→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale M.R.P. è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 19Entità Multimediali, di cui in selezione 5 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 427

Brano: [...]estromise i comunisti dal governo. Nel dicembre

1947 Jouhaux provocò la scissione dei sindacati e creò una nuova centrale sindacale, cui fu dato il nome di Forces Ouvrières. Nel gennaio 1948 la Francia aderì al Piano Marshall, aprendo le porte alla penetrazione massiccia del capitale statunitense in Europa.

Dopo l’allontanamento dei comunisti dal governo, sino al luglio 1951 si impose una coalizione governativa composta dalla S.F.I.O., dal M.R.P., dai radicali e dai radicalsocialisti. Fu il governo della guerra fredda e dell’offensiva antioperaia. Nell'ottobre 1948, contro lo sciopero generale dei minatori, il governo non esitò a impiegare l’esercito.

Il 4.4.1949 la Francia adèrì al Patto Atlantico, al culmine di una intensa campagna propagandistica mirante a convincere i francesi che il tradizionale concetto di sovranità nazionale era da considerarsi superato.

Sotto il governo Bidault (27.10. 1949 24.6.1950) l’aumento delle tasse e del costo della vita, conseguenza della politica militare e in particolare della « sporca guerra[...]

[...]uzione dell’esercito tedesco, e nel 1951 aderì alla Comunità europea del carbone e dell’acciaio.

Nel maggio 1951 fu varata in Francia una nuova legge elettorale che aboliva la rappresentanza proporzionale. Nelle elezioni del 17 giugno i comunisti, pur avendo ottenuto oltre 5.000.000 di voti, videro diminuire, per la nuova legge, da 185 a 103 il numero dei loro deputati. In quelle stesse elezioni i partiti di governo persero voti: il cattolico M.R.P. scese dai 5.000.000 del

1946 a 2.350.000 voti, mentre avanzarono le destre. La S.F.I.O. fu costretta a passare al l'opposizione.

I successivi gabinetti di Pleven (12. 8.1951) e di Edgar Faure (20.1. 1952) aumentarono le tasse sui lavoratori e sui piccoli produttori, e le esenzioni a favore dei monopoli. I prezzi continuarono a salire. Attraverso grandi scioperi unitari i lavoratori riuscirono a ottenere un aumento medio dei salari nella misura del 26,5 per cento.

Un ulteriore spostamento a destra si ebbe col governo defl’indipendente Antoine Pinay (8.3.1952), la cui politica fu poi r[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 426

Brano: [...]ezione di una nuova Assemblea Costituente. Fu così preparato un altro progetto di Costituzione, il quale venne approvato dal referendum del successivo 13 ottobre con 9.253.416 sì e 8.143.981 no. In questa occasione si ebbe un’ancora più alta percentuale di elettori astenuti (circa 8.000.000). La nuova Assemblea Nazionale, eletta il 10.11.1946, vide come principale partito il comunista (5 milioni e 500.000 voti e 185 seggi), seguito dal cattolico M.R.P. (5.058.000 voti e 164 mandati) e dalla socialista S.F.I.O. (3.421.000 voti e 102 seggi). Comunisti e socialisti, disponendo della maggioranza quasi assoluta, avrebbero potuto formare un governo a due, ma la S.F.I.O. ruppe l’unità dazione con i comunisti. Si formò così un governo minoritario presieduto da Léon Blum (12.12.

1946 16.1.1947) e di impostazione nettamente conservatrice. Il governo Blum respinse sistematicamente le rivendicazioni operaie, diede inizio alla guerra coloniale in Indocina (19.12.1946), e con il Patto di Bruxelles (marzo 1948) fece il pri

I dirigenti del P.C.F. al[...]

[...]la ricostruzione e profonde trasformazioni economiche e politiche in senso democratico erano stati elaborati e previsti fin dagli anni della Guerra di liberazione, ma tali progetti urtavano contro resistenze interne e internazionali. La grande borghesia francese corse ai ripari, abbandonò i vecchi partiti, troppo compromessi con la disfatta e il collaborazionismo con i tedeschi, e ne creò dei nuovi, dal cattolico Mouvement républicain populaire [M.R.P.) alla radicale Union démocratique et socialiste de la résistance, al neofascista Parti républicain de la liberté [P.R.L.). Dalla liberazione al maggio 1947 si susseguirono vari gabinetti tripartiti con la partecipazione dei comunisti. Superando grandi difficoltà e accanite resistenze furono nazionalizzate in quegli anni diverse banche, varie industrie tra cui quella carbonifera, la produzione di energia elettrica e quella del gas. Il sistema delle assicurazioni sociali, completamente rinnovato, venne esteso fino a raggiungere i braccianti agricoli. I grandi proprietari espropriati dalle azien[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 304

Brano: [...]istro degli Esteri e, sulla questione tedesca, sostenne le tesi della destra francese, senza tuttavia arrivare alla richiesta di smembramento della Germania. Contribuì alla formazione del Movimento Repubblicano Popolare (M. R.P.), di ispirazione cattolica; e, in seguito al successo elettorale di questo partito nel referendum del 5.5.1946, il 19.6.1946 divenne presidente del Consiglio dei ministri. Dopo le elezioni politiche del novembre 1946, il M.R.P. e il Partito comunista si opposero alla sua riconferma alla presidenza del Consiglio, ma egli rimase ministro degli Esteri fino all’agosto 1948.

304



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 226

Brano: [...]io, Gabriel D’Arbussier del Senegai, Modibo Keita del Sudan — decisero di dar vita a una « nuova organizzazione di massa » a carattere « internazionale », capace di unire « tutte le forze democratiche » delle colonie francesi, « per intensificare la lotta di liberazione nazionale ». Il Congresso di Bamako sancì la nascita di questa nuova organizzazione.

Osteggiato violentemente dai grandi partiti francesi, particolarmente dalla S.F.I.O. e dal M.R.P., perseguitato dalle autorità coloniali, il R.D.A. diventò nel giro di pochi mesi la forza principale della lotta antimperialista nell’Africa francese. Con 1.000.000 di aderenti e con un giornale di larga diffusione, il Réveil (Risveglio); con 11 deputati e 7 senatori al Parlamento di Parigi, grazie al suo apparentamento col Partito comunista francese, il R.D.A. mise in movimento tutte le forze nazionaliste deH’Africa nera, creando una serie di fronti nazionali che, dal 1947, furono presenti nel Senegai, nel Sudan, nel CongoBrazzaville, in Guinea, nella Costa d'Avorio, nel Ciad, nel Camerun, n[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 73

Brano: [...] comitato militare socialista, partecipando a tale titolo ad alcune riunioni della Giunta militare centrale. Staccatosi in seguito dal Partito socialista, diede vita a un movimento estremista (che ebbe un suo foglio clandestino, intitolato Spartaco) in aspra polemica contro i partiti del C.L.N., soprattutto contro i comunisti e i socialisti. Recatosi al Nord dopo la Liberazione, nell’ottobre ’46 vi costituì un Movimento di Resistenza Partigiana (M.R.P.), con ifr tenti chiaramente provocatori, che venne sconfessato dalle altre forze della Resistenza.

In nome di un « autentico socialismo rivoluzionario », durante l’occupazione tedesca di Roma Io « Spartaco » faceva aperta propaganda attesista e disfattista, arrivando a scrivere: « I proletari dovranno marciare a battaglioni serrati quando i nazisti avranno lasciato la capitale. Prima, ogni generoso e ingenuo che venisse scoperto sarebbe falciato dalla mitraglia dei nazifascisti ». (4.3.1944). Nel dopoguerra, dopo la scissione di Palazzo Barberini, l’Andreoni aderì al partito socialdemocrat[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine M.R.P., nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---comunista <---socialista <---S.F.I.O. <---comunisti <---fascisti <---socialisti <---C.L.N. <---Diritto <---Partito comunista <---S.S. <---antifascista <---antifascisti <---collaborazionismo <---fascismo <---italiana <---italiani <---nazifascisti <---A.N. <---A.N.E.I. <---Al X <---Antonio Pallante <---Attilio Ber <---Berlino O <---C.E.D. <---C.G.I.L. <---C.G.T. <---C.N.R. <---Carlo Ambrino <---Carlo De Luca <---Ceccatini Giuseppe <---Ceccherini Adriano <---Cecconi Bruno <---Cecconi Pietrino <---Comitato centrale <---Congresso di Bamako <---De Gasperi <---Diplomatica <---Enrico Cintelli <---Falsetti Angelo <---Fei Luigi <---Felix Houphouet Boigny <---Ghiardo-Quattro <---Giannini Assuero <---Giorgi Giorgio <---Giovanni Vergano <---Giovannini Agostino <---Il Popolo <---Il lavoratore <---La S <---La S F <---La S F I <---La guerra <---Les Miles <---Lorenzo Gennari <---Marcel Cachin <---Martino Scovaricchi <---Medicina <---Mendès-France <---Modibo Keita del Sudan <---Movimento Repubblicano Popolare <---Movimento di Resistenza Partigiana <---Nessini Arturo <---O.F. <---Ordine Nuovo <---P.C.F. <---P.C.I. <---P.R. <---P.R.L. <---P.S.I. <---P.S.L.I. <---Paimiro Togliatti <---Paperini Sante <---Parlamento di Parigi <---Parri Eugenio <---Passo del Piccolo <---Patto Atlantico <---Patto di Bruxelles <---Piano Marshall <---Piccolo San Bernardo <---Pompilio Aste <---Presidenza del Consiglio <---R.D. <---R.D.A. <---R.P. <---Raimondo Ala <---René Pleven <---Repubblica del Mali <---Resistenza nel Goriziano <---Resistenza nel Modenese <---Roma Io <---Rosai Valentino <---Saint-Cloud <---Sergio Manfredi <---Toci Ti <---Torelli Eliseo <---Vietnam nella Repubblica <---Vincenzo Federici <---anticomunismo <---antimilitarista <---antimperialista <---attesismo <---attesista <---brigatisti <---colonialismo <---comuniste <---cristiana <---dell'Africa <---dell'Unione <---disfattista <---estremista <---fascista <---gappista <---italiano <---nazionalismo <---nazionaliste <---nazisti <---nell'Africa <---neofascista <---oltranzismo <---professionisti <---socialismo <---socialiste