→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale calvinista è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 55Entità Multimediali, di cui in selezione 5 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 501

Brano: Settarismo

rica. Queste erano associazioni formalmente di carattere religioso che però, ispirandosi all’ideologia calvinista e all’etica protestante, di fatto perseguivano finalità di mutua assistenza economica tra i loro seguaci, per lo più piccoli e medi borghesi. In esse si sosteneva che il raggiungimento del successo economico individuale era una mèta indicata da Dio e che la raggiunta affermazione professionale di una persona andava perciò intesa come segno della “grazia” divina, che la “divisione del lavoro” tra gli individui era un fatto naturale e quindi che anche lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo era legittimo (al punto che queste sette approvavano Io schiavismo). Nel clima di aspra concorrenza che nei s[...]

[...]e più in generale nell’attività politica, gli imprenditori appartenenti alle varie sette si sostenevano fra loro, schierandosi nelle lotte di classe su posizioni particolarmente reazionarie.

Le sette operaie

Le prime associazioni operaie sorte in Europa all’inizio del secolo XIX, quantunque non fossero religiose e socialmente si trovassero agli antipodi rispetto alle sette protestanti borghesi, mutuarono in gran parte da queste l’ideologia calvinista e i metodi organizzativi: il lavoro visto come “vocazione”, l’organizzazione esclusiva e corporativa di mestiere, l’estremo frazionamento, una concezione ristretta del solidarismo sociale e il conservatorismo ideale. Questi limiti erano presenti anche nell’attività dei partiti di opposizione ai quali i gruppi di operai aderivano, lasciando ampi spazi di manovra all’opportunismo dei loro dirigenti radicalborghesi.

Appunto per combattere questo stato di cose, nel 1847 Marx ed Engels aderirono alla Alleanza dei comunisti, operando affinché il proletariato avesse « un proprio partito, distinto[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 438

Brano: [...]ermò di aver visto le famose Cascate Vittoria e a lui fu poi intitolata l’omonima città sullo Zambesi. Dopo aver visitato il territorio Livingstone scrisse: « C’è spazio a sufficienza per gli emigranti inglesi. Vi si stabiliscano e lavorino il suolo vergine della terra di Cam [...] Ho deciso di aprire il paese ». Livingstone morì, durante la sua ultima missione esplorativa, nel villaggio di C hitambo.

A Livingstone fece seguito il missionario calvinista francese Coiliard che strinse un “trattato” con il capotribù Lewanika, inducendolo fraudolentemente a chiedere “protezione” alla regina Vittoria. Gli inglesi non si fecero pregare e, nel 1889, giunse sul luogo la British SouthAfrica Company fondata dall’avventuriero Cedi Rhodes che, “autorizzato” appunto dalla Corona britannica, si impadronì del Barotsland, nonché delle terre dei Bemba, degli Ngoni e dei Lunda, facendone una sorta di colonia personale (v. Rhodesia) che, per oltre mezzo secolo, fu chiamata Rhodesia del Nord.

L'indipendenza

Principale protagonista dell'indipendenza dello [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 278

Brano: [...]edievale nato verso la fine del secolo XII per opera di Valdesio o Valdo, mercante di Lione che abbandonò commercio e famiglia per predicare la purezza dell’Evangelo, in polemica con la chiesa costituita e i potenti della terra. Il movimento ebbe notevole diffusione in Europa, poi fu perseguitato e disperso; si salvarono attraverso mille traversie i gruppi rifugiatisi nelle valli cui diedero il nome, i quali nel secolo XVI aderirono alla Riforma calvinista e poi sopravvissero (grazie all’aiuto dell’Europa protestante) alle guerre di sterminio condotte a varie riprese dai duchi di Savoia.

Dopo che il 17.2.1848 il re Carlo Alberto ebbe concesso la libertà religiosa, la chiesa valdese conobbe una certa espansione nelle altre regioni italiane, conservando nelle sue Valli dimensioni di chiesa di popolo e un diretto impegno culturale e sociale.

