→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale antagonismi è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 213Entità Multimediali, di cui in selezione 17 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 87

Brano: [...]pitale, la sua forza sarebbe limitata, condizionata e riflessa, priva di motivazione interiore. Esso trae invece la propria ragione d’essere dal carattere stesso della lotta per creare una società più giusta e libera, lotta che presuppone il superamento delle angustie e dei pregiudizi nazionali. La futura società socialista deve infatti portare alla eliminazione dello Stato in quanto strumento di coercizione dall’esterno, alla liquidazione degli antagonismi e dei contrasti tra i popoli, alla scomparsa delle frontiere nazionali, destinate a non avere più senso il giorno in cui tutti gli esseri umani, senza distinzione alcuna, formeranno un’unica comunità di eguali.

Nella attuale fase intermedia transitoria, il proletariato non nega i valori nazionali di ciascun popolo che stanno alla base delle diverse culture e che, essendo all’origine delle rispettive conquiste civili, culturali, artistiche e scientifiche, costituiscono un patrimonio comune all’intera umanità. Gli antagonismi di classe e nazionalistici hanno spesso portato alla negazione e a[...]

[...] destinate a non avere più senso il giorno in cui tutti gli esseri umani, senza distinzione alcuna, formeranno un’unica comunità di eguali.

Nella attuale fase intermedia transitoria, il proletariato non nega i valori nazionali di ciascun popolo che stanno alla base delle diverse culture e che, essendo all’origine delle rispettive conquiste civili, culturali, artistiche e scientifiche, costituiscono un patrimonio comune all’intera umanità. Gli antagonismi di classe e nazionalistici hanno spesso portato alla negazione e al tentativo di soffocare le particolarità e i diritti delle nazionalità oppresse e dei piccoli popoli, ma i tentativi di snazionalizzazione compiuti dai regimi capitalistici hanno trovato e trovano, nei proletari coscienti, avversari decisi che si schierano in difesa dei diritti nazionali offesi.

Non vi è d’altra parte alcuna contraddizione tra l'internazionalismo proletario e la difesa dei diritti nazionali da parte dei proletari consapevoli della loro missione storica. La lotta contro il regime dello sfruttamento capitalis[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 80

Brano: [...]io nazionale del P.S.I.U.P. (agosto

1945), al quale Togliatti recò il saluto a nome del P.C.I., « Luzzato sottolinea la necessità di un partito unico della classe lavoratrice per combattere l’aggressività della borghesia ». Anche Lelio Basso « considera indispensabile la creazione del partito unico *>, mentre Morandi « ritiene che il problema non sia quello della fusione, ma quello della creazione di un partito nuovo in grado di risolvere gli antagonismi dei due partiti esistenti ».

La mozione BassoCacc/aforeMorandiPerf/n/ raccolse il 76% dei voti, contro il 24% della mozione SaragatCoronaSMoneVecchietti.

(Cfr. Dalla Resistenza alla alternativa socialista/l Congressi del P.S.I. dal 1946 al 1972, Roma 1976, pag. 7).

Grazie al poderoso sviluppo organizzativo del P.C.I., alle posizioni unitarie dei socialisti e al prestigio complessivamente acquistato dalla sinistra nel corso della Guerra di liberazione, alimentato anche dall’espansione del potere sovietico in Europa, alle elezioni del 2.6.1946 comunisti e socialisti poterono raccoglier[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 33

Brano: Tedesco, Ferdinando

voratori) messa a punto negli Stati Uniti, a partire dal 1890, sulla base di studi compiuti dall'ingegnere

