→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale franchista è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 495Entità Multimediali, di cui in selezione 73 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 613

Brano: [...], 434 avvocati, 375 medici, 214 ingegneri e 28 architetti che si rifugiarono in America Latina). Nel luglio 1939 Galeazzo Ciano scriveva di 200250 esecuzioni quotidiane a Madrid e 150 a Barcellona.

Ancora più difficile il calcolo dei prigionieri politici, dei sottoposti a libertà condizionale, dei processati che, nel 1946, venivano indicati rispettivamente in 136.513, in 223.563, in 1.206.319 (Fernàndez Vargas). Ma l’onda lunga della vendetta franchista non si arrestò con il passare degli anni: Garcia Juliàn Grimau (v.) sarà fucilato il 20.4.1963 per fatti avvenuti quasi trent’anni prima. D’altra parte, l’ordine pubblico fu costantemente mantenuto attraverso le esecuzioni, fra le quali si distinguevano quelle eseguite con il medievale e brutale strumento della garrota. Ancora due mesi prima di morire, il 27.9.1975, il caudillo farà eseguire la sentenza di morte contro i cinque “terroristi” J.L. Sànchez Bravo, José Baena, R a mòri Garcia, Juan Paredes Manot e Angel Otaegui.

li regime franchista

Solamente il 31.3.1947, definitivamente co[...]

[...]3 per fatti avvenuti quasi trent’anni prima. D’altra parte, l’ordine pubblico fu costantemente mantenuto attraverso le esecuzioni, fra le quali si distinguevano quelle eseguite con il medievale e brutale strumento della garrota. Ancora due mesi prima di morire, il 27.9.1975, il caudillo farà eseguire la sentenza di morte contro i cinque “terroristi” J.L. Sànchez Bravo, José Baena, R a mòri Garcia, Juan Paredes Manot e Angel Otaegui.

li regime franchista

Solamente il 31.3.1947, definitivamente consolidato il potere e superate le difficoltà di mantenere unificate le varie componenti politiche e sociali che avevano formato l’eterogeneo nucleo iniziale, Franco si decise ad annunciare che la Spagna sarebbe stata un regno. Negli anni precedenti, una attenta legislazione aveva posto le basi per la formazione del dominio personale del caudillo, fondato su istituzioni derivate sia dall’esperienza dittatoriale di Primo de Rivera sia dal modello fascista italiano: il sindacalismo corporativo di tipo verticale (26.1.

1940), il Fuero del trabajo (9[...]

[...]enziale per la pace nel mondo e il 12 dicembre dello stesso anno l’Assemblea generale delle Nazioni Unite invitava a ritirare tutti gli ambasciatori e i ministri plenipotenziari da Madrid, il 16.1.1947 l’ambasciatore dell’Argentina arrivava nella capitale spagnola e il 10.2.1948 veniva riaperta la frontiera con la Francia.

Ma fu l’acutizzarsi della “guerra fredda” a consentire fino in fondo la sopravvivenza e poi il potenziamento della Spagna franchista come “sicuro baluardo contro il comuniSmo”: il 2.3.1950 giungeva a Madrid Stanton Griffis, ambasciatore degli Stati Uniti d’America e il 4 novembre successivo l’O.N.U. revocava le sue decisioni del 1946. A partire dal 1951 le Nazioni Unite approvavano addirittura che la Spagna franchista entrasse a far parte delle organizzazioni internazionali, come la F.A.O. (5 aprile), l’Organizzazione mondiale della sanità (22 maggio) e l’U.N.E.S.C.O. (30.1.1953). Il 26.9.1953 l’integrazione era ormai avanzata con la firma degli accordi militari con gli U.S.A. e sarebbero stati proprio gli Stati Uniti a ottenere, il 15.12.1955, l’ingresso della Spagna all’O.N.U. (v.).

Quello che giustamente Herbert Sc&thworth chiamerà il « tradimento imperdonabile » delle democrazie (U.R.S.S. compresa) era stato comunque consumato nel 1945, quando la « grande coalizione antifascista » aveva lasciato viv[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 741

Brano: [...]onari. La sua politica oscillò tra attendismo e avventurismo. Quando, il 15.1.1936, il Partito socialista spagnolo e quello comunista strinsero con i repubblicani socialisti di M. Azana e altri gruppi democratici il patto di Fronte Popolare, anche il P.O. U.M. vi aderì, pur nutrendo riserve sul carattere progressista del Fronte, ma dopo le elezioni del febbraio riprese la propria autonomia, criticando da sinistra il Fronte popolare.

Lotta antifranchista

Dopo i grandi scioperi esplosi in Spagna come risposta popolare alla rivolta franchista (luglio 1936), i dirigenti poumisti pensarono di essere ormai entrati nella fase rivoluzionaria e previdero due tappe del processo: una prima tappa consistente nella sconfitta del fascismo, grazie all’alleanza tra proletariato e borghesia democratica; e una seconda che, secondo i poumisti, doveva consistere nella lotta rivoluzionaria per il socialismo. Secondo questa ottica, Nin accettò di entrare come ministro della Giustizia nel governo della Catalogna, ma in tale veste contribuì poi a far sciogliere i comitati locali di operai e contadini che egli stesso aveva precedentemente esaltato come[...]

[...] ordine rivoluzionario.

Per lottare contro Franco, il P.O. U.M. costituì proprie milizie armate, i cui militanti si distinsero nei campi di battaglia. Ma ben presto

il partito entrò in conflitto con la politica moderata del Fronte popolare e in particolar modo con il P.C.S. (filosovietico) che, cercando di contenere le spinte radicali all’interno di un quadro democratico borghese, accusò apertamente il P.O.U.M. di essere una quinta colonna franchista.

