→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Rita Montagnana è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 34Entità Multimediali, di cui in selezione 15 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 144

Brano: [...]I.. Nella nuova e scarna veste scompaiono la cucina, la moda, e la narrativa; i temi politici e la preparazione del congresso diventano do

minanti. Nel secondo numero si polemizza con il Partito Liberale che ha deciso l’uscita delle proprie iscritte dall’U.D.I.. I numeri seguenti aprono la discussione sull’utilità di un’associazione femminile, sulla natura e sui compiti di questa.

Un articolo di fondo del n. 4 (30.9.1945) porta la firma di Rita Montagnana. A chi propone che l’U.D.I. svolga solo attività assistenziale, sottintendendo che la politica non è cosa da donne, Rita Montagnana risponde rivendicando il diritto di un’associazione femminile a occuparsi di tutto ciò che interessa le donne e che condiziona la loro vita, su qualsiasi terreno politico, sindacale e culturale.

In occasione del Congresso nazionale di unificazione tra G.D.D. e U.D.I., il giornale mette in evidenza la presenza delle delegazioni dei movimenti femminili degli U.S.A., dell’U.R.S.S., della Francia, dell’Inghilterra e di numerosi altri paesi. Nel numero del 31.10 15.11.1945 si trovano il discorso tenuto al Congresso da Ferruccio Farri, stralci delle relazioni dell’U.D.I. e dei G.D.D., lordine d[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 535

Brano: [...] nelle organizzazioni a questo collegate lavorarono, fra gli altri: Luigi Amadesi, Ersilio Ambrogi, Isidoro Azzario, Giuseppe Berti, Vincenzo Bianco, Giulio Cerreti, Emani CivaIIeri, Carlo Codevilla, Giuseppe Di Vittorio, Edoardo D'Onofrio, Giuseppe Dozza, Felicita Ferrerò, Egidio Gennari, Giovanni Germanetto, Ruggero Grieco, Luigi Longo, Davide Maggioni, Lino Manservigi, Anseimo Marabini, Clarenzo Menotti, Francesco Mi si ano, Mario Montagnana, Rita Montagnana, Celeste Negarvi Ile, Teresa Noce, Agostino Novella, Giancarlo Pajetta, Ottavio Pastore, Edmondo Peluso, Pio Pizzirani, Luigi Poi ano, Antonio Roasio, Vittorio Vidali (si vedano le rispettive voci biografiche).

Vita e problemi degli emigrati

Quantunque appartenessero tutti a un’organizzazione politica formalmente fondata su principi di uguaglianza e di fraterna solidarietà, le centinaia di comunisti italiani emigrati neH’Unione Sovietica fra le due guerre non vivevano allo stesso modo. Tra funzionari del Comintern, allievi deH’Università leninista e comunisti occupati come semplici lavo[...]

[...]lazione (camere in coabitazione, grandi difficoltà di approvvigionamento alimentare ecc.). Per i lavoratori, i punti di incontro e di riferimento a Mosca erano la Casa degli emigrati politici e il Club degli emigrati politici (sciolto nel

Delegati italiani a Mosca per il III Congresso deH’Intemazionale Comunista. Si riconoscono fra gli altri: Mario Montagnana, Lino Manservigi, Aldo Gorelli, Emani C i vai Ieri, Felicita Ferrerò, Luigi Polano e Rita Montagnana che, negli anni successivi, lavoreranno presso l'I.C.. Al centro, il dirigente sovietico V. Lunaciarskij (agosto 1921)

535



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 129

Brano: [...]D.L. n. 570 del 15.3.1917) per la disciplina degli orari e del lavoro notturno delle donne e dei ragazzi.

Primo dopoguerra

Le lotte del dopoguerra contro il carovita, per le 8 ore, per gli aumenti salariali e per l’istituzione delle commissioni interne e dei consigli di fabbrica videro in prima linea, a fianco degli uomini, le maestranze femminili. A Torino, donne che già si erano distinte durante gli anni della guerra (le sorelle Clelia e Rita Montagnana, Teresa Noce, la Ardissone, la Giachino, Lucia Rosso, la Giudice, la Manservigi, Rina Picolato e altre ancora) divennero assai popolari.

