→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Demografia è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 65Entità Multimediali, di cui in selezione 8 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 656

Brano: [...]lli, 1979; Dito, A., Fascisti e antifascisti a Reggio Calabria, Reggio Calabria, 1967; L'emigrazione calabrese dall'unità ad oggi, a cura di P. Borzomati, Roma, 1982; Esposito, E., Il movimento operaio in Calabria. L'egemonia borghese (18701892), Cosenza, 1977; Gambi, L., Calabria, Torino, 1965; Gaudosio, Calabria ribelle. Brigantaggio e sistemi repressivi nel Cosentino (18601870), Milano, 1986; Izzo, L., La popolazione calabrese nel secolo XIX. Demografia ed economia, Napoli, 1965; Id., Agricoltura e classi rurali in Calabria dall'unità al fascismo, Geneve, 1974; Masi, G., Per una storia della stampa socialista in Calabria. I primi giornali, Il Socialista di Cosenza e L'Operaio di Reggio Calabria, in “Historica”, 1972, n. 3, pp. 117133; Id., Il movimento cooperativo in Calabria dalla prima guerra mondiale al fascismo (19151922), in II movimento cooperativo nella storia d’Italia 18541975, a cura di F. Fabbri, Milano, 1979, pp. 543554; Id., Socialismo e socialisti di Calabria (18611914), SalernoCatanzaro, 1981; Id., Socialismo e amministrazione [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 176

Brano: [...]; L’Amministrazione fascista nel quadriennio 19231926, Firenze, 1927; Libertario Guerrini, La Toscana dal 25 luglio all’8 settembre 1943, in “La Resistenza in Toscana”, nn. 910, 1974; Alfredo Mazzoni, Alcune Officine fiorentine, in “La Resistenza in Toscana”, nn. 910, 1974; A. Cantagal

li, Cronache del fascismo fiorentino, Firenze, 1981; Comune di Firenze, Quattro anni di amministrazione podestarile 19281932, Firenze, 1932; Comune di Firenze, Demografia fiorentina 18621914, Firenze 1916; Carlo Francovich, La Resistenza a Firenze, Firenze 1978.

Rigamonti, Ferruccio

N. a Milano il 30.8.1902, ivi m. il 29.11.1979; rilegatore.

Responsabile della Federazione giovanile comunista milanese nel primo dopoguerra, poi attivo nell organizzazione comunista clandestina emiliana, nell’ottobre 1927 fu arrestato. Deferito al Tribunale speciale, il 20.2.1929 fu condannato a 13 anni di reclusione.

Alla lettura della sentenza gridò: “Viva il comuniSmo!” e si ebbe un supplemento di condanna ad altri 5 anni.

Riacquistò la libertà dopo 7 anni di rec[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 626

Brano: Appendice

Due coppie di gemelli utilizzati da Mengele nel lager di Auschwitz

veri, dalia quale non si sa bene quali dati essi ricavassero.

Esperimenti di demografia negativa

Non meno allucinanti “studi” furono condotti ad Auschwitz, sotto la direzione del dottor Viktor Brak (membro della segreteria personale di Hitler e già curatore del programma “eutanasia di Stato”), per attuare la cosiddetta “demografia negativa” dei nazisti, ossia per scoprire i più idonei metodi di sterilizzazione e castrazione in massa di popolazioni destinate, nel Nuovo Ordine Europeo (v.), a scomparire

dalla faccia della terra nel giro di qualche generazione.

A questo riguardo, il 28.3.1941 Brak propose a Himmler un progetto tecnico di impianto a raggi X che avrebbe permesso di irradiare gli organi genitali delle vittime (con una potenza da 500 a 600 roentgen per i maschi e da 300 a 350 roentgen per le donne) per un tempo di esposizione di 23 minuti, in modo da rendere i soggetti definitivamente sterili. Per una s[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 97

Brano: [...]r niente inferiori ai nazisti nell'uccidere, nel torturare, nell’incendiare i villaggi indifesi e nel compiere ogni sorta di violenze sulle inermi popolazioni.

La R.S.I. cercò di imitare il modello nazista anche neH'antisemitismo (v.). Esponente della persecuzione degli ebrei in Italia fu Giovanni Preziosi (v.), equivoca figura di visionario ossessivo, peraltro molto ascoltato da Hitler. Dal marzo del

1944 Preziosi diresse l’Ufficio per la demografia e la razza insediato a Desenzano. In precedenza, la legge razziale del 30.11.1943 aveva portato alla confisca dei beni nonché alla deportazione degli ebrei, opera che

il Preziosi condusse a compimento. Fu rimesso in attività il campo di Fossoli (v.) e, presso Trieste, funzionò la famigerata Risiera di San Sabba (v.). Alla fine della guerra, gli ebrei italiani uccisi, in patria o nei lager nazisti, erano oltre 7.700.