Spirito democratico

Anche se nelle linee generali le Val

li valdesi hanno seguito l’evoluzio

Sergio Toja

ne della regione alpina piemontese (e sono quindi state colpite dall’emigrazione verso[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 208

Brano: [...] migliaia di copie; 120 giornali circolavano nel 1941 e 150 nel 1943. I più diffusi furono: Vrij Nederland (Libera Olanda), apparso per la prima volta nell’agosto 1940, ispirato a principi cristiani umanitari; Het Parool (La Parola), socialista indipendente diretto da Frans Goedhart, che si poneva contro tutti i vecchi partiti e la loro ricomparsa; Christophore, cattolico ma aperto a sinistra e ispirato dal pensiero di Maritain; Trouw (Fedeltà), calvinista; De Waareis (La verità), comunista, che auspicava la formazione di un partito operaio unificato; De Geus, giornale degli studenti.

Il 3.9.1944 i primi reparti degli Alleati sbarcati in Normandia passarono la frontiera olandese; l’8 settembre liberarono Ostenda e, il 17, anche le truppe del generale Montgomery puntarono dal Belgio Sull’Olanda. Nel contempo il governo esule a Londra ordinò uno sciopero generale di appoggio e più di 30.000 ferrovieri olandesi la* sciarono il posto di lavoro. Tuttavia solo alla fine del marzo

1945 gli Alleati sfondarono il fronte nemico a Nimega, verso nord[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 207

Brano: [...].B. ottenne I’8 per cento dei voti. L’accesso al governo, in cui si erano succedute, nei primi decenni del secolo, coalizioni composte da cattolici e protestanti, uniti nella comune opposizione al liberalismo e al socialismo, nel dopoguerra era stato consentito anche ai liberali. Sotto l’incalzare degli avvenimenti, nella seconda metà degli anni Trenta fu iniziata una politica di armamenti e, quando nel luglio 1939 cadde il ministero guidato dal calvinista H. Colijn, fu costituito un gabinetto presieduto da J. De Geer e nel quale vennero nominati (in nome dell’unità nazionale) anche due ministri socialisti. II 29.8.1939, nonostante l’Olanda avesse ricevuto assicurazioni dalla Germania nazista che la sua sovranità sarebbe stata rispettata, il governo olandese ordinò la mobilitazione. Successivamente, quando Hitler, terminata la campagna polacca, volse le sue mire verso ovest, l’Olanda proclamò la propria neutralità ma, nel contempo, rafforzò l’esercito e fece allagare vaste plaghe del paese per rendere più difficoltosa la temuta invasione tedesc[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine calvinista, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---comunista <---comunisti <---socialismo <---Commissario del Reich <---N.S.B. <---Partito comunista <---Seconda Internazionale <---collaborazionista <---fascismo <---fascista <---fascisti <---marxista <---nazista <---riformista <---socialisti <---A.A. <---Amsterdam a Berlino <---Antonio Vellutini <---Bernardo di Lippe <---Bibliografia <---Bologna I <---Brigata Garibaldi Val di Cecina <---C.L.N. <---Carlo Alberto <---Carlo Bartolozzi <---Cascate Vittoria <---Cedi Rhodes <---Central-Africa <---Commissario del Reich A Seyss <---Conferenza di Praga <---De Waareis <---Divisione Val Chisone <---Engels a G Trier <---Etica <---G.L. <---Garibaldi Val <---Grote Advies Commissie <---H.G. <---Hermann Goering <---Il N <---Il N A S <---Il Partito comunista <---Il Pioniere <---K.A.P.N. <---L.K.P. <---L.O.F. <---La Nuova Italia <---La guardia <---La guerra <---La lotta <---Landeljke Or <---Le sette <---Lettera aperta <---N.A.S. <---National Indi <---Nuova Italia <---O.U.A. <---Oberdan Chiesa <---Operaio Socialdemocratico di Russia <---Palazzo d'Accursio a Bologna <---Partito Operaio <---Pratica <---Raad Van Verzet <---Radio Londra <---Rhodesia del Nord <---Rhodesia del Sud <---S.D.A.P. <---S.S. <---Sante Fantozzi <---Sergio Toja <---South-Africa <---Storia <---U.N.I.P. <---V Divisione Giustizia <---Val Chisone <---anabattisti <---anarchismo <---antifascista <---capitalismo <---ccmunista <---collaborazionisti <---colonialisti <---conservatorismo <---cristiani <---d'Accursio <---estremismo <---fasciste <---giolittismo <---ideologia <---interimperialista <---italiane <---leninismo <---liberalismo <---lista <---marxiane <---naziste <---nazisti <---neocolonialismo <---neocolonialista <---opportunismo <---pietisti <---revisionisti <---riformisti <---schiavismo <---settarismo <---socialista <---solidarismo <---trotzkismo <---zarista