→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Tecnologie è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 530Entità Multimediali, di cui in selezione 8 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 74

Brano: [...]la Conferenza sui diritti dell’uso dello spazio e quella sui diritti marittimi, le ultime due tuttora in corso da anni.

Alla terza sessione della Conferenza mondiale sul diritto del mare, svoltasi a New York nel luglioagosto 1979, parteciparono 150 paesi (fra cui l’Italia). L’argomento principale era costituito dallo sfruttamento del « patrimonio comune dell’umanità », definizione sostenuta dai 120 paesi in via di sviluppo che non hanno né le tecnologie né il denaro necessario per l’esplorazione e lo sfruttamento del fondo marino al di là delle 200 miglia, al di là cioè del potere dei vari Stati. Le risorse minerarie al di là di questo limite rimarrebbero a disposizione di chi ha i mezzi sufficienti. Invocando il concetto di « patrimonio comune dell’umanità » i paesi in via di sviluppo chiedono che lo sfruttamento dei fondi marini sia integralmente affidato ad una nuova organizzazione, denominata « Autorità internazionale dei fondi marini ».

I paesi industrializzati (socialisti compresi) vorrebbero invece che la possibilità di sfruttare i[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 239

Brano: [...] risorse finanziarie da esso derivanti, lasciando però al tempo stesso la

via aperta a cospicue partecipazioni delle medesime multinazionali. Questa particolare forma di nazionalizzazione (ben diversa da quella tentata nel 1951 in Iran da Mossadeq) ha creato una rinnovata convergenza di interessi fra Stati e regimi produttori e società multinazionali attraverso l’investimento congiunto (joint venture) delle entrate petrolifere nelle emergenti tecnologie dell’industria nucleare ed elettronica.

Nella nuova situazione si è comunque determinato un notevole accrescimento del peso economico dei paesi O.P.E.C. sul mercato mondiale, un peso per il quale essi rivendicano un corrispondente accrescimento della loro influenza politica. Ma è questo un obiettivo che i paesi O.P.E.C., per la loro già accennata diversità e disunione sul piano politico, non sono stati finora in grado di raggiungere.

O.P.E.C. e politica estera

La posizione politica dei paesi O.P.E.C. nel contesto mondiale è tuttora molto diversificata, in conseguenza delle specifiche[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 251

Brano: [...]ltri, e non nel senso che senza il loro aiuto materialmente non ci sarebbe una scienza, ma nel senso che esistono vincoli morali senza i quali il nostro lavoro non avrebbe radici. Sono questi i legami più forti del mondo, anche più forti di quelli che uniscono noi scienziati ». (Da la Repubblica del 16.7.1980).

Sta di fatto che queste giuste riflessioni non impedirono a Oppenheimer di continuare a dare un personale contributo allo sviluppo di tecnologie aventi quale obiettivo primario la produzione di ordigni bellici, quando altri come Albert Einstein (v.) prendevano pubblicamente posizione contro questa attività criminale.

Opportunismo

Linea di condotta politica consistente nell'agire secondo le condizioni

o le occasioni offerte dal momento, in contrasto con i principi formalmente professati. Nella lotta di classe, si intende per opportunismo la prassi mirante aH’accomodamento e all’adattamento dei partiti rivoluzionari e operai nei confronti del sistema capitalistico.

L'analisi luxemburghiana

La politica dev'opportunismo fu [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 582

Brano: [...] generale.

Secondo dopoguerra

Dopo un così grande contributo ideale e materiale alla lotta di liberazione, rifiutò le alte cariche offertegli, ma accettò di far parte, in rappresentanza dei partigiani, della Consulta Nazionale. Chiusa la Consulta, pago del dovere compiuto per la libertà si ritirò a vita privata e fondò con suo fratello Remigio una florida azienda elettromeccanica di orologi di controllo e di teleindicatori, adottando nuove tecnologie, prodotti presto apprezzati sui mercati internazionali.

