gagliani <---Galamòli <---Galanòli <---Galles <---Gallicia <---Gallizzi <---Galloniu <---Gallura <---Galtieri <---Gamisonfriedhof <---Gargano <---Garipa <---Garnisonfriedhof <---Generale <---Generale Arthur <---Generale Belgrano <---Generale Franco <---Generale Gynz <---Generale Louis Triitzchler <---Generale Ludwig Stern <---Generale Triitzchler <---Genovese <---Genovu <---Geografia <---Geografico <---Georg Trake <---Georg Trakl <---George Grosz <---Ghirztauru <---Gianni Ghidetti <---Giappone <---Gigantes <---Ginestra <---Giornalismo e realizzazione artistica nella letteratura sovietica <---Giosafat <---Giovanni Antonio <---Giovanni Corbeddu di Oliena <---Giovanni Maria <---Giovin Signore <---Giubale <---Giudicato di Arborea <---Giudice Federale di Mar del Piata <---Giudice Istruttore <---Giudizio Universale <---Giunta Interamericana di Difesa <---Giunta Militare <---Giuseppe Lovicu di Orgosolo <---Giustizia <---Gnoseologia <---Goccia <---Goltz <---Gonàri <---Gorropu <---Gorthine <---Gortòthihe <---Gorze <---Gossu <---Goti <---Governo Argentino <---Gran <---Granello <---Gregorio I <---Greuter <---Grigioni <---Grignanu <---Grodek <---Gruppi di Amici del Politecnico <---Guardia dei Corazzieri <---Guglielmo Secondo <---Guspine <---Gustav Landaures <---Gutiérrez Ruiz <---Gwiazdowski <---Habeas Corpus <---Hamburg <---Hans Peter Demetrius <---Hans-Heinrich <---Harguinde <---Harguindeguy <---Haroldo Conti <---Helbo <---Helmut Krausnick <---Hemingway <---Henri Bordeaux <---Hermann Broch <---Hilde Kaufmann <---Hindenburg <---Hiroshima <---Hoepner <---Hoss <---Humanité <---Humor <---Idrografia <---Ieggi <---Il Contemporaneo <---Il Machiavelli <---Il V <---Illorai <---Ilodèi <---Ilole <---Imperocché <---In Europa <---In Roma <---Incontrada <---Indicherò <---Infine <---Inghilterra <---Iolai <---Ionghe <---Iontano <---Isaak Babel <---Isole Britanniche <---Isporrai <---Isteòne <---Istituto Ernesto <---Italia Meridionale <---Italiae <---Italianu <---Itinéraire <---Iugoslavia <---Iui <---Iunga <--- <---Jenseits <---Jodl <---John Stuart Mill <---Jorge Aguila <---Josef Kron <---Josef Leifert <---José Felix <---José Félix <---Judicato <---Jugoslavia <---Junger-Borges <---Kapitàn Ehrhardt <---Karamanlis <---Karl Kraus <---Karl Liebknechtì <---Karl Renner <---Keitel <---Khrustciòv <---Kien <---Kiliman <---Korner <---Krupp <---Kuchler <---Kundt <---Kurt Eisner <---Kòrner <---La Chiesa <---La Chiesa Cattolica <---La Commissione <---La Fabbrica <---La Iotta <---La Lingua <---La Nazione <---La Patagonia <---La Piata <---La Piovra <---La Prensa <---La Sardegna <---La Spagna <---La Spagna Centrale <---La Spagna Meridionale <---La Stampa <---La cultura per fl New Deal e contro il New Deal <---La lotta <---La notte <---La sera <---Lafra <---Lamarmora <---Landwer <---Larthiò <---Lasciaron <---Lascio <---Leeb <---Legasa <---Legnano <---Lei-Spano <---Lenardeddu <---Leone XIII <---Leonhardt <---Leonis <---Leontiev <---Lettera a Togliatti <---Lhoest <---Liberazione <---Libertad <---Liebknechtì Klassenbuch <---Liguria <---Lisogòni <---Litteras <---Livonius <---Lobkowicz <---Locoe <---Lodouicu <---Logica formale <---Logu <---Lollove <---Lollòine <---Londra dalla Blitzkrieg <---Longobardi <---Lopàna <---Los Anarquistas <---Loyola <---Lucania <---Lucerdone <---Lugo <---Luiliè <---Lula <---Luporini <---Luppu Raimondo <--- <---Làeutenant <---Ma Canetti <---Mac Leish <---Mac Neice <---Macché <---Machiavelli <---Macht <---Maggiore Friedrich <---Magini <---Majakowskj <---Majore <---Makarios <---Malosa <---Malraux <---Malune <---Malvine <---Mamoiada <---Mamojada <---Manstein <---Manuale di Bukharin <---Manualia <---Manurriè <---Mar del Piata <---Marchesato <---Mare <---Maresciallo dei Carabinieri <---Maria Santissima <---Maria Teodori <---Marina Militare <---Marina Militare di Mar <---Mario Bravo <---Maris <---Mariuzza <---Marocco <---Marrosu Antonio <---Marrosu Giuseppa <---Martires <---Martis <---Maspero <---Masse <---Massera <---Mattiu <---Max Leopold Wagner <---Mayo <---Meglio <---Melanie <---Menghin <---Merguis <---Merleau <---Merleau-Ponty <---Mesina <---Messieurs <---Metafisica <---Mi pare che ci deve stare qualcheduno <---Micacchi <---Michele Rago <---Milanesi <---Milano Bologna <---Mille <---Millecinquecento <---Ministero <---Ministero degli Aìfari Esteri <---Mirages <---Misilmeri <---Modda <---Modena <---Mogli <---Moncalvil <---Monniana <---Monsénori <---Montale <---Montandon <---Monte Pertusu <---Montecarlo <---Montecitorio <---Monumenta <---Mosca <---Mucci <---Mufias <---Murate <---Muravera <---Murcia <---Murgugliai <---Musei <---Musicologia <---Musil <---Mànner <---Mòdlig <---N.B. <---N.N. <---NATO <---Narami in chi abitas a ti naro chi ses <---Nares <---Nazionale di Mar del Piata <---Nell'Altro <---Nell'Unione <---Nesio <---Neuquén <---New Deal <---Nicolaus <---Nistri-Lischi <---Noi <---Nolli <---Nomi <---Non tutti i cosidetti ermetici sono ermetici <---Nord <---Nord Eurasiatico Antico <---Nord Italia <---Norimberga <---Normanni <---Nuoro-Galtelly <---Nuova Guinea <---Nuovi Argomenti <---Nuovo <---Nuovo Mondo <---Nuraghi <---Offizierskorps <---Ogliastra <---Ogni <---Oguitto <---Olavarria <---Oliéna <---Ollolai <---Olmeneta <---Olzai <---Olài <---Omar Riveros <---Onofri <---Onorato Succu <---Oranienburg <---Ordine Nuovo <---Ordine del Duce <---Oreharva <---Organizzazione degli Stati Americani <---Organo <---Orghe <---Orgolasi <---Orgolese <---Orgozzolo <---Orgurui <---Orgòsa <---Oriana Fallaci <---Orosei <---Ortobene <---Orulu <---Orune <---Orùlu <---Oscheri <---Ospedale Militare <---Osporrai <---Ostiachi <---Osvaldo Bayer <---Ottavio Cecchi <---Ottobre <---Ovest <---P.C. <---Padana Trasporti <---Paderna <---Padre Bresciani <---Paesi Bassi <---Pais-Sera <---Pais-Serra <---Palermo <---Pannoni <---Papa Leone <---Parlò <---Parmamento <---Parresto <---Parrochianas <---Parroco <---Partita Comunista <---Partita Socialista <---Partito Comunista <---Passano <---Passassino <---Pasternak <---Patagonia <---Pater <---Patria <---Pauledda <---Paura <---Paurosa <---Pausania <---Pavvertimento <---Payt <---Pcd <---Pelasgi <---Pensiero filosofico <---Perdas <---Perisi <---Persone <---Pertunta <---Pesaro <---Pesce Fritto <---Pesurtosa <---Petersheyde <---Petto <---Pflug <---Pflug-Hartung <---Piacenza <---Piano Marshall <---Piattoli <---Piazzale Corvetto <---Pietro Arbues <---Pigmoide <---Pihisòne <---Pindagine <---Pintos <---Piovra Incarnata <---Pippina <---Piraele <---Piredda <---Pirenei <---Pisanu <---Pitighi <---Pizzighettone <---Po N <---Poblio <---Pochi <---Poli <---Polinesia <---Polizia Federale <---Pontificum <---Ponza <---Pordenone <---Porta Po Vecchia <---Porterra <---Posadal <---Poste <---Posto <---Potere Esecutivo <---Poté <---Pozzomaggiore <---Pradu <---Pratiche <---Pratiquement <---Presso <---Presèttu <---Prozess <---Psicanalisi <---Pum <---Puomo <---Putomajore <---Qui <---Raia <---Raquel Hartrige de Videla <---Ratgeber in Ehrenfragen <---Recatosi <---Reggimento <---Reggio Calabria <---Reggio Emilia <---Registro Civile <---Regm <---Regna <---Regne <---Regne de Sardeyna <---Reichenau <---Reiseeindrucke <---Repubblica Italiana <---Repubblica di Salò <---Repubblica di Weimar <---Repubblica federale <---Restorff <---Rettore <---Rettungsring <---Revocatio <---Riachuelo <---Riccheri <---Ricerca <---Ricorso di Habeas Corpus <---Riforma Gentile <---Rinascimento <---Rinascita <---Ritiratolo <---Ritiratosi <---Rittgen <---Rivoluzione di Ottobre <---Rizzoli <---Roberto Bergalli <---Roccambole <---Rochefoucault <---Rodolfo Walsh <---Rommel <---Rontenuto <---Ropke <---Rosa <---Rosa Ana <---Rosa Ana Frigerio <---Rosa Luxemburg <---Rosbach <---Royale <---Royaume <---Ruggero Manna <---Rundinina <---Russia <---Rùdiger <---S.A.P. <---S.J. <---S.M. <---Saint Fergeaux <---Salvatore Giacomo Graziano <---Salò <---Samojedi <---San Giovanni <---San Pietro <---Sandburg <---Sangre <---Sanna Maria <---Santa Chiesa <---Santa Fe <---Santa Sede <---Santas <---Santiago Omar <---Santissimo Padre <---Saraceni <---Sardaigne <---Sardeyna <---Sardi <---Sardiniae <---Sardinna <---Sardu <---Sartre <---Sarvenas <---Sassari <---Sasso <---Savona <---Sbarberi <---Scano <---Scelsi <---Schobert <---Scienza della politica <---Scienze di Torino <---Scienze naturali <---Sciti <---Scuola Meccanica <---Scuola di Servizio Sociale <---Scuole <---Sebeok <---Secondo Reich <---Seeckt <---Selchow <---Semiotica <---Senato <---Serenissima <---Serra-Sanna <---Servizio Sociale <---Settore B <---Sezione Tombe Temporanee Settore <---Sferracavallo <---Sgir <---Sia in Germania <---Siberia <---Siciglia <---Sicilia Centrale <---Sidonie Nádhermy <---Signor Lombardi <---Sindia <---Sinisgalli <---Siotto <---Sirilò <---Sisini <---Sistematica <---Società <---Società Vittorio <---Sociologia e filosofia <---Soldatenehre <---Soldi <---Sono S <---Sopramonte <---Soràsi <---Sos proprietarios <---Sottosta <---Spagnoli <---Spagnuoli <---Spano Sardagnolo <---Spediscile <---Spender <---Spesse <---Spitfire <---Spohn <---Staff Reitzenstein <---Stalin <---Staline <---Stati <---Stati Maggiori <---Stato di Orgosolo <---Stato di Roma <---Stato nello Stato <---Stazione di Roma <---Stefanini <---Stefano Iacini <---Stilistica <---Stochino <---Storia antica <---Storia contemporanea <---Storia medioevale <---Storia moderna <---Studi Filosofici <---Studio Tesi <---Sua Maestà <---Succu Giovanni Antonio <---Sud <---Suelli <---Sulittu <---Summorum <---Suni <---Super Etendard <---Superiores <---Susùni <---Svizzera <---Sénateur <---Sònnoro <---Tadini <---Talasuniai <---Tanno <---Taramelli <---Taverna Rossa <---Teil II <---Tempelhof <---Tenuto <---Teoretica <---Terra del Fuoco <---Terracini <---Terrasini <---Thanno <---Thyssen <---Tiracatenacci <---Tiraci <---Tirami <---Tirrenide <---Toccumannu <---Tola <---Toller <---Tomus <---Tordine <---Torge Rafael Videla <---Torino <---Tornano <---Torno <---Trattoria <---Tre Stazioni <---Tribunale Federale di Mar del Piata <---Triei <---Trimalcioni <---Trotti <---Tufanin Ruhima <---Tullio Vecchietti <---Tultima <---Turchia <---Turingia <---Typo <---Typographia <---U.S.A. <---Ulliastro <---Umanesimo-Riforma <---Umberto Calosso <---Ungheria <---Unione <---Unirli <---Uno di noi <---Urulu <---Usi <---Ustica <---Vada <---Vaddes <---Vado <---Vado in America <---Valacchia <---Valuzza Giovanni <---Varrone <---Vatdés <---Ventottene <---Verlags <---Verlags-Anstalt <---Vescovo <---Via Carnevale Piccio <---Via Emilia <---Videla <---Vienna di Freud <---Villa S <---Villagrande <---Villagrande Strisaili <---Villanova <---Virgines <---Viros <---Vittarini <---Vittorini <---Vivai <---Volto <---Vorwàrts <---Voyage <---Wart <---Wehrmacht <---Weimar <---Weller <---Weltanschauungskrieges <---Wentzky <---Werner August <---Wieland Herzfelde <---Wolfgang Amadeus <---Wroclaw <---Yalta <---Yettezia <---Yllera <---Yogurth <---Yorck <---Zannoni <---Zeidlitz <---Zelmar Michelini <---Zudeu <---Zulù <---abbracciano <---affacciano <---altopiano <---amerindiana <---anacronismi <---analfabetismo <---antiautoritarismo <---anticomunismo <---antifasciste <---antihitleriano <---antisocialista <---antiterrorismo <---apprendista <---apprendiste <---archeologica <---archeologiche <---archeologici <---archeologico <---archivista <---armamentista <---arrangiano <---arrischiano <---artigiani <---asturiane <---australiano <---aventiniana <---banditismo <---biologica <---bismarckiana <---cacciano <---calvinismo <---camionisti <---capanilismo <---capitalista <---capitalisti <---causalismo <---centesimi <---chista <---classista <---colonialismo <---communiste <---compendiano <---comuniste <---conformismo <---confuciana <---confusionarismo <---coristi <---costeggiano <---cracianesimo <---criminologia <---cristianesimo <---cristiano <---crociana <---crociano <---d'Africa <---d'Ambra <---d'America <---d'Andalusia <---d'Angid <---d'Annunzio <---d'Aragona <---d'Arcos <---d'Austria <---d'Egitto <---d'Itaglia <---damigiane <---danubiana <---dell'Algeria <---dell'America <---dell'Assemblea <---dell'Austria <---dell'Emilia <---dell'Esercito <---dell'Illuminismo <---dell'India <---dell'Intelligenza <---dell'Internazionale <---dell'Ospizio <---dell'Ottobre <---dell'Umanesimo <---dell'Unione <---democristiani <---determinismo <---diano <---differenziano <---dogmatismo <---egiziani <---egoismo <---epistemologica <---eroismo <---esistenzialismo <---esistenzialista <---etimologia <---evoluzionismo <---facciano <---fariseismo <---fasciste <---fatalismo <---feticismo <---feticista <---feudalesimo <---filologico <---franchismo <---frecciano <---frontista <---garibaldinismo <---genereologico <---geologica <---gnoseologia <---gnoseologico <---gobettiani <---gonfiano <---gramsciana <---gramsciano <---guardiano <---hitleriana <---hitleriane <---hitleriani <---idealismo <---ideologie <---imbrogliano <---imperialista <---incominciano <---indiane <---indiano <---infantilismo <---iniziano <---internazionalista <---leninista <---liane <---linotipisti <---lista <---manzoniano <---marchiano <---marciano <---marxiste <---materialismo <---meccanicismo <---militaristi <---minacciano <---misticismo <---modista <---motocicliste <---motociclisti <---musicologia <---mutismo <---nazionalismo <---nazismo <---nazisti <---nell'Africa <---nell'Altopiano <---nell'Avvertenza <---nell'India <---nell'Unione <---nietzschiane <---nihilismo <---nominalismo <---opportunista <---opportunisti <---oscurantismo <---pacifista <---paganesimo <---parossismo <---patriottismo <---persiste <---pessimismo <---picchiano <---pluralismo <---polinesiana <---pomeridiane <---pragmatismo <---prefascista <---professionisti <---progressista <---progressiste <---pronunciano <---protestantesimo <---prussiana <---prussiani <---prussiano <---psicologici <---psicologico <---puritanesimo <---rassomigliano <---rattristi <---relativismo <---revanscismo <---riana <---riconquista <---riformismo <---riformista <---riformisti <---rifugiano <---risparmiano <---roussoiane <---sanfedismo <---sanfedista <---sappiano <---sbagliano <---scambiano <---scetticismo <---scevismo <---schiacciano <---schiavismo <---sciovinismo <---sciovinista <---sciste <---semifasciste <---servilismo <---sgraffiano <---siana <---siciliana <---simbologia <---sinista <---sociologica <---sociologiche <---sociologici <---sovversismo <---spcialista <---stalinismo <---stalinista <---stilista <---strutturalista <---studiano <---sull'Umanesimo <---svoltista <---svoltisti <---tagliano <---taoista <---tecnologiche <---terrorista <---terroristi <---testimoniano <---timismo <---trionfalismo <---trotzkista <---trotzkisti <---umanesimo <---umanisti <---umorismo <---unicismo <---velleitarismo <---veneziana <---vogliano <---volteggiano <---xismo <---zoologica <---zoologiche <---zoologici <---zoologico <---È Torà <---Éluard <---Ìsolario