→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Sergio de Sanctis è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 1Entità Multimediali, di cui in selezione 1 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 677

Brano: [...]to repressivo; anzi, alla difesa delle vecchie strutture agrarie si aggiungeva ora quella degli interessi delle compagnie straniere che procedevano sistematicamente aH’accaparramento dei beni demaniali e delle scarse proprietà comunitarie dei villaggi, privando così i contadini e soprattutto

gli indios delle poche terre a loro disposizione ai margini dei latifondi appartenenti alla nobiltà e al clero.

Alla vigilia della rivoluzione, scrive Sergio de Sanctis nella sua Storia della rivoluzione messicana (Roma, 1966), la situazione era la seguente: « I latifondisti o haciendados erano poche migliaia e possedevano il 90% delle terre, mentre i piccoli proprietari erano 400.000 e si ripartivano la rimanenza. Nelle campagne vivevano inoltre nove milioni di contadini senza terra (pari all’80% della popolazione totale) che prestavano il loro lavoro come braccianti (peones) e vivevano in condizioni subumane ».

Quantunque il più drammatico nodo di contraddizioni sociali, politiche e umane nel Messico fosse nelle campagne, i primi segni della rivoluzione[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Sergio de Sanctis, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---Pancho Villa <---Pascual Orozco <---Porfirio Diaz <---Sebastian Lerdo <---Stati Uniti W H Taft <---Storia <---Uniti W <---Uniti W H <---W.H. <---antiimperialista <---imperialista <---latifondisti <---maderisti <---porfirista <---porfiristi <---progressista