Ma la lotta per l’emancipazione femminile in Italia era ancora ai primi passi. Per molti anni il Partito socialista ne aveva fatto una questione soprattutto economica, un'importante battaglia sindacale riguardante l’orario di lavoro, la misura del salario e l’assistenza sociale, ma non ancora un impegno generale sostenuto da una visione moderna del posto spettante alla donna nella società. Nelle elezioni politich/B del 1919 fu ancora negato il voto alle d[...]

[...]ini (in particolare La compagna, il quindicinale creato dal Partito comunista fin dal 1921). Molte di esse varcarono le frontiere con documenti falsi, altre entrarono nelle organizzazioni fasciste per insinuarvi fermenti di critica e di rivolta. Camilla Ravera diresse per lungo tempo il Centro interno del P.C.I., e come lei diedero un grande contributo alla lotta Teresa Noce (che partecipò anche alla guerra in difesa della Repubblica spagnuola), Rita Montagnana, Adele Bei.

Tra le prime processate dal Tribunale speciale fu la tessitrice Giorgina Rossetti di Mongrando (Biella), condannata il 16.11.1927 a 18 anni di reclusione per avere collaborato a redigere e a stampare « La compagna » e la Voce della Gioventù. Centinaia furono le donne arrestate e processate per ragioni politiche durante il regime; 112 le condannate dal Tribunale speciale a pene varianti da 1 a 30 anni di reclusione. Due comuniste morirono in carcere: la biellese Iside Viana nella casa penale di Perugia e Lea Betti nelle carceri di Bologna. Tra le dirigenti comuniste condannate d[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 56

Brano: [...]ei una nuova esistenza, fatta di continui spostamenti. Raggiunse a Milano Terracini e Ruggero Grieco, rimasti soli alla segreteria del Partito, essendo stato arrestato Bordiga e trovandosi Gramsci nella capitale sovietica.

Camilla Ravera e Umberto Terracini organizzarono e diressero in quel periodo lo spostamento dei “fenicotteri” (compagni sconosciuti alla polizia che portavano lettere, materiali e stampa clandestina). Poco dopo li raggiunse Rita Montagnana che lavorerà come corriere fra Milano e Roma.

Nel 1923 Camilla Ravera entrò a far parte del Comitato centrale del Partito. Gli spostamenti erano continui e, con Rita Montagnana, Camilla affittò una stanza a Milano, da dove le due compagne continuarono a smistare, a preparare e far giungere a destinazione ovunque lettere, manifestini, disposizioni del Partito.

Nel settembre 1923 si trasferì a Roma. Assunse il nome di “Silvia” e così firmava le sue lettere inviate a Togliatti che si trovava a Mosca. Quando Mauro Scoccimarro venne arrestato a Berlino e anche Angelo Tasca cadde nella rete della polizia, Camilla Ravera restò sola con Felice Platone e Giuseppe Amoretti a Roma.

Gramsci da Mosca si trasferì a Vienna e da qui fece uscire ^Ordine Nuovo” clandestino. Il [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 20

Brano: Alba, L’

e l’invasore tedesco, per la costruzione di un’Italia nuova. Il primo numero, in formato ridotto, uscì nel febbraio 1943; l'ultimo, nelnriag* gio 1946. I primi quattro numeri, dal febbraio al marzo 1943, furono diretti da Rita Montagnana; dal marzo 1943 sino all’agosto 1944 il direttore fu Edoardo D’Onofrio. Successivamente, fino alla fine della guerra e alla liberazione di tutti i prigionieri (maggio 1946), la direzione fu affidata per breve periodo a Luigi Amadesi e poi a Paolo Robotti. Collaboratori permanenti del periodico furono: Paimiro Togliatti, Giulio Cerreti, Giovanni Germanetto, Ruggero Grieco, Anseimo e Andrea M arabi ni, Nicola Orlov (Terescen* ko); e molti prigionieri di guerra, tra i quali Fidia Gambetti e Vincenzo Vitello, con scritti sulla « necessità della lotta ideologica contro il fascismo » e su « la mist[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 84

Brano: Antifascismo all’estero

zazione, nessuno dei dirigenti del Partito popolare o degli attuali esponenti della Democrazia cristiana prese la via dell'esilio.