Intellettuali e clero nella R.S.I.

La Repubblica sociale italiana trovò tiepide accoglienze negli ambienti intellettuali. Scarsi furono i nomi di spicco del collaborazion[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 244

Brano: [...] oleografia didattica pubblica tanto cara al regime fascista trovò poi largo campo nel Decalogo della madre, nella istituzione della Giornata della Madre che aveva luogo tutti gli anni la vigilia di Natale, nella Unione fascista tra le famiglie numerose, negli innumerevoli bandi dei premi di nuzialità e natalità (sempre di entità modesta, e tale in ogni modo da non sovvenire come sarebbe stato necessario alle famiglie povere che incentivavano la demografia nazionale) concessi alle coppie prolifiche che venivano premiate addirittura dal duce. A quasi tutto: assistenza a genitrici e loro prole; a infanti, fanciulli, ragazzi menomati o male instradati, per l’invio in colonie (spesso soltanto fluviali alle porte delle città); cure e soccorsi economici, avrebbe dovuto provvedere l’O.N.M.L.

Relazioni ufficiali del tempo misero invece a nudo i motivi del troppo lento diffondersi di queste numerose finalità. In quello che venne pomposamente chiamato « il decennio fecondo » dell’Opera, cioè il periodo dal 1926 al 1935, i dati pubblicati complessivame[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol IV (N-Q), p. 212

Brano: [...]n negando l'importanza del sangue, ma accentuando quella primaria della libertà e dello spirito e differenziando nettamente i caratteri della dottrina fascista della razza da quella tedesca. La delegazione hitleriana che lo stava a sentire allibiva » [Nino Tripodi, « Italia fascista in piedi! », Ediz. del Borghese).

In conseguenza del successo triestino venne nominato rappresentante del Partito nazionale fascista nel Consiglio superiore della demografia e della razza presso il mini stero deirinterno. Dal marzo del 1940, avendo assunto il posto di segretario del Servizio studi dell’istituto di cultura fascista, lavorò con Camillo Pel li zzi, un fascista che aveva assorbito certi aspetti liberali deH’esperienza inglese.

Fu con frequenza presente ai convegni sulla razza, con l'animo di chi cavalcava di persona un cavallo difficile per rego

larne l’andatura e impedirne gli sbandamenti. Precisi documenti testimoniano questo atteggiamento, questa sua ferma azio^ ne « perché le sue affermazioni non re* stassero lettera morta, ma potessero ave[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 636

Brano: [...]ivelò fallace: dovettero infatti essere create una nuova imposta sul capitale delle società per azioni — il 19.10.1937 — e una tassa straordinaria che col

piva il capitale delle società non azionarie).

Il G.C. non mancò di esprimersi sull'incremento demografico del popolo italiano: il 3.3.1937, in 7 punti, comunicò le direttive che, tradotte in legge, avrebbero fatto sorgere VUfficio demografico, poi trasformato in Direzione generale della demografia e della razza. Il giorno 1 di quello stesso mese il G.C. si era espresso su\Vautarchia (v.), mentre il 9 decreterà l’obbligo dell’iscrizione al P.N.F. per tutti i dipendenti pubblici.

11 14.3.1938 il G.C. tenne una seduta su\VAnschluss (v. Austria) per confermare la linea di Mussolini che non voleva interferire negli « affari interni » dell’Austria. Di fronte all’invasione hitleriana — dichiarò il G.C. — il governo italiano aveva agito secondo una linea politica « ispirata a una realistica valutazione della situazione in rapporto agli interessi italiani ». Nei giorni 11 e

12 di quello s[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 95

Brano: [...] diverse centinaia di migliaia di lire (del tempo) e salirono fino ai 2 milioni. Tra i casi più clamorosi si ricorda quello di un ebreo (protetto dal sottosegretario all’interno BuffariniGuidi) arianizzato per « avere sua madre tradito la fedeltà coniugale, pare durante un veglione, con un ariano ». Le richieste di arianizzazione furono 74 al 9.2.1940: 148 al 28.10. 1941; 163 nell’ottobre 1942. Ebbe giurisdizione in materia lo speciale « Settore demografia e razza », istituito sotto il controllo di BuffariniGuidi. Gli accertamenti dei casi dubbi e controversi assommarono a 7.731 nel febbraio del 1941. Nell’ottobre 1942 risultarono autorizzati 241 cambiamenti di cognome.