Arresti ed eliminazioni

Nel marzo 1937 i contrasti con i partiti del Fronte popolare si acuirono e l’ala sinistra del P.O.U.M., facente capo a Juan And rade, criticò aspramente la partecipazione al governo.

Dopo i gravi tumulti esplosi nel maggio 1937 in Catalogna, dove le forze del governo repubblicano repressero duramente gli anarchici, anche i dirigenti del P.O.U.M. vennero arrestati (16 giugno) sotto accusa di alto tradimento e di collusione con i fascisti. Ma si trattava di accuse pretestuose, come venne dimostrato dal successivo processo (ottobre 1938) che assolse tutti i poum[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 677

Brano: [...]NeM’opinione pubblica mondiale stava creandosi la sensazione che le cose si mettevano male per i franchisti, tanto che Eden a Londra poteva affermare: « Saranno condannati al fallimento se la Germania e l’Italia ritirano il loro appoggio ».

Ma la decisione dei governi fascisti fu invece di dare maggiori aiuti a Franco, cominciando con il riconoscimento ufficiale del suo illegittimo governo. Per di più, il governo fascista italiano e la giunta franchista ribelle firmarono il 26.11.1936 un accordo segreto che stabiliva: a) l'impegno dell’Italia di aiutare Franco a « ristabilire l’ordine sociale e politico » in Spagna; b) l’impegno di Franco di agire di comune accordo con l’Italia per tutto quanto concerneva il Mediterraneo occidentale e di non aderire a nessuna coalizione che potesse danneggiare direttamente o indirettamente l'Italia; c) la stretta collaborazione economica tra i due paesi.

Il 6.12.1936 si tenne a Roma una conferenza militare presieduta da Mussolini, presenti il generale Mario Roatta per lo Stato maggiore italiano e l’ammira[...]

[...]tesse danneggiare direttamente o indirettamente l'Italia; c) la stretta collaborazione economica tra i due paesi.

Il 6.12.1936 si tenne a Roma una conferenza militare presieduta da Mussolini, presenti il generale Mario Roatta per lo Stato maggiore italiano e l’ammiraglio Wilhelm Canaris per la Germania, per decidere sugli aiuti militari da dare a Franco. Ebbe così inizio quel massiccio intervento militare italotedesco a sostegno della rivolta franchista, concretizzatosi poi nell’invio di intere unità che parteciparono in modo autonomo alle operazioni belliche.

Roberto Farinacci arringa un reparto di legionari italiani in Spagna, poco prima dell’offensiva di Guadalajara (marzo 1937)

677



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 667

Brano: [...]lica, passò in Francia e fu internato nel campo di Argelès. Riuscì a raggiungere il Messico, dove svolse missioni rivoluzionarie che lo portarono anche nella Repubblica Dominicana e a Cuba.

Nel 1954 fu eletto al Comitato centrale del Partito comunista spagno

lo. Nel 1957 rientrò in Spagna, lavorando clandestinamente con altri

Julian Garcia Grimau

dirigenti del Centro interno alla preparazione di uno sciopero generale contro il regime franchista. Dopo un successivo periodo di soggiorno a Praga e in altri centri europei, agli inizi del 1959 fu nuovamente inviato in Spagna e qui svolse un intenso lavoro per unire le forze della Resistenza antifranchista.

Arrestato a Madrid I'8.11.1962, fu lungamente torturato prima di essere consegnato a un Tribunale militare. Condannato a morte, venne fucilato nonostante una grande campagna di solidarietà internazionale condotta in suo favore.

Grisendi, Mario

Medaglia d’oro al valor militare alla memoria. N. a San Polo d’Enza (Reggio Emilia) nel 1919, ivi caduto

il 20.1.1945.

Dopo I '8.9.1943 prese parte alla Guerra di liberazione, nelle file della Resistenza reggiana, rivelandosi subito combattente di eccezionale valore. Guidò la sua formazione in numerose azioni e in una di queste venne gra[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 429

Brano: [...]blica Alcalé Zamora la proclamazione dello stato d’assedio; ma il rapporto di forze era troppo favorevole alle sinistre vittoriose perché l’impresa si potesse realizzare e quell’invito non venne raccolto.

Il nuovo governo uscito dalle elezioni, invece di allontanare definitivamente Franco dagli incarichi di comando, lo destinò alle teole Canarie, dove egli potè tessere indisturbato le fila del complotto contro la Repubblica.

L’insurrezione franchista

Allo scoppio della guerra civile (luglio 1936)J Franco volò a Tetuan, nel Marocco Spagnolo, e qgi organizzò il trasporto di truppe indige

ne in Spagna, dove presto le seguì; alla morte del generale José Sanjurjo Franco divenne il leader dei militari ribelli. Nelle zone occupate dalle sue truppe, tutti i partiti politici che avevano sostenuto il Fronte popolare furono dichiarati fuori legge e sole organizzazioni autorizzate rimasero la Falange (v.), movimento politico di tipo fascista, e i cari isti, sostenitori della monarchia.

Contro lo sciopero fu sancita la pena di morte; ai priva[...]

[...]l’unificazione dei carlisti, della Falange, delVAcción Espahola e di altre organizzazioni di destra in un unico movimento sostenuto dalla Chiesa. Dopo due anni di sanguinosissima guerra che costò la vita a oltre un milione di spagnoli, potentemente aiutato dalle armi fasciste e naziste, Franco entrò a Madrid (primavera del 1938) e instaurò in tutto il paese un regime ispirato ai modelli degli Stati totalitari d’Italia e Germania.