Comunisti: Paimiro Togliatti, Luigi Longo, Teresa Noce,' Rita Montagnana, Ilio Barontini e',Luigi Amadesi già si trovavano all’estero al momento delle leggi eccezionali; Successivamente al novembre 1926 emigrarono clandestinamente Giuseppe Berti (dopo 3 anni di confino), Giuseppe Di Vittorio, Giovanni Germanetto, Ennio Gnudi, Ruggero Grieco, Mario Montagnana, Felice Platone, Angelo Tasca; e nel 1927, dopo un certo periodo di attività clandestina in Italia, Alfonso Leonetti, Paolo Ravazzoli, Ignazio Si Ione, Pietro Tr esso.

L’emigrazione comunista

Per i comunisti, è difficile compiere una netta distinzione tra coloro che operarono in Italia e coloro che furon[...]

[...]all’estero, poiché la maggior parte di quelli che espatriavano clandestinamente come membri dell’« apparato », continuavano ad alternare periodi di soggiorno all estero con periodi di permanenza clandestina in Italia, fino a quando finivano per essere arrestati e condannati dal Tribunale speciale. Fu questo il caso di Giorgio Amendola, Antonio Cicalini, Arturo Colombi, Edoardo D’Onofrio, Giuseppe Dozza, Celso Ghini, Davide e Ferdinando Maggioni, Rita Montagnana, Agostino Novella, Gian Carlo e Giuliano Pajetta, Giordano Pratolongo, Battista Santhià, Pietro Secchia, Emilio Sereni, Velio Spano. Vi si aggiunsero, più tardi: Gaetano Chiarini, Domenico Ciuf oli, Luigi Frausin, Armando Fedeli, Enrico Calligaris, Eugenio Reale, Leo Valiani e numerosi altri.

I dirigenti e i quadri comunisti all’estero non facevano ia vita della comune emigrazione. Essendo la loro attività protesa prevalentemente verso l'Italia, per sfuggire alle ricerche della polizia essi erano costretti a una rigida osservanza delle norme cospirative, a una vita appartata e clandestina [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 645

Brano: [...]parte della direzione furono chiamati come membri effettivi Paimiro Togliatti (segretario generale), Luigi Longo (vicesegretario generale), Giorgio Amendola, Arturò Colom

bi, Giuseppe Di Vittorio, Girolamo Li Causi, Umberto Massola, Celeste Negarville, Agostino Novella, Gian Carlo Pajetta, Antonio Roasio, Giovanni Roveda, Mauro Scoccimarro, Pietro Secchia, Emilio Sereni, Velio Spano; e come membri candidati, Edoardo D’Onofrio, Ruggero Grieco, Rita Montagnana, Teresa Noce, Giuliano Pajetta, Umberto Terracini.

« Rinnovare l’Italia » fu la parola d’ordine lanciata dal Congresso. Per il raggiungimento di tale obiettivo il P.C.I. si impegnava a operare con tutte le sue energie, consolidandosi nello stesso tempo come « partito nuovo ». Già lo era, ma doveva diventare ancor più quella forza politica e di massa, di cui Gramsci aveva previsto la creazione. « Esso era stato, in un momento decisivo, protagonista vittorioso della storia d'Italia e si accingeva al nuovo compito di trasformazione sociale che sgorgava ancora una volta dal corso delle cose e [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 132

Brano: Donne nella Resistenza

no da ricordare Le donne in lotta (Genova), La rinascita della donna (Emilia), Il pensiero femminile (Milano), La donna friulana (Udine).

Dopo la Liberazione

Il 15.9.1944, mentre al Nord continuava la Guerra di liberazione, sorse a Roma, per iniziativa di Rita Montagnana, Marisa Cinciari Rodano, Egle Gualdi, Marisa Musu, e delle socialiste Giuliana Nenni e Maria Romita, VUnione Donne Italiane [y.). Quest'organizzazione unitaria sj propose di creare subito in ogni località i propri circoli per organizzare e favorire « l’attiva partecipazione delle donne italiane alla vita politica e sociale del paese, promuovere l'interessamento femminile per quelle funzioni sociali che, se fossero esplicate da donne, porterebbero seri vantaggi, sia alla famiglia che alla nazione». La Democrazia cristiana si rifiutò di farvi aderire le proprie organizzate, motivando che le don[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 791

Brano: [...]rò nelle file del Partito comunista. Nell’estate dello stesso anno fu inviata a Mosca, come delegata del Partito al III Congresso deH'Internazionale Comunista. Contemporaneamente partecipò alla Prima conferenza internazionale femminile comunista.

