→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Leningrado è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 171Analitici, di cui in selezione 8 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Analitici)


da Alberto Ruffo(Laboratorio Chimica Biologica Regia Università di Napoli), La ricerca scientifica e la guerra nell'URSS in KBD-Periodici: Rinascita - Mensile ('44/'62) 1944 - numero 2 - luglio

Brano: [...]logica dell'Università di Mosca, déscrive un procedimento per aumentare la produzioise del grano prevenendo l'azione nociva esercitata su di esso dal gelo e dalla siccità; propone nuovi metodi per la conservazione dei vegetali e dei cereali mettendo in evidenza i vantaggi che si ricavano disidratando i cereali prima della loro maturazione, e studia infine la nature chimica di alcuni enzimi della respirazione. A. E. Favoriskii, dell'Università di Leningrado, elabora ed applica all' industria un nuovo metodo di sintesi della gomma dill' isoprene, che ormai si esegue in tutti gli stabilimenti per la produzione della gomma necessaria alla guerra. N. D. Zelinskii, dell'istituto di chimica organica, oltre a perfezionare il metodo di cracking per la produzione della benzine, è riuscito a ottenere dal petrolio molti idrocarburi aromatici, compreso il toluene, e numerosi alcoli e aldeidi. N. N. Semionov e collaboratori, dell'Istituto di chimica fisica, studiando la velocità di propagazione della fiamma sono riusciti a stabilire il limite di infidmmabili[...]

[...]rmeabili. N. S. Kurnakov, direttore dell'Istituto di chimica generale e inorganics, applica un metodo geometrico allo studio delle relazioni esistenti . fra i composti e le condizioni di equilibrio di un sistema. Sviluppando questo metodo è stato possibile svelare la presenza di importanti giacimenti di potassio, magnesio e altri metalli nelle montagne della Russia.
Particolare considerazionemeritano gli scienziati e i laboratori scientifici di Leningrado, che durante il periado tragico dell'assedio hanno continuato il lavoro fra i sacrifici, i peri_ coli e le difficoltà che ogni italiano può facilmente immaginare. I danni subiti dall'attrezzatura scientifica di Leningrado sono stati esposti dall'Accademico Leone Orbelì, vice presi dente dell' Accademia delle scienze dell' U.R.S.S., e direttore dell'Istituto di fisiologia Pavlov, in una recente riunione del Comitato sovietico antifascista degli scienziati. I nuovi palazzi dell'Accademia di Leningrado sono in discrete condizioni, cosi come i vecchi palazzi, ed in particolare il Museo etnologico ove è raccolta la celebre collezione di curiosità di Pietro I. L' Orto Botanico invece ha sofferto maggiori danni, che ancora oggi non si possono valutare data la rarità e lo sviluppo delle piante tropicali che sono andate distrutte. I lavori di riparazione sono già iniziati e procedono regolarmente. La biblioteca dell' Accademia è salva e a disposizione delle più svariate organizzazioni scientifiche militari e civili.
Anche quando nell'autunno del 1941 una bomba fece crollare uno dei palazzi dell'[...]

[...]ma collaboratrice di Ivan Pavlov, ha potuto studiare l' influenza ehe i bombardamenti producono sul tessuto úervoso di recezione. Anchela fondazione sperimentale Koltushi, ove Pavlov passò tanta parte della sua operosa esistenza durante gli ultimi anni di vita, rimane in piedi e continua la sua pregevole produzione scientifica. Il Club degli scienziati, fornito di mensa, biblioteca e vaste sale, resta il centro di riunione degli intellettuali di Leningrado; la polemica scientifica si alterna con letture, concerti e altre manifestazioni politiche e culturali alle quali sono invitati i maggiori esponenti delle varie organizzazioni civili e militari della città.
Prima di terminare questa breve nota, ancora uno sguardo di ammirazione per gli scienziati russi che hanno lavorato su di un argomento di grande attualità : quello dei virus filtrabili, agenti specifici di un gran numero di malattie infettive.
Allo stato attuale delle nostre conoscenze, dopo che le classiche ricerche di W. M. Stanley (Science, 81, 644, 1935) hanno per prime dimostrato ch[...]



