→ modalità contesto
modalità contenuto
INVENTARICATALOGHIMULTIMEDIALIANALITICITHESAURIMULTI
guida generale
NEW! CERCA

Modal. in atto: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)disattiva filtro S.M.O.G+

ALBERO INVENTARIALE


ANTEPRIMA MULTIMEDIALI

Il segmento testuale Bruno Becchi è stato estratto automaticamente da un complesso algoritmo di KosmosDOC di tipo "autogeno", ossia sulla sola analisi dei segmenti testuali tra loro.
Nell'intera base dati, stimato come nome o segmento proprio è riscontrabile in 6Entità Multimediali, di cui in selezione 5 (Corpus autorizzato per utente: Spider generico. Modalità in atto filtro S.M.O.G.: INTERO CORPUS (AUTORIZZATO)FILTRO S.M.O.G+ passivo). Di seguito saranno mostrati i brani trascritti: da ciascun brano è possibile accedere all'oggetto integrale corrispondente. (provare ricerca full-text - campo «cerca» oppure campo «trascrizione» in ricerca avanzata - per eventuali ulteriori Entità Multimediali)


da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 147

Brano: [...]i falangisti correvano per il mondo, riempiendo di orrore e sdegno gli antifascisti. In quell’atmosfera nasceranno opere come Fucilazione nelle Asturie (1936) e Fucilazione, Spagna (1939) di Aligi Sassu; Il combattente ferito di Madrid (1938) che lo spagnolo Xavier Bueno, dal '40 esule a Firenze, ha dedicato all’amico Nazario Cuarterio, « muerto en el frente de Madrid »; la serie di concitati disegni, tra espressionismo e visione metafisica, che Bruno Becchi (19141944) eseguì durante gli anni della guerra civile spagnola, e il noto Bozzetto per una fucilazione in campagna che Renato Guttuso, forse pensando a « La fucilazione del 3 maggio » di Goya, dipinse nel 1937 in memoria di Garcia Lorca (fucilato nel 1936 nei pressi di Viznar), come appunto stava ad attestare la dedica al poeta spagnolo scritta nel retro del quadro. Sono, queste, opere in cui cominciano ad apparire i soggetti che si ritroveranno in molte altre nate nel periodo della lotta partigiana: scene di violenza omicida; popolani combattenti per la libertà; vittime della furia fascista[...]

[...]le appunto riassumerà nel 1946 il valore del movimento dicendo: « Si trattò, secondo una necessaria prudenza "clandestina ”, di affermare la libertà dell'artista contro la pseudoeticità delle dottrine reazionarie, lo svincolamento dei valori pittorici da certi postulati tendenti a isolare il fatto estetico dalla vita. Fu quella di " Corrente ” un’azione che voleva ridare la completa responsabilità dell’uomo all’artista, e rilegittimare il suo

Bruno Becchi: Firenze come Madrid. 1939

linguaggio al di sopra delle malintese tradizioni. Venne perciò rimesso in discussione l’intero problema della pittura. Il Novecento, con l’accomodamento raggiunto tra realtà e metafisica, serviva agli stessi interessi del fascismo, volto a disgregare l’unità inscindibile tra realtà e dialettica delle forme. Ma allora, il movimento di "Corrente” non potè — pena la soppressione

o il carcere per i suoi esponenti — interamente svilupparsi: ebbe uno sviluppo limitato... In ciò, esso fu, entro quei limiti imposti, conseguente allo sviluppo della lotta politica in I[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 149