La dittatura franchista

Abolito il suffragio universale, Franco ha instaurato una dura politica di classe che pesa da più di un trentennio sul popolo spagnolo. In campo internazionale Franco si impose (malgrado i dichiarati legami verso Hitler e Mussolini) una condotta prudente nei riguardi delle democrazie occidentali. Allo scoppio della seconda guerra mondiale fece una dichiarazione « di strettissima neutralità » (settembre 1939) e ancora nel maggio del 1940, malgrado l’entrata in guerra dell'Italia, proclamò la « non belligeranza ».

Il 23.10.1940 si incontrò con Hitler e 1*11.2.1941 con Mussolini, a Bor

[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 153

Brano: [...] 1932. Durruti fu deportato in Africa, ma prima di lasciare il suolo spagnolo, dal carcere in cui era detenuto riuscì a organizzare il trafugamento dalle abitazioni dei giudici e la distruzione di documenti riguardanti un processo nel quale erano implicati altri militanti anarchici.

Rimesso nuovamente in libertà, tornò a Barcellona e, come sindacalista, s’impegnò nella organizzazione dei tessili.

Nella guerra civile

Scoppiate la rivolta franchista e la guerra civile, Durruti divenne uno dei più energici comandanti delle milizie popolari e costituì rapidamente una colonna di circa 3.000 miliziani volontari. Entrato a far parte del Comitato centrale delle milizie antifasciste della Catalogna, sorto a Barcellona il 21.7.1936, assieme a Garcia Oliver e José Asens vi rappresentò la « Confederación Nacional del Trabajo ».

Portatosi con le sue milizie in Aragona (v.), tentò di creare comitati di autogestione nei villaggi e di formare comunità autonome secondo visioni proprie dell'anarchismo catalano, mettendosi così fortemente in contrasto[...]

[...]Catalogna, sorto a Barcellona il 21.7.1936, assieme a Garcia Oliver e José Asens vi rappresentò la « Confederación Nacional del Trabajo ».

Portatosi con le sue milizie in Aragona (v.), tentò di creare comitati di autogestione nei villaggi e di formare comunità autonome secondo visioni proprie dell'anarchismo catalano, mettendosi così fortemente in contrasto con i comunisti e con le altre forze politiche impegnate nella lotta contro la rivolta franchista.

Dopo i rovesci subiti dalle milizie

repubblicane nell’agostosettembre

1935, Durruti si schierò con Garcia Oliver e altri dirigenti della C.N.T., per l’organizzazione unificata delle forze armate della repubblica e fu tra i sostenitori dell’ingresso dei rappresentanti anarchici nel governo di Largo Caballero (v.). Spietato nella repressione contro i fascisti e intransigente nel perseguire l’eliminazione totale della classe che aveva sorretto l’antico ordine, quanto semplice e generoso nei rapporti umani, si era conquistato larghe simpatie tra il popolo e una fama leggendaria.

Il 1[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 720

Brano: [...]utta la batteria e l’hanno portata via, dicono in Germania. Lo scopo che volevo è stato completamente raggiunto! Sto riscattando la vergogna di essermi dovuto presentare nella Repubblica ».

Milicia popular

Sottotitolo: Diario del V Regimiento de Milicias Populares. Quotidiano e organo ufficiale del Quinto Reggimento delle Milizie popolari della Repubblica spagnola. La pubblicazione iniziò il 26.7.1936, pochi giorni dopo la rivolta militare franchista, e venne sospesa il 24.1.1937, quando le Milizie si sciolsero per costituire l'Esercito popolare.

La diffusione del giornale raggiunse le 80.000 copie. Queste venivano gratuitamente distribuite ogni mattina, su tutti i fronti di Madrid, durante la difesa della città dall’attacco franchista (v. Madrid, Difesa di). II quotidiano era edito dalla Commissione di Lavoro sociale del Quinto Reggimento che dipendeva dal commissario politico Vittorio Vidaìi ed era diretto da Benigno Rodriguez, un operaio tipografo autodidatta e molto stimato, al quale vennero successivamente affidati altri incarichi importanti, tra cui quello di segretario particolare del presidente del consiglio della Repubblica spagnola Juan Negrin.

A « Milicia popular » collaborarono poeti come Rafael Alberti, Hernandez, Varela, Aparicio, Parades; scrittori come José Bergamin e Ramon Sender; caricaturisti e disegna[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 611

Brano: [...]ebbraio termina la campagna e quattrocentomila profughi si rifugiano in Francia. Ormai solo i comunisti spingono il governo a continuare la lotta. Contro di loro a Madrid si forma una giunta che vuole negoziare la resa, ma superare l’opposizione comunista fa perdere parecchi giorni. Franco può far occupare Madrid il 28.3.1939. La guerra era finita» (Vilar).

La Repubblica (dal 10.8.1936 ne era presidente Manuel Azana) di fronte all’aggressione franchista non seppe dare una risposta militare immediata né seppe creare in tempi rapidi un nuovo esercito da sostituire al vecchio che era stato disarticolato e decapitato dalla rivolta militare. Se la risposta spontanea, guidata da partiti e sindacati, riuscì in un primo momento a bloccare l’avanzata dei facciosos, essa costituì anche un limite, quando venne a essere un impedimento alla creazione di un nuovo esercito: le colonne catalane guidate dalla F.A.I. e dal P.O.U.M. (v.) rifiutarono per molti mesi di essere “militarizzate”, di essere cioè inquadrate e di accettare una disciplina, certamente de[...]

