→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale boliviano è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 110Entità Multimediali, di cui in selezione 2 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 702

Brano: [...]issioni di Guevara da ministro dell’industria e la sua decisione di abbandonare Cuba furono quindi motivate dalle profonde ragioni esposte nella lettera a Castro.

La lotta in Bolivia

Il 7.11.1966 il Che si trovava in Bolivia. II fatto venne tenuto segreto, quindi circolavano continuamente voci sulla presenza del rivoluzionario sudamericano in varie parti del globo, e non mancavano coloro che

lo davano per morto. Il 26.3.1967 il generale boliviano Ovando ammise che nel suo paese si stava svilup

pando la guerriglia, ma si continuava a ignorare dove fosse Guevara.

Il 17 aprile venne fatto conoscere il messaggio di Guevara alla conferenza Tricontinentale. In esso il Che tratteggiava la strategia di lotta antimperialista che riteneva più valida: creare « due, tre Vietnam ».

Il 20 aprile, in Bolivia, venne arrestato fìégis Debray, il quale confermò la presenza di Guevara nel paese. Il governo militare boliviano, con l’aiuto di esperti americani, organizzò allora una poderosa caccia all’uomo, dopo aver individuato la base di operazi[...]

[...] nel suo paese si stava svilup

pando la guerriglia, ma si continuava a ignorare dove fosse Guevara.

Il 17 aprile venne fatto conoscere il messaggio di Guevara alla conferenza Tricontinentale. In esso il Che tratteggiava la strategia di lotta antimperialista che riteneva più valida: creare « due, tre Vietnam ».

Il 20 aprile, in Bolivia, venne arrestato fìégis Debray, il quale confermò la presenza di Guevara nel paese. Il governo militare boliviano, con l’aiuto di esperti americani, organizzò allora una poderosa caccia all’uomo, dopo aver individuato la base di operazioni della guerriglia.

Il 31 agosto, i due reparti guerriglieri diretti da Guevara vennero localizzati e attaccati dalle truppe governative. Le azioni si susseguirono per varie settimane nella zona di Valle Grande, in una situazione di crescenti difficoltà per i guerriglieri. L’8 ottobre, un reparto di 180 rangers riuscì a circondare il gruppo guerrigliero capeggiato da Guevara, e nei pressi del villaggio di Higueras il Che stesso venne messo fuori combattimento da una r[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 525

Brano: [...]mare l’indipendenza del Perù.

Nel 1823 Simon Bolivar ricevette in Lima il titolo di Libertador de las Americas e proclamò per il Perù una costituzione liberale. Nell’anno successivo le vittorie militari bolivariane obbligarono le oligarchie creole (cioè i discendenti dei genitori europei) del Perù, del Venezuela e della Colombia ad accettare il fatto compiuto dell’indipendenza dalla corona spagnola.

Le guerre latinoamericane

Nel 1836 il boliviano Andrés Santa Cruz prese il potere nella regione e, per far fronte all'aggressività dei paesi confinanti (specialmente il Cile), fondò la Confederazione perùboliviana. Un anno dopo scoppiò una guerra, vinta dai cileni. Il trattato di pace fra i due paesi della Confederazione e il Cile venne concluso separatamente ed ebbe così termine il breve esperimento confederale.

Conclusa questa prima fase di indipendenza, culminata in una nuova rovinosa guerra del Perù contro la Bolivia, la presidenza di /?. Castilla assicurò al paese un periodo di relativa stabilità (184562) nota come « la rivoluzione[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine boliviano, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---A.B. <---A.P.R.A. <---Andrés Santa Cruz <---Che Guevara <---Chimica <---Francisco Pizarro <---Guerra del Pacifico <---Guerra del Pacificot <---La guerra <---La lotta <---Ma non <---Oscar Pino Santos <---Partito comunista <---Perù I <---R.F.T. <---U.S.A. <---Un anno dopo <---Victor Raul Haya <---antimperialista <---aprismo <---boliviana <---civilista <---colonialismo <---colonialisti <---comunista <---determinismo <---economisti <---idealista <---imperialismo <---neocolonialisti <---peruviana <---peruviane <---peruviani <---peruviano <---populismo <---populista <---realismo <---socialista <---variane