Brano: [...]bia un ruo

lo non secondario nell’opposizione al fascismo e al nazismo, tuttavia dopo tale data essa risentirà maggiormente della situazione, arricchendosi di nuove opere e di nuovi motivi. Intanto numerosi artisti parteciperanno direttamente alla Resistenza, taluni col sacrificio della propria vita, come il pittore Ciri Agostoni, morto a 22 anni mentre preparava un’azione partigiana nel

lo studio del pittore albanese Ibrahim Kodra; o come Bruno Becchi, caduto l’11.9.1944 nel corso di una azione partigiana. Oltre ai già citati Kodra, Sassu e Guttuso, parteciperanno attivamente alla Resistenza gli udinesi Afro Basaldella e Armando Pizzinato, i fiorentini Vinicio Berti e Renzo Grazzini, i milanesi Ennio Morlotti ed Ernesto Treccani, il veneziano Emilio Vedova; mentre Corrado Cagli, sorpreso a Parigi dallo scoppio della guerra e costretto ad emigrare negli Stati Uniti per sfuggire alle persecuzioni antisemitiche, prenderà parte alla Guerra di liberazione combattendo in Belgio ed in Germania, come artigliere nella

I Armata statunitense.

I[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol I (A-C), p. 152

Brano: [...]. Natili, A. Ciarrocchi, A. De Mata e G. Turcato; artisti che, come scrisse nella presentazione Velio Spano, « mentre condannavano la bestia fascista sulla tela e sul marmo, combattevano il fascismo nell’azione illegale, fra i G.A.P. e i partigiani »).

Del 1944 sono anche la serie di monotipi intitolata La guerra e l’olio Paesaggio della guerra partigiana, di Cario Levi. Lavorarono allo stesso tema Renzo Grazzini (che si vide cadere al fianco Bruno Becchi), eseguendo i disegni Combattimento e Partigiani (1944) e Inverno 4445 (1945); Pippo Pozzi, che lasciò molti disegni di profughi, di contadini fucilati e di partigiani vittoriosi; e infine Luigi Spacai, che rappresentò in molte tele le crudeltà della repressione nazifascista.

Emilio Vedova, attivo nella lotta partigiana e ferito durante un rastrellamento, sin dal 1937 aveva cominciato a dichiarare il proprio antifascismo in disegni a carboncino (Fucilazione, Scene di paura) e ad inchiostro (Massacro, serie dell’aggressione 193738). Nel 194445 eseguì grandi disegni a pastello, carbone, inch[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol II (D-G), p. 707

Brano: [...]itto aprirono gli occhi a molti giovani che seppero trovarsi, nella lotta di liberazione, a fianco della classe operaia apertamente schierata contro il fascismo. Numerosi furono, tra gli universitari, coloro che diedero la vita nelle file della Resistenza. Basti ricordare, oltre a Giaime Pintor e a Teresio Olivelli, Galdo Gaiderisi, Ildebrando Bocchi, Teo Ducci, Manfredi Azzar ita, Aladino Govoni, Guido Carboni, Ivo CarniIIoni, Giuliano Treves e Bruno Becchi.

Bibliografia: Ruggero Zangrandi, Il lungo viaggio, Milano, 1962; Alberto Caracciolo, Teresio Olivèlli, Brescia, 1947.

Guglielmi, Gino

N. a Modena nel 1915; professore universitario. Capitano dell’esercito, T8.9.1943 prestava servizio nella Divisione « Cuneo » (v.) dislocata nell’isola greca di Samo.

Catturato dai tedeschi e internato in Germania, riuscì a riguadagnare la libertà portandosi a Gibilterra dopo una drammatica fuga attraverso l’Europa occupata. Raggiunta infine l’Italia, si arruolò nel Corpo italiano di liberazione (v.), partecipando a tutte le operazioni del Battagli[...]



da Enciclopedia dell'antifascismo e della Resistenza. Vol V (R-S), p. 330

Brano: [...]o SS e « protettore del patrimonio artistico italiano ». Immediatamente Siviero riuscì a stabilire due specifici servizi di controllo: uno sugli ordini che passavano dal S.I.D. e dal Kunstschutz; l’altro, sui depositi ove erano state decentrate le opere d’arte. Per la pratica utilizzazione di queste preziose informazioni, Siviero organizzò un gruppo di partigiani, in gran parte costituito da cultori dell’arte e da giovani artisti fiorentini come Bruno Becchi e Rino Cioni (entrambi cadranno nella battaglia per Firenze), avente il compito specifico di sventare i piani nazisti.