[...]va in agricoltura e neH’industria, sostenendo che soltanto se si fosse portata fino in fondo la rivoluzione, ottenendo in tal modo l’adesione delle masse proletarie, sarebbe stato possibile vincere la guerra. Nettamente contrari a ciò, socialisti e comunisti erano invece convinti della necessità di rinviare il processo rivoluzionario (di cui non negavano comunque l’urgenza) a quando fossero stati sconfitti i fascisti: la guerra contro l’avanzata franchista doveva, in quel momento, avere la precedenza su tutto. Nel maggio 1937 le strade di Barcellona assistettero allo scontro armato fra a

narchici e poumisti da un lato, e truppe governative repubblicane (affiancate da socialisti e comunisti) dall’altro. Nel corso di questi scontri, il 5 maggio, fu ucciso « per mano di agenti al servizio di Stalin », anche l’italiano Camillo Berneri (v.), uno dei più noti dirigenti del movimento anarchico internazionale.

Fu soprattutto per opera dei comunisti (il cui seguito aumentò enormemente per la disciplina dimostrata e il prestigio guadagnato attraver[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 264

Brano: [...]tazione della forza dell’antifascismo italiano, allora non certo in grado di intraprendere un’azione di proporzioni adeguate all’obiettivo da raggiungere.

Nel marzo 1936, grazie all'aiuto del comunista Giuseppe Di Vittorio, Rosselli sfuggì a un tentativo di assassinio da parte di un provocatore deM'Ovra. Era quello il sintomo premonitore dell'attenzione con cui la sua attività veniva seguita a Roma.

Nella guerra di Spagna

L’insurrezione franchista in Spagna giunse come un fatto del tutto inatteso per Rosselli, il quale aveva pronosticato che, alla vittoria fascista in Africa, sarebbe seguito un periodo di stasi della politica aggressiva di Mussolini. Ma egli seppe ben presto adeguarsi alla situazione, sostenendo la necessità di un intervento attivo e immediato dell'antifascismo internazionale nella crisi spagnola.

« Dall’esito della lotta tra Spagna moderna

e proletaria e Spagna feudale e borghese dipenderà probabilmente per molti anni l’esito della lotta sociale in Europa [...] Per questo noi diciamo che la rivoluzione spagnola [...]

[...] operante a fianco dei repubblicani nella guerra di Spagna dall'agosto 1936 all’aprile 1937, al comando di Carlo Rosselli (v.), Mario Angeloni (v.) e Antonio Cieri.

Origini

Fin dai primissimi giorni seguiti alValzamiento militare di Franco (v.) in Spagna (18.7.1936), Carlo Rosselli esule a Parigi decise di promuovere una formazione armata antifascista che combattesse al fianco dei legalitari spagnoli. A tale scopo, 5 giorni dopo il “golpe” franchista, il capo di “Giustizia e Libertà” indisse una riunione nella sede parigina del movimento, sita in Rue du Val de Gràce. Comunisti e socialisti non raccolsero l'invito a parteciparvi. La Direzione comunista si rifiutò adducendo il fatto che i partiti operai francesi avrebbero inviato in Spagna solo medicinali e altri rifornimenti, in quanto i combattenti repubblicani avevano assicurato di non avere bisogno di uomini, bensì di materiali e soprattutto

264



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 614

Brano: [...]arati piani quadriennali di sviluppo che davano inizio a una rapida industrializzazione con l’impiego di capitali europei e statunitensi, quindi a una progressiva integrazione europea (il 10.1.1958 la Spagna era stata ammessa all’O.E.

C.E. e il 9.2.1962 cominciarono le lunghe trattative per l’ingresso nel Mercato Comune), non era affatto mutato il carattere interno del regime.

Il processo contro Dionisio Ridruejo (già capo della propaganda franchista durante la guerra civile), svoltosi a Madrid nel novembre 1960, indicava però che era in corso una rottura, destinata a diventare sempre più profonda e inarrestabile, fra il regime e alcuni degli intellettuali provenienti dalla Falange e dal movimiento. Già dalla fine degli anni Cinquanta lo schieramento delle opposizioni copriva l’intero arco delle tendenze politiche e non era più riservato solo ai vecchi militanti comunisti, socialisti e anarchici. Nel corso del 1962 un’ondata di scioperi investì l’intero paese: scesero in lotta i braccianti dell'Andalusia e gli operai del Nord industrializ[...]

[...] definitiva personificazione della continuità fra Franco e Carrero Bianco, un uomo di sicura dottrina e pratica franchiste da affiancare a Juan Carlos di Borbone che, il 22.7.1969, era stato finalmente designato al trono. Ma il 20.12.1973 un attentato dell'E.T.A. (c'è però chi assicura che l’azione sia stata favorita da servizi segreti interni e internazionali) faceva saltare in aria, con Carrero Bianco, le speranze di una automatica successione franchista.

L’ultimo governo del quarantennio di dittatura era stato presieduto da Carlos Arias Navarro, e fu precisamente a questi che toccò di gesti

II dittatore Franco investe ufficialmente, davanti alle Cortes, Juan Carlos quale futuro re di Spagna (22.7.1969)

