→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Carlo Croce è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 8Entità Multimediali, di cui in selezione 6 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 295

Brano: [...]ione « Goito », per aver attivamente partecipato aH'intera campagna da Montelungo a Bologna, venne decorato di medaglia d’argento. Rilevante la loro partecipazione anche nei combattimenti sostenuti dalla Divisione « Friuli » contro i tedeschi in Corsica, tra il settembre e l’ottobre 1943; e in diversi scontri avvenuti nella penisola balcanica.

Tra le più belle figure di bersaglieri caduti nella Guerra di liberazione va ricordato il colonnello Carlo Croce fv.), alla cui memoria è stata conferita la medaglia d’oro al valor militare.

Bersani, Gaetano

N. a Medicina (Bologna) il 21.3. 1909, fucilato dai tedeschi a Imola il 12.4.1945; bracciante. Membro dell'organizzazione comunista clandestina, nel 1939 fu condannato dal Tribunale speciale a 4 anni di reclusione. Dopo l’8 settembre 1943 partecipò alla Resistenza, partigiano combattente nella V Brigata Garibaldi. Catturato dai tedeschi, fu fucilato a Imola pochi giorni prima della Liberazione.

Bertaccini, Edo

N. a Forlì il 12.1.1924, fucilato a Fossoli (Modena) il 12.7.1944. Non ancora [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol III (H-M), p. 812

Brano: Monte San Martino

10 partigiani del colonnello Croce, catturati dai tedeschi, poco prima della fucilazione (15.11.1943)

dei colonnello Carlo Croce, il Gruppo « Cinque Giornate ». La formazione, composta di circa 150 uomini, in massima parte ufficiali e soldati, aveva in programma di tenere saldamente e per il più a lungo possibile la propria posizione, operando nel contempo con squadre mobili (ma solo per eventuali azioni di disturbo) nelle valli circonvicine. L’idea base era quella di trasformare la vecchia fortezza in un caposaldo armato, procurando viveri e scorte che consentissero di opporre una valida difesa ad assedi, anche di lunga durata, da parte nemica.

Dopo breve tempo le operazioni condotte dai partigiani per rifornirsi d[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 347

Brano: [...]a montagna (ricca di strade rotabili, gallerie e fortificazioni allestite su di essa durante la Prima guerra mondiale in vista di un eventuale attacco dalla Svizzera) nei giorni 1315.11.1943 fu teatro di uno dei primi, importanti fatti d’arme della Guerra di liberazione.

Sul San Martino, nella caserma di Vallalta, il 19 settembre si era insediato un gruppo di ufficiali e soldati (Gruppo partigiano “Cinque giornate”) agli ordini del colonnello Carlo Croce (v.) che, fino ad allora, aveva comandato il presidio di Porto Valtravaglia. Il programma del colonnello non era privo di ambizioni, incoraggiate, oltre che dai suoi sentimenti patriottici, dalla discreta quantità di materiale bellico e di viveri di cui poteva disporre la nuova formazione.

Come scriverà Enrico Campodonico, uno dei superstiti del gruppo, il piano di Croce era di « costituire un nucleo nelle fortificazioni di San Martino, un presidio a San Martinovetta e delle bande mobili al di là della vallata stessa »: attrezzare, quindi, la fortezza di armi e viveri che assicurassero la [...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 305

Brano: [...]antifascisti (pur con qualche insuccesso e alcuni rischi) un’attività tutto sommato costante e sicura.

Un vero e proprio espatrio di massa tornò ad aversi nelle tragiche giornate del settembre 1943 e nei mesi successivi, quando la forza nazifascista era ancora intatta, ma l’intero periodo della Resistenza fu interessato da un fitto andirivieni, a seconda dell’evolversi delle vicende. Fu in Svizzera che si rifugiò coi suoi uomini il colonnello Carlo Croce dopo la battaglia di San Martino (v.). Fu in Svizzera che ripararono le formazioni di montagna braccate, gli ebrei e i perseguitati nel tentativo di sfuggire alle S.S.; fu qui che si annodarono le fila della politica, dei rapporti con gli Alleati e di molte azioni armate. Fu intorno al confine con la Svizzera che nacquero episodi stupendi e patetici, ma anche tradimenti e gravi cedimenti.

Si può dire che anche nella provincia di Varese la Resistenza si avviò con gli scioperi del marzo 1943 (v.). Le agitazioni iniziarono il 19 marzo alla Caproni e si estesero a decine di altri stabilimenti,[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 306

Brano: [...] Maria Girelli e Ugo Zanardi; ad Arcisate, Vittore Albini, Ermanno Broggini e Giuseppe Brambilla, a Origgio, Riccardo Lombardi, Angelo Airoldi e Paolo Ceri ani, a Busto Arsizio, Camillo Tosi, Roberto Cullin, Bruno Bel Ioni, Bruno Sterzi, Gastone Mossolin, Carietto Venegoni, Luciano Vignati, Macchi e Orrù.

Subito dopo 1*8 settembre un centinaio di soldati e ufficiali che volevano combattere contro i tedeschi si radunarono intorno al colonnello Carlo Croce (v.), nelle fortificazioni del monte S. Martino, uno dei baluardi difensivi predisposti durante la Prima guerra mondiale per parare un eventuale tentativo d’invasione attraverso le valli svizzere.