Al rientro in Italia venne chiamata a Roma per lavorare presso la Direzione del P.C.I. e per dirigere il quindicinale La compagna. In seguito il giornale fu trasferito a Torino, sotto la direzione di Rita Montagnana, Camilla Ravera e Rina Picolato. Dopo l’avvento del fascismo al potere, Rita fu chiamata a Roma per il lavoro tecnicopolitico presso la Direzione del partito. Nel 1924 si unì a Pai miro Togliatti (v.) in un matrimonio che sarebbe durato fino al 1947.

Nell’emigrazione

Ritornata in Unione Sovietica nei 1926, l’anno dopo si recò in Francia e poi in Svizzera assolvendo numerosi incarichi di responsabilità presso il Centro estero del P.C.I.. Per mantenere i collegamenti tra il Centro estero e quello interno del Partito, compì numerosi viaggi in Italia, sfidando la rete della polizia fascista[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 792

Brano: Montagnana, Rita

Rita Montagnana fra Pietro Secchia e Ruggero Grieco (Modena, 12.1.1950)

Dal V Congresso del P.C.I. (1945) fino airvill Congresso (1956) fu membro del Comitato centrale e membro candidato della Direzione del partito. Poi passò alla Commissione centrale di controllo.

Nel 1946, alle elezioni per la Costituente, riuscì eletta capolista per la circoscrizione di Bologna. In seguito fu eletta senatrice, nella prima legislatura, fino al 1953.

Nel 1952 e nel 1956 fece parte della delegazione del P.C.I. al XIX e al XX Congresso del P.C.U.S..