614


successivi
Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine franchista, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---fascismo <---fascisti <---fascista <---antifascista <---comunista <---comunisti <---italiani <---socialista <---italiana <---socialisti <---italiano <---fasciste <---Storia <---antifascisti <---nazista <---Partito comunista <---nazisti <---Bibliografia <---P.C.I. <---Comitato centrale <---U.R.S.S. <---antifasciste <---franchisti <---C.L.N. <---Diritto <---antifascismo <---ideologica <---nazismo <---Pratica <---falangisti <---franchiste <---italiane <---P.S.I. <---U.S.A. <---socialismo <---G.L. <---P.C. <---cristiana <---dell'Italia <---ideologico <---nazifascisti <---socialiste <---C.N.T. <---José Antonio Primo de Rivera <---La guerra <---Luigi Longo <---P.O.U.M. <---P.S.O.E. <---S.I.M. <---S.S. <---comuniste <---eroismo <---falangista <---hitleriana <---ideologia <---ideologiche <---liberalismo <---lista <---liste <---nazifascista <---poumisti <---riformista <---sindacalista <---totalitarismo <---A.N.P.I. <---Antonio Gramsci <---Fronte Popolare <---G.A.P. <---Giuseppe Di Vittorio <---Italia libera <---J.O.N.S. <---O.N.U. <---P.C.E. <---Pio XI <---Radio Londra <---San Pietro <---U.G.T. <---anticomunista <---antipartigiana <---capitalismo <---estremiste <---franchismo <---marxista <---marxisti <---miliziani <---nazifascismo <---naziste <---riformismo <---sindacalismo <---sindacalisti <---staliniane <---Agraria <---Andrés Nin <---Arditi del popolo <---B.O.C. <---Brigata G <---Brigata G A P <---Brigate nere <---C.E.D.A. <---C.G.L. <---Casa del Campo <---Centro interno <---Clinica <---Colonna Italiana Ascaso <---Colonna Rosselli <---Comedia di Madrid <---Comune di Genova <---Critica sociale <---Dialettica <---Divisione Azzurra <---E.I.A.R. <---Emilio Mola Vi <---Esteri Galeazzo Ciano <---F.E. <---Filosofia <---Gran Bretagna <---I Divisione Garibaldi <---Il P <---Ilio Barontini <---In sostanza <---J.A. <---J.F. <---La Pietra <---La XII <---La lotta <---Le Brigate Internazionali in Spagna <---Manuel Goded Llopis <---Medicina <---Miguel Primo de Rivera <---Oggi in Spagna <---Opus Dei <---Ordine Nuovo <---P.C.U.S. <---Paimiro Togliatti <---Partito Operaio <---Patto Atlantico <---Piano Marshall <---Pietro Secchia <---Primo de Rivera <---Radio Barcellona <---Radio Milano Libertà <---Repubblica federale <---Rivoluzione liberale <---Santa Maria <---Santo Emanuele <---Scienze <---Stato spagnolo <---Storia moderna <---Unione nazionale <---Vaillant-Couturier <---anarchismo <---antifranchista <---antinazista <---attivista <---autista <---autoritarismo <---catalanisti <---cinismo <---collaborazionismo <---cristiano <---d'Azione <---dell'Alto <---democristiana <---falangismo <---giano <---giellisti <---hitleriane <---idealismo <---ideologici <---imperialista <---massimalista <---miliziano <---mussoliniani <---nazionalista <---nazionalisti <---neofascista <---patriottismo <---populismo <---proselitismo <---razzismo <---reggiana <---riconquista <---sardista <---squadrismo <---squadristi <---stalinismo <---terzinternazionalista <---A Monte Pelato <---A New York <---A.D. <---A.D.P. <---A.E. <---A.R.A.C. <---ABC <---Accanto a Ciano <---Aeronautica nella Seconda <---Agustin Aznar Ge <---Alberto Cianca <---Alberto Onainida <---Alcala de Henares <---Alcalà de Henares <---Alcalé Zamora <---Alcantara Oliva <---Alceste De Am <---Aldo Resega <---Aldo Vergano <---Alessandro di Jugoslavia <---Alesso di Trasaghis <---Alfonso Garcia Valdeca <---Alfonso XIII <---Alianza Obrera <---Alle nove <---Almudevar Hue <---Aloisio Zorzi <---Alpi Giulie <---Amerigo Coppi <---Andrea Marabini <---André Malraux <---Angel Otaegui <---Angelo Neri <---Angelo Pastore <---Angeloni a Guido <---Angioi Paolo <---Antonini di Roma <---Antonio Cieri <---Antonio Santarelli <---Antonio de Oliveira <---Apologetica <---Architetti Moderni <---Architettura Razionale <---Arialdo Zanotto <---Armando Antonini <---Armando Peruzzi <---Armata in Croazia <---Arruolatosi nella Divisione <---Arti Figurative di Monza <---Ascaso-Rosselli <---Attilio Papparotto <---Attilio Strazzi <---Augusto Chiori <---Autonome Monregalese <---Bagno di Romagna <---Balbo in Africa <---Bandiera Rossa <---Bari-Foggia <---Battaglione Garibal <---Battaglione del Reggimento Alpini <---Benigno Rodri <---Benvenuto Sabato <---Boadilla del Monte <---Bocche di Cat <---Bocche di Cattaro <---Bocchetta di Barna <---Borgo San Martino <---Breda Antonio Marinini <---Breda I <---Breda IV <---Brigata Garibaldi in Spagna <---Brigata Internazionale in Spagna <---Brigata capitano Gento <---Brigate Internazionali dalla Spagna <---Brindisi a Roma <---British Foreign