da Recensione di Marzio Marzaduri su Rosemarie Ziegler, Alcksej Kruchenych als Sprachkritiker, in «Wiener Slavischistes Jahrrbuch», Wien, Bohlau, 1978, pp. 286-310; Serena Vitale (a cura di), l'Avanguardia russa, Milano, Mondadori, 1979, pp CXVIII-345 in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - novembre - 30 - numero 6

Brano: [...]pamenti futuristi tale tendenza era largamente rappresentata, da Bol'"sakov, Gnedov, Ignat'ev, Rjurik, dal fantomatico Lotov.
Dopo la rivoluzione la linea alogica e asociale rivisse soprattutto nei niëevoki, il fugace manipolo di dadaisti russi, e negli oberiuty, coi quali nulla ebbe a che fare Kruèënych, ma per i quali i suoi testi avevano avuto certamente una rilevante importanza. Gli oberiuty, un gruppo di prosatori e poeti che si costituí a Leningrado nella seconda metà degli anni Venti, erano legati a Malevic, a Tufanov, autore di un trattatello sulla zaum' e inventore assieme al pittore Boris Ender di una pasigrafia, a Matju"sin, a Terent'ev, l'estroso teorico del « 41° ». Terent'ev si rivela una figura chiave di questa linea. Egli infatti, a differenza di Kruèënych, preferí mantenere una certa distanza dal « Lef », per cui emigrò a Leningrado, divenendo un singolare regista teatrale.
In questo ultimo decennio sono apparsi molti testi inediti degli oberiuty, sono state pubblicate le memorie e i lavori teorici di Matju"sin, i diari della Guro, lettere di Kruèënych, Matjusin, Maleviè, raccolte di Kruèënych (ma rimangono ancora inedite le sue memorie sul futurismo), gli scritti teorici di Maleviè, e svariati articoli, saggi, volumi, specie su Maleviè, che oggi conosce una grande fortuna. Cosicché l'avanguardia russa comincia ad apparire in una diversa luce.
Serena Vitale cerca di dare una sistemazione, se pur provvisoria ed ipotetic[...]



da Recensione di Alfonso Paolella su Roland Barthes, La chambre claire. Note sur la photographie, Cahiers du Cinéma, Paris, Gallimard-Seuil, 1980, pp.193 in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - novembre - 30 - numero 6

Brano: [...]pamenti futuristi tale tendenza era largamente rappresentata, da Bol'"sakov, Gnedov, Ignat'ev, Rjurik, dal fantomatico Lotov.
Dopo la rivoluzione la linea alogica e asociale rivisse soprattutto nei niëevoki, il fugace manipolo di dadaisti russi, e negli oberiuty, coi quali nulla ebbe a che fare Kruèënych, ma per i quali i suoi testi avevano avuto certamente una rilevante importanza. Gli oberiuty, un gruppo di prosatori e poeti che si costituí a Leningrado nella seconda metà degli anni Venti, erano legati a Malevic, a Tufanov, autore di un trattatello sulla zaum' e inventore assieme al pittore Boris Ender di una pasigrafia, a Matju"sin, a Terent'ev, l'estroso teorico del « 41° ». Terent'ev si rivela una figura chiave di questa linea. Egli infatti, a differenza di Kruèënych, preferí mantenere una certa distanza dal « Lef », per cui emigrò a Leningrado, divenendo un singolare regista teatrale.
In questo ultimo decennio sono apparsi molti testi inediti degli oberiuty, sono state pubblicate le memorie e i lavori teorici di Matju"sin, i diari della Guro, lettere di Kruèënych, Matjusin, Maleviè, raccolte di Kruèënych (ma rimangono ancora inedite le sue memorie sul futurismo), gli scritti teorici di Maleviè, e svariati articoli, saggi, volumi, specie su Maleviè, che oggi conosce una grande fortuna. Cosicché l'avanguardia russa comincia ad apparire in una diversa luce.
Serena Vitale cerca di dare una sistemazione, se pur provvisoria ed ipotetic[...]