F.W. Taylor (18561915). Premessa ideologica del taylorismo era il raggiungimento di un optimum di vantaggi, sia da parte dei datori di lavoro che da parte dei lavoratori, in modo da far automaticamente cessare gli antagonismi di classe. Taylor partiva dal principio semplicistico che la prosperità poteva essere raggiunta solo portando al massimo la produzione: chi fosse riuscito a produrre di più sarebbe stato in grado di vendere a minor prezzo e, dal momento che avrebbe venduto più merci, avrebbe realizzato un maggior guadagno complessivo. Da questo elementare sillogismo economico derivava la necessità di eliminare dal processo di produzione ogni spreco dovuto a fattori tecnici e anche a fattori psichici (pigrizia, mezzi di lavori mal scelti, perdite di tempo volontarie e involontarie, ecc.). Sul piano pratico si [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 682

Brano: [...]tativi. L'introduzione di nuove tecnologie e metodi produttivi, la standardizzazione e la meccanizzazione, secondo principi tayloristici, richiesero sempre più una manodopera non

qualificata. Le fabbriche cominciarono ad attirare forti correnti migratorie interne ed estere. Tra il 1900 e il 1914 arrivarono negli U.S.A. circa 13 milioni di immigrati dalle zone più povere dell'Europa centromeridionale: il fenomeno creò nuove divisioni etniche e antagonismi aH'interno della classe operaia, spingendo i nuovi arrivati nelle città sovraffollate, specchio delle contraddizioni della società e serbatoio inesauribile di povertà e contrasti.

Socialisti e rivoluzionari

Nel 1901 venne fondato da M. Hillquit, V. Berger ed E. Debs il Partito socialista americano, che raccoglieva diverse organizzazioni e posizioni, vivendo la sua impetuosa crescita fino al 1912, anno della sua grandiosa affermazione elettorale. A livello sindacale i socialisti sostenevano un tipo di sindacalismo industriale (con l'unità dei lavoratori della stessa industria) contro il [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 629

Brano: [...]Hirschmann, dopo la morte di Colorni (caduto lottando nella Resistenza romana), diverrà compagna di vita e infine moglie di Altiero Spinelli.

Nel giugno 1941, a Ventotene, Spinelli e Rossi stesero un programma politico da attuare al di sopra dei vari partiti e sul piano internazionale, per giungere a una federazione democratica dei paesi europei, vista come unica soluzione sovrannazionale possibile e valida per il definitivo superamento degli antagonismi nazionalistici fomentatori di conflitti ideologici, economici e militari (v. Ventotene, Manifesto di). Dopo aver vanamente tentato di raccogliere tra gli altri confinati adesioni a tale programma, gli estensori del manifesto riuscirono a diffonderlo (soprattutto grazie all'impegno personale di Ursula Hirschmann) tra i piccoli gruppi di intellettuali socialisti e giellisti in Ita

lia, in Svizzera e in Francia (v. Federalismo europeo).

Riacquistata la libertà nell’agosto

1943, Spinelli tornò a Roma e si recò subito dopo a Milano (dove, nel frattempo, si era trasferita Ursula Hirschmann[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 528

Brano: »

Sindacalismo

elementi: gli organizzatori, i tecnici, i lavoratori manuali, uniti insieme dal legame indissolubile rappresentato, secondo la sua concezione, dall’"interesse comune” (v. Carta del Lavoro). In tal modo anche gli insopprimibili antagonismi di classe dovevano trovare un'automatica composizione e disciplina, per assicurare la quale sarebbe intervenuto energicamente lo Stato.

In realtà, la dottrina del corporativismo fascista consisteva in gran parte nella compenetrazione del sindacalismo di Edmondo Rossoni (v.) con il nazionalismo autoritario del Rocco. Già nel 1921 lo statuto del Partito nazionale fascista (v.) additava la corporazione come strumento della solidarietà nazionale per lo sviluppo della produzione; Rossoni, segretario della Confederazione nazionale delle corporazioni sindacali, aveva come idea fondamentale quella[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 511

Brano: Sforza, Carlo

Gabriele D’Annunzio su Fiume. In quest’ottica insieme mazziniana e di illuminato liberalismo, alieno dagli antagonismi nazionalistici, Sforza negò la partecipazione italiana al

lo smembramento della Turchia e non condivise i progetti di spedizione antibolscevica in Georgia, nella convinzione che l’esperimento sovietico dovesse compiersi senza interferenze esterne. Come corollario di tali scelte, avviò scambi e accordi commerciali con la Jugoslavia, la Turchia e la Russia.