Poli <---Bronze Star <---Bruno Migliorini <---Bruno Passon <---Bruno Zevi <---C.C.N. <---C.E. <---C.M.R.P. <---C.S.M.S.S. <---Calle Francos Rodnguez <---Calza-Bini <---Camillo Ufficiale <---Campo Polo <---Campo dei Boj <---Capanna Stoppani <---Capanne di Marcarolo <---Carlo Benaglia <---Carlo Galli <---Carlo Lizzani <---Carlo Rosselli a Monte Pelato <---Carlo Rosselli da Radio Barcellona <---Carlo V <---Carlo a Milano <---Carlos Arias Navarro <---Carol II <---Carta del lavoro <---Casa de Juntas <---Cascina Grassi <---Castel San Giovanni <---Catalogna dalla Spagna <---Catanzaro I <---Cecoslovacchia a Hitler <---Cerro de Los Angeles <---Cesare Amisano di Frassinello <---Cesare Amè <---Cicito Anfossi <---Cino Moscatelli <---Cividale del Friuli <---Colonna Italiana <---Comenar de Oreja <---Comisiones obreras <---Comitato del Fronte <---Commissione di Lavoro <---Commissione interna <---Como-Sondrio-Varese <---Compagnia del Battaglione Garibaldi <---Complutense di Madrid <---Comunista Espanda <---Concentrazione Antifascista <---Concetto Marchesi <---Confederacion Nacional del Traba <---Conferenza del Partito <---Conferenza di Monaco <---Congresso di Livorno <---Corni del Nibbio <---Corriere Padano <---Corriere della Sera <---Corriere italiano <---Crescentino Marinone <---Critica fascista <---D.C. <---D.L. <---Dal Boy Agostino <---Darles Fusetti <---Das Potsdamer Abkommen <---Davide Lajolo <---De Gasperi <---De Lorenzi <---Diario del V Regimiento <---Diego Hidalgo <---Dinamica <---Dino Giacobbe <---Diplomatica <---Direzione Alta Italia <---Divisione G <---Divisione G L <---Dolores Ibérruri <---Domenico Terzi <---Dopo I <---Dos Passos <---E.D <---E.D.V. <---E.T.A. <---Economia politica <---Eden a Londra <---Edizioni La Pietra <---Edoardo Lupano <---Edoardo Persico su Casabella <---Enrico De Marinis <---Enrico Farina <---Enrico Martini Mauri <---Enrique Lister <---Enzo Bagnoli <---Era de Franco <---Ermacora Zuliani <---Ernesto Cesare Longobardi <---Ersilio Ambrogi <---Espana de Franco <---Estrecho Quinto <---Ettore Muti <---Eugenio Curie <---Eugenio Gregoratti <---Eugenio Mascetti <---Europa-America <---Ezio Rossi <---F.A. <---F.A.I. <---F.A.O. <---F.E.T. <---F.G.C.I. <---F.I.C.E. <---F.I.O.E. <---F.I.R. <---F.L. <---F.O.Z. <---F.U.C.I. <---Fabrizio De Santis <---Felice Pa <---Ferdinando De Rosa <---Fernàndez Vargas <---Fertilia nella Nurra <---Fiamme Nere <---Filippo Pecoraino <---Fondo Ersilio Ambrogi <---Fondò a Parigi <---Fosse del Natisone <---Fragoso Car <---Francesco Gavaret <---Francesco Rocca <---Francia di Napoleone <---Francisco Largo Cabali <---Franco Simonazzi <---Franco Venturi <---Francois Mauriac <---Frangois Mauriac <---Frente de Juventudes <---Frequentò a Mosca <---Friuli-Venezia <---Frunze a Leningrado <---Fucilazione in campagna <---G.G. <---G.N.R. <---Galileo di Firenze <---Galvano Della Volpe <---Garcia Juliàn Grimau <---Garcia Lorca <---Gaspare Biggi <---Gaspare Rizzi <---Gattinara-Biella <---Gazzetta del Popolo <---Genova-Pegli <---Germania dei Thomas Mann <---Giaime Pintor <---Gilio Adolfo <---Gillo Pontecorvo <---Gino Tasca <---Giovan Battista <---Giovan Battista Gardoncini <---Giovanni Amendola <---Giovanni Delu <---Giovanni Duce <---Giovanni Pesce <---Giovanni Premoli <---Giovanni Rocco di Rossigna <---Giovanni Valdarchi <---Giovanni Zeppa <---Gioventù a Milano <---Girolamo Li Causi <---Giulio Casiraghi <---Giulio Cerreti <---Giuseppe Ac <---Giuseppe Bottai <---Giuseppe Garibaldi <---Giuseppe Montezemolo <---Giuseppe Pampuro <---Giuseppe Spataro <---Giuseppe Tur <---Gli Stati Uniti <---Gregorio Savoia <---Gruppo Camicie Nere <---Guardia Civil <---Guerra Gii Robles <---Guerra generale Soddu <---Guido Chiesa <---Guido Piovene <---Gustav Regler <---H.E. <---H.M. <---H.R. <---Hans Kahle <---Henri Philippe <---Henri Philippe Pétain <---Hermann Goering <---Historia de Espana <---Historia del Fascismo <---Hitler in Europa <---Hitler in Germania <---I Esposizione Italiana di Architettura <---I Squadrone del Gruppo <---Ignacio Sànchez Mejias <---Il Comunista <---Il Fronte <---Il Lavoro <---Il Natale <---Il P C <---Il P C E <---Il P O <---Il P O U <---Il campo <---Il grido <---Il grido del popolo <---Il mattino <---In L <---In maggio <---In particolare <---Inferiore da Giuseppe <---Isidoro Gomà <---Italia dalla Resistenza <---Italiana di Architettura Razionale <---J.L. <---J.P. <---Jacir Bey <---Jean De Vincennes <---Jean Paul Sartre <---Jean-Paul <---Joaquim Maurin Jullia <---Joaquin Fanjul Goni <---Joffre Priatti <---Joris Ivens <---Joseph Kessel <---José Baena <---José Calvo Sotelo <---José Diaz <---José Sanjurjo Sacanell <---Juan Antonio Ansaldo <---Juan Carlos di Borbone <---Juan