da Orazio Barbieri, Tradizioni della musica e del teatro italiano nell'URSS in KBD-Periodici: Rinascita - Mensile ('44/'62) 1955 - numero 10 - ottobre

Brano: [...]ompose il Coro di guerrieri, La sorpresa e La serenata non preveduta, Il matrimonio segreto. Nel 1788 il teatro di San Pietroburgo mise nel suo repertorio due opere di Cimarosa che erano state date a Roma : Le dònne rivali e I due baroni di Rocca Azzurra. Circa 500 sono i lavori che Cimarosa ha composto durante il suo soggiorno in Russia, forse non tutti conosciuti in Italia, le cui partiture sono raccolte nella biblioteca musicale dei teatri di Leningrado.
L'attività dei compositori e degli attori italiani era destinata a lasciare larga impronta fra gli artisti russi. Moltissime delle opere italiane erano tradotte in lingua russa e non pochi furono gli attori russi che le interpretarono. Da Sarti studiarono compositori russi quali S. Davydov, autore dell'opera popolare russa al principio del XIX secolo La ninfa del D\niepr, e S. Segtiarev, autore dell'oratorio patriottico Minin e Pogiarski. Allievo di Galuppi fu il compositore D. Bortniansky e i compositori M. Berezovski, E. Fomin hanno studiato a Bologna dove M. Berezovski ha conseguito un d[...]

[...]profondamente impressionati dall'attenzione, dalla competenza e dall'entusiasmo del pubblico.
Nel periodo seguente la Rivoluzione d'Ottobre fino a oggi l'interesse del pubblico sovietico — al quale si offre oramai una gamma vastissima di esecuzioni, dall'opera lirica alla prosa e alla tragedia, al concerto dei nuovi autori sovietici e di tanti stranieri — non è per nulla diminuito e tutt'ora i teatri sovietici, dal Bolscioi di Mosca al Kirov di Leningrado, dal teatro più piccolo della capitale a quelli delle repubbliche asiatiche includono nei programmi le opere italiane e queste sono programmate alla radio e alla televisione.
La musica italiana e la storia della nostra arte occupano davvero in URSS un posto ben più importante di quanto noi crediamo perchè non soltanto nei teatri, ma nei conservatori, nelle scuole e nei clubs filarmonici esse sono insegnate come elemento essenziale del programma e eseguite con serietà e interesse come singole arie, parti d'insieme, scene di opere complete, ecc.
Ricordo che anche al conservatorio di Alma Atà [...]



da Massimo Robersi, Fra Ankara, Riad e Kartum [sopratitolo: La difficile ricerca di una stabilità] in KBD-Periodici: Rinascita 1964 - 11 - 14 - numero 45

Brano: [...]politica estera della Turchia di cui si parla da molti mesi. Di fronte al fallimento dei programmi governativi per Cipro, di fronte alla crisi politicoeconomica ehe travaglia permanentemente U paese, di fronte ai sempre più preoccupanti scricchiolii che si sentono all'interno della NATO, i dirigenti turchi hanno cominciato a rivedere — poco importa se volenti o nolenti — il loro orientamento tradizionale. s'
Certo la visitä di Erkin a Mosca e a Leningrado e le sue conversazioni con i responsabili della politica estera sovietica non possono ancora essere giudicati preludio d'un assestamento della Turchia su posizioni di neutralismo vero e proprio: Comunque il senso principale di questa missione, che si inserisce in un piú ampio travaglio dell'intero mondo politico turco, è quello del riconoscimento che nuove strade possono aprirsi davanti el paese e che la presenza da un lato dello schieramento degli Stati socialisti, dall'altro degli Stati del neutrali smo positivo "costituisce una realtà di cui è ormai indispensabile tener conto se non si vuo[...]



da Roberto Longhi, Un momento importante nella storia della «natura morta» in KBD-Periodici: Paragone. Arte 1950 - 1 - 1 - numero 1

Brano: [...] i rapporti presunti con la ‘réalité5 di de La Tour o dei Le Nain sono, in verità, molto scarsi e come umiliati da quel velo di pazienza.