L’opposizione antifascista

Ambasciatore a Parigi nel 1922, nell'ottobre di quell’anno, dopo la marcia su Roma, si dimise per « incompatibilità » con la politica estera di Mussolini, da lui definita « un semplice sommario di sentimen[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 83

Brano: [...]elle di parte rossa ai danni della borghesia). Verso la Chiesa, componente essenziale e autorevole dell’assetto nazionale, il fascismo andò pertanto praticando una politica che costituiva un ossequio fittizio alla religione fino a rasentare il paradosso: quello di un regime paladino della fede!

Immagine assurda, come notava sdegnato uno spirito libero, mettendo in guardia i correligionari: « Il filocattolicesimo è tale che non consente se non antagonismi netti; e il suo antagonismo è sempre il paganesimo... » (Igino Giordani, “La rivoluzione cattolica”, Torino 1925).

Ministri e deputati, notabili dello Stato e fascisti di ogni livello facevano infatti a gara nelle genuflessioni formali, alterando così il quadro degli autentici fedeli. Tra gli altri, diceva il guardiasigilli Alfredo Rocco: « Per fortuna d’Italia, il felice rivolgimento spirituale [...] trionfante dopo la guerra col trionfo del fascismo, le mutate condizioni politiche mondiali e il trascorrere del tempo hanno creato una atmosfera in cui tutti, oso dire, i problemi dei rappor[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 478

Brano: [...]a Unione Sovietica e Francia) e la progressiva attenuazione da parte dell’Internazionale comunista della teoria del « socialfascismo », che di lì a poco sarebbe stata sostituita con quella del « fronte popolare » (v.).

Contenuto

Il patto stipulato tra P.S.I. e P.C.I. prevedeva alcuni obbiettivi, su cui i due partiti si mostrarono d’accordo:

« a) contro l’intervento in Austria e in genere contro la minaccia di guerra che scaturisce dagli antagonismi degli interessi imperialisti e della politica fascista di provocazione alla guerra; b) per strappare alle prigioni e alle isole di deportazione le vittime del Tribunale Speciale e della repressione, per imporre l’amnistia totale e incondizionata; c) per la difesa e il miglioramento delle condizioni di vita dei lavoratori; d) contro il sistema corporativo, per la libertà sindacale, per la rappresentanza dei lavoratori nelle aziende, per la libertà di organizzazione, di stampa e di sciopero, per l'elezione libera di tutte le cariche sindacali, per la rivendicazione di tutte le libertà popolari [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 384

Brano: [...]ggioranza degli Stati dell’America Latina puntò sulla neutralità, specialmente il Cile e l’Argentina.

Secondo dopoguerra

All’indomani della Seconda guerra mondiale tramontarono definitivamente i tempi delia politica « del buon vicinato ». La guerra fredda e la divisione del mondo in rigide zone d’influenza offrirono agli Stati Uniti le condizioni per imporre la creazione della Giunta Interamericana di difesa. D’altra parte ricomparvero gli antagonismi fra gli interessi economici e politici dell’e

gemonia imperialistica e quei settori che, aH’interno dei singoli Stati latinoamericani, rivendicavano un maggiore spazio di autonomia. Di fronte alla nascita di questi settori borghesi populisti (il peronismo, il varguismo, l’aprismo), gli Stati Uniti riuscirono comunque a imporre i loro principi all’interno delle organizzazioni interamericane, sia sotto la minaccia diretta d’intervento che attraverso pesanti condizionamenti economici.

Come contropartita all’imposizione del patto militare, gli Stati latinoamericani ottennero un programma di[...]


successivi
Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine antagonismi, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---antifascista <---fascismo <---fascista <---comunista <---italiano <---fascisti <---C.L.N. <---comunisti <---socialista <---socialisti <---Partito comunista <---Storia <---capitalismo <---P.C.I. <---imperialismo <---Pratica <---italiani <---Bibliografia <---Diritto <---Filosofia <---La lotta <---P.S.I. <---S.S. <---U.R.S.S. <---U.S.A. <---collaborazionismo <---ideologica <---ideologico <---italiana <---italiane <---liberalismo <---nazista <---nazisti <---socialismo <---Emanuele III <---La guerra <---Luigi Sturzo <---P.S.I.U.P. <---S.A.P. <---Vittorio Emanuele <---antagonismo <---anticomunista <---antifascismo <---antifascisti <---antisocialista <---capitalista <---collaborazionista <---dell'Europa <---dell'Italia <---fasciste <---imperialisti <---leninista <---nell'Italia <---progressiste <---riformista <---sindacalismo <---squadristi <---A.S. <---Abbadia San Salvatore <---Abdel Karim Kas <---Abdel Sa <---Accettai in Colorni <---Agraria <---Alfredo Frassati <---America Latina <---Antonio Macha <---Antonio Starabba <---Antonio Starabba di Rudinì <---Avventura Europea <---Basso-Cacc <---Benedetto Croce <---Brigata S <---Brigata S A P <---Brigata Shav <---Brigate Nere <---Brigate nere <---Bruno Coceani <---C.E.E. <---C.G.I.L. <---C.G.L. <---CLN <---Camera dei Comuni <---Canale di Suez <---Cantico di Guillen <---Carlo Lodovico Ragghianti <---Carta del lavoro <---Charles Bedaux <---Chiesa di Cristo <---Chiesa-Stato <---Città del Messico <---Comitati nazionali <---Communist Labor Party <---Comune di Parigi <---Conferenza di Bogotà <---Conferenza di Lima <---Conferenza di Rio de Janeiro <---Corriere della Sera <---Cronologia <---Dagli Stati Sovrani <---De Gasperi <---Dépèche de Toulose <---Edinger L <---Edmondo Rossoni <---El Mono Azul <---Emanuele Modigliani <---Emilio De Bono <---Enrico De Nicola <---Enzo Col <---Erich Matthias <---Esercito di liberazione nazionale <---Esteri Pietro Nenni <---Estetica <---Eugenio Luraghi <---Eugenio Pertini <---F.D. <---F.W. <---Federazione Civica Nazionale <---Federico Garcia Lorca <---Fernand Bonnier <---Ferruccio Vecchi <---Fidel Castro <---Fisica <---Forte del Giovo di Sassello <---Forte di Mont <---Frederick William Deakin <---Fronte Sloveno <---Gauleiter Friedrich Rainer <---Georges Sore <---Ghega a Trieste <---Giacomo Buranello <---Giacomo Caiandrone <---Gianfranco De Bosio <---Giorgio di Sestri <---Giovanni Minzoni <---Giuseppe Zanardelli <---Giustizia Alfredo Rocco <---Gobetti Rivoluzione Liberale <---Gran Bretagna <---Gustav Regler <---H.H. <---Hans Fleckner <---Hans Scholl <---Heinrich Chri <---Helmut Glaser <---Henri Daubeuf <---Henry Ford <---I.O.S. <---I.R.I. <---I.W.W. <---Il Corriere della Sera <---Il Dramma <---Il Litorale Adriatico nel Nuovo <---Il Manifesto <---Il Manifesto di Ventotene <---Il Movimento di Liberazione <---Il Movimento di Liberazione in Italia <---Il Popolo <---Il garibaldino <---Il movimento sindacale <---In Europa <---In Gran Bretagna <---In sostanza <---Industriai Workers <---Interni nella Francia <---Italia Libera <---J.R.R. <---Jorge Guillen Salinas <---Juan Ramon Jimenez <---Kurt Huber <---L.A. <---La Civiltà Cattolica <---La Costituente <---La prima <---La ricerca <---La rivoluzione russa <---La vita <---Legione Garibaldina <---Liberazione in Italia <---Litorale Adriatico <---Ludwig Kubler <---Luigi Pelloux <---M.T. <---Manifesto del Partito <---Maria Teresa Leon <---Mata Zalka <---Matematica <---Matteo De Bona <---Medicina <---Mid-West <---Mont-Valerien <---Mullah Mustafa Barzani <---Musicologia <---N.A.T.O. <---N.C.F. <---National American Suf <---National War Labor Board <---New Deal <---New York Herald Tribune <---Nullo Baldini <---O.S.A <---Organizzazione degli Stati Americani <---P.C.U.S. <---P.N.F. <---P.P.I. <---P.R.I. <---Panamericana a Washington <---Pannunzio a Ernesto Cesare Longobardi <---Partito Albanese del Lavoro <---Partito Popolare <---Patto di Palazzo Vidoni <---Patto di Roma <---Piano Marshall <---Piero Gobetti Rivoluzione <---Portatosi in Toscana <---Progressive Era <---Psicologia <---R.A. <---Ramon Menendez Pidal <---Ravenna T <---Regno del Sud <---Reinhold Ger <---Repubblica democratica <---Resistenza a La Spezia <---Rino De Nobili <---Rio de Janeiro <---Risiera di S Sabba <---Risorgimento in Italia <---Rita Montagnana <---Riviera Ligure <---Rivoluzione Liberale <---Roma Vlstitu <---S.O.L. <---Santa Maria <---Sediction Act <---Sette Sorelle <---Stati Uniti Sforza <---Stato operaio <---Studente di Genova <---Tecnologie <---U.I.L. <---Un anno dopo <---Valli di Lanzo <---Verlag Josef Habbel <---Villafranca Sabauda <---Vittoria Nenni <---Vittorio Bodini <---Walter Hochstei <---Walter Mocchi <---War Industries Board <---X Sonetos Ro <---antiamericanismo <---anticlericalismo <---anticomunismo <---anticonformista <---anticristiano <---antifasciste <---antimilitarista <---antinazismo <---antinazista <---antinazisti <---antipartigiana <---antipartigiane <---antipatriottismo <---apprendista <---aprismo <---attesismo <---attivisti <---autista <---badogliane <---badogliano <---bellicista <---cattolicesimo <---centristi <---classista <---corporativismo <---cristiana <---cristianesimo <---d'America <---d'Errembault <---d'Europa <---deirinternazionalismo <---dell'Internazionale <---dell'Unione <---democristiani <---diano <---disfattismo <---egoismi <---esclusivismi <---espansionista <---estremismo <---falangista <---federalismo <---federalista <---federalisti <---filocattolicesimo <---filofascismo <---filofascista <---fordismo <---frontismo <---frontista <---fuoruscitismo <---gappisti <---giana <---giellista <---giellisti <---gollista <---hitleriane <---ideologia <---ideologici <---interclassisti <---internazionalismo <---internazionalista <---interventismo <---leninismo <---liberismo <---lista <---liste <---marxista <---marxisti <---mazziniana <---musicologia <---mussoliniane <---nazifascisti <---nazionalismo <---nazionalista <---nell'Africa <---nell'Ovest <---neutralismo <---paganesimo <---panamericanismo <---peronismo <---populisti <---postfascista <---professionisti <---progressismo <---prussiani <---psicologia <---radiotelegrafista <---revisionista <---riformiste <---scelbismo <---scissionista <---scista <---sillogismo <---sindacalista <---sindacalisti <---socialcomunisti <---socialfascismo <---squadrismo <---squadrista <---squadriste <---stakanovismo <---staliniane <---stalinismo <---sudisti <---taylorismo <---tecnologie <---tismo <---umanesimo <---varguismo <---zarista