Negrin <---Juan Paredes Manot <---Julian Garcia Grimau <---Julian Gorkin <---Julio Antonio Mella <---Kitwe-Kalulushi <---L.N. <---La C <---La C E <---La Comune <---La Gazzetta <---La Gazzetta del Popolo <---La III <---La Nueva Era <---La Regia Aeronautica <---La Repu <---La Repubblica <---La Resistenza in Lombardia <---La Risaia <---La Tribuna <---La Voce <---La XI <---La casa <---La colonna <---La cultura <---La difesa <---La dittatura <---La prima <---La regione <---La riforma della scuola <---La rivolta <---La sera <---La storia <---La vita <---Labour Party <---Laconi nel Nuorese <---Leandro De Bernardi <---Lefebvre degli Annales <---Legione Condor <---Legione Straniera <---Lelio Basso <---Leo Colombo <---Libero Battistelli <---Libero Garzanti <---Liberté-Egalité-Fraternité <---Libro III <---Linea Gotica <---Listen Comrades <---Litorale Adriatico <---Lo Stato operaio <---Lo stato <---Lorenzo Della Pietra <---Ludvich Eughebert <---Luigi C <---Luigi Longo Ispettore <---Luis Carrero Bianco <---Luis Rivas <---M.D.T. <---M.I.A.R. <---M.U.P. <---M.V.S.N. <---Ma non <---Machado a Neruda <---Madonna dei Monti a Grazzano <---Madrid Stanton Griffis <---Madrid a Valencia <---Marano Vicentino <---Marc Bloch <---Marcelo Caetano <---Marchese di Ru <---Mare di Barents <---Maria Paressin <---Maria Teresa Gallego <---Marino Zanella <---Mario Angeloni a Guido Picelli <---Mario Berte <---Mario Corona <---Mario De Faccio <---Mario Foschiani <---Mario Modotti <---Martino Martini <---Matematica <---Maurizio Di Giacomo <---Mauro de Mauro <---Membro del Comitato <---Menotti Gasparri <---Merleau-Ponty <---Mezzo secolo <---Michele Centrone <---Michele Gaguina <---Michele Schirru <---Minervino Murge <---Mit Brennender Sorge <---Monserrato di Cagliari <---Monte Rosa <---Monte Rosa Giacomo <---Mora de Rubielos <---Morata de Tanjunia <---Mosca fra Stalin <---Mostra di Venezia <---Movimento Socialista de Catalunya <---Movimento operaio <---Musei Vaticani <---N.A.T.O. <---Nacional del Trabajo <---Narciso Martinez Cabezas <---Nedo Paletta <---Nel M <---Nel M I <---Nicola Marchis <---Nino Nannetti <---Nocera Inferiore da Giuseppe Vici <---Nord di Alicante <---Nort Atlantic Treaty Organisation <---Nunzio Marinangeli <---O.E. <---Obrero de Uni <---Operaio di Unità <---Ottica <---P.C.F. <---P.C.O.E. <---P.C.S. <---P.C.U.S <---P.M. <---P.O. <---P.S. <---P.S.D.I. <---P.S.I <---P.S.I.U.P. <---P.S.U.C. <---PCI <---POUM <---Pablo Picasso <---Palma di Maiorca <---Palmiro Togliatti <---Paolo Cantamessa <---Paolo Comida <---Paolo Vitto <---Parigi Rina Zecchini <---Partigiano in Albissola <---Partito Fascista Repubblicano <---Partito Operaio di Unità Marxista <---Passo del Fo <---Peasant Revolution in Spain <---Perales del Rio <---Piave a Crespano <---Pierino Scar <---Pietro Caleffi <---Pietro De Bernardi <---Pietro Lupano <---Pietro Rastelli <---Pinell de Bray <---Pio X <---Plòtzensee a Berlino <---Poeta a New York <---Pompilio Molinari <---Ponte dei Francesi <---Popolare a Napoli <---Popolo di Vercelli <---Poppi nel Casentino <---Porta di Hierro <---Porti Ilo <---Poste di Moie <---Primera Linea <---Provincia di Forlì <---Quaderni Italiani <---Quaranta in Europa <---Quarto Stato <---Quelli di Barcellona <---Questura di Trieste Gaetano Collotti <---Quisisana di Roma Gramsci <---R.A.M.L <---R.S.S. <---Radio Madrid <---Radio Milano <---Ramiro Ledesma <---Ramon Sender <---Ramon Serrano Suner <---Reggimento Volontari Friulani <---Regimiento de Milicias Populares <---Regina Coeli <---Renato Morandi <---Renato Poggioli <---Renzo Ca <---Reparto Operazioni del Comando Supremo <---Repubblica Democratica del Congo <---Repubblica Sociale Italiana <---Repubblica del Messi <---Repubblica socialista <---Resistenza a Lione <---Resistenza a Venezia <---Resistenza in Francia <---Resistenza nel Novarese <---Retorica <---Ricorda G <---Riforma sociale <---Rino Propaganda <---Rio Cisneros <---Roatta in Spagna <---Roberto Farinacci <---Roberto Forti <---Roberto Navale <---Rodriguez de Valcàrcel <---Rolli Ufficio <---Roma L <---Roma da Togliatti <---Roma-Berlino <---Romain Rolland nel Comitato <---Rosa Giacomo Chiara <---Rosa Luxemburg <---Rosselli a Monte <---Rosselli da Radio <---Rosselli in Spagna <---Rosso di sera <---Ruia Alonso <---Ruiz de Alda <---S.A.P. <---S.F.I.O. <---S.G. <---S.I.A. <---S.I.E. <---S.I.S. <---Sala Consilina <---San Ferdinando <---San Marino <---Santa Comba Dào <---Santa Flavia <---Santa Maria del Tempio <---Santa Maria di Curino <---Schlaepfer-Wenner <---Scienze politiche <---Scienze statistiche <---Scriverà Giacomo Calandrone <---Scriverà Pierre Vilar <---Second World <---Sempre Avanti <---Serra San Quirico <---Services de