In quegli stessi giorni altri gruppi di armati operarono all'alpe Cuvignone, a Brenta di Valcuvia, ad Arcumeggia, a Cugliate, ma tutte queste iniziative si esaurirono in breve.

La battaglia del San Martino Diversa la situazione del gruppo del San Martino (v.), per le motivazioni assunte dal Croce e per il valore morale e simbolico che derivò dall’azione. Come sosterrà lo storico Luigi Ambrosol[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol VI (T-Z e appendice), p. 307

Brano: [...]
— 152a Briqata Garibaldi, comandante Flavio Tonetti, commissario Luioi Guenzani, zona di operazioni Cardano al Campo, 170 uomini;

— Battaqlione “Monte S. Martino”, comandante Bruno Ciceri, zona di operazioni Laveno e dintorni, 250 uomini;

— Briqata “Carletto Ferrari”, comandante Cesare Brusa, zona di operazioni Varese, 35 uomini.

Un ruolo importante svolsero le due formazioni di montagna:

— Gruppo “5 Giornate S. Martino”, comandante Carlo Croce, costituito nel settembre 1943, zona di operazioni monte San Martino e Valcuvia, uomini 178, caduti 39, dispersi 57;

— Banda Autonoma “Lazzarini”, comandante Giacinto Lazzarini, costituita nel dicembre 1943, scioltasi per rastrellamento il 7.10.1944, zona di operazioni Valcuvia, Valtravaglia, vai Marchirolo, uomini 50, caduti 16.

Nel resto della provincia, operarono le seguenti formazioni, alle dirette dipendenze del Comando della Piazza di Milano:

— Divisione “Alto Milanese” (Brigate “Giani”, “Costanzia”, “Rizzato”, “Lupi” e “Raimondi”);

— Raggruppamento Brigate Garibaldi “Valle [...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Carlo Croce, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---fascisti <---antifascisti <---fascismo <---fasciste <---nazifascisti <---C.L.N. <---San Martino <---fascista <---G.A.P. <---La formazione <---Partito comunista <---Porto Valtravaglia <---Storia <---antifascista <---comunista <---nazifascista <---socialista <---Alfredo Brusa Pasqué <---Angela Macchi <---Angelo Borsetta <---Angelo Leris <---Angelo Pozzi <---Angelo Zocchi <---Anna Sala <---Antonio Meazzo <---Antonio Torna <---Armando Giannone <---Battista Marzorati <---Bernieri Bruno <---Bibliografia <---Brenta di Valcuvia <---Brigate Garibaldi di Lombardia <---Brigate nere <---Bruno Bel Ioni <---Bruno Ciceri <---Bruno F <---Bruno F F <---Calzaturificio di Varese <---Carlo Antonio Mentasti <---Carlo Macchi <---Cesare Brusa <---Cesare Maria De Vecchi <---Comando Zona di Varese <---Congresso di Stato <---Consigli di Castello <---D.C. <---Eleonora Guicciardi <---Enrico Campoclonico <---Enrico Tosi <---Eugenio Maroni Biroldi <---Federico Noè <---Felice Crugnola <---Felice Macchi <---Flavio Tonetti <---Franco Rimoldi <---Giacinto De Grandi <---Gian Maria Girelli <---Gian Piero Sarti <---Giornate S <---Giuseppe Bardelli <---Goffredo Villi <---Guido T <---Il generale De Gaulle <---Induno Olona <---Isotta-Fraschinl <---Jole Zanardi <---La Riscossa <---La lotta <---La storia <---Leopoldo Zambeletti <---Linea Gotica <---Luciano Comolli <---Luigi Ambrosoli <---Luigi Molin <---Luisa C <---Maggio sul Monte <---Maria Rezzonico <---Marina di Massa <---Mario Pasta <---Meccanica <---Medicina <---Monte Grappa <---Monte San Pietro <---Montelungo a Bologna <---Nino Angelo Mere <---Noe Pajetta <---Olgiate Olona <---P.C. <---P.C.I. <---P.C.S. <---P.S. <---P.S.I. <---P.S.S. <---P.S.U. <---Paola De Boni <---Paolo Ceri <---Parma I <---Pas de Calais <---Piazza di Milano <---Piero Brandi <---Primo Maggio <---Primo Maggio sul Monte Avezzano <---Renato Lattami <---Renato Locarno <---Roberto Cul <---Ruggero Macchi <---S.A.P. <---S.S. <---San Marino <---San Martino Diversa <---San Pietro <---Santina Brusa <---Santina Brusa Pasqué <---Scienze <---Scienze economiche <---Severo Piatti <---Tribunale straordinario provinciale <---URSS <---Ugo Zanardi <---Ui S <---Ui S Marino <---V Brigata Garibaldi <---Vecchi a da Piero Brandi <---Vittore Albini <---Walter Marcobl <---antifascismo <---antifasciste <---attesista <---autista <---dell'Alto <---diano <---ideologico <---internazionalismo <---intralciano <---italiana <---italiane <---italiani <---italiano <---scista <---siano <---socialiste <---tabiani <---tagonisti