A qualificare l'importanza e la validità dell'operato di questo gruppo già basterebbe ricordare, fra i tanti, il salvataggio delle vetrate del Duomo di Arezzo, un’operazione che richiese non solo coraggio, ma anche grande professionalità; o quel

lo della collezione personale di De Chirico, poi murata in un box delle Scuderie di Palazzo Pitti, operazione compiuta bruciando sul tempo l’intervento nazista; o, ancora, il salvataggio della meravigliosa “Annunciazione” del Be[...]


Grazie ad un complesso algoritmo ideato in anni di riflessione epistemologica, scientifica e tecnica, dal termine Bruno Becchi, nel sottoinsieme prescelto del corpus autorizzato è possible visualizzare il seguente gramma di relazioni strutturali (ma in ciroscrivibili corpora storicamente determinati: non ce ne voglia l'autore dell'edizione critica del CLG di Saussure se azzardiamo per lo strumento un orizzonte ad uso semantico verso uno storicismo μετ´ἐπιστήμης...). I termini sono ordinati secondo somma della distanza con il termine prescelto e secondo peculiarità del termine, diagnosticando una basilare mappa delle associazioni di idee (associazione di ciò che l'algoritmo isola come segmenti - fissi se frequenti - di sintagmi stimabili come nomi) di una data cultura (in questa sede intesa riduttivamente come corpus di testi storicamente determinabili); nei prossimi mesi saranno sviluppati strumenti di comparazione booleana di insiemi di corpora circoscrivibili; applicazioni sul complessivo linguaggio storico naturale saranno altresì possibili.
<---fascismo <---fascista <---fascisti <---italiani <---nazismo <---espressionismo <---fasciste <---italiana <---italiane <---italiano <---nazifascista <---Agenore Fabbri <---Aladino Go <---Alberto Caracciolo <---Badodi a Cassinari <---Battaglione San Marco <---Beato Angelico <---Bibliografia <---Cario Levi <---Carlo Andrea Corsini <---Cima Marta <---Cimitero di Torino <---Corsini di Firenze <---De Mata <---Dialettica <---Duomo di Arezzo <---Economia politica <---Etica <---Fosse Ardeatine <---G.A.P. <---G.U.F. <---GAP <---Galdo Gai <---Germania in Roma <---Giaime Pin <---Gibba Gaetana <---Golfo di Guinea <---Guttuso a Migneco <---Ibrahim Kodra <---Ildebrando Bocchi <---In particolare <---La difesa <---La guerra <---Luigi Spacai <---Ma allora <---Metafisica <---Monaco di Baviera <---Montecarlo di San Casciano <---Monumento a Mauthausen <---Morlotti a Sassu <---Partigiani a Venezia <---Partito comunista <---Passio Chri <---Pratica <---Premio Bergamo <---Premio Cremona <---Questa tendenza <---Raffaele De Grada <---Regime Fascista <---Reichsfuehrer SS <---Renato Bi <---Retorica <---Rino Cioni <---Ruggero Zangrandi <---S.I.D. <---S.I.M. <---S.S. <---San Gibbon <---San Marco <---Scuderie di Palazzo Pitti <---Sistematica <---Storia <---Tedesco di Storia <---Tono Zancanaro <---Treccani a Valenti <---Tutti i popoli vogliono la pace <---U.S.A. <---Xavier Bueno <---antifascismo <---antifascista <---antifasciste <---antifascisti <---antinovecentisti <---bellicismo <---capitalismo <---classicismo <---cominciano <---comunista <---d'Assia <---ensoriane <---espressioniste <---falangisti <---formalismo <---ideologico <---militarismo <---nazista <---nazisti <---nell'Ambasciata <---nell'Italia <---nell'Olanda <---prussiano <---radiotelegrafista <---realismo <---socialista <---veneziano