→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Domenico Caracciolo è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 1Entità Multimediali, di cui in selezione 1 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 313

Brano: [...], passò nel 1924 ad Antonio Ferrara di Scafati. Il 13. 12.1925 Antonio Gramsci presiedette a Salerno una riunione, a conclusione della quale l’incarico fu affidato a Nicola Fiore; ma con la promulgazione delle Leggi eccezionali quest’ultimo (arrestato insieme ad Aniello Avagnano, Attilio Piccinino, Antonio Ferrara, Alfonso Cavallaro e altri comunisti) fu inviato al confino di Lipari. La responsabilità provinciale del partito fu allora assunta da Domenico Caracciolo.

Espulso dalle ferrovie per motivi politici e arrestato nel l'apri le del 1927, Caracciolo sconterà 5 anni di carcere a Regina Coeli e poi a Civitavecchia. Liberato nel gennaio del 1933, dopo aver risieduto a Littoria e a Potenza per ragioni di lavoro, tornerà a Salerno e riprenderà la sua attività “sovversiva” finché, nel luglio del 1939, sarà inviato al confino per 5 anni.

Nell’agosto 1939 verrà nuovamente confinato anche Attilio Piccinino (considerato, con Caracciolo uno de « i soli due sovversivi della

provincia di Salerno che in caso di guerra dovevano essere inviati al confino [...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Domenico Caracciolo, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---Albano Laziale Elvezio Pennazza <---Alfonso Cavallaro <---Angelo De Maio <---Annibaie Foscari <---Antonio Ferrara di Scafati <---Antonio Gramsci <---Attilio Piccinino <---Carmine Monaco <---Castagneto di Cava <---Ferrante Gonzaga del Vodice <---Francesco Bassot Gaetano Pastore <---Giacomo Pastena <---Giuseppe Gioia <---Luciani a Salerno <---Mario Ga <---Montesano sulla Marcellara <---P.C. <---P.S.I. <---Regina Coeli <---amendoliani <---comunista <---comunisti <---fascista <---fascisti <---italiane <---italiani <---nazista <---nazisti <---socialista <---socialisti