Montagnani, Piero

N. a Borgotaro (Parma) il 3.5.1901, m. a Mil[...]


successivi
Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Rita Montagnana, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---comunista <---fascismo <---fascista <---fascisti <---antifascista <---italiana <---italiano <---comunisti <---italiani <---P.C.I. <---Paimiro Togliatti <---Partito comunista <---Comitato centrale <---fasciste <---Giuseppe Di Vittorio <---U.R.S.S. <---antifascisti <---italiane <---socialista <---Centro interno <---Giulio Cerreti <---Luigi Longo <---Pietro Secchia <---Storia <---antifasciste <---cristiana <---socialisti <---Alfonso Leonetti <---Bibliografia <---C.L.N. <---Camilla Ravera <---Diritto <---Felicita Ferrerò <---Ordine Nuovo <---P.C. <---P.S.I. <---antifascismo <---ideologica <---socialiste <---Adele Bei <---Antonio Gramsci <---C.G.I.L. <---D'Onofrio <---Emilio Sereni <---Girolamo Li Causi <---La vita <---Luigi Frausin <---Spartaco Lavagnini <---Stato Operaio <---U.D.I. <---URSS <---Vincenzo Bianco <---comuniste <---dell'Internazionale <---ideologico <---leninista <---siano <---squadrista <---A Città del Messico <---Agata Pizzo <---Agraria <---Aldo Gorelli <---Amoretti a Roma <---Andrea M <---Andrea Marabini <---Angela Cremonese <---Angiolina Toni <---Anna Pavignano <---Anteo Zamboni a Mussolini <---Arditi del popolo <---Arturò Colom <---Atti del Convegno <---Basso-Cacc <---Benedetto Croce <---Benedetto XV <---Bobi Bazlen <---Borgo San Paolo <---Brigata G <---Brigata G A P <---C.I.F. <---C.V.L. <---Calista Bavoletti <---Camera del Lavoro di Grosseto <---Camere del Lavoro <---Ceccardo Roccatagliata Ceccardi <---Cecilia Merlo <---Celeste Negarvi Ile <---Ceretto Lomellina <---Clarenzio Menotti <---Clementina Bergamini <---Commissione interna <---Congresso da Ferruccio Farri <---Congresso di Lione <---Consandolo di Argenta <---Corriere della Sera <---D.L. <---Dal V <---De Gasperi <---Diario di Trentanni <---Diocesi di Biella <---Dirce Scaraz <---E.D <---Editori Riuniti <---Emani C <---Enrica Borgatti <---Ergenite Gili <---Erminia Benotti <---Ernesto Sivori <---Ersilio Ambrogi <---Eugenio Curiel <---Eugenio Reale <---FIAT <---Fabbri di Mi <---Farfalla di Dinard <---Federazione di Pavia <---Fidia Sassano <---Filosofia <---Francesca Ciceri <---Francesca Leban <---Francesco Lo Sardo <---Fuochi sul Monti <---G.D.D. <---Gian Carlo <---Gian Carlo Pajetta <---Gili Camilla <---Gino Menconi <---Giorgina Rossetti di Mongrando <---Giovanni Farina <---Giovanni Germa <---Giuliana Nenni <---Giuseppe Berti <---Giuseppe Vernetti <---I.S.R.T. <---Ignazio Si Ione <---Il Comunista <---Il Corriere degli Italiani <---Il III <---Il Lavoratore <---Il Mondo <---Il Partito comunista <---Il Proletario <---Il Riscatto <---Il gigante <---Il lavoro <---Il nome <---Ilio Barontini <---In particolare <---Isidoro Azzario <---Italia dalla Francia <---Italo Svevo <---K.I.M. <---L.R.C. <---La Bufera <---La Farfalla <---La Farfalla di Dinard <---La Libertà <---La Nostra Bandiera <---La Pietra <---La Riscossa <---La caserma <---La difesa <---La formazione <---La lotta <---Lea Betti <---Lea Brognara <---Lea Giaccaglia <---Libera Jugoslavia <---Lila Grieco <---Lino Manservigi <---Lo Stato Operaio <---Luigi Poi <---Lux di Mosca <---M.O.P.R. <---Margherita Blaha <---Margherita Vienco <---Maria Bernetich <---Maria Monchietti <---Marisa Cinciari Rodano <---Matteo Secchia <---Milano Terracini <---Mira Galiussi <---Montagnana fra Pietro Secchia <---Murate di Firenze <---N.A.T.O. <---N.K.V.D. <---Natalia Beltrame <---Nicola Orlov <---Noi Donne <---Omaggio a Svevo <---Ordine nuovo <---Oreste Liz <---Ossi di seppia <---Ottavio Pastore <---P.S.I.U.P. <---Paola Bensì <---Paolo Ro <---Paolo Spriano <---Partigiani in Casentino <---Partito Liberale <---Peroni di Bari <---Piano Marshall <---Pietro Tr <---Pio Pizzirani <---Pio X <---Pozuelo del Rey <---Pratica <---R.S.I. <---R.S.S. <---Radio Londra <---Radio Milano <---Radio Milano Libertà <---Radio del Minculpop <---Regina Coeli <---Resistenza in Valdelsa <---Retorica <---Ritornato in Francia <---Rosa Messina <---S.S. <---Saint-Flora <---San Paolo <---Santa Agata Bolognese <---Sergio Di Giovanni <---Sistematica <---Stefano Schiapparelli <---Stilistica <---Teresa Calonaci <---Teresa Calonaci a Ponza <---Testimonianza di Guglielmo Nencini <---Togliatti in Italia <---Togliatti in Parigi <---U.D.L. <---U.S.A. <---Unione Donne Italiane <---V Brigata Garibaldi <---Vittorio Malloz <---Voce degli Italiani <---angustiano <---antagonismi <---anticomunista <---antipartigiane <---antitaliana <---apprendista <---attivisti <---bordighiana <---bordighiane <---capitalismo <---capolista <---catechismo <---centristi <---classiste <---collaborazionista <---contingentisti <---d'Italia <---dell'Italia <---dell'Ufficio <---democristiani <---frontismo <---frontista <---giana <---giane <---gramsciano <---hitleriana <---hitleriani <---ideologiche <---interventista <---liana <---lista <---liste <---montaliana <---montaliano <---nazifascista <---nazismo <---nazista <---oscurantismo <---ottimismi <---positivismo <---propagandisti <---proselitismo <---psicologiche <---riconquista <---romanticismo <---scelbismo <---scissionista <---sfociano <---skisti <---socialcomunisti <---socialismo <---squadrismo <---squadristi <---stakhanovista <---staliniana <---staliniane <---ternazionalista <---terrorismo <---zionalisti