→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Raffaele De Luca è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 4Entità Multimediali, di cui in selezione 3 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 231

Brano: [...]sse compromettere i compagni. Dopo essere stata accecata fu barbaramente trucidata e il corpo lasciato sulla pubblica via».

Bandiera Rossa, Movimento

Formazione politica sorta a Roma dopo T8.9.1943 per condurre la lotta armata contro i tedeschi e i fascisti. Nato dalla fusione dei gruppi « Scintilla » e « Matteotti », per iniziativa del « Movimento Comunista d'Italia », il movimento « Bandiera Rossa » fu capeggiato dal l'avvocato calabrese Raffaele De Luca, dal giovane giornalista Enzio Malatesta e dal tipografo Quinto Sbardella. Il movimento, autonomamente organizzato, orientato in senso estremista e trotzkista, ma sprovvisto di una ben definita ideologia, non aderì al Comitato di liberazione nazionale. Nel corso della lotta, per le sue finalità antifasciste e per la sua volontà di azione rivoluzionaria, finì per reclutare numerosi antifascisti di orientamento marxista, che più tardi avrebbero aderito al Partito comunista, ma che non erano riusciti a collegarsi subito a Roma con altre organizzazioni clandestine della Resistenza. « Bandiera Ros[...]

[...]rtigiani, operai e contadini. Il movimento contava numerosi aderenti tra il personale dei ministeri militari, delle Poste e Telegrafi, della società telefonica T.E.T.I., della stazione radio, delle ferrovie, delle officine di produzione bellica e deH’amministrazione capitolina (allora Governatorato). Dal 5.10.1943 e fino alla liberazione di Roma, uscì, con una certa regolarità, il periodico clandestino Bandiera Rossa; la redazione era formata da Raffaele De Luca, Alberto Battara, Francesco Cretara, e dai fratelli Carlo e Matteo Matteotti. Il foglio sosteneva una linea di reciso rifiuto a qualsiasi collaborazione con Badoglio e la monarchia, e propagandava la lotta per una rivoluzione proletaria che avrebbe dovuto applicare il radicale rinnovamento sociale.

I gruppi anarchici facenti capo al Malatesta, nell’aderire al movimento avevano notevolmente contribuito a rafforzarlo trovandosi essi in collegamento, attraverso monsignor



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 691

Brano: [...]rattere proletario e di classe. Ai vecchi dirigenti, molti dei quali avevano abbandonato la politica attiva o erano passati ad altre sponde (il sociologo Pasquale Rossi; Giovanni Demanico, che era stato anche membro della Direzione del partito; l'avvocato Nicola Serra, poi deputato radicale; i fratelli Mari, l’uno avvocato e .l'altro dottore in agraria; il professore Leporace; il dottore Ern&sto Spezzano; l'avvocato Nicola De Cardona; l’avvocato Raffaele De Luca; il professore Mazzario', <jli avvocati Attilio Schettini, Francesco e Costantino Tocci), se ne sostituirono altri di origine

popolare (Ubaldo Montalto, Vincenzo Serafini, Umberto De Rose, Andrea Croccia, Stano Carbone, Guervio, Barbieri, Caruso, Castiglione, Zumpano, Rizzo, Pantusa, Lupia). La figura più rappresentativa fu quella di Pietro Mancini, fondatore nel 1905 del periodico Parola socialista. Altri giornali, come « Lo scudiscio » e « La riscossa » di Acri; « La voce del popolo » di Corigliano, « Bandiera rossa » di Rossano e « La Parola dei Lavoratori », ebbero invece breve vita.
[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 234

Brano: [...]cialismo (v.) di Guido Calogero, che da Pisa giunse anche a Roma, sfocierà invece nel Partito d'Azione. Nel 1942 rinacque anche un raggruppamento misto, che gli ideatori Alcide De Gasperi, Ivanoe Bonomi e Meuccio Ruini denominarono Fronte delle democrazie unite, il quale convogliava tendenze non ancora mature di autonoma rinascita della Democrazia cristiana (v.) e di vecchi esponenti del mondo prefascista. All’estrema sinistra, antifascisti come Raffaele De Luca, Antonino Poce, Filiberto Sbardella ed Enzio Malatesta si collegheranno per dare vita dopo I'8.9.1943 al movimento di Bandiera Rossa (v.), erede del vecchio anarchismo romano, combinato con tendenze trotzkiste e con diffusione fuori dai percorsi intellettualcperai dei gruppi comunisti. Strade autonome seguiranno anche il movimento dei cattolici comunisti (v.) con Franco Rodano (v.), Adriano Ossicini, Fedele D'Amico, e quello dei cristianosociali con Gerardo Bruni, Francesco Zappa, Enrico Rossini.

Dal 25 luglio all'8 settembre

Dal 1943 Roma fu, per forza di cose, uno dei centri principal[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Raffaele De Luca, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---Bandiera Rossa <---Partito comunista <---antifascismo <---antifascista <---antifascisti <---comunista <---comunisti <---fascisti <---socialista <---Agraria <---Alberto Battara <---Alcide De Ga <---Antonio Gramsci <---Bandiera rossa <---Carlo De Cardo <---Comando generale del Corpo <---D'Amico <---Enrico Rossini <---Fabrizio O <---Fausto De Luca <---Fortunato La Camera <---G.A.P. <---Giovanni Persico <---Giovanni in Fiore <---Guerra per bande <---Il Partito comunista <---Il Progresso <---Il Progresso Italo <---Ingegneria <---Ivanoe Bonomi <---La guerra <---La lotta <---Luigi Canevari <---Luigi Longo <---Luigi Prato <---Meloncello di Bologna <---Miceli-Picardi <---Milan Dobric <---Monteleone di Spoleto <---Nicola De Cardona <---Nicola Serra <---P.C.I. <---P.S.I. <---Pompilio Molinari <---Quinto Sbardella <---S.S. <---San Demetrio <---San Luca <---Svetozar Lakovic <---Svizzera Ugo La <---T.E.T.I. <---Tullio Vecchietti <---Ugo La Malfa <---Vittorio E <---anarchismo <---antifasciste <---artigiani <---artigiano <---azionisti <---cristiana <---cristiano <---d'Italia <---dell'Impero <---eroismo <---estremista <---fascismo <---fascista <---guardiani <---ideologia <---italiani <---liberalsocialismo <---liste <---marxista <---ministe <---mussoliniana <---nazifascisti <---nittiano <---prefascista <---professionisti <---rialismo <---riformista <---socialisti <---squadrismo <---squadristi <---trotzkista <---trotzkiste