Fin dal 28.10.1941, 5.966 ebrei avevano lasciato per sempre l’Italia. Gli ebrei stranieri presenti in Italia al momento dell'entrata in vigore delle leggi razziali erano circa 10 m;Ia. Tra gli ebrei italiani che presero la via dell’esìlio vi furono numerosi giovani scienziati, tra i qua

li Enrico Fermi e Bruno Pontecorvo;

il primo trovò rifugio negli Stati Uniti, l’altr[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Demografia, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---fascismo <---fascista <---fascisti <---italiana <---antifascismo <---italiane <---italiani <---socialisti <---Stato fascista <---Storia <---antisemitismo <---comunisti <---Bibliografia <---Buffarini-Guidi <---P.C.I. <---PCI <---Pratica <---antifascisti <---azionisti <---comunista <---fasciste <---hitleriana <---italiano <---nazisti <---razzismo <---razzista <---socialismo <---Alberto De Stefani <---Alla De Micheli <---Anno II <---Antonino Tringali Casanova <---Atti del Tribunale Militare <---Benedetto Croce <---Brigate nere <---Bruno Pontecorvo <---C.G. <---C.G.L. <---Camera dei Fasci <---Camillo Pel <---Cesare De Vecchi <---Comune di Firenze <---Decima M <---Decima M A S <---Didattica <---Diritto <---Don Giulio Facibeni <---Donati a Vittorio <---E.G.E.L.I. <---Edmondo Rossoni <---Emanuele III <---Emilio De Bono <---Emilio F <---Emilio F T <---Enrico Fermi <---F.G.C.I. <---F.I.O.M. <---F.U.C.I. <---Farmaceutico Militare <---Finanze Giampietro Pellegrini <---Formiggini a Carlo Rosselli <---Franco Colombo <---G.A.P. <---G.C. <---G.U.F. <---Galileo di Firenze <---Generale del Lavoro Meridionale <---Giovanni Preziosi <---Giulio Martinez <---Giuseppe Bottai <---I.L. <---Il G <---Il G C <---Il Gran Consiglio del Fascismo <---Il P <---Il P C <---Il P C I <---Il Socialista <---Il Socialista di Cosenza <---Il popolo <---Junio Valerio Borghese <---La R <---La R S <---La Repubblica <---La difesa <---La lotta <---La vita <---Luigi Della Torre <---M.A.S. <---Marco Ramperti <---Mario Falco <---Militare Internazionale di Norimberga <---Ministro degli Esteri <---Movimento Operaio <---Movimento operaio <---Nazione proletaria <---Nuovo Ordine <---Nuovo Ordine Europeo <---O.N.M.I. <---O.N.M.L <---O.N.M.L. <---P.C. <---P.N.F. <---P.O.U.M. <---P.S.I. <---Paolo Thaon de Revel <---Partito comunista <---Patto di Alleanza <---Ponte di Mezzo <---R.S.I. <---Regno di Albania <---Renato Ricci <---Resistenza a Firenze <---Resistenza in Toscana <---Rifredi-Sesto <---Risiera di San Sabba <---Roberto Farinacci <---Saint-Cyprien <---Salerno-Catanzaro <---San Sabba <---Sezione PCI <---Stati U <---Storia contemporanea <---Tommaso Sgovio <---Tullio Levi Civita <---Un anno dopo <---Vasco Degl <---Viktor Brak <---Vita di Don Giulio Facibeni <---Vittorio Emanuele <---Vittorio Eoa <---antifascista <---antifasciste <---antipartigiana <---antipartigiane <---ariano <---azionista <---collaborazionismo <---collaborazionista <---costantiniano <---crociani <---danubiano <---dell'Italia <---ebraismo <---egoismo <---giolittiana <---giolittiano <---giustificazionista <---guardiani <---idealismo <---ideologico <---internazionalisti <---madamismo <---massimalista <---massimalisti <---miliana <---mitismo <---nazifascisti <---nazionalismo <---nazionalsocialismo <---nazismo <---nazista <---pluralismo <---professionisti <---propagandisti <---razziste <---sindacalisti <---socialista <---staliniana <---staliniano <---stalinismo <---terzinternazionalisti <---testimoniano