Dal Caravaggio aveva invece cominciato ben altro e, si può dire, la pittura moderna. Quando si dice che una natura morta del Caravaggio ‘sembra già5 Courbet o Manet, può sembrar che si adopri lo stivale delle sette leghe, ma resta che se non si intende subito perchè la caraffa di fiori della ‘suonatrice5 di Leningrado / tavola 12/ sia più vicina a quei moderni che non a Bruegel ‘dei Velluti5, la discussione non può che smarrirsi.

Il Bellori, che era il Bellori, e cioè l5accademico più incaponito della nostra critica d5arte, ebbe tuttavia il buon senso d5intendere e di affermare che dopo ‘i fiori e frutti sì bene contrafatti5 del Caravaggio giovine, ‘da lui vennero a frequentarsi a quella maggior vaghezza che tanto oggi diletta5. Non sappiamo in che anno il Bellori giungesse a questa conclusione, stampata soltanto nel 1672. Se dovessimo tenerci a questa data, allora i conti non tornerebbero perchè Pallus[...]



da N. Talenskii (Maggior generale dell'esercito rosso), La battaglia di Stalingrado (parte prima) in KBD-Periodici: Rinascita - Mensile ('44/'62) 1944 - numero 1 - giugno

Brano: [...] battaglia che, secondo le parole del Comando hitleriano, avrebbe dovuto essere i l'ultima, grande, decisiva battaglia s. Essa fu, in reeltà, lo scontro decisivo del primo anno di guerra ; ma si concluse con la vittoria dell' Esercito rosso, così come si conclusero la battaglia del nord sotto a Tichvin, e quella del sud sotto a Rostov.
Nell'inverno 194142 le truppe sovietiche condussero delle operazioni offensive su molti settori del fronte, da Leningrado al Mar Nero, e nel corso di quattro mesi avanzarono più di 400 chilometri. La campagna invernale 194142 si chiuse dunque col fallimento completo dei piani hitleriani. L' esercito fascista tedesco subì la prima grande sconfitta della seconda guerra' mondiale. Il mito della c invincibilità s tedesca fu sventato. L'esercito rosso dimostrò di essere una forza imponente, capace non solo di resistere con eroismo, ma anche di battere i tedeschi in campo aperto.
Intanto però la guerra tendeva a prendere il. carattere di guerra prolungata. Le forze della coalizione antihitleriana erano chiaramente so[...]



da Alfonso Paolella, Varietà e documenti. Semiologia, narratologia e retorica. Una rassegna bibliografica 1975-1979 in KBD-Periodici: Belfagor 1980 - maggio - 31 - numero 3