Fermo Solari non dimise tuttavia mai la passione politica: dopo lo

scioglimento del Partito d’Azione militò autorevolmente nel Partito socialista, del cui Comitato centrale fu membro per parecchi anni. Nel 1958 fu eletto senatore e svolse una seria attività, immune da ogni politica clientelare e da ogni concessione demagogica, intervenendo particolarmente nel campo dei trasporti e dei lavori pubblici. Dal 1963, nonostante ricevesse nuove proposte di candidatura, rinunciò definitivamente a ogni attività parlamentare. Per i suoi meri[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 621

Brano: [...]r concludere, e riassumendo molto, si potrebbe dire che se una delle cause del fascismo storico era localizzata nell'atteggiamento delle classi medie, oggi sembra che l'a

vanzata del fascismo sia maggiormente collegata a interessi del capitale internazionale, quantunque non sia da escludere la capacità di risposta in direzione del fascismo da parte delle masse costrette alla disoccupazione da uno sviluppo socialmente incontrollato delle nuove tecnologie.

V.F.V.

Spagnolo, Corrado

Medaglia d’oro al valor militare alla memoria. N. a Monza (Milano) nel 1922, m. in Grecia il 16.11.1943; studente.

Iscritto alla facoltà di Ingegneria deH’Università di Bologna, fece il corso ufficiali alla scuola di Bra e, promosso sottotenente di artiglieria, nell’aprile 1942 fu destinato alla guarnigione italiana di Lero (v.). Dopo l'8.9.1943, nei durissimi combattimenti svoltisi sull’isola contro i tedeschi, prestò servizio in varie batterie antinave e contraerei finché, il 16.11.1943, nel tentativo di riconquistare un cannone caduto in mano nemica, f[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 682

Brano: [...]i della Prima guerra mondiale, invece, l'istituzione di uffici come il War Industries Board e il National War Labor Board, che assicuravano la produzione bellica facendo relative concessioni al sindacato, rivelarono un’incisiva forma di interventismo federale a livello economico.

La nuova organizzazione economica capitalista portò alla formazione di una nuova classe operaia, in termini sia qualitativi che quantitativi. L'introduzione di nuove tecnologie e metodi produttivi, la standardizzazione e la meccanizzazione, secondo principi tayloristici, richiesero sempre più una manodopera non

qualificata. Le fabbriche cominciarono ad attirare forti correnti migratorie interne ed estere. Tra il 1900 e il 1914 arrivarono negli U.S.A. circa 13 milioni di immigrati dalle zone più povere dell'Europa centromeridionale: il fenomeno creò nuove divisioni etniche e antagonismi aH'interno della classe operaia, spingendo i nuovi arrivati nelle città sovraffollate, specchio delle contraddizioni della società e serbatoio inesauribile di povertà e contrasti. [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 237

Brano: [...]ca, 17.4.1964)

idroelettriche sul Volga e sul Dnepr, si avviò la centrale di Bratsk (una delle più grandi del mondo), fu approntato il kombinat metallurgico di Cerepovets. Nella Jakuzia (in Siberia) furono scoperte grandi riserve di petrolio e individuati giacimenti di diamanti superiori a quelli del Transvaal. Nel 1958 gli addetti all’industria sovietica erano saliti a 20 milioni, rispetto agli 11 milioni del 1940.

Anche nel settore delle tecnologie avanzate si registrarono successi: se nel 1954 era stata costruita nei pressi di Mosca la prima centrale atomica del mondo, il 4.10.1957 venne lanciato il primo satellite artificiale (lo Sputnik), seguito da altri sempre più pesanti. Largamente ricostruite le città (senza peraltro risolvere i problemi degli alloggi, anche a causa della crescente urbanizzazione) e ormai all'avanguardia nella tecnica spaziale (ma senza aver risolto il problema della produzione dei beni di consumo), alla fine degli anni Cinquanta l’U.R.S.S. si presentava al mondo come una superpotenza in grado di competere con g[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 577

Brano: [...]tenza appariva la grande rivale degli Imperi centrali, la Russia zarista, dove soltanto grazie in buona misura alla presenza di capitale francese si producevano 30 milioni di tonn. di carbone e 4,2 milioni d’acciaio, ma si registravano 4 miliardi di dollari di debiti con l'estero.