Rensei <---Sesto Fiorentino <---Sesto San Giovanni <---Sezione Pietro Nevicati <---Sezione Spagnola dei Lavoratori <---Silvio Mastio <---Silvio Trentin <---Socialismo liberale <---Società Elettrica del Valdarno <---Società Italia <---Spagna Alfonso <---Spagna nei Paesi <---Spain in Crisis <---Spanish Civil War <---Squarciò di Franco Solinas <---Stato operaio <---Storia contemporanea <---Storia dei Fuorusciti <---Storia della Resistenza <---Storia sociale <---Storiografia <---Sud-Africa <---Sud-Ovest <---Suprema Corte di Cassazione <---Svetozar Lakovic <---Sào Paolo <---T.O.P. <---Tan-Zam <---Terza Repubblica <---Terzo Mondo <---Tetuàn a Madrid <---The Spanish Republic <---Tina Modotti <---Titta Rosa <---Togliatti in Spagna <---Tommaso Serra <---Toponomastica <---Tornò a Forlì <---Trastevere Il Comunista <---Trattato di Bruxelles <---Tribunale di Norimberga <---Trieste Gaetano Collotti <---Trotzky a Nin <---U.C.D. <---U.E.O. <---U.M. <---U.N.R.R.A. <---U.R. <---Ugo La Malfa <---Umberto Ca <---Umberto I <---Università di Bari <---V Congresso del Partito <---V Regimiento de Milicias <---V Sezione Breda <---Val de Gràce <---Vercelli II <---Verona dal Tribunale <---Vignale Monferrato <---Villa Slavina <---Vincenzo Bianco <---Vincenzo De Filippo <---Vincenzo Moscatelli <---Vincenzo Toschi <---Vittorio Alunni <---Vittorio Vidali a Madrid <---Vittorio Vidaìi <---Viva Statini <---Wenner di Scafati <---Zanon Dal Boy <---Zona di Ampezzo <---Zona di Aosta <---Zona libera <---Zona liberata <---abbiano <---alismo <---altipiano <---anarcosindacalista <---anticolonialista <---anticomunismo <---anticomuniste <---anticristiana <---antimarxista <---antimeridiane <---antimilitarismo <---antimilitarista <---antipartigiane <---antisemitismo <---antisocialiste <---antistaliniste <---apprendista <---ariana <---artigiano <---asturiana <---ateismo <---attendismo <---attivisti <---autonomista <---autonomiste <---autonomisti <---avventurismo <---avviano <---azionista <---azionisti <---banditismo <---batteriologici <---biano <---bolscevismo <---bordighiana <---bordighista <---capitalisti <---caricaturisti <---carlisti <---casadisti <---castigliano <---caudillista <---centrismo <---centrista <---ceramista <---collaborazionista <---collaborazioniste <---collaborazionisti <---colonialista <---colonialiste <---colonialisti <---complottisti <---cristianesimo <---cristiani <---crociano <---d'America <---d'Aosta <---d'Aragona <---d'Italia <---d'Oro <---d'Ossola <---damigiane <---dell'Aeronautica <---dell'Africa <---dell'Ambasciata <---dell'Andalusia <---dell'Aragona <---dell'Asse <---dell'Austria <---dell'Emilia <---dell'Esercito <---dell'Oltrepò <---dell'Organizzazione <---dell'Ungheria <---dell'Unione <---deologica <---dilettantismo <---doppiogiochista <---egoismo <---emiliani <---emiliano <---entrismo <---esistenzialismo <---espansionismo <---estremismo <---estremista <---estremisti <---falangiste <---fascismi <---filofascista <---filofasciste <---filonazisti <---francista <---francisti <---franquista <---frontismo <---gappista <---giani <---giellista <---giste <---giustizialismo <---gollista <---golliste <---golpisti <---guardiani <---ideologie <---idéologie <---immobilismo <---imperialismo <---individualismo <---iniziano <---interclassismo <---internazionalista <---internazionalisti <---isti <---istriana <---leninista <---liani <---liberalsocialista <---liberalsocialisti <---liniana <---lirismo <---marxismo <---marxiste <---mazziniani <---meridionalista <---militarismo <---miliziane <---misticismo <---moderatismo <---modernista <---mussoliniano <---nazionalismo <---nazionaliste <---nell'Estremadura <---nell'Estremo <---nell'Italia <---neofasciste <---neonaziste <---neopaganesimo <---oltranzisti <---opportunismo <---opportunista <---opusdeisti <---pacifismo <---particolarismi <---peronismo <---peronista <---peronisti <---pistolerismo <---pomeridiane <---populista <---possibilista <---poumista <---poumiste <---prefasciste <---prefascisti <---professionisti <---progressista <---propagandista <---propagandisti <---radicalsocialista <---razionalista <---realismo <---reconquista <---regionalista <---revisionismo <---riformisti <---rifugiano <---ronismo <---salesiani <---sardisti <---sciovinista <---sciste <---siciliana <---siciliani <---siciliano <---sindacaliste <---sindicalismo <---socialfascisti <---spartachisti <---stalinista <---stalinisti <---taliana <---taliani <---telegrafista <---terrorismo <---terroristi <---testimoniano <---tifascisti <---tisemitismo <---tradicionalista <---trotzkismo <---trotzkista <---umanesimo <---valligiani <---valsesiano <---varguismo <---variano <---volontarismo <---zambiana <---zinternazionalista