→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Harold Wilson è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 131Entità Multimediali, di cui in selezione 3 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 631

Brano: [...]a nuova possibilità di intervento ai laburisti. Dopo 13 anni passati all’opposizione, nelle elezioni di quell’anno e sbandierando un programma elettorale tipicamente socialdemocratico che prometteva la soluzione di tutti i problemi delle masse attraverso la « rivoluzione scientifica e tecnologica », i laburisti tornarono al governo, sia pure con una maggioranza esigua (4 seggi). Per affrontare la dissestata situazione economica il primo ministro Harold Wilson non seppe far di meglio che imporre alla popolazione misure restrittive, chiedendo nel contempo prestiti agli Stati Uniti per sostenere la sterlina, nuovamente minacciata di svalutazione. In cambio dell’aiuto fu accettato dai laburisti un ulteriore asservimento alla politica degli Stati Uniti, cosa che si espresse con il dichiarato sostegno britannico all’aggressione americana nel Vietnam. AH’interno della Gran Bretagna fu imposto —

Manifestazione in Trafalgar Square per il disarmo nucleare, a conclusione della « Marcia Orientale » di tre giorni sulla Capitale. Sono presenti delegazioni di[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 632

Brano: Gran Bretagna

Al termine della Conferenza annuale del Partito laburista, la presidenza canta l’inno tradizionale scozzese che si intitola: « Per amore dei vecchi tempi ». Da sinistra a destra: W. Padiey, Barbara Castle, Alice Bacon, Harold Wilson, H. R. Nicholas, lan Mikardo, G. Morgan, Ron Hayward, James Callaghan, Roy Jenkins, Judith Hart (Blackpool, 10.2.1970)

a totale beneficio degli industriali — il blocco dei salari (demagogicamente mascherato con lo slogan della cosiddetta « politica dei redditi », ossia dei salari « ancorati alla produttività ») e venne ridotta la spesa pubblica.

Negli anni Sessanta esplose sulla scena politica inglese il nuovo problema delle « relazioni razziali ». Quando, in Rhodesia, nel 1965 il primo ministro lan Smith, fautore della più rigorosa apartheid (v.) sul modello del Sudafrica, proclamò uni[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 156

Brano: [...]enti, compreso Nkomo. Nel 1964 gli inglesi affidarono il governo della colonia a Smith, ma questi, dopo essersi assicurato l’appoggio, oltre che di tutti i bianchi, di alcuni africani retribalizzati secondo i canoni della costituzione razzista, proclamò unilateralmente l’indipendenza della Rhodesia del Sud dalla Corona britannica (11.11.1965).

La secessione di Smith non venne accettata dal governo di Londra (ma il premier laburista britannico Harold Wilson dichiarò: « Non useremo le armi ») e per risolvere il problema intervenne l’O.N.U.. Questa decise di applicare nei confronti della Rodhesia del Sud sanzioni economiche, ma di fatto tale decisione rimase poi senza conseguenze: non solo il Sudafrica (che aveva un particolare interesse a sostenere i secessionisti), ma anche numerosi paesi occidentali continuarono a mantenere con il governo di Smith scambi economici, comprese le forniture di armi.

Nel dicembre 1966 il governo sudrodhesiano dichiarò di uscire dal Commonwealth britannico. La dittatura di Smith non aveva tuttavia molte prospettiv[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Harold Wilson, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---laburista <---laburisti <---nazionalista <---razzista <---razzisti <---A.P. <---Africari National <---Agraria <---Anthony Eden <---Barbara Castle <---Capeggiato da Edward <---Conferenza di Lancaster <---Diritto <---Front-Line <---James Callaghan <---Judith Hart <---La dittatura <---Logica <---Marcia Orientale <---N.S.D. <---Partito comunista <---Rhodesia del Sud <---Rodhesia del Sud <---Ron Hayward <---Stati di Zambia <---Storia <---Sud dalla Corona <---Z.A.N. <---Z.A.N.U. <---Z.A.P.U. <---Zimbawe Africari National Union <---antinazista <---belliciste <---bipartitismo <---capitalisti <---cominciano <---comunista <---fascista <---imperialista <---israeliana <---mariana <---nazismo <---nazista <---nazisti <---neocolonialismo <---neocolonialista <---opportunismo <---prussiano <---rodhesiano <---secessionisti <---socialista <---tecnologica