Brano: [...]IETÀ E DOCUMENTI 313
ricerche abbracciano ambiti e settori di indagine tra i piú disparati, come la filosofia del linguaggio, la tipologia della cultura, la metrica, la narratologia, l'analisi letteraria, il folklore ecc. Si possono, in ogni caso, distinguere almeno due fasi: il formalismo degli anni 19151930, in cui studiosi di diversa estrazione, ma con prevalenti interessi letterari, si raccolgono intorno al Circolo di Mosca
e all'oPoJAz di Leningrado. I maggiori rappresentanti di questo periodo sono Sklovskij, il giovane Jakobson, Ejchenbaum, Tomasevskij, Tynianov che cercano di analizzare, in ambiti diversi, i procedimenti della « Jetterarietà » indipendentemente dai fattori esterni ed ambientali che la determinano. In una seconda fase, il formalismo russo si innesta sulla nascente scuola dello strutturalismo praghese, anche grazie alla mediazione di alcune figure di primo piano, presenti a Praga nel '29, come Jakobson e Trubeckoj (lo strutturalismo praghese sopravvisse al Circolo di Praga con l'opera di Mukarovskÿ). In parte erede del f[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Leningrado, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---Storia <---italiana <---Caucaso <---Francia <---Linguistica <---Pratica <---italiani <---italiano <---musicista <---Ajgi <---Aleksej <---Aljagrov <---Aseev <---Barthes <---Benedikt Livgic <---Boris Ender <---Chlebnikov <---Ciò <---Così <---Courtenay <---Dialettica <---Gnedov <---Goncarova <---Jan Baudouin de Courtenay <---Kornej Cukovskij <---La Ziegler <---Larionov <---Lef <---Lisickij <---Logica <---Lotov <---Luna-Park <---Majakovskij <---Malevic <---Maleviè Pobeda <---Matju <---Matjus <---Matjusin <---Michail Matju <---Mosca <---Nikolaj <---Nikolaj Chardziev <---Nikolaj N <---Praga <---Rjurik <---Rosemarie Ziegler <---Rozanova <---Rozzo <---Russia <---Russian Futurism <---Scienze <---Serena Vitale <---Slavistisches Jahrrbuch <---Sprachkritiker <---Sulla <---Terent <---Tret <---Tufanov <---Unione Sovietica <---Vladimir Markov <---Wiener Slavistisches <---Zdaneviè <---abbiano <---bipolarismo <---d'Arco <---dadaisti <---dell'Accademia <---fascismo <---futurismo <---futurista <---futuriste <---futuristi <---ideologia <---italiane <---lefista <---siano <---socialista <---tivista <---Abbud <---Abganerovo <---Abraham Bruegel <---Academiei <---Academiei R S <---Adelaide Ristori <---Adelina Patti <---Afanasjev <---Aggiungerò <---Akademisk <---Alfredo Casella <---Algirdas <---Algirdas Jules <---Alma Atà <---Alois Mooser <---Alphonse Allais <---Analyse <---Anatomia <---Andromeda <---Angelo Testore <---Ankara <---Anna Joannovna <---Annales <---Antonio Catena <---Antonio Rinaldi <---Antonio Sacco <---Arabia Saudita <---Araja <---Araja a Pietroburgo <---Armidoro <---Arsamas <---Aspects <---Aspetti <---Astaritta Verso <---Attestatosi <---Atti del I Convegno <---Atti del in Convegno <---Augusto II <---Avalle <---Bachtin <---Bacino <---Baglione <---Bakh <---Baldassare Galuppi <---Bally <---Barbiere di Siviglia <---Bassarghino <---Battista Crescenzi <---Battistini <---Baugin <---Bayerischer <---Belli Arti <---Bellini <---Bellori <---Belmonti <---Benveniste <---Berezovski <---Berlino <---Bertinetto <---Bettetini <---Bibliografia <---Biologica R <---Bisogna <---Bloomington <---Bnesse <---Boersen Zeitung <---Bogoroditskii <---Bologna <---Bolscioi <---Bolscioi Teatr <---Bompiani <---Bonvesin <---Borodin <---Bortniansky <---Bottoni <---Brace <---Bremond <---Bressanone <---Bruegel <---Bruxelles <---Bucuresti <---Budoikov <---Bulzoni <---Buyssens <---Calabrese <---Cannobbio <---Canzonetta <---Cappella <---Caprettini <---Capriccio <---Caravaggio <---Cardinal Federigo <---Carlo Zecchi <---Caterina Gabrielli <---Caterina II <---Cavarozzi <---Cavos a Pietroburgo <---Ceccato <---Cemal Er <---Centro Internazionale di Linguistica <---Certo in Russia <---Cervliona <---Chardin <---Charles Morris <---Charles Sanders <---Charles W <---Chiedo <---Chimica <---Chimica biologica <---Chimica fisica <---Chimica organica <---Chomsky <---Chudo <---Chudozestvennaja <---Ciai <---Ciaikov <---Ciaikovski <---Cimarosa <---Cimarosa Il <---Cinti <---Cinéma <---Cipriano Coriner <---Circolo <---Circolo di Mosca <---Circolo di Praga <---Ciuianov <---Clefs <---Colecchia <---Collected Papers <---Comando <---Communications <---Complexe <---Congresso di Studi Semiotici <---Contemporaneamente <---Contributions <---Corti nei Principi <---Cotàn <---Courbet <---Courtés <---Criticism <---Da Roma <---Da Sarti <---Dal Caravaggio <---Davydov <---De Donato <---De Michelis <---Del Monte <---Del resto <---Di Girolamo <---Di Salvo <---Dictionnaire <---Didattica <---Didone <---Dimitri Ivanovskii <---Diplomatica <---Discipline <---Discorso dell'Enciclopedia Einaudi <---Domenico Cimarosa <---Donizetti <---Druskin <---Du Marsais <---Ducrot <---Décameron <---Ecco <---Edward Morgan <---Ejnar Munksgraard <---Elisabetta Petrovna <---Elscianca <---Eléments <---Emile Benveniste <---Enciclopedia Einaudi <---Erkin a Mosca <---Erlich <---Erluatwuxii <---Ermete Zacconi <---Ernesto Novelli <---Ernesto Rossi <---Espresso Strumenti <---Essais <---Estetica <---Eugenio Oneghin <---Evaristo Baschenis <---Faccani <---Favoriskii <---Fede Galizia <---Federigo Borromeo <---Feinberg <---Feltrinelli-Bocca <---Ferdinando IV <---Ferman <---Ferrari-Bravo <---Figure III <---Figures <---Figures II <---Filippo III <---Filologia <---Filosofia <---Filosofia del linguaggio <---Finzi <---Fisica <---Fisiologia <---Fjodor Volkov <---Florescu <---Folklore <---Fomin <---Fontanier <---Fontaniér <---Fonzi <---Foundations <---Four Essay <---Francesco Araja <---Francia Sémiotique <---Frezzolini <---Frontières <---Frumr <---Galleria Cook <---Gallimard-Seuil <---Galuppi <---Gambarara <---Garroni <---Gavarozzi <---Gerolamo Bono <---Giappichelli <---Giovan Battista Locatelli <---Giovanni Paisiello <---Giulio Gasparini <---Giuseppe Cinti <---Giuseppe Passerini <---Giuseppe Sarti <---Già <---Glinka <---Gobbo <---Gobbo dal Marangoni <---Goldin <---Goldoni <---Gorodilov <---Goya <---Grammaire <---Grebenscikov <---Greimas <---Gromyko <---Guasco <---Guida a La <---Hachette <---Hamen <---Helbo <---Herméneutique <---Hitler <---Hjelmslev <---Hoogewerff <---Ia Ioro <---Ibn Saud <---Ibrahim Abbud <---Idalide <---Iersovca <---Il Barbiere <---Il Mulino <---Il Mulitto <---Il Saggiatore <---Il Trovatore <---Incominciò <---Iocali <---Isium <---Isium-Barvencovo <---Ispagna <---Istanbul <---Istituto Karpov <---Italia Ragitata <---Italiana di Studi Semiotici <---Italianskaia <---Ivan Pavlov <---Izdatel <---Jakobson <---Jan Bruegel <---Jetterarietà <---Johann Hubner <---Joost <---Journal Medical Science <---Juri <---Juri B <---Kalasnikov <---Kalatc <---Kant <---Kartum <---Kasaimbek Estaiev <---Kazakhstan <---Kegan Paul <---Kharkov <---Kirov <---Kji <---Klin <---Klincksieck <---Klokholovhina Sebilsky <---Kobenhavn <---Koltushi <---Kotielnicovo <---Krasni Proud <---Kristeva <---Kuibiscev <---Kurnakov <---Kursk <---Kusnetsov <---Kvostanzev <---La Duse <---La Kri <---La Krorza <---La Nuova Italia <---La Rhétorique <---La Révolution <---La Società <---La Tour <---La lotta <---La serenata <---Langages <---Lausberg <---Lautréamont <---Laxxarillo de Tormes <---Lazzarillo <---Le Haye <---Le Nain <---Lector <---Leningrad <---Leone Orbelì <---Leonilda Burgioni <---Lepschy <---Levi-Strauss <---Liachov <---Linard <---Lingua e Stile <---Linguistica Italiana <---Linguistica strutturale <---Linguistica testuale <---Linsky <---Literature di Wellek <---Littérature <---Ljteratura <---Lo Gatto <---Locatelli <---Loi Corvetto <---Lomonòssov <---Londra <---Londra di Cimarosa Il <---Lonzi <---Louise Moillon <---Luigi Madonis <---Luisa Miller <---M.T. <---Machbet <---Maggio <---Maldonado <---Mar Nero <---Marco Coltellini <---Marie Petrova <---Mario dei Fiori <---Massachussets <---Massimo Rollers <---Medio Oriente <---Melazzo <---Melchiore Groti <---Memory <---Mendeleiev <---Mercedes Capsir <---Metaphor <---Microbiology <---Milano-Napoli <---Mirisi <---Mooser <---Morfologija <---Morier <---Mort <---Moskva <---Mounin <---Mouton <---Mucci <---Mulino <---Museo <---Mussorgski <---Mythologies <---Métonymie <---NATO <---Nadiesda <---New York Herald Tribune <---Niscovca <---Nitteta <---Novellino <---Nuova Italia <---Officina Ed <---Officine Ediz <---Olbrechts <---Olbrechts-Tyteca <---Olsoufieva <---Omkring <---Opera di Pietroburgo <---Opernye <---Orazio Barbieri <---Orto Botanico <---Ottorino Respighi <---P.M. <---PUF <---Pacqua <---Paisiello <---Pallu <---Palmira di P Anfossi <---Paolina Lucca <---Paolo Gobbo da Cortona <---Paris Larousse <---Patologia <---Payot <---Peirce <---Perelman <---Pergolesi <---Pertinence <---Philosophie <---Photographie <---Pia Tassinari <---Pietro I L <---Pietro Mira <---Pietro Paolo <---Pietroburgo <---Pietroburgo Tomaso <---Più <---Più Riardi <---Poetica <---Poetics <---Poetik <---Pogiarski <---Poétique <---Pratiche Editrice <---Presse Universitaire <---Presso <---Prevignano <---Problemi <---Propp <---Proscloe <---Psicanalisi <---R.S. <---RAU <---Racine <---Raimondi <---Ramus <---Rartuin <---Recherches <---Remps <---Retorica <---Rhétorique <---Rimski-Korsakov <---Rinok <---Risckov <---Ritraeagli <---Ritter-Santini <---Rnel <---Rocca Azzurra <---Rodolfo Lodi <---Rogovin <---Roman Jakobson <---Rossi-Landi <---Rossini <---Rossosca <---Rricerca <---Ruffinatto <---Russia Sovietica <---Russian Formalism <---Russie <---Ruwet <---Saelio <---Saitsev <---Salini <---Salini-Crescenzi-Gobbo <---Sallal <---San Pietroburgo <---Sancipriano <---Santa Uliva <---Santo Nencini <---Sapir <---Saratov <---Sassonia <---Saud <---Saussure <---Scala di Milano <---Scalvini <---Schaff <---Schulbuch <---Schulbuch-Verlag <---Scienza della letteratura <---Scienze del linguaggio <---Scienze sperimentali <---Scienze umane <---Sciro <---Sebeok <---Sebilsky Tyìrmlnik <---Secondo Perelman <---Segni <---Segno di Eco <---Segre <---Segtiarev <---Semantica <---Semiologia <---Semiologia di J Martinet <---Semionov <---Semiotica <---Semioticeskije <---Semiotics Studies <---Serov <---Sessanta <---Seuil <---Sgiacenkov <---Signs <---Silvio Avalle <---Sistematica <---Sivard <---Sklovskij <---Smorodintsev <---Società <---Società Linguistica <---Solieri <---Solodkov <---Sovetskaia <---Spartacovez <---Spartacovez-Orlovca-Novaia <---Stabat Mater di Pergolesi <---Stalin <---Stalingra <---Stalingrado <---Stefano Mandini <---Stilistica <---Stosskopf <---Strada Janovic <---Studi <---Studi Semiotici <---Sudan <---Sukhov <---Sumarokov <---Système <---Sémantique <---Tamagno <---Tartu <---Tauride <---Tcatr di Mosca <---Te-Rtrazzini <---Teatr di Mosca <---Teorija Literatury <---Teresa Maeiurletti <---Tesnière <---Teun <---Texte <---Textlinguistik <---The Art <---The Hague <---Theory <---Théorie <---Tichvin <---Tiflis <---Tina di Lorenzo <---Titta Ruffo <---Todorov <---Tomaso Salvini <---Tomaso Traetta <---Tomberlik <---Tommaso Ristori <---Tormes <---Tosti <---Traité <---Tredjakovskij <---Trubeckoj <---Turchia <---Tutu <---Twtzwsnt <---Tynianov <---Tzara <---Tzvetan <---U.R.S.S. <---URSS <---Ubaldini <---Unione <---Universitaire de Bruxelles <---Università di Mosca <---Univerz <---Untone Sovietica <---Uspenskij <---Van Dijk <---Varsavia <---Vassallo <---Velazquez <---Verdi <---Verdiglione <---Vertiaci <---Veselovskij <---Veselovskij-Sade <---Vincenzo Manfredini <---Vladimir Ja <---Voprosy <---Voronesg <---Weinrich <---Wellek <---Willy Ferrerò <---Wsonnecchiante <---Yates <---Yemen <---Zarizin <---Zelinskii <---Zenobia in Palmira di P Anfossi <---Zurbaran <---abbracciano <---antifascista <---antihitleriana <---antisovietismo <---antropologia <---antropologici <---artigiano <---assolutismo <---avanguardisti <---biologica <---biologico <---capitaliste <---caravaggista <---cominciano <---comunista <---comunisti <---costruttiviste <---crobiologia <---crocianesimo <---cubofuturismo <---d'Inverno <---d'Ottobre <---dadaista <---dell'Arabia <---dell'Associazione <---dell'Enciclopedia <---dell'Esercito <---dell'Istituto <---dell'Italia <---dell'Unione <---dell'Università <---epistemologica <---epistemologico <---erboristi <---eroismo <---etnologico <---fascista <---fasciste <---feticismo <---filologia <---filologica <---filologico <---fisiologia <---fonologica <---fonologico <---formalismo <---formalisti <---futurismi <---ginisti <---gnoseologico <---hitleriane <---hitleriani <---hitleriano <---hjelmsleviano <---iconismo <---ideologica <---ideologico <---ideologie <---immaginisti <---imperialismo <---imperialista <---infuriano <---kantiana <---lefiste <---marxiano <---marxismo <---marxista <---marxiste <---marxisti <---metalogismi <---metodologica <---mitologia <---morfologia <---morrisiana <---musicisti <---narratologia <---nasseriane <---nell'Arabia <---nell'Europa <---nell'Istituto <---nell'Unione <---neopositivismo <---neorealismo <---neutralismo <---nichilismo <---omologia <---paralogismi <---peirciana <---produttivismo <---produttivista <---progressisti <---proppiano <---realismo <---romanticismo <---saudiana <---saussuriana <---saussuriane <---scoppiano <---semiologia <---semiologici <---semiologico <---siciliani <---sindacalisti <---socialismo <---socialisti <---soggettivismo <---solipsismo <---staliniana <---strutturalismo <---strutturalisti <---sull'Esercito <---sémiologie <---tankisti <---tecnologica <---testimoniano <---variano <---veneziano <---violinista <---violinisti