→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Suggerimento: provare anche I.G.E.Il segmento testuale IGE è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 43Entità Multimediali, di cui in selezione 1 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 801

Brano: [...]é la presenza di tutte le correnti politiche e riuscì a porsi come guida di tutte le formazioni presenti sull'Appennino in quelle due province, furono enormi e completamente nuovi. Il Comando non volle limitare la propria attività alla pura e semplice occupazione (o liberazione) militare, cosa che si sarebbe prestata a giudizi malevoli, quasi si trattasse di bande anarcoidi o di avventurieri. Contro l'opposizione di altre correnti politiche i dirigenti comunisti (Armando, Davide, Belelli, Benedetti, Ghini) riuscirono a far prevalere l'orientamento di costituire organi amministrativi democratici, decentrati e, soprattutto, direttamente eletti dal popolo.

Vent’anni più tardi il deputato democristiano Ermanno Gorrieri {Claudio), già comandante della formazione cattolica a Montefiorino, confermerà e sottolineerà l’importanza di questa scelta: « Non si trattò soltanto di una zona liberata, in quanto soggetta al l’occupazione delle forze partigiane, ma di un’anticipazione del ritorno a una vita democratica, attraverso le elezioni delle ammi[...]

[...]ovvedimenti presi dalla Giunta, si ricordano quelli che toccavano il campo degli approvvigionamenti e dell'alimentazione (denuncia e conferimento del bestiame, controllo della trebbiatura, distribuzione del grano, salvaguardia del patrimonio zootecnico con un effettivo controllo dei prelevamenti), la produzione (riapertura dei caseifici, messa in opera di trebbiatrici, reperimento di carburante per l'agricoltura), le imposte e i tributi (riesame IGE, revisione delle esenzioni tributarie, imposte di consumo), i prezzi (fissati attraverso numerose assemblee, furono adeguati alle possibilità economiche della zona e si lottò, con successo, per la eliminazione del « mercato nero»), i sussidi ai bisognosi, la funzionalità degli uffici e dei pubblici servizi.

L'attiva e sentita partecipazione alla vita pubblica, l'appartenenza della maggioranza dei giovani montanari alle Brigate garibaldine, la presenza dei partigiani in tutte le case e casolari e la conseguente diffusione di idee « nuove », ma soprattutto le rivendicazioni sociali e politic[...]

[...]zione del « mercato nero»), i sussidi ai bisognosi, la funzionalità degli uffici e dei pubblici servizi.

L'attiva e sentita partecipazione alla vita pubblica, l'appartenenza della maggioranza dei giovani montanari alle Brigate garibaldine, la presenza dei partigiani in tutte le case e casolari e la conseguente diffusione di idee « nuove », ma soprattutto le rivendicazioni sociali e politiche apertamente propugnate da alcuni dei partiti che dirigevano la lotta, contribuirono a mutare profondamente il modo di pensare delle popolazioni montanare.

Dal punto di vista militare, la creazione della « zona libera » ebbe un triplice effetto, così riassumibile:

1. Rese ai tedeschi alquanto precarie le possibilità di comunicazio

ne e di rifornimento lungo le tre principali arterie che collegavano le loro retrovie con la Linea Gotica (strade statali dei Giardini, delle Radici e Porrettana).

2. Permise, con la creazione del Comando unico, il collegamento fra tutte le formazioni esistenti in montagna e la determinazione di comuni obietti[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine IGE, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---Arturo Pellesi <---Domenico Antonio Roncaccioli <---Ermanno Gorrieri <---Giunta di Montefiorino <---Linea Gotica <---Modena Montagna <---Teofilo Fontana <---comunisti <---democristiano <---nazifascista <---reggiano