La Francia (v.), dopo la sconfitta inflittale dalla Germania nel 1870, era riuscita a riprendersi economicamente ricorrendo a una politica protezionista, esportando tecnologie e capitali per 8,7 miliardi di dollari ed estendendo l'impero coloniale, ma la sua economia era facilmente vulnerabile e più esposta alle variazioni del mercato internazionale rispetto a quelle di Gran Bretagna e Germania.

L'Italia (v.), infine, durante il periodo giolittiano (19031913) aveva conosciuto una crescita annua giunta al tasso del 2,7%, un aumento della produzione in 10 anni dell'87%, uno stretto legame fra banche, industria e governo e la presenza del capitale tedesco in alcuni settori nevralgici come quello finanziario e dell’elettricità.

In tutti questi paesi, a partire da[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Tecnologie, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---tecnologie <---U.S.A. <---capitalismo <---socialista <---Gran Bretagna <---O.P.E.C. <---Repubbliche Socialiste Sovietiche <---S.S. <---Tecnologia <---comunista <---comunisti <---ideologia <---ideologica <---italiana <---socialisti <---tecnologia <---Adolf Hitler <---Blas Pihar <---Bosnische Post <---British Petroleum Company <---C.V.L. <---Cavaliere di Gran <---Charles Maurras <---Chimica <---Comitato centrale <---Commando Benito Mussolini <---Communist Labor Party <---Consulta Nazionale <---Corriere della sera <---Cristo Re <---Dialettica <---Die Attentate <---Dinamica <---Diplomatica <---Diritto <---Diritto del mare <---Elettronica <---Eroe dell'Unione Sovietica <---Falangista de Espana <---Federazione Civica Nazionale <---Fernàndez Cuesta <---Ferruccio Parri <---Fisica <---Fondo Monetario <---Francesco Ferdinando <---Giovane Europa <---I.W.W. <---Il XXI <---Il movimento sindacale <---In Uaite di Udine <---In particolare <---Industriai Development Orga <---Industriai Workers <---Ingegneria <---Internazionale Nera <---Iran da Mossa <---Italia libera <---J.A. <---J.O.N.S. <---La Pietra <---La guerra <---La prima <---Las Juventudes Vikingas <---Luigi Longo <---Meccanica <---Mid-West <---N.C.F. <---National American Suf <---National War Labor Board <---Nations Industriai Development <---O.N.U. <---Orden Nuevo <---P.C.U.S. <---Pratica <---Primera Linea <---Progressive Era <---Repubblica Popolare Cinese <---Riforma sociale <---Rosa Luxemburg <---Sandro Pertini <---Seconda Internazionale <---Sediction Act <---Stati O <---Stati O P <---Stati del Golfo <---Stato Indipendente di Croazia <---Sud-Est <---Terzo Mondo <---U.R. <---U.R.S.S. <---V.F.V. <---W.A.C.L. <---War Industries Board <---anarchismo <---antagonismi <---antiamericanismo <---anticomunista <---anticomunisti <---antifascista <---antimilitarista <---antipatriottismo <---antisemitismo <---asociacionismo <---attivismo <---brigatisti <---capitalista <---collaborazionista <---colonialismo <---d'America <---dell'Africa <---dell'Europa <---dell'Ordine <---dell'Unione <---empirismo <---fascismo <---fascista <---fascisti <---giolittiano <---ideologiche <---ideologie <---imperialismi <---imperialismo <---imperialista <---interventismo <---iraniana <---irredentismo <---italiane <---italiani <---italiano <---leniniana <---leninista <---liberismo <---luxemburghiana <---marxista <---militarista <---mitologiche <---nazionalismo <---nazionalisti <---nazista <---nazisti <---nell'Estremo <---nell'Ovest <---neocolonialismo <---neocoloniatismo <---neofascista <---neofasciste <---neofascisti <---neutralismo <---opportunismo <---panslavismo <---portunismo <---progressismo <---progressiste <---protezionista <---razzismo <---realismo <---riformismo <---riformiste <---sindacalismo <---sindacalista <---socialismo <---stalinismo <---sullopportunismo <